giovedì 17 ottobre 2013

Salsa di mele, o applesauce



Va bene tutto.
Beh, quasi tutto.
Vivere in un Paese dove le libertà personali sono tante limitate ha due potenziali effetti.
O diventi come loro.
O diventi il perfetto opposto.
Non che nemmeno il secondo caso sia esente da difetti, chiaro.
Ma fa di me una persona tollerante a gusti, presunti vizi, preferenze altrui come pochi altri.
Si, me lo dico da sola.
D'altronde non sono tutte caratteristiche che ci rendono interessanti, perchè tutti diversi?
Il vizio delle americanate è mio di sicuro.
E qualcuno me lo fa notare spesso,
Anche da poco.
Sempre questa roba straniera, cucini.
Queste porcherie.
Vera la prima parte: sono di certo più le pietanze americane o inglesi che quelle nostrane, a voler fare i conti in tasca a questo blog.
Sulla seconda, ho le mie rimostranze.
La cucina altrui non è una porcheria solo perchè certe preparazioni, o certi ingredienti, non rientrano in quelli che mangiamo da tutta la vita.
Il cheesecake, quello vero, tanto per fare un esempio, si fa con quel famoso formaggio cremoso che fa inorridire tanti.
Inutile volerlo convertire a nostrane ricotte, a meno di non voler fare una torta diversa.
D'altronde inorridiamo quando su certe pizze americane vediamo l'ananas insieme al pomodoro.
E mi sembra giusto.
Ma mi spiace che ogni tanto si scordi che come noi pretendiamo rispetto per la nostra bella, ineguagliabile e ricca tradizione culinaria così dovremmo fare per quella altrui.
Anche quando ci sembra strana, diversa, nuova.
Davanti a qualcosa che non piace si può sempre passare oltre.
Non per forza condannare e insultare.
E vuoi vedere che se impariamo a farlo con il cibo c'è il rischio che si riesca a farlo pure con le persone? ;)


Altra americanata, oggi, come volevasi dimostrare. Ma questa ce ne vuole a chiamarla porcheria...mele cotte in acqua e limone, il profumo delle spezie che volete e nemmeno serve lo zucchero: l'applesauce è buonissima già così!
Cosa ci si fa? Si mette sullo yogurt greco, e qualcuno di mia conoscenza lo spalma sul toast.
Ma è spesso usato per rimpiazzare il burro in molte ricette d'oltreoceano...curiosi?
Stay tuned, e ne vedrete delle belle!




APPLESAUCE
da Everyday Food di Martha Stewart

2 kg di mele, meglio se di qualità mista
375 ml di acqua
60 ml di succo di limone appena spremuto
zucchero di canna o brown sugar, facoltativo (non lo metto)
spezie a piacere (cannella, zenzero, cardamomo...)


Sbucciare le mele, eliminare i torsoli e tagliarle a cubetti.
Metterle in una pentola a fondo spesso insieme all'acqua ed al succo di limone.
Portare a bollore su fuoco medio/alto, quindi abbassare la fiamma e far sobollire senza coperchio per circa mezz'ora, girando ogni tanto.
Le mele dovranno diventare morbidissime e disfarsi.
Togliere quindi dal fuoco e passare con il minipimer, oppure ad uno schiacciapatate o ancora schiacciare bene con una forchetta.
Se sembra poco dolce si può aggiungere uno o due cucchiai di zucchero, ma ve lo sconsiglio, e le spezie che si preferiscono. In genere metto solo un pizzico di cannella.
Invasare in barattoli puliti e conservare in frigo, anche per due settimane abbondanti.

NOTE

- la lunga durata rende l'applesauce un ottimo regalino di Natale, magari con allegato un foglietto  con le istruzioni su come usarlo.

-l 'applesauce raffreddata può essere surgelata.

- una lettrice ha obiettato che conservo l'applesauce in frigo per un tempo troppo lungo per un prodotto realizzato in casa. A me non è mai successo nulla, e si è sempre conservata bene.
Ma ovviamente se il barattolo viene aperto il tempo di conservazione diminuisce.

