giovedì 14 maggio 2015

Pane furbissimo e veloce, senza impasto


Ci hanno provato in tanti.
Per un sacco di tempo.
E giuro, per un po' ci sono pure riusciti.
A farmi sentire un po' in colpa.
Ma come, usi il lievito di birra e non quello naturale?
Sguardo di disapprovazione, ed un tentativo lo faccio.
Buonissimo, ma perdonatemi tutti voi che l'adorate.
E' una rottura.
Odio rinfrescarlo, tenerlo in vita, forzarmi ad utilizzare l'eccedenza.
Pratico una penosa eutanasia, ed amen.
Torno all'amato lievito di birra.
E ci risiamo.
Ne devi usare quantità rilevabili solo al microscopio elettronico. 
O il pane ti viene pesante e non digeribile.
O ti puzza di lievito.
Sarà.
Sarà che allora abbiamo stomaci che digeriscono pure le pietre, rodati da molti anni di vita in Paesi dove ci siamo fatti anticorpi con i cosiddetti.
Sarà che ho mangiato pane venduto in strada per terra, carne tenuta fuori dal frigo, uova di chissà cosa e dove.
What doesn't kill you, makes you stronger.
Quello che non ti uccide, ti fortifica.
Sarà che il pane non mi viene affatto pesante, in barba a tutti i gufi.
E sarà anche che l'odore di lievito mi piace da impazzire.
Sarà che mi ricordo di fare il pane solo quando mi finisce e, ahimè, vivo in un posto dove anche andarlo a comprarlo non è così semplice come da altre parti.
E non pianifico mai nottate di lievitazione.
Quindi questo è il pane che faccio più spesso.
Piace a tutti.
Soprattutto a me.
Orgogliosa detentrice di stomaco da competizione ;)


Questo pane nasce da un...imbastardimento di una ricetta vista da Cindystar e ricorda molto anche il famosissimo pane senza impasto di Jim Lahey (il cui libro è stato trattato dallo Starbooks con successo).
A prova di cuoca inesperta, di cuoca svogliata, di cuoca che non ha tempo.
Provate, e non crederete ai vostri occhi ;)



 PANE FURBISSIMO E VELOCE SENZA IMPASTO
per 16 pezzi piccoli, o 8 panini normali

500 g di farina
375 ml di acqua
2 cucchiaini rasi di lievito di birra disidratato oppure mezzo cubetto di quello fresco
un cucchiaino di miele (zucchero per i vegani)
2 cucchiaini di sale


Versare in una ciotola farina, lievito, miele, sale.
Aggiungere l'acqua mescolando con una forchetta finchè il tutto è amalgamato più o meno come in foto. Non impastare!

 Coprire la ciotola con pellicola trasparente e far lievitare fino al raddoppio, circa un'ora e mezzo/due a seconda della temperatura.

 Oar lavorando velocemente ed aiutandosi con una spatola staccare l'impasto dalla ciotola facendo attenzione a non sgonfiarlo troppo e rovesciarlo su un pezzo di carta forno ben spolverato con farina.
Dividere quindi l'impasto tagliandolo con un  coltello in 8 o 16 pezzi.


Prendere con delicatezza ogni pezzo tagliato ed adagiarlo su una teglia coperta con carta forno, senza impastarlo ma arrotolandolo leggermente su se stesso.
Cuocere subito in forno preriscaldato a 230 gradi per un tempo variabile dai 25 ai 35 minuti, a seconda dei forni.
I panini dovranno risultare ben coloriti.
Far raffreddare e servire.

NOTE

- l'impasto si presta anche all'aggiunta di semini vari all'interno o sulla superficie:sbizzarritevi.

- i panini cotti si possono congelare, farli poi scongelare a temperatura ambiente.

56 commenti:

  1. Io uso entrambi...lievito naturale e quello di birra...non sempre si ha tempo...Il libro del pane senza impasto è uno dei miei preferiti :D Quindi....anche questi paninetti son da provare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei brava Luciana...non cialtrona come me :D

      Elimina
    2. O______O che dici io seguo te !!!

