mercoledì 10 ottobre 2012

Starbooks di Ottobre 2012: Insalata di patate





Questa non poteva proprio scapparmi.
Troppa ghiotta l'occasione di condividere con la banda dello Starbooks una delle mie grandi passioni culinarie.
Lei, la mitica Martha Stewart.
Lei, che ho incontrato appena sposata facendo zapping tra i canali della tv.
Eh si, che a farlo all'estero si vedono cose che voi umani...
Folgorazione.
La signora no, non è particolarmente simpatica.
Un tantino algida.
Ma santissimo cielo che ricette propone.
Golose, stuzzicanti, da sgranare gli occhi.
E vengono tutte al primo colpo.
Da allora sono passati anni.
Una marea di libri, che possiedo per la maggior parte.
Un certo numero di riviste a cui sono abbonata.
Programmi tv, che cerco di seguire e registrare appena posso.
Mi ha salvato in cene che pensavo al di sopra delle mie possibilità.
Mi ha fatto fare dei figuroni che mai avrei sperato.
E mi ha aperto il mondo a una serie di furbate senza pari ;-)
Martha sa cucinare, sul serio.
E se ogni tanto usa una scorciatoia non se ne vergogna di certo.
Men che meno si è vergognata di essere stata in prigione per qualche mese, colpevole di insider trading (nonostante si sia sempre dichiarata innocente, ndr).
E nonostante le avessero cancellato un paio di programmi tv e rischiasse a questo punto l'oblio, si è rimboccata le maniche ed è tornata più forte di prima.
Una bella faccia tosta, anche con l'aiuto di un famoso chirurgo plastico ;-)
Insomma, avrete capito che lo Starbooks di questo mese è dedicato alla sua ultima fatica: "Martha's American Food - A celebration of our nation's most treasured dishes, from coast to coast"
Un libro da leggere come un romanzo in cui insieme alle ricette si trovano interessantissime note storiche su come tanti piatti, divisi per zone geografiche, siano diventati patrimonio di quel melting pot che sono gli USA.
E di come la cucina d'oltreoceano non si risolva sempre in fast food...
Foto splendide, edizione curatissima come sempre.
Ne sono già innamorata, e vedremo se il giudizio finale su questo lavoro rispecchierà le premesse.
Questo mese quindi aspettatevi una carrellata di ricette provate da me e le altre amiche della banda dello Starbooks, con una new entry entusiasta a cui dare il benvenuto :

Menu Turistico con  Blueberry pancakes
Le chat egoiste con  Mile High Apple Pie
La Gaia Celiaca con  Peach and blueberry cobbler
Ale only kitchen con  Hazelnut cookies
La Apple Pie di Mary Pie con  Grilled chicken with spicy peach glaze
Arricciaspiccia con  Fried rice with shrimps and snow peas
Andante con gusto con  Meat loaf with mashed potatoes
Vissi d'arte e di cucina con  Alexis's Egg salad sandwiches




La super Martha descrive questa ricetta come perfetta da portare ad un picnic (o da presentare su un buffet, aggiungo io). Si prepara in anticipo, si mantiene bene per diverso tempo fuori dal frigo, non è complicata.
Ma sarà la prima ciotola a finire, visto con i miei occhi...i sapori e le dosi molto ben bilanciati, le patate non sono annegate nella maionese come spesso purtroppo si vede in piatti del genere.
Il tocco della paprika ci sta proprio bene, non dimenticatelo.
Da considerare quando si ha da sfamare un esercito, con la sola accortezza di farne in quantità :-)



CLASSIC POTATO SALAD
( per 12-15 porzioni abbondanti)

2 chili di patate (meglio se rosse, ma usate quelle che avete)
1 cucchiaio di sale grosso
3 cucchiai di aceto di mele
3 uova grandi
230 g di maionese
mezzo cucchiaino di semi di sedano
1 cucchiaino di senape in polvere
mezzo cucchiaino di pepe
3 gambi di sedano
una cipolla non troppo grande
10 cetriolini sott'aceto
3 cipollotti
2 cucchiaiate di prezzemolo tritato
un cucchiaino di paprika dolce
sale fine