101 commenti:

  1. ma non ci credo. tu sei pure telepatica?
    sono 7 giorni che il post it con questa ricetta staziona a casa mia.
    l'ho trovata per caso e mi sono imbambolata al pensiero di poterla A - surgelare e B - usare al posto del burro. Ora che l'hai messa pure te, la sperimenterò senza dubbio alcuno. Love.

    RispondiElimina
  2. io vivo in Australia (e prima vivevo in Inghilterra) e mi sono resa conto di come siamo limitati e snob noi italiani, soprattutto quando si parla di cibo. Adesso sono in Italia per due settimane e quasi quasi rimpiango i ristoranti Thai, con le loro verdurine e tofu, il mio ristorante persiano preferito, i meravigliosi curry indiani, i brunch che vanno cosi di moda a Melbourne in questo periodo... Io sono vegetariana e cerco di fare una dieta low carb, missione quasi impossibile in Italia. Il tofu e' raro e costoso, alternative alla carne (tipo il mio adorato Quorn) neanche se ti ammazzi, se esci con gli amici per una cenetta improvvisata puoi mangiare solo pizza (che con quelle mille e passa calorie non e' proprio un cibo dietetico). Per carita', il cibo italiano e' buono. Ma anche gli altri fanno delle cose buonissime. Ma qui non lo puoi neppure dire o ti sbranano, e un ristorante etnico lo trovi solo nelle grandi citta'. Credo sia ora di uscire da questo campanilismo culinario. E parlando di apple sauce, hai mai provato il pumpkin butter? una delle cose piu' buone al mondo... stesso concetto della apple sauce... da morire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo, anch'io sono fan delle cucine degli altri paesi e uso spesso le loro ricette.

      Elimina
    2. Attenzione all'illusione che leggero alla digestione sia anche sano. Alcuni grassi vegetali usati nelle cucine citate sono peggio dello strutto. Bisogfna avere un'educazione alla chimica dei cibi prima di emettere giudizi. In quanto alla salubrità, i nostri Nas ci assuicurano un livello tra i piùalti del mondo. Mai dimenticare che i cibi più deleteri (Pangasio, gamberetti trattati ecc. ) vengon da paesi in cui non c'è controllo, esattamente quelli citaqtgi nelle cucine di cui sopra.Conosco abbastanza bene la cucina dell'estremo oriente per dire che le cose citate non sono trattate in condizioni ideali. Poi, per carità, quando mi trovo lì anche io ne mangio volentieri. Però in occindente abbiamo un'aspettativa di vita più lunga, nonostante l'inquinamento. Un perchè ci sarà

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  3. p.s. è da anni che ho una domanda in testa: come si faceva il cheesecake prima dell'avvento "diquelformaggiolì"?? o l'uno è la conseguenza dell'altro?

    RispondiElimina
  4. perfetto Stefy!
    La trovo davvero una bella idea da regalare...quest'anno spero di non arrivare all'ultimo come sempre, ma di riuscire ad organizzarmi per tempo...ci penserò!
    Dici che se la metto in barattolini sottovuoto...resiste un pochetto di più?!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Concordo...e non smetterò certo ora di seguirti;)
    Solo una perplessità da non addetta ai lavori..in cosa si differenzia dalla comune marmellata di mele fatta in casa?
    grazie :)
    PS: oggi è il compleanno di un amica, e ho intenzione di prepararle i biscotti con la maionese e i greybea (non ricordo come si scrivono quei fantastici biscottini arabi)

    RispondiElimina
  6. E io attendo l'utilizzo al posto del burro... e mi segno la cosa pro-Natale ;)

    RispondiElimina
  7. Normalmente sono prolissa allo sfinimento, ma in questo caso mi viene in mente solo una parola: TOLLERANZA.
    Tolleranza, parola che può essere estesa a tutto e tutti: stile di vita, cucina, pensieri, culture, tradizioni, lavoro, familgia...