      Elimina
    3. Se tu seguissi me non saresti così brava ;)

      Elimina
  2. Che idea meravigliosa mi hai dato cara Stefania! Anche io ho accoppato il lievito madre dopo due anni di rinfreschi e stati comatosi per dimenticanza: non fa per me! Questa tua ricetta mi sarà utilissima e te ne darò conto presto!
    Bacione, buona giornatra

    RispondiElimina
  3. Ciao Stefania!
    Non so dalle tue parti, ma qui siamo già intorno ai 30°C..... e siamo solo a maggio ¬_¬
    Devo provare anche il tuo pane, sarebbe il terzo tipo di pane che provo a fare (ho già provato il pane della mezz'ora delle Sorelle Simili e i panini al latte).
    In quanto allo stomaco forte, beh..... fiera anche io di digerire anche le pietre, ma francamente mi chiedo loro cosa abbiano mangiato fin'ora......
    Baci,
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui siamo già oltre i 40 gradi :D

      Elimina
    2. Sai io non avevo problemi e spazzolo tendenzialmente di tutto, ma da due o tre anni trovo il pane in commercio nella mia città assolutamente immangiabile. E ho il sospetto che le dosi di lievito folli venute dall'industra e dai ricettari USA così alla moda (che consentono di risparmiare tempo e pure farina e in alcuni casi, manipolazioni vagamente tecniche) c'entrino qualcosa. Non solo, ma il pane ha un sapore davvero cattivo: gessoso, allappante, senza consistenza. Ricordo le pagnotte di un tempo: pasta compatta, alveolata, consistente senz'essere dura, un po' grigiastra. O le ciriole, più fini. Possono non piacere, ma non sono cattive in sé. Ormai quando sono in Italia il pane non lo mangio più, a meno di non trovare al mercato delle pagnotte che vengono da piccoli paesini dove sopravvivono forni diversi. E' un altro mondo. E pazienza se non sono tutte uguali, mica sto facendo un eservcizio di simmetria.

      Elimina
  4. Mi associo all'avvenuta eutanasia del lievito madre (la mia ha avuto luogo tre giorni fa)...
    Ti chiedo (essendo fortunato possessore di impastatrice) se l'impasto (con le dosi che hai dato) è assolutamente vietato.
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vietatissimo, anche perchè così idratato è anche difficile lavorarlo ;)

      Elimina
    2. E poi perchè vuoi sporcare l'impastatrice...ce l'ho anche io, ma qui davvero è inutile ;)

      Elimina
  5. Io non ho mai usato il lievito naturale , mi piacerebbe provare ...ma poi mi sembra troppo complicato e impegnativo e così opto sempre per il magico cubetto.
    Il pane mi viene sempre bene anch'io uso questa ricetta l avevo trovata su Cookaround mi pare con una.piccola differenza sciolgo il miele insieme al lievito ( mezzo cubetto) in acqua tiepida ....
    Tutti lo adoriamo veloce e buono

    RispondiElimina
  6. Brava, finalmente un pane facile!!! Anch'io mi sono scontrata con il lievito madre. Nell'inverno scorso ho coltivato lievito madre sui termosifoni per tutta la stagione, ma il pane non riusciva mai ben lievitato. Si riusciva a mangiare per i primi due giorni, poi diventava di pietra. Forse perchè ho usato la macchina del pane? Qualcuno mi può spiegare il mistero? Comunque ora proverò il tuo pane e se sarò un solo un pochino brava come te, avrò risolto il problema del pane fresco tutti i giorni, cosa che mio marito apprezza molto. Grazie e un grande abbraccio

    RispondiElimina
  7. Bella idea d'accordo con te nelle mie corde il rinfresco...non ci stà chiedo scusa a quelle che lo fanno. Ottimo questo pane facile anche per me da fare.
    Hai ragione nella mia vita di quello ingurgitato prima (periodo dopoguerra) non mi ha ucciso ma fortificandomi e abituandomi forse anche alle alterazioni...sono ancora più viva ahahahaha.
    Buona fine settimana cara un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Grazie, grazie, grazie perché mi sento compresa da questo tuo post! :)
    Il lievito madre si suicida appena mi vede, figurati! :D

    RispondiElimina
  9. Cara Stefania, quale farina usare? 0 o 00?
    Grazie mille e un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uso la 00 perchè è l'unica che trovo dove vivo :)

      Elimina
    2. Posso usare anche quella integrale?? Proverò a farli

      Elimina
    3. Tutta integrale magari no, direi metà e metà ma non ho mai provato.

      Elimina
  10. Carissima mi associo a tuttoooooo, io non ho voglia, tempo, costanza, non ce la posso fare e così non ho nemmeno mai provato a fare alcun pane divorata dai sensi di colpa del sottoporre all'Uomo di Casa qualcosa che per natura non andrebbe mai prodotto! E invece eccoti qui a risolvere il problema. Proverò con la coscienza leggera leggera come una nuvola. Grazie!