Mettere le patate in una pentola capiente e coprirle abbondantemente di acqua. Appena l'acqua arriva a bollore aggiungere un cucchiaio di sale grosso, quindi abbassare la fiamma e far cuocere finchè le patate saranno tenere provando ad infilzarle con la punta di un coltello, circa 25 minuti.
Scolarle subito ed aspettare qualche minuto, quindi pelarle finchè ancora calde aiutandosi con della carta da cucina.
Tagliare a cubetti da circa 2cm e mezzo, metterli in una ciotola e versarvi sopra l'aceto di mele.
Far raffreddare.
Mettere le uova in un pentolino con acqua fredda fino a coprirle completamente.
Portare a bollore e spegnere immediatamente il fuoco. Coprire con un coperchio e aspettare 11 minuti.
Quindi mettere le uova in una ciotola di acqua fredda e aspettare che freddino. Pelarle, quindi tagliarne due a cubetti e lasciarne uno da parte per la decorazione.
In una ciotola mescolare le uova a pezzetti, la maionese, i semi di sedano, la senape in polvere e salare a piacere.
Girare bene quindi unirvi le patate, il sedano a fettine sottili, la cipolla a pezzetti, i cipollotti a fettine sottilissime, i cetriolini affettati e il prezzemolo.
Mescolare e far riposare in frigo per minimo mezz'ora, meglio una notte.
Appena prima di servire decorare con le fettine di uova e spolverizzare con la paprika.

NOTE:

- come tutti i piatti del genere è molto più buona il giorno dopo e ancora ottima dopo due.

- volendo si può usare maionese senza uova per condirla.

73 commenti:

  1. Un insalata di patate questa davvero stuzzicante e ricca di sapori e poi è vero Martha è un mito e soprattutto come dici tu sa cucinare il che non guasta mai!!!Baci,Imma

    RispondiElimina
  2. Leggendo le tue presentazioni dei piatti mi entusiasmo sempre....che ci posso fare!!!!
    Gran bel piatto.

    RispondiElimina
  3. mmmmm mi sa che la porterò alla prossima arrostata (o per meglio dire bbq)!

    RispondiElimina
  4. Io le patate le mangio in tutti i modi possibili ed immaginabili. Direi che questa Martha è partita decisamente meglio della Khoo ...Baciotti

    RispondiElimina
  5. un'insalata davvero ricca e saporita!
    pollice su per questo piattino!
    felice giornata!

    RispondiElimina
  6. Leggo il tuo post e penso che siamo telepatiche, perchè senza saperlo ho scritto le stesse cose. D'altronde, hai voglia a dire qualcosa di diverso, con una signora che mette tutti d'accordo: può piacere o non piacere, ma le sue ricette riescono tutte- e tutte al primo colpo. E in più, son pure buone, fatte con cose buone, trattate nella maniera più semplice possibile. L'assurdo, semmai. è che debba essere considerata una mosca bianca, al giorno d'oggi....
    amo questo piatto, sopra ogni cosa...

    RispondiElimina
  7. Bella bella bella questa ricetta e confesso innamoramento fulminante per la Martha da quando ho ricevuto il libro fra le mie mani! La conoscevo ma a parte qualche trasmissione sul satellite (difficile da trovare) non l'ho mai seguita con continuità. Il suo sito è strepitoso e credo che da oggi questa inossidabile signora bionda, avrà una una fan scalpitanti in più tra le sue fila. Bellissimo post. Un abbraccione, Pat

    RispondiElimina
  8. Ecco come una "semplice" insalata di patate può diventare un piatto squisito: c'è sempre da imparare, da te e da Martha!!!!

    RispondiElimina
  9. Una semplice insalata di patate che diventa tutta un'altra cosa!
    Grazie a te che hai saputo farci conoscere questa grandissima donna ;)

    ciao loredana

    RispondiElimina
  10. A casa mia è un classico soprattutto d'inverno.
    Prova a mettere anche qualche oliva nera dentro :).