    La applesauce è da fare, assolutamente da fare...ne sento già il profumo!!!

    RispondiElimina
  8. E' vero Stefania, pretendiamo rispetto per le nostre tradizioni culinarie e siamo pronti a storcere il naso davanti alle "americanate", subito bollate come insane. Questa abitudine per fortuna non ci appartiene, piuttosto siamo curiosi, ci incuriosiscono le ricette che escono dal nostro seminato, ci piace osare e sperimentare. La tua salsa alle mele sa di delizia, specialmente per la presenza delle spezie, la cannella anzitutto e poi ci aggiungeremmo anche un po' di noce moscata, sarà che abbiamo da poco preparato una torta americana di patate con le spezie ed era buonissima.
    Baciotti da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  9. puona :)
    un abbraccio alla mia stefi

    RispondiElimina
  10. Io sono sempre tollerante e mai razzista. Rispetto culture, usi e religioni diverse anche se quello che non tollero, non concepisco e sarò sempre cocciutamente convinta che è sbagliato e da abolire è la violenza, di qualsiasi tipo essa sia. Per il resto mi incuriosiscono molto le culture diverse e anzi mi piace scoprirle!! Anche io vado matta per le "americanate", anche se spesso mi trattengo perchè in casa mia in cucina si va più per la tradizione. La tua salsa di mele comunque sembra deliziosa, chissà quanto è buona, un caro abbraccio.

    RispondiElimina
  11. In genere concordo sempre con quello che scrivi nei tuoi post, questa volta sottoscrivo perfino le virgole!
    E non sono nemmeno mai stata in Arabia, quindi la mia non è una reazione a quella cultura... ;)
    Intanto mi segno questa salsa, che l'avevo già adocchiata dalla Martha, poi mi metto qui e aspetto di sapere come usarla al posto del burro!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  12. L'intollerenza e la cattiva educazione anche nel web sta toccando punti altissimi...sono pienamente d'accordo con te: io amo i dolci inglesi e americani sono il top ...la nostra tradizione è più rustica e non mi dispiace ma ci sono delle preparazioni come la cheesecake che battono di gran lunga un classico dolce italiano ma questa come sempre è una mia opinione!!
    La tua Applesauce sarà anche americana ma questa non ne fa una porcheria anzi è una delizia davvero!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  13. sarà una americanata ma ...quanto mi piaceeeee, grazie per questa chicca che preparerò volentieri...

    RispondiElimina
  14. in questi giorni è purtroppo l'arroganza e maleducazione di M. Stewart a disgustare e provocare l'indignazione dei foodblogger offesi. Sul resto concordo con te, mia suocera per esempio dice che la cucina Italiana e la migliore del mondo perché tutti quelli che vengono in Italia si mangiano chili di pasta e non riescono a saziarsi. Ma per mia suocera i confini di cucina Italiana sono i confini della sua regione, l'unica dove si mangia veramente bene.
    Comunque, la salsa di mele è una cosa buonissima è perfettamente sana. Io la uso spesso nelle ricette. Ma non credo sia un'invenzione Americana visto che è molto presente nei piatti e dolci tedeschi (apfelmus) o olandesi dove in versione non zuccherata si usa spesso per accompagnare arrosti di maiale o le pancakes di patate. E che dire del dolce danese chiamato Æblekage, l'ho fatto una volta ed è davvero delizioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, ma bisogna sempre tener presente dove hanno radici le tradizioni americane...;)

      Elimina
  15. io mi sono data una definizione "eno-gastro-curiosa" :-) americano, indiano o giapponese, l'idea di provare cucine nuove mi affascina sempre! E questa applesauce devo dire che mi ispira non poco...chissà per quante cose buone si può usare!!

