lunedì 9 settembre 2013

Vitello tonnato




Un primo, ok.
Un dolce, e non devo certo farmi pregare.
Ma mangiare un secondo leggermente più elaborato di un filetto di salmone al forno o un petto di pollo alla piastra in casa arabafelice è cosa che capita raramente.
Retaggi di bambina, mi sa.
E retaggi di bambina questo piatto.
Mamma si è disperata parecchio, ai tempi, nel vedermi mangiare proprio poco.
E proprio poche cose.
Tante ho rifiutato per anni persino di assaggiarle.
Per cui fuguratevi la sua sorpresa il giorno che tornò dal negozio del macellaio con una vaschetta presa in omaggio, e dentro una carne coperta di salsa che sapeva di tonno che mi sbafai senza ritegno.
Da quel giorno me lo comprò a ripetizione.
Ed ho sempre pensato che la fiammante auto sportiva parcheggiata fuori dalla macelleria, mesi dopo, fosse specchio di quanto vitello tonnato avessi ingurgitato.
Ancora oggi mi piace moltissimo, e mi ha salvato cene e buffet.
Chiedo scusa in anticipo a tutti i puristi, i piemontesi, e chi più ne ha più ne metta: questa non sarà di certo la ricetta originale.
E' solo la più simile a quella del macellaio che abbia potuto ricreare, e pace.
Quindi presa da diverse fonti ed aggiustata al mio gusto personale.
Comodissima perchè si può, anzi si deve, preparare in anticipo e ancor di più perchè non deve essere scaldata.
E lascia di stucco gli stranieri che di certo non ne hanno mai sentito parlare...come, non mangiate pizza e pasta in Italia?
Un classico non troppo complicato da consigliare anche alle cuoche alle prime armi ;)

E per i patiti dei libri di cucina, quale sarà lo Starbooks di Settembre? Scopritelo qui!




VITELLO TONNATO

un girello o magatello di vitello
sedano, carota, cipolla
limone
un uovo intero
260 ml di olio di semi
un'acciuga
un cucchiaio di capperi
2 scatole di tonno da 160g ciascuna
sale

Far bollire abbondante acqua con sedano, carota e cipolla.
Dopo 5 minuti di bollitura immergere il vitello e lo portiamo a cottura.
La regola generale è che debba bollire 50 minuti per ogni kg di peso.
Scolare il vitello e strofinarlo con mezzo limone. Quest'operazione fa si che non annerisca raffreddandosi.
Facciamo raffreddare completamente.
Ora preparare la salsa tonnata:mettiamo un uovo intero nel robot da cucina,facciamolo girare 30 secondi e cominciamo a unire l'olio a filo,sempre con le lame in movimento fino ad avere una maionese molto soda.
Si va un po' ad occhio,a me sono serviti 260 ml di olio.
Ora uniamo l'acciuga,il tonno scolato dal suo olio ed i capperi a facciamo girare ancora un pochino
 regoliamo eventualmente di sale. Uniamo a piacere un po' di succo di limone
Appena la carne è' ben fredda la affettiamo sottile (sarebbe meglio con l'affettatrice)  
La adagiamo sul piatto da portata e la ricopriamo con la salsa.
Servire dopo un paio d'ore di frigo.

NOTE:

-la carne può essere cotta il giorno prima e coperta con la salsa, conservare poi il tutto coperto con pellicola per alimenti a contatto.



81 commenti:

  1. Stefania,un super classico! Buonissimo,ed e' vero,lascia di stucco gli stranieri (ma lo adorano,una volta assaggiato).Non lo faccio da un millennio.....
    Bacioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è un piatto che mi chiedono spesso ;)

      Elimina
  2. Credo di essere una delle pochissime persone che non ha mai mangiato questo piatto però mi ha sempre ispirata tanto quindi prendo la tua ricetta e la provo questa volta é deciso!! Un bacio grande, Imma

    RispondiElimina
  3. Ciao Stefania, anche a me piace tanto questo piatto solo che lo faccio di solito con la lonza di maiale oppure con la fesa di tacchino. E anche a me i miei figli mi fanno dannare perché non assaggiano niente. Ieri ho fatto il tuo pollo marinato. Buonissimo. Mia figlia ha mangiato due pezzi e ne voleva ancora. Complimenti. Baci baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia madre era felicissima quando finalmente mangiavo qualcosa, immagino anche tu!

      Elimina
  4. Mi sono dimenticata di chiederti, ma le uova sode dove vanno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci sono uova sode :) solo per decorazione se ti va :) ciao!

      Elimina
    2. Credevo di avere letto un uovo intero e due sode!!!! Mah... Comunque grazie. Ciaooo

      Elimina
    3. Era un errore di battitura!!!

      Elimina
  5. Mi piace moltissimo...D'estate è perfetto!!!

