lunedì 7 marzo 2016

Pavlova al limone e mandorle


Certo te la sei cercata.
Proprio qui.
In uno dei Paesi islamici più conservatori ed osservanti.
Che razza di idea.
Te ne vai in giro con le braccia scoperte.
La testa pure.
Che scandalo.
Hanno fatto benissimo a portarti via con la macchina della polizia religiosa.
Che qui in realtà si chiama Commissione per la Prevenzione del Vizio e la Promozione della Virtù.
Un compito elevatissimo, controllare che nessuno di noi sgarri dalla retta via.
Anche tu.
E non importa che tu sia una bambola gigante.
O meglio un povero lavorante pagato per vestire un costume da principessa dei cartoni.
Stai sulla strada per pubblicizzare un negozio di dolciumi ed attirare i bambini.
Sei ovviamente un insulto alla pubblica moralità.
Un incentivo a comportamenti scellerati.
Un esempio che potrebbe deviare le nostre menti.
Sia mai che vedendoti ci venga voglia di metterci un vestito da principessa.
Le tue foto nel cellulare della polizia fanno quasi ridere, se non fossero tragiche.
Hanno arrestato una bambola.
Ma sul serio.
Vabbè che qui i pupazzi di neve sono considerati anti-islamici.
E Topolino un agente di Satana.
Dei Puffi nemmeno parliamo, per carità.
Che poi a pensarci bene vivono tutti a torso nudo.
E con una sola donna nel villaggio.
Non commento, lo sapete.
Riporto un fatto.
Però spero che l'abbia detto, il poveretto appena si sarà tolto il costume incriminato.
Non è colpa mia.
E' che mi disegnano così :)

Riprendiamo fiato, è il caso di dirlo, con un dolce che vi OBBLIGO a provare se come me amate meringa e limone. Nigella dice che è come una specie di lemon pie  al contrario ma non rende.
E' il paradiso del lemon curd che annega nella meringa, la panna e le mandorle.
Uno di quei dolci assassini che non riuscirete a smettere di mangiare.
Una roba divina.
Lo so che la foto non rende, ma immaginatemi in cucina a cercare di scattare di nascosto mentre gli ospiti sono a tavola...
Su, che di sicuro avete qualche albume da riciclare ;)



LEMON PAVLOVA
per un dolce da circa 23 cm di diametro
da Simply Nigella di Nigella Lawson

6 albumi
375 g di zucchero semolato
 2 cucchiaini e mezzo di amido di mais (maizena)
2 limoni bio
50 g di mandorle a lamelle
300 ml di panna fresca da montare
un barattolo di lemon curd da 375 g

se preferite fare il lemon curd a casa:

2 uova grandi
2 tuorli
150 g di zucchero
succo e buccia grattugiata di due limoni grandi
100 g di burro


Preriscaldare il forno a 180 gradi.
Battere gli albumi finchè cominciano a montare ma ancora non sono ben sodi, aggiungere quindi sembre battendo con le fruste (o in una planetaria) un cucchiaio di zucchero alla volta.
Quando la meringa sarà ben soda e tutto lo zucchero amalgamato unire l'amido, la buccia grattugiata di un limone e 2 cucchiaini del suo succo.
Amalgamare velocemente con una spatola e non con le fruste quindi versare il composto in una teglia coperta con carta forno (imburratela, è meglio, o spruzzatela con spray staccante) ed allargarlo in un cerchio di circa 23 cm di diametro.
Infornare ed IMMEDIATAMENTE ABBASSARE IL FORNO a 150 gradi. Cuocere per un'ora quindi spegnere il forno e lasciare la meringa dentro con la porta socchiusa finchè raffredda completamente.
Intanto tostare velocemente in padella le mandorle finchè saranno colorite, ed a parte montare la panna (non troppo, deve rimanere un po' morbida) e tenerla in frigo.
Circa un'ora prima di