    RispondiElimina
  16. c'è sempre da imparare passando dal tuo blog, questa salsa per esempio non la conoscevo...però confesso che sono tra quelli un pò allergici non tanto alle novità, no quelle mi stuzzicano ma diciamo poco tollerante a certe eccessive americanate ...food or non-food!
    buona giornata
    Alice

    RispondiElimina
  17. Sono perfettamente d'accordo sul fatto che la chiusura verso certi cibi spesso si accompagna anche ad una chiusura più ampia verso il diverso. Io invece amo proprio conoscere gusti, sapori e culture diverse. Ci si arricchisce sempre, anche con le "porcherie". E questa apple sauce non lo è per niente, se non per gli istinti da golosastro che fa venire.

    Fabio

    RispondiElimina
  18. io di questa salsa ci andavo letteralmente pazza, da mangiare rigorosamente affondando il cucchiaio nel barattolo! :) l'ho mangiata in Germania, in Danimarca, in Polonia e l'ho trovata perfino in Islanda, in un bel barattolone da 1 kg! Appena mi capitano le mele sotto mano la proverò sicuramente!
    Grazie mille per la ricetta, a presto :)

    RispondiElimina
  19. Mmmh! Gnam! Ricorda un po' l'apple butter, vero? Era da un po' che avevo in mente di farlo, mi sa che seguo la tua ricetta che non sbaglio mai ;)
    Per quanto riguarda il discorso del rispetto per le cucine altrui, mi trovi completamente d'accordo. Sono anni che porto avanti questa crociata. Purtroppo tanti, tantissimi, sono troppo chiusi mentalmente. E sono le stesse persone che, per dirne una, quando vanno in vacanza fuori dall'Italia, cercano i ristoranti italiani, per poi lamentarsi perché hanno mangiato male! E purtroppo, come dici tu, questo fatto non è limitato solo alla cucina.
    Lasciamo perdere, va!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione!
      Quanto all'apple butter è un po' più ricco come ingredienti.

      Elimina
  20. Mi piace tantissimo, un'idea semplice ma molto sfiziosa!!!!!

    RispondiElimina
  21. questa mi sa che te la copio, ottima idea regalo!!

    RispondiElimina
  22. Con te scopro sempre cose nuove e veloci.
    Ora questa Apple Sauce. Attendo di conoscere COME fare a sostituirla al burro, visto che devo abbattere il colesterolo e sparargli contro continuando a mangiare burro, NON SERVE!
    A presto!
    Nora

    RispondiElimina
  23. Ad essere sincera credo di non aver mai visto una porcheria cucinata da te :) E la salsa di oggi ne è una dimostrazione, completamente sensidicolpafree ma gustosissima!!Baci baci

    RispondiElimina
  24. Ciao Stefania,
    questa la proverò, mi ispira, anche se non amo granché le mele, ma fare cose in barattolo altroché!
    Baci,
    Sara

    RispondiElimina
  25. Stefania GRAZIE!!!!! Avevo proprio bisogno della ricetta dell'applesauce x fare un dolce!!!!!!:) un bacione!!!

    RispondiElimina
  26. anche io pensó che quello che e' straniero e' solo diverso, non per questo una porcheria! e questa delicia lo dimostra!

    RispondiElimina
  27. oggi siamo in sintonia! le tue americanate mi piacciono un sacco, avevo visto questo ingrediente nelle torte vegane e ora con la tua ricetta voglio provare, dev'essere di un buono!!! :-)

    RispondiElimina
  28. Ti svelo un segreto.
    Amo essere contro corrente.
    Lo avresti mai detto? ;)
    Sarà per questo che il tuo blog mi piace davvero tanto e mi segno questa ricetta strepitosa.
    Ho amici vegani...e sai quanto li renderò felici?
    A te mando tanti baci

    RispondiElimina
  29. Sante parole le tue!
    Al di la del solito sfottò che simpaticamente ci contraddistingue, il rispetto per il diverso è fondamentale, ed è la base per aprire i nostri orizzonti, per crescere, per confrontarsi (obiettivamente), senza necessariamente dare spazio a giudizi e valutazioni.
    Il mondo è bello perché è vario, e chi la fortuna e la possibilità di vederlo deve saperle cogliere. E tu sicuramente riesci a raccogliere molto. ;)