    RispondiElimina
  11. devo dire che è una gran bella idea e poi che risultato

    RispondiElimina
  12. Io non ho mai ceduto alla pasta madre, ma utilizzo un lievito madre in polvere (completamente naturale, senza aggiunta di starter chimici) che mi risolve i problemi dei rinfreschi ^_^ Te ne spedisco un po'? :D
    E comunque. Questo lo devo provare. Non mangio pane, ma di fronte a quelle pieghe da cottura giuro che non so resistere. Potrei acciambellarmi su ciascun panino di questa foto!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pasta madre non fa per me, troppo lavoro. E' dai fornai che vorrei trovare del pane fatto in quel modo, ma ormai nelle grandi città è impossibile, purtroppo. Ci sono dei punti di cottura che lavorano impasti spesso surgelati, provenienti da chissà dove, e poi riforniscono tutti, ma dico tutti i fornai (meglio non parlare dei supermercati): non ci si salva più. Personalmente ho smesso di mangiare il pane, ma alle volte mi piacerebbe poterne intingere un po' in un sughetto, purché fatto come si deve... se no, meglio evitare del tutto!
      Questo tuo lievito però potrebbe interessarmi. Saresti così gentile da dirci qualcosa di più?

      Elimina
  13. Anch'io non cedo al lievito naturale!!! Ma sono un po fissata con il poco lievito..;-) e giusto lunedì ho fatto una focaccia senza impasto che è venuta strepitosa!!!! E quando faccio i panini li spezzo solo come hai fatto tu così vengono più rustici!!!

    RispondiElimina
  14. Il lievito madre non fa per me, non voglio sentirmi obbligata a impastare quando non ne ho voglia e poi con il lievito di birra mi trovo benissimo, Proverò a fare questi panini.

    RispondiElimina
  15. Il lievito madre non fa per me, non voglio sentirmi obbligata a impastare quando non ne ho voglia e poi con il lievito di birra mi trovo benissimo, Proverò a fare questi panini.

    RispondiElimina
  16. Anche io ho abbandonato, dopo kg e kg di farina usati per i vari rinfreschi il lievito madre... molto più pratico il mitico LDB!! Farò questo tuo pane per sabato sera, così anche i miei amici apprezzeranno!!! Sei grandissima, come sempre! :-)

    RispondiElimina
  17. Ben fatta! Con la pasta madre ci ho provato due volte, una con impegno e l'altra già con le scatole girate, quindi vai di lievito di birra (pure essiccato) e con quattro minuti di impasto al Bimby me la cavo... ovviamente il pane è squisito! Tiè!
    E comunque i tuoi panini sono favolosi....
    Bacio :)

    RispondiElimina
  18. anche io lo "uccido" per pigrizia almeno due volte l'anno...alla fine quello di birra mi è più fedele. però ne uso molto poco...io ho uno stomachino debole! però li provo al più presto!

    RispondiElimina
  19. Anch'io uso questo impasto ormai da diversi anni, lo trovo comodissimo. E vi dirò di più, io lo metto in frigo (in un contenitore di vetro, tipo Frigoverre) e lo tengo per giorni e giorni e ogni sera mi porziono due panini o qualche grissino e lo cuocio al volo prima di cena. E più rimane lì, più è buono!

    RispondiElimina
  20. "L'allevamento" della pasta madre è un vero e proprio lavoro, meglio il lievito di birra che ha meno pretese.
    Il pan-furbino lo adotto: gli uomini sì he hanno delle pretese, specialmente quelli minorenni ed i mariti ;-D
    Grande Ste
    Beses

    RispondiElimina
  21. Ecco io ti capisco. Ho provato ad amare il LM, giuro. La prima volta la nostra love story è durata 15 giorni. Intensi si. Odio. Amore. Odio. Amore. Poi è finito nel cantiere dietro casa. Quest'anno ho voluto cimentarmi nell'impresa della colomba. TRE, dico TRE giorni di impasti e lievitazioni (il LM mi è stato spacciato da un'assidua frequentatrice che ha deciso di farmi ri-provare l'ebrezza). Tutto è filato liscio come l'olio, tant'è che il pezzo avanzato l'ho coccolato per quasi un mese. Poi di nuovo la rottura. Non è il mio tipo. Anch'io vado matta per le furbate e per lieviti di birra (freschi o secchi). E adoro il tuo pane...de resto sono una tua fan...non poteva essere altrimenti! :-) Già copiato...

    RispondiElimina
  22. Beh, che dire. D'aspetto si presenta bene. Io pure il lievito madre l'ho tenuto per due anni e poi l'ho lasciato andare e ora sto cercando da diversi mesi di rinforzarne uno nuovo, ma che ha ben poche speranze con me visto che, tra poco tempo e ancor meno volontà, non lo rinfresco spesso come dovrei. Quindi, viva il lievito di birra che ti toglie dagli impicci. Buona domenica!

    RispondiElimina
  23. Anche io sono rimasta ammaliata dal pane senza impasto ed ho provato la stessa ricetta di Cindystar. :) questa versione accelerata é davvero a prova di pigri!!! Concordo sull'uso del lievito madre...é piû forte di me...non mi dura!!