    RispondiElimina
  6. Potrei mangiarlo per giorni!!che buono!!

    RispondiElimina
  7. Noi la salsetta la facciamo legegrmente diversa.. ma quanto è buono il vitello tonnato!!!!! Mi piace molto questa tua versione... baci e buon inizio settimana :-D

    RispondiElimina
  8. Cara stefi, la ricetta è perfetta e credo che sia proprio quella originale, bravissima! Unico appunto: penso che la carne debba raffreddare nell'acqua di cottura. Baci Daniela da Pisa (non ti ho mai scritto ma ti seguo e ti amo da sempre!!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, la prossima volta seguo questo consiglio. Grazie!

      Elimina
  9. anch'io, dalla prima volta che l'ho assaggiato, ho adorato questa preparazione!! Ma a dire il vero non lo preparo quasi mai, mi devo rifare... grazie per la tua ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure non è tanto complicato, va fatto più spesso!

      Elimina
  10. Un classico della cucina anni 80 che però fa sempre la sua ottima figura, io in estate lo preparo spesso, mia figlia lo adora!
    Oggi ho pubblicato una tua ricetta e ti ho linkato:)
    baci e buona settimana
    Alice

    RispondiElimina
  11. Oddio sto ancora ridendo pensando alla sua auto sportiva e al tuo parallelismo con il quantitativo di vitello tonnato acquistato da tua mamma!!!!! Io, da buona piemontese, ne ho mangiato ad ogni pranzo ufficiale e non mi stancherei mai. L'hai reso semplicemente ottimo!!! Bravissima ^_*

    RispondiElimina
  12. Sono a dieta, e questa cosa condiziona ogni mio pensiero, quindi anche la mia visita settimanale al tuo blog. Ecco la mia versione della salsa, più dietetica, ma spero non troppo sciapetta.
    Io frullo con le lame il tonno sgocciolato finchè non diventa cremoso, poi ci aggiungo, uno o due rossi di uovo sodo (il bianco lo mangia mio marito mentre cucino) a seconda di quanto ti piace forte il gusto dell'uovo, e poi ci aggiungo il brodo di cottura della carne per raggiungere la consistenza giusta.

    Lo so, non sarà mai la stessa cosa, ma d'estate mangio vitello tonnato una volta a settimana, e così tengo sotto controllo i sensi di colpa :D

    Ti seguo sempre :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti adoro Stef

      Elimina
    2. Interessantissimo e decisamente più leggero, proverò! MIlle grazie :)

      Elimina
  13. Un piatto sempre comodissimo, da preparare in anticipo, non delude mai. E piace anche ai bambini.

    Fabio

    RispondiElimina
  14. Eh, mi vien molto da ridere perchè penso a quando ho fatto assaggiare agli stranieri la polenta con la peperonata. E devo dire che fare assaggiare cose che non conoscono è la chiave per vincere la sfida...se gli faccio la lasagna c'è il rischio che mi dicano "Quella del Tesco è meglio". Con queste cose qui non hanno termini di paragone. Quest'inverno ne inizio qualcuno alla bagna caoda! Elena

    RispondiElimina
  15. Un piatto classico che io non ho mai mangiato ma che come dite in tanti deve essere buonissimo! Ed io ne sono assolutamente sicura, non ho dubbi, con il tuo racconto e la tua foto poi ne sono ancora più convinta :)

    RispondiElimina
  16. Senti, non sara', forse, la ricetta originale, ma e' uguale identica a come l'ha sempre fatta la mia mamma, quindi per me e' la sola ricetta che valga. Oh! ...e mi manca terribilmente da quando vivo in Olanda: purtroppo la scelta e' tra il vitello o la rata del mutuo e, mannaggia, vince sempre la seconda....;) Comunque la salsa me la faccio spesso, perche' e' buona anche da sola, sui crostini di pane, o come accompagnamento ad altre carni delicate...Sempre attuale e buonissimo il vitello tonnato...e sempre bello tornare a trovarti!

    RispondiElimina
  17. Come moglie di un piemontese DOC a casa mia è un must, ma non preoccuparti, in qualsiasi modo tu lo voglia fare va sempre bene, ma soprattutto devo ammettere che non ho mai trovato nessuno che rifiuti una o più porzione di vitello tonnato.
    Quindi il Vitello Tonnato ArabaFelice è approvato!!!!

    RispondiElimina
  18. che buono! e perfetto da preparare in anticipo, qua fa ancora caldo e un piatto freddo è piacevole. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. POi il vitello così lo vedo anche abbastanza...invernale, tipo a Natale non sfigura...