    Un BaScione, Araba! :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo sfottò fa parte del gioco e ci sta tutto, poi lo sappiamo come la pensiamo, in realtà ;)
      A NAtale ti faccio una torta di Nigella va bene? :D

      Elimina
    2. Ovviamente NO! ahahaha
      BaSci! :)))

      Elimina
  30. Quanto mi piace il tuo post (oltre alla applesauce naturalmente!) e che stanchezza di sentire sempre i banalissimi commenti tipo: "ah sei andata li, chissà cosa avrai mangiato!" , sottinteso: poverina! Da ogni viaggio ho sempre portato a casa, oltre a foto e ricordi, qualcosa di alimentare del posto, una spezia, una ricetta da riproporre e allargare gli orizzonti del cibo. Una volta persino il piattone per il couscous infilato fra i vestiti! Persino a Londra, dove vive mio figlio e che quindi frequento spesso, se non si cerca lo pseudo italiano (ma quando impareremo?) si mangiano ottimi piatti, di carne soprattutto, per non parlare dei dolci.
    Grazie Araba, alla prossima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordissimo, e la cucina inglese è una delle più bistrattate in effetti.

      Elimina
  31. Eh si, l'applesauce compariva in tante di quelle ricette che scovavo nei blog americani e le mettevo da parte non trovandolo qui.... adesso che lo trovo zuccherato, non zuccherato, speziato o no, di mille marche diverse, tu te ne vieni fuori con la ricetta per farlo a casa!!!!! Araba, araba.... Per tirarmi su, frego il vasetto della foto! natale anticipato! ;)
    Ps. condivido il discorso e mi spiace dover dire che una tra quelle persone è proprio mio padre........ Lui li ha già condannati per via dei tazzoni di caffè, che "Se è servito in tazzoni colmi da portarsi appresso, non può essere neanche vero caffè" (cit.). Pazienza, ci vuole.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io qui lo trovo al super, ma è talmente facile ;)

      Elimina
  32. Parole sante! Chi non rispetta le tradizioni culinarie altrui è ignorante e arrogante. Mi sono sentita dire che "In tutti i ristoranti del nord Italia si mangia male e si paga caro" e che non dovremmo neanche essere considerati parte della cucina italiana per quanto la qualità sia scarsa e per le schifezze che facciamo. E mi sono offesa. Chi dice "americanata" è un ignorante che non sa quale incredibile varietà di culture e tradizioni è presente nella cucina americana. Giusy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ossignore, l'ignoranza non ha limiti :(

      Elimina
  33. Condivido, in toto. W le porcherie, nostre e altrui :))
    Questa preparazione proprio mi era sconosciuta, sarà interessante vedere come la utilizzerai.

    RispondiElimina
  34. Splendida e bravissima come sempre
    assomiglia moltissimo alla mia mousse di mele che va sempre a ruba
    io dopo averla messa nei vasetti, li sterilizzo coperti d'acqua per circa 15 minuti così puoi conservarla un po' più a lungo o nascondere i vasetti da cucchiai indiscreti e golosi

    un abbraccio Manu

    RispondiElimina
  35. idea carinissima!!! io non inorridisco per le cucine degli altri paesi nonostante siano un pò strane magari!! Le americanate le adoro!! Rimango però un pò stranita quando vengono modificati piatti della tradizione italiana diventando così delle "porcate" che fanno comunque passare per tradizionali!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello mi trova d'accordo: a ciascuno il suo ;)

      Elimina
  36. Questa ricetta mi piace tantissimo! A me le ricette straniere piacciono, solo che a volte le trovo troppo ricche di burro e quindi demordo dal prepararle, perché preferisco qualcosa con un contenuto di grassi inferiore. Questa ricetta però direi che è perfetta per i miei gusti, me la segno! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora questa è abbastanza sana anche per te :)

      Elimina
  37. Stefy ma quanto hai ragione? Io amo viaggiare e quando viaggio adoro provare la cucina del post perché attraverso la conoscenza di nuovi cibi si scoprono nuove culture e questo non può che essere arricchimento. Io adoro le tue americanate ma questo già lo sai ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arricchimento, mentre qualcuno si sente sempre defraudato ...peccato.