    RispondiElimina
  11. Mi piace. Una ricetta talmente semplice che ti viene subito voglia di provarla! Curiosa la paprika con la maionese, almeno per me. Ed è ovvio che la segno.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  12. Lei non mi è particolarmente simpatica però sa cucinare ed ha idee veramente furbe!!!come questa insalata che da semplice è diventata particolarmente squisita; appunterò tutte le ricette, grazie :-)

    RispondiElimina
  13. Penso... e penso ....e ripenso.... Briatore.... JPII... e Martha Stewart?...
    Lasciamo perdere, che e' meglio!
    Ho anch'io da molti anni un'ammirazione particolare per questa signora e non solo perche' sa cucinare. Non e' un mostro di simpatia, su questo siamo tutti d'accordo, ma trovo che abbia avuto e abbia ancora una vita che potrebbe essere d'esempio a molti.
    Adoro l'insalata di patate e nemmeno a me piace quando galleggia sulla maionese. Ho provato tante ricette della mitica Martha, non mi faro' certo scappare questa!

    RispondiElimina
  14. l'insalata di patate qui piace molto, come mai non ho scelto questa ricetta?!?!?
    la rifarlò anch'io.
    per il resto, il personaggio non è simpatico, ma per quel poco che mi è dato di vedere, le ricette reggono alla prova dei fatti, e questo è tutto quello che ci interessa.
    bello!
    sono proprio felice di ricominciare lo Starbooks con questo libro, e di dimenticare il precedente!

    RispondiElimina
  15. infatti non potevi proprio perderlo è adattissimo per te.ottima questa sua ricetta come del resto tutte le altre

    RispondiElimina
  16. io adoro l'insalata di patate, devo provare questa. Magari riducendo tantissimo le quantità perchè non ho buffet per 12 persone in programma! Ma sai che mi hai incuriosita su Martha Stewart? Se davvero sostieni che le sue ricette riescono sempre e che ti ha salvato delle cene e fatto fare figuroni forse è il caso che impari a conoscerla meglio!
    P.S: ma le patate dopo un giorno in frigo non si rovinano un po'? diventano un po'...non so spiegarlo, certamente diverse, perdono quella consistenza vellutata delle patate appena bollite, non trovi? Oppure no?

    RispondiElimina
  17. Non conoscevo i semi di sedano e ora vorrei tanto averceli sottomano per testarli! Questa insalata è invitantissima...!!

    RispondiElimina
  18. cara stefania, questa volta ti scrivo non per un commento della ricetta, comunque molto invitante come sempre, ma per confessarti il mio entusiasmo per essere finalmente riuscita a comprarmi il benedetto cannello o caramellatore da me tanto ambito, approfittando di un'offerta conveniente, ad auchan, grazie alla quale l'ho pagato 14 euro. siccome sono tanto desiderosa di usarlo, a parte la classica creme bruleè, su quale ricetta lo potrei sperimentare? grazie e un abbraccio virginia.
    P.S. sono rimasta però delusa dal fatto che non era carico di gas, e che quindi bisognerà procedere alla carica; è pericoloso ?

    RispondiElimina
  19. molto invitante.....davvero!
    Baci cara

    RispondiElimina
  20. preparo spesso le patate così togliendo qualche ingrediente, buone! ciao e buona giornata

    RispondiElimina
  21. l'insalata di patate ha per me ricordi assai lontani e assolutamente piacevoli! è sempre bello leggerti e dovrò provare questa chicca di ricetta nelle (fortunate) numerose occasioni che ho di ricevere tanti amici in allegria. grazie Stefania!!

    RispondiElimina
  22. Insomma pluri premiata Martha e promossa la ricetta. Pure a me lei piace, adesso con questo post e la tua descrizione da adepta felice, potrei diventare una vera fan pure io :-) Bacioni cara!

    RispondiElimina
  23. Adoro questa insalata!!! La prepara spesso un' amica di mia mamma che è cresciuta in America!!! Un bacione!

