lunedì 21 agosto 2017

Cetrioli in agrodolce



Non so voi, ma tutta la vita mi ci è voluta.
Tutte le ho provate.
Crudi, cotti, affettati, mischiati ad altro.
Niente, a me i cetrioli non piacciono.
Giusto quelli sottaceto se camuffati in mezzo ad altro.
Bene, fino alla rivelazione.
Che poi mica viene da un libro sulle verdure come uno si immaginerebbe, bensì da uno che ha come argomento principale il pollo!
Sono il contorno ad una pietanza provata dallo stesso, appunto, e fatti solo perchè rapidi e senza cottura o sbattimento alcuni.
Ebbene, sono conquistata
Mi rimangio anni di insulti a tutti i cetrioli della Terra.
Non avete idea.
E per avercela, fate un'atto di fede e provate!
Per cortesia: non omettete l'aneto. Fa veramente la differenza.



QUICK-PICKLED CUCUMBER
da A Bird in the Hand di Diana Henry
per 4 persone

un grosso cetriolo
3/4 di cucchiaino di fiocchi di sale o sale normale
2 cucchiai di aceto di riso
3 cucchiai rasi di zucchero semolato tipo Zefiro
2 cucchiai di aneto tritato

Tagliare le due estremità del cetriolo e affettarlo finemente, ho usato una mandolina. Mettere le fette in un colino e salarle, quindi mettere sopra un piatto e lasciare scolare per due ore.
Risciacquare le fette ed asciugarle accuratamente, quindi metterle in un piatto.
Mescolare gli altri ingredienti per la marinata e versarla sopra le fette di cetriolo.
Tenere in frigo, coperto, fino al momento di servire.

NOTE

- lasciar riposare nella marinata qualche ora prima di servire. Addirittura più buono il giorno dopo.