      Elimina
  38. carissima questa salsa però con l'aggiunta di kren o rafano è una salsa che si usa in Auistria e anche Germania e accompagna la carne di maiale, la selvaggina o la famosta "tafelsptiz" vanto di Vienna sind dal tempo del Keiser di cui andava ghiotto. Sul mio blog trovi la ricetta originale reminiscenze anche di casa mia...nonni. Ciaooo e buona serata e questa salsa con l'aggiunta di cardamono ecc. sublime.

    RispondiElimina
  39. Condivido le tue parole, soprattutto perchè il discorso può essere ampliato a molti fatti che, ancora oggi, vengono visti come problemi.
    Ma va be' amo le mele, e questa salsa dev'essere una squisitezza (ed hai ragione, è un regalo carinissimo!)
    Buon fine settimana.

    Alice

    RispondiElimina
  40. Ma che importa la nazionalità l'importante e' il contenuto nelle persone come nelle ricette. Questa e' un ottima ricetta complimenti quindi non ha confini complimenti !!!!
    Un abbraccio :-)))

    RispondiElimina
  41. Beh in effetti quando sono stata in Cina ho visto mangiare cose che non ti dico...sicuramente per me immangiabili. Ma le tradizioni sono tradizioni quindi non do giudizi di merito.
    Sai che non avevo mai sentito parlare di applesauce? assomiglia tanto a una cosa che faceva mia nonna. L'unica differenza e' che lei non frullava il tutto ma se la mangiava tipo zuppetta dolce serale. Anche a ame piaceva un sacco ma dopo che e' morta non l'ho mai preparata. Mi ispira un sacco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se fossimo nate cinesi la penseremmo diversamente :D

      Elimina
  42. io sono un'italianissima anche in cucina, ma rispetto le altre culture e tradizioni e se mi viene proposto qualcosa di nuovo prima di dire che è una porcheria, l'assaggio! Applesauce è buonissima e non è assolutamente una porcheria!

    RispondiElimina
  43. divina!!!!! la preparerò per fare dei graditi regali a Natale!!!! io adoro la "cucina degli altri" .....perchè c'è gente così poco curiosa???? che peccato...non sanno cosa si perdono!!! un bacione!!!

    RispondiElimina
  44. Allora sarà meglio che mi sbrighi a prepararlo così potrò cucinarne ... oops ... vederne delle belle :-)
    Ciao, a presto ...

    RispondiElimina
  45. Ben detto Stefy, il rispetto al primo posto, anche in cucina! Quando a volte mi è' capitato di vedere su SKY quel programma che si chiama Orrori da gustare con Andrew Zimmqualcosa, mio marito si è' sempre messo le mani nei capelli a vedere mangiare ragni, topi, bere sangue e latte...una vota mi so stufata e gli ho risposto: "ma scusa tanto noi mangiamo la sorpassata fatta con la testa del maiale, i grifi, la trippa, le lumache, il sanguinaccio (fatto con il sangue e non con il cioccolato) e da noi c'è anche la sagra della ranocchia, cucinata fritta oppure in umido, secondo i gusti e poi ti stupisci se in Cambogia sgranocchiano due ragni fritti.?????"
    Ma va......
    Buonissima la tua salsa, duci che posso fala anche con le mele cotogne? Un baciotto
    Maddy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto bene...onestamente non mi ispira il ragno, ma se fossi nata lì e quella fosse la mia tradizione non ci troverei nulla di male :)