      Elimina
  19. cara Stefy, non sarà la ricetta originale ma è uno spettacolo!
    io quando sono di fretta lo faccio anche usando la maionese già pronta e nessuno si è mai lamentato..nemmeno l'Omo, gran brontolone..il che te la dice lunga ;)
    anch'io da bimba facevo impazzire mamma perché non mangiavo mai niente ma quando comprò la pentola a pressione su il vitello tonnato la prima ricetta che provò e...ancora oggi, quando vuol farmi contenta, lo prepara allo stesso modo!
    buono buono buono!
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che questo piatto è piaciuto a tanti bambini ;)

      Elimina
  20. Sono piemontese e non ho mai fatto il vitello tonnato, quindi nemmeno mi ci includo, nei criticoni.
    Comunque, finché si è consapevoli che la propria ricetta è la propria e basta, chissene dei criticoni!
    Io la assaggerei volentieri :)

    RispondiElimina
  21. Adoro il vitello tonnato. Ma ero convinta fosse francese! :D

    RispondiElimina
  22. anche a me piace tantissimo! e anche io credevo fosse francese :O

    RispondiElimina
  23. Ma sai che a casa mia si fa quasi nello stesso modo? Mi hai messo una voglia...stasera mi sa che passo dal macellaio :)
    Ciao Leo

    RispondiElimina
  24. Ottimo risolve quando non hai tempo di stare dietro alla cucina ciaooo e buona settimana

    RispondiElimina
  25. una ricetta per fare un figurone

    RispondiElimina
  26. Buonooooooo!!! Bravissima Stè, sai da quanto tempo voglio fare questa ricetta? Ho sempre rimandato, ma questa volta non ho più scuse!!! Ciao, a presto.

    RispondiElimina
  27. Da tanto tempo non lo faccio!! Io uso un procedimento un filo differente come lo faceva la nonna Maria.... tanto per cambiare è da LEI che mi vengono le passioni... ma mi hai fatto venire voglia di farlo.
    La maionese con l'uovo intero nel mixer ho ancora da provarla... mi sa che la faccio stasera per *esercitarmi*
    A presto bella ragazza.
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosa della ricetta di tua nonna :)

      Elimina
  28. Mi sono sempre chiesta quando avresti postato la tua versione.... :-) uma domamda posso usare la tua maionese furba senza uova? L' uovo crudo nn lo posso proprio mangiare :-( anche il mio bambino nn assaggia quasi nulla..... Speriamo bene sarebbe la volta buona per farglio mangiare la carne. Sei unica e bellissima. Baci Loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi proprio di si, Loredana, si può fare anche con la mmaionese senza uova!!! Un bacione.

      Elimina
  29. Ciao Stefania!
    Mmm, che buono il vitello tonnato.... e' da sempre uno dei miei piatti preferiti!! :P
    Mia mamma lo fa come te, quindi.. ricetta perfetta! ;)
    L'importante e' che ci sia tanta salsa.. non sopporto le fettine appena appena spennellate (tipo il pane con la Nutella.. se ce n'è appena un misero velo tanto vale, eheh!).
    Complimenti e grazie, come sempre!

    Silvia

    RispondiElimina
  30. Il massimo che puoi sperare: che avanzi qualche fettina e il giorno dopo ti fai un tramezzino!:)

    RispondiElimina
  31. Uno dei miei piatti preferiti e ancora non ho visto due persone prepararlo allo stesso modo. In effetti è un piatto che risolve qualsiasi situazione e fa sempre contenti tutti. Qunato allo Starbooks ovviamente vi seguirò come sempre :)

    RispondiElimina
  32. a te si perdona tutto! sei sempre così spassosa nei tuoi post! e chi ti può giudicare? io no di certo! ho persino più volte fatto il vitello tonnato con la lonza di maiale! ha ha ha, ciauuu

    RispondiElimina
  33. Araba, da piemontese meticcia, cioè a metà, ti posso garantire che è la ricetta migliore, la tua, anche se forse, come dici tu, non originale. SE vai alla notte dei tempi in effetti la salsa tonnata non comprende la mayonese ma un impiastro di fondi di carne, mi pare...io non l'ho mai mangiata nè trovata, cmq, nemmeno nelle trattorie in Piemonte,se non in un libro di Cracco, che mi ha talmente entusiasmato che ho regalato alla povera Cinzia di Essenza in Cucina, che naturalmente sa cosa ne penso. E quindi questa,per me, è La ricetta del vitello tonnato!,-)
    Ciao, buona giornata!
    Cinzia

    RispondiElimina
  34. Mai fatto il vitello tonnato, eppure mi piace un sacco. Dici che è facile? Allora ci provo!

    RispondiElimina
  35. Ma tu lo sai che anche io come te non mangiavo niente tranne che pochissime, fra cui il vitel tonnè? Solo che io non l'avevo mai fatto, fino all'estate scorsa, quando una mia amica mi disse: "tu che sei brava in cucina, chissà quante volte l'avrai fatto e quindi prepari il vitello tonnato per ferragosto!" Mi lascio interdetta e non riuscì a confessare che non l'avevo mai cucinato. Feci una versione molto simile alla tua e venne così buono che fu l'unica pietanza che finì, fra l'infinità di roba preparata, e tutti volevano mangiarne ancora... Da allora non l'ho più rifatto, mi sa che devo rimediare!