    RispondiElimina
  24. Martha l'ho conosciuta grazie a te, e devo dire che, viste le ricette furbe che prepara, mi piace, non sarà simpatica ma mi piace!!
    L'insalata di patate è da fare assolutamente!!!!!
    A chi non piace questo piatto???

    RispondiElimina
  25. Sono commossa dalla scelta dello starbook di questo mese! GRAZIE GRAZIE GRAZIE a voi!!

    RispondiElimina
  26. Merhabalar, çok güzel ve iştah açıcı görünüyor. Ellerinize, emeğinize sağlık.

    Saygılar..

    RispondiElimina
  27. sicuramente Martha è una donna di carattere e che le ricette vengano bene non è così scontato! :-)
    ricetta ottima, ho amato la versione tedesca e anche questa è molto sfiziosa! ciao

    RispondiElimina
  28. ...sono assolutamente da provare, mi hai convinta!!
    In casa mia poi, vivrebbero di patate!!!
    Un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  29. Graziella Carnevali10 ottobre 2012 13:20

    Grazie Araba (scusa di nuovo, ma questo nome mi mette di buon umore), una sfiziosissima insalata alla mia portata (di cuoca imbranata, e tutto fa rima,ma per caso). Attraverso il tuo blog mi sto facendo una cultura culinaria, e poi rispondi sempre a tutte! Viva la tua gentilezza.

    P.S. Nel post precedente ho scritto boicottamento dell'Ikea anzichè boicottaggio, non avevo ancora bevuto il caffè!

    RispondiElimina
  30. Sì, sì è algidina, ma il sito è meraviglioso e una fonte inesauribile di scorciatoie, ops, suggerimenti... ma per una come me, fan sfegata di Nigella, Martha era la naturale conseguenza e adesso anche Lorraine Pascale... Insomma a me la cucina "furba e veloce" piace assai!

    RispondiElimina
  31. Qui se c'è qualcuna brava quella sei tu, l'unica alla quale poteva riuscire questa operazione "pulizia" della signora Martha Stewart :)
    Non si discute la solidità di certa cucina, tutt'altro, ne dirò altro sulla signora a stelle&striscie (già su MT ho lasciato un "papiello erniolitico" come pochi...) però posso confermare che sei brava, con le lettere scritte in maiuscolo, senza urletti ma in modo cadenzato e pensato soprattutto. Altro che "furbizia", qui c'è una persona che con una certa eleganza ed intelligenza è riuscita a farmi leggere quello che mai avrei avvicinato, facendomi apprendere un approccio che proprio perchè non è il mio merita di essere letto con grande attenzione.
    Sono d'accordo con l'Alessandra quando afferma che la Stewart dovrebbe farti un bonifico in banca e non da poco...
    PS
    Hai visto come sono stato buono...l'argomento burro nemmeno lo ho sfiorato...qui tocca diventare più cattivi :P ehehhehehert

    RispondiElimina
  32. ecco, una semplic ee gustosissima insalata doi patate mi piace sempre.

    RispondiElimina
  33. Ecco l'esempio di come una ricetta in se' semplicissima può diventare golosissima. Basta davvero poco, qualche spezia, la calibratura tra gli ingredienti... però per poter dare quel "poco", quel magico tocco, una condizione è indispensabile: saper cucinare. Cioè, cucinare per davvero e non per finta. E la Martha cucina, eccome se cucina!
    Grazie per avermela fatta conoscere! :-)

    RispondiElimina
  34. Incipit fenomenale come sempre e l'esecuzione della ricetta non è da meno! E' questo che mi ha colpito di Martha, la precisione nel dare le dosi di tutto, nulla è lasaciato al caso, non c'è "un pizzico""un po""un filino", ma c'è "mezzo cucchiaio""un cup" ecc. e se si seguono alla lettea le dosi il risultato è assicurato e sorprendente :)!
    Un abbraccio Stefy!
    Ema

    RispondiElimina
  35. Dopo un mese di Settembre complicato con la Khoo, è bello vedere che qui fila tutto liscio :-)))
    All'insalata di patate non si resiste nemmeno a casa mia! La versione versione della Stewart con la prapika mi piacerà, ma i semi di sedano mi sa che non li troverò!
    Mi sa che diventerò anch'io "addicted" di Martha... grazie Stefania!!!!!!!