    RispondiElimina
  24. Ciao Stefy, quindi anche ad avere il tempo la seconda lievitazione non serve?! :D graziegrazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, questa è una ricetta cialtrona per chi tempo non ne ha ;)

      Elimina
  25. Io sono emotivamente legata al pane senza impasto di Jim Lahey, senza quella ricetta probabilmente non avrei mai imparato a fare il pane decente. Ora, a distanza di qualche anno, uso solo il lievito madre, e per me è diventato una specie di droga. Non sono contraria al uso del lievito di birra, ma penso semplicemente che nella produzione del pane industriale sia usato in maniera scorretta e con altri mille additivi, in modo che lieviti velocemente, si presenti bello, ma non resiste dalla mattina alla sera, quanto è cattivo. Usato in casa, in proporzioni giuste, con lievitazione giusta, si possono sempre ottenere dei ottimi risultati. Comunque, siccome ho già provato con successo a convertire la ricetta per il pane senza impasto anche al lievito madre, lo proverò in forma dei panini la prossima volta. Mi piacciono un sacco. Brava

    RispondiElimina
  26. In effetti adesso va tanto di moda il lievito naturale, e se dici che usi lievito di birra ti guardano tutti come se avessi il diavolo in casa :-)
    Io sono molto democratica, uso quello che mi fa più comodo al momento. Sinceramente ora come ora il pane con il ldb mi viene molto meglio di quello con il lievito naturale. Io ne ho fatti (volutamente) morire tre, ora ho un licoli che è ancora vivo dopo un mese...ed è quasi un miracolo :-)
    Secondo te la ricetta così com'è si presta al cambio di farina? magari integrale o è troppo pesante?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si, molte persone che stanno provando la ricetta mi dicono che hanno fatto mix con ogni tipo di farina :D magari tutta integrale non so, direi di tagliarla con poco 00...ciao!

      Elimina
  27. Insomma per il lievito madre ci siamo passate un po' tutte...il lievito secco lo preferisco per la possibilità di averne sempre a disposizione e quindi per la maggiore conservabiltà rispetto a quello fresco. Evviva la cialtroneria! :)

    RispondiElimina
  28. Ciao! Complimenti per il blog e le fantastiche ricette furbe :)
    ...ma solo io surgelo i panetti di lievito di birra fresco per poi scongelarli quando serve?Il lievito madre..non ci provo nemmeno lo ucciderei subito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che ho provato una volta e poi il ilevito non ha più funzionato??? Forse era un panetto già morto :(

      Elimina
  29. .... buon pane. ti consiglio pero' di sperimentare anche con il pain a l'ancien di peter reinhart... e' un pane simile quanto a facilita' d'approccio, uso un minimo di impasto con stretch and fold, durante la prima mezz'ora, e poi lo conservi in frigo (usando per impastare farina fredda e aqua ghiacciata)... penso che abbia un sapore migliore rispetto a quello di JL. stefano

    RispondiElimina
  30. Sarà per il coraggio di aver ammesso che il lievito madre è una rottura...(rido) e la simpatia con cui hai descritto i pro e i contro, ti stimo !! Seguirò questa ricetta appena possibile! Buona giornata!

    RispondiElimina
  31. Sono colpevole di lieviticidio giusto da ho paio di giorni! Sperimento a stretto giro. Grazie!

    RispondiElimina
  32. Devo assolutamente provarlo!!! Grazie!!!

    RispondiElimina
  33. Ti ho "scoperta" soltanto ieri e già mi piaci!!! Ho eseguito la ricetta ieri sera (non avevo il pane in casa) ed è stata un successone :-))).
    Ho aggiunto il tuo blog nei miei preferiti e sarai sicuramente di ispirazione per tante altre ricette.
    Grazie Araba Felice!!!

    RispondiElimina
  34. Dopo il gelato furbissimo,ora i panini sono in forno... Si sente il profumo.......
    Ti diro il risultato.... Grazie ancora..
    Anche io ti ho scoperta da pochi giorni.e gia sei la the best...

    RispondiElimina
  35. Ciao Araba Felice
    Puoi dirmi a quanti grammi corrispondono (grosso modo) i 2 cucchiani rasi di lievito secco? Su internet trovo

    1 cucchiaino raso di lievito in polvere = 4 grammi

    Quindi 2 corrisponderebbero a 8 grammi. E' cosi'?
    Grazie in anticipo
    Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul libro la dose è data in cucchiaini quindi non mi sono mai preoccupata di pesarli :) ed ormai vado ad occhio! Spero di ricordarmi di pesare la prox volta :)

      Elimina
  36. Buon giorno,ho provato anch'io questo tipo di pane ed e' risultato ottimo e di qualita' e' anche piaciuto a mia moglie,complimenti per la ricetta.

    RispondiElimina
  37. Dimenticavo ho usato il classico lievito in cubetti 1/2.

    RispondiElimina