    RispondiElimina
  36. ma tu sai che io non avrei mai invece immaginato di mangiare il vitello tonnato ed invece mi sono dovuta ricredere .....c'è un post dedicato a te :) da me

    RispondiElimina
  37. io nutro un'insana passione per il vitello tonnato, e la versione che preferisco è quella di mia mamma, che è la sagra dell'eresia.
    quindi poco mi importa se il tuo è doc, dop o non lo è. è la tua ricetta, quella del cuore, e questo basta a farmi incuriosire.

    RispondiElimina
  38. AH, HA vedo che anche tu hai riproposto uno dei classici della cucina piemontese e che soprattutto è facile e e veloce.

    RispondiElimina
  39. Non ci crederai, ma sono stata la disperazione di mia madre ... poche cose mangiavo, anzi pochissime. E se una volta come te mangiavo con gusto qualcosa, anche lei era capace di arricchire il macellaio o il droghiere o il fruttivendolo di turno! Ma il vitello tonnato no, mai. Non si usava in casa mia! Lo scoprimmo, insieme, quando mia cognata sperimentava in cucina. Fu amore da allora. Ma non l'ho mai preparato, lascio tuttora a lei il privilegio di prepararlo per tutti noi. Ma mi hai ... stuzzicato! Non so la differenza con l'originale. Questo mi sembra ottimo! Bacio.

    RispondiElimina
  40. Faccio davvero molta fatica a immaginarti "schizzinosa"! :D
    Meno male che poi, crescendo, t'è passata, altrimenti non saresti qui! :°)

    Al vitello tonnato associo sempre un ricordo di adolescenza: io e i miei genitori a Torino, a cena da mio zio (napoletano con la "N" residente in Piemonte da 30 anni - parlerò di lui, manco a farlo apposta, domani, da me!) e mio padre (suo fratello, ancora più napoletano di lui) che, con tutta spontaneità, gli fa: "'sta schifezza t''a magne tu!". O_O
    Era così disgustato da quella salsa gialla sulla carne e il suo disappunto nei confronti del tonno con la carne era così grande che non ebbi il coraggio di dirgli che quel piatto mi faceva impazzire e volevo a tutti i costi mangiarlo altre volte anche a casa nostra, una volta tornati! :°D
    La tua ricetta è così semplice che... chissà, magari anche un purista della carne come papà potrebbe cambiare idea! ;-D

    RispondiElimina
  41. da piemontese doc posso assicurarti che la tua ricetta è perfetta. L'unica cosa non serve strofinare la carne con il succo di limone perchè deve raffreddare nel suo brodo.
    Da quando ho scoperto il tuo sito sembro julie powell con il libro di ricette della child.
    complimenti per le ricette e per le relative introduzioni.
    un abbraccio
    mariateresa

    RispondiElimina
  42. La tua descrizione di come eri da piccola è esattamente di come sono i miei figli ora. Al secondo in particolare non piace la carne, vuoi vedere che con il vitello tonnato riesco a convincerlo????
    Io ci vado pazza! Ne mangerei di continuo!

    RispondiElimina
  43. Ciao sono Tiziana complimenti per il tuo bellissimo blog. da oggi sono anche io una tua follower. se ti va passa anche dal mio così potrai regalarmi preziosi consigli, visto la tua grande esperienza.
    tanti baci a presto Pitichella
    http://lacucinadipitichella.blogspot.

    RispondiElimina
  44. il vitello tonnato è il piatto preferito di mio marito ma a pensarci bene ancora quest'anno non mi sono cimentata nella sua preparazione....nel frattempo passa da me c'è una sorpresa per il tuo blog:
    http//mammamiaquantericette.blogspot.it

    RispondiElimina
  45. è uno dei miei piatti preferiti, ma lo preparo raramente, approfitterò di una fetta del tuo ciao a presto

    RispondiElimina
  46. Ciao Stefania,
    questo lo proverò, è un piatto che mi piace. Di solito quando si compra/mangia al ristorante lo annegano sempre in troppa salsa, e mi passa la voglia.....
    Buon week end,
    Sara

    RispondiElimina
  47. Ma guarda proprio come succedeva a me! Il vitel tonné era forse l'unico modo in cui accettassi di mangiare la carne da bambina, eppure non ho mai provato a prepararlo. Che bello ritrovarlo qui.

    RispondiElimina
  48. ... anche perché a casa mia era considerato "troppo", e mia mamma non credo me l'abbia mai preparato - qualche volta la nonna, grazie al fatto che in cucina regnava lei.

    RispondiElimina