    RispondiElimina
  36. Tu è la martha, per me, pari siete....tu sei il suo altre ego !!!!! Interessante questa insalata per l armonia dei sapori . Come sempre : complimentissimi !!!!

    RispondiElimina
  37. semplice e sfiziosa, la provo, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  38. Eccezionale, è tantissimo tempo che volevo provare questo grande classico americano da pic-nic, e adesso lo provo sicuro!!!! Poi magari lo metto anche nel cestino del pranzo di n.1

    RispondiElimina
  39. @ Dolci a gogo: presupposto imprescindibile ;-)

    @ Mariabianca: grazie :-)

    @ Eleonora: la sua destinazione naturale.

    @ SQUISITO: grazie

    @ Alessandra Gennaro: si, le stesse cose. Ma come le scrivi tu...;-)

    @ Patty: assolutamente. E pur non lavorando per lei sono felice di aiutarla a fare proseliti :-)

    @ MAriint: solo da Martha ;-)

    @ Loredana: :-)

    @ Any: grazie del suggerimento.

    @ Natalia: vedrai come ci sta bene.

    @ Ros: infatti, lei no, ma le sue ricette sono irresistibili!

    @ roberta: dobbiamo dire ad ale di spiegare gli indizi, prima o poi :-)

    @ La Gaia Celiaca: per ora USA batte Francia dieci a zero :-)

    @ lucy: ;-)

    @ Moscerino: se dai un'occhiata al mio blog vedrai che la maggior parte delle ricette viene da lei ;-) quanto alle patate, qui appena spellate vengono spruzzate con l'aceto e questo le mantiene perfette fino al giorno dopo, testato ;-)

    @ TeryB: è un peccato ometterli perchè hanno un aroma delizioso :-)

    @ Virginia: ma no, assolutamente! E' come caricare un accendino. Per qualche ricetta ecco una torta al limone caramellata http://arabafeliceincucina.blogspot.com/2011/03/torta-al-limone-caramellata.html e questa meringata http://arabafeliceincucina.blogspot.com/2011/10/mile-high-meringue-lemon-pie.html
    Buoni esperimenti :-)

    @ Memole: grazie

    @ Simo: :-)

    @ mamanluisa: :-)

    @ Clara: ed infatti è perfetta per...le folle :-)

    @ Zonzo Lando: beh, ne vale la pena.

    @ Simona: infatti è un vero classico.

    @ ste.lele: ti ringrazio!

    @ La Fede: ma che entusiasmo, grazie!

    @ Fuat Gencal: grazie

    @ Acquolina: allora devi provare l'americana!

    @ Lory B: allora è tua :-)

    RispondiElimina
  40. @ Graziella Carnevali: boicottamento o boicottaggio, il concetto era chiaro comunque ;-)

    @ fantasie: assolutamente abbiamo gli stessi gusti!

    @ Gambetto: quei semi che ti ho portato...continuano a farti male, vedo ;-) scherzi a parte grazie ma quindi che dici, viene fuori che sono una perfetta piazzista ???? :-)

    @ salamander: e pure comoda.

    @ mapi: infatti, tutto sta nel saper cucinare...e dici poco ;-)

    @ ema.arricciaspiccia: e per una fissata con la precisione come me è un paradiso :-)

    @ Ale Only Kitchen: dici? Eppure forse da Naturasì...

    @ laroby: che carina sei :-)

    @ sississima: grazie

    @ Lara Bianchini: quello che ho fatto io, con gli avanzi ;-)

    RispondiElimina
  41. Hai capito la Martha! non conoscevo questo particolare del suo passato!

    RispondiElimina
  42. ti ha fornito proprio una bella scusa questo starbooks eh!!! non vedo l-ora di vederti eviscerare tutto il libro..questa insalata me la mangerei direttamente dal mestolo...