      Elimina
  46. Americanata????? Eh eh eh eh mia nonna, venetissima, me la faceva spesso, soprattutto d'inverno!!! E quanto era buona, ql che faccio io non ha il sapore della sua, ma è cmq buona! Grazie Stefania per i preziosi suggerimenti, proverò ad invasarla e naturalm ad usarla come burro! Moira

    RispondiElimina
  47. Io la chiamo confettura di mele e la faccio molto spesso, mi piace e la uso come base sulle crostate, quelle con la frutta intera, come le more, è molto buona, ha un gusto particolare, e siccome sono stata invitata ad una manifestazione su una mela slow food la farò proprio con quella, poi ti dirò, un caro saluto

    RispondiElimina
  48. Non puoi che trovarmi d'accordo, molto d'accordo. Ma fa parte della (non)cultura italiana al rispetto e all'accoglienza...lasciando stare discorsi più seri e complessi...mentre il confronto con altre culture, anche e (perchè no) soprattutto in cucina non può che essere arricchente. Ma d'altra parte in molti nel nostro paese storcono il naso anche di fronte alla gastronomia francese che è, piaccia o no, quella fondante della moderna cucina europea...italiana compresa.
    Ma va beh...lasciamo perdere, visto l'argomento e il posto in cui vivi ne approfitto per chiederti se hai qualche buon libro (anche lingua inglese) da consigliarmo sulla cucina araba e/o libanese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto, lasciamo perdere ;)
      Quanto al libro, ti consiglio un classico dei classici del settore: http://www.amazon.com/The-Book-Middle-Eastern-Food/dp/0375405062

      Elimina
  49. Va bene lo ammetto, le americanate non mi piaciono troppo ma sopratutto per la bassa qualità degli ingredienti che usano, però so vedere dove c'è il buono! E questa tutta ricettina non posso ne rifiutarma ne farla passare inosservata. Mi piace un sacco, è genuina e chissenefrega se è americana....me la appunto subito anche come regalino di Natale, ottima, grazie Araba! a presto Manu

    RispondiElimina
  50. Il diverso dovrebbe incuriosire e suscitare interesse e curiosità, invece l'ignoranza e la comodità fa palesare disinteresse e disprezzo.
    purtroppo
    e meno male che tu sei come sei perché altrimenti , son sincera, certe chicche davvero non saprei dove e come scovarle. io che adoro le mele... oggi con questa salsa vado in brodo di giuggiole!!!
    buon w-e! Clara

    RispondiElimina
  51. Arabafelice, ma come si usa? Io Nn saprei che scrivere sul fogliettino (apparte cucchiaino inside). Ty for HELP!!!! @ liana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accompagna yogurt, crema per coppette golose, farcitura per toast sani....lunedì comunque posto una ricetta che ne prevede l'utilizzo :) ma su google se ne trovano tantissime ,)

      Elimina
  52. Bella, bella davvero questa ricetta forse perchè io amo le mele. Potresti darmi qualche consiglio d'uso oltre ad utilizzarla nello yogurt greco?? Grazie Stefy, buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre che con lo yogurt è molto buona per farcire le torte o spalmata sui toast come una normale marmellata. Se poi metti applesauce su google escono milioni di ricette! Ma hai pazienza fino a lunedì te ne faccio vedere una anche qui ;)

      Elimina
  53. Anche a me mi accusano di fare ricette inglesi, perché l'Inghilterra non ha una tradizione culinaria, dicono. Però, poi, quando assaggiano le "inglesate" piacciono e neanche ci pensano più!
    Che vuoi farci, siamo troppo avanti! :D