    RispondiElimina
  43. che buona l'adoro questa ricetta e a volte l'ho seguita anche io anche se il mio inglese fa pena aha ah ah

    RispondiElimina
  44. l'insalata di patate (che a casa mia si chiama ovviamente kartoffelsalat) ce l'ho nel dna... mi piacerebbe tanto poter dire "ma come la fa mia mamma...", ma purtroppo mi sa che la super-martha la fa meglio!! ;)))
    bacionissimi, sei troppo brava!

    RispondiElimina
  45. Insomma un'americanata che però non sembra così male! Ricca e gustosa..un piatto unico completo e quasi quasi "sano"!
    Non siamo delle fan di Marta Stewart...ma la tua descrizione ci sta perfetta!
    baci baci

    RispondiElimina
  46. Devo proprio sfamare un esercito il prossimo fine settimana...mia cugina mi ha richiesto il buffet di laurea :D

    RispondiElimina
  47. con tutti quegli ingredienti dobrebbe essere buona per forza, ma i semi di sedano dove gli posso aquistare e se non li trovo potrei sostituirli con qualcos'altro?

    RispondiElimina
  48. Io ho conosciuta Martha Stewart proprio grazie a te!
    Ma i semi di sedano...cosa sarebbero? Cioè li potrei trovare?
    Grazie!

    Alice
    http://operazionefrittomisto.blogspot.it/

    RispondiElimina
  49. Cavolo stavo per perdermi le patate di Martha!!!
    Come sempre mette d'accordo tutti:) io non riesco a trovare neanche un libro!!! Per fortuna ci sei tu;)

    RispondiElimina
  50. io devo confessare che non la conosco granchè. qualcosina, molto toccata e fuga.
    ma siccome mi fido del vs. gruppo, cercherò di colmare la lacuna come meglio posso.
    irene

    RispondiElimina
  51. Per "colpa" tua qui a Londra sono andata in libreria ed ho chiesto di Martha (ormai siamo intime).. m'hanno guardata dispiaciutissimi e poi hanno detto "But she is american..".. andando poi probabilmente a chiedere scusa al nuovo libro di JAmie Oliver =)
    Morale: avevano solo UN LIBRO, tra l'altro delle wedding cake.. farà anche le cose facili sta Martha, ma le torte nuziali ancora no, thanks =)

    RispondiElimina
  52. qui ci siamo!!
    l'insalata di patate che pare una cosa banale ma in realtà non lo è affatto e la Signora Martha mi piace sempre di più.
    ^_^

    RispondiElimina
  53. I piazzisti (pur essendo quelli bravi una categoria che un pò invidio per via di alcune mie lacune caratteriali) o meglio ancora le loro caratteristiche non ti appartengono, almeno secondo il mio parere. Piuttosto la tua è personalità nel fungere da lente deformante di certe realta enogastronomiche-e-non, donandogli una aura di approcciabilità anche quando portano con se riflessioni di una certa serietà. In questo modo ci rendi partecipe di quali sono i problemi che affronti nel quotidiano, spacciandoceli per una "furba risata" la stessa adottata per allegerire quel mostro di simpatia (:P aahahahahahaha) della Marta.
    Quasi quasi le giro il link del tuo blog...casomai ti fa un bonifico ti ricordi di me e del fatto che vorrei una villa con una piscina di mozzarelle?!...

    RispondiElimina
  54. deliziosa quest'insalata Stefy!!!
    io toglierei soltanto le uova sode...perché non mi piacciono :D
    credo proprio che presto la proverò!
    Martha Steward la conosco da quando visito il tuo blog ma, a parte un libro sui cookies, non ho altro di lei...magari chiedo qualche libro a Babbo Natale ;)
    baciotti

    RispondiElimina
  55. Questa Martha Stewart, l'ho conosciuta un po' di tempo fa grazie al tuo blog Stefania.. mi sono 'documentata' e di sicuro è: una forte, in gamba, la classica donna americana di successo ma è altrettanto innegabile che è furba come molte delle sue ottime ricette!
    Grazie Stefania...

    RispondiElimina
  56. Naaaaaaaa! In un'altra vita sarò stata americana perché mi state facendo sbavare con questo starbooks! Capisco adesso il tuo amore per Martha, mi stò convertendo anche io!
    Curioso... Sono passata da una ricetta carnivora come il polpettone, che ha proposto la Paty, a una insalata vegetariana spettacolarmente sfiziosa come quella che hai proposto tu, per non parlare dei pancake del MT! E tutto in questione di minuti.... mi fate venir voglia di sapere tutto e di più su questa cucina, che sinceramente, non conosco tanto bene.
    Vi ringrazio!
    Besos

    RispondiElimina
  57. E' davvero un mito lei.. Ancora di poi da quando so che e' stata dentro x insider trading !! X quelle che come lei ci vuole molto di piu per spezzarle!

    RispondiElimina
  58. devo documentarmi su questo mito vagante in moltissimi blog!! che vergogna non la conosco seppure ne ho sentito parlare, ma non pensavo fosse così osannata! cercherò di rimediare.
    Come si può resistere all'insalata di patate, questa versione è stuzzicante, che sia solo merito della Stewart o molto va alla tua bravura personale?
    ciaooooo

    RispondiElimina
  59. Da troppo, troppo tempo non passavo da qui e leggerti è sempre un grande piacere per me. Mi piace come scrivi e quello che scrivi, mi piacciono le tue foto e, last but not least, le tue realizzazioni in cucina. E quest'insalata poi...dovrò convertirmi a Martha anch'io...accidenti, nella foto di copertina del libro sembra una ragazzina!!!!
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  60. Martha ha sempre delle idee geniali e il tema di questo libro mi entusiasma davvero...mi hai fatto venire voglia di comprarlo! Spero intanto che proverai altre ricette e le condividerai con noi!
    Un bacione, GG

    RispondiElimina
  61. ho provato solo alcune sue ricette di dolci -prima fra tutte la apple pie, meravigliosa- a questo punto dovrò sperimentare anche il salato! invitante questa insalata!

    RispondiElimina
  62. Le tue ricette sono sempre un vero incanto!!! Bravissima!!!

    RispondiElimina
  63. Hai ragione, ogni ricetta di martha è un successo, vado a vedere anche le altre!

    RispondiElimina
  64. Mi sa mi sa, che sono l'unica a non conoscere l'romai citatissima signora.....
    Ti ho copiato un altra ricetta, ottima come sempre.
    Grazie e buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  65. Martha è Martha io ho l'unico suo libro tradotto in italiano e le ricette vengono tutte davvero! Quindi mi segno anche questa! Baci

    RispondiElimina
  66. girovagando per il tuo blog ho notato questa ricetta...adoro le patate*_* l'insalata di patate ancora di più :) complimenti per il blog ricco di ricette! mi unisco a voi e se ti va passa a trovarmi!

    http://lagioiadicucinare.blogspot.it/


    A presto!
    Sara

    RispondiElimina
  67. Ciao tesoro. Non vedo l 'ora di provare questa ricetta che pregusto insieme alle papille gustative. Un paio di domande però: dove hai trovato i semi di sedano? Seconda : cosa intende la ricetta con cipollotti? Le cipolle quelle estive? E se la voglio fare ora con che cosa lo sostituisco i cipollotti visto che è inverno .... sempre con altre cipolle ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I semi di sedano li ho trovati al super, qui in Arabia sono molto forniti, in Italia non saprei. Il cipollotto è questo http://www.salepepe.it/ingredienti/ortaggi-verdure/cipollotto/, io lo trovo tutto l'anno ed ha un sapore molto delicato...direi aggiungi un pochino di cipolla ma poca, il gusto è in effetti diverso :)

      Elimina
  68. Sapevo che un anno o l'altro ci avrei provato; ne sono passati tre e mezzo e finalmente l'ho fatta (senza semi di sedano,ma pazienza). Squisita!!!
    Un abbraccio, carissima!

    RispondiElimina