    RispondiElimina
  54. una ricetta molto semplice e sicuramente molto gustosa, poi con la Signora Martha non c'è da scherzare, è un fenomeno, io l'adoro!!!! Pensa che il mio lemon curd è stato in frigo più di un mese ben chiuso e oggi pomeriggio quando l'ho aperto per usarlo per un dolce, non solo era strepitoso come se fosse stato appena fatto, ma non ha fatto una piega....ovviamente ora che il vasetto è stato aperto lo dovrò consumare a breve....ma di questo non ci sarà problema....intanto procuro le mele per provare l'applesauce, perché a me personalmente queste ricettine anglosassoni mi fanno taaanto felice!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il mio dura molto...se me lo dimentico :D ma in genere lo mangio prima :)

      Elimina
  55. io sono d'accordo con te.. a me le americanate piacciono e molte delle ricette che posto sul blog, soprattutto quelle dolci, sono americane o inglesi. a me piacciono molto pur senza togliere nulla ai dolci della nostra tradizione. Anyway mi segno la ricetta di questa salsa perchè non l'ho mai fatta a casa. è così semplice che voglio proprio sentire com'è! buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, a me piacciono i nostri e i loro...;)

      Elimina
  56. mamma santa quanto hai ragione!!!!!!!!!!! rispetto ....non dimentichiamo questa parolina magica ....questa salsa non l'ho mai sentita devo provvedere ...un caro saluto

    RispondiElimina
  57. Cara Araba, condivido anch'io pure le virgole...e neanch'io ho mai letto porcherie pubblicate da te. Anzi, le parole 'porcherie' o 'americanate' rivelano proprio lo snobismo giudicante e i limitati orizzonti mentali di chi usa queste espressioni...Un conto è Nando Moriconi negli anni 50 (che io adoro, detto per inciso), ma oggigiorno con i viaggi, gli scambi, la rete...dai, non è ammissibile! detto ciò, io mi fido sempre molto delle tue indicazioni, che almeno nei miei tentativi si sono sempre rivelate esatte, ma in questo caso ho una domandina: il poco zucchero, che evidentemente la ricetta non prevede, non potrebbe servire ad aumentare di poco la conservabilità? lo sconsigli perchè la salsa è più buona senza, immagino? un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, lo zucchero è un conservante naturale e aumenterebbe la durata della salsa. Però è già buona senza...e un pochino più salutare ;)
      Ciao!

      Elimina
  58. Sacrosante parole, cara Stefania.. imparare a rispettare le cucine (nonché le culture) degli altri sarebbe una cosa talmente grande che, su scala planetaria, azzererebbe tutte le guerresante ancora in corso.
    Sospiro lungo, pausa e... ma che bella questa applesauce! Se avessi letto qualche libro in più e l'avessi conosciuta prima, sai che fichissime sarebbero state le mie nostrane e banalissime "marmellate di mele" degli scorsi Natali, con solo un po' di spezie aggiunte ed una chiccosissima etichetta con un nome americano. Ma non è mai troppo tardi ;)
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  59. cara stefania, secondo te per una conservazione più lunga non sarebbe sufficiente il sottovuoto a testa in giù, (come si fa per le marmellate), o meglio ancora la bollitura del barattolo pieno di applesauce? grazie virginia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sottovuoto a testa in giù lo faccio già, alttimenti con la bollitura dopo vai ancora più sul sicuro e durano di certo di più :-)

      Elimina
  60. Continua a proporci le americanate senza curarti dei complessi di superiorita altrui, per noi che amiamo le americanate e amiamo l'America pur vedendo I suoi difetti

    RispondiElimina
  61. Anche se in ritardo...pienamente d'accordo: vuoi vedere che curiosando, provando e non offendendo gli usi e costumi (anche in cucina) altrui si riesca a farlo anche con le persone?
    Ho una domanda: mi hanno regalato una cassetta di mele cotogne, pensi che possa usarle per questa salsa?

    RispondiElimina
  62. Leti non credo che le mele cotogne possano andare in questo caso...:/

    RispondiElimina
  63. che bella scoperta dopo il brownie fagioloso!
    una domanda: quanti barattoli si riempiranno?
    blog di grandissima ispirazione, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Circa 3 barattoli non tanto grandi.
      Ciao e grazie :)

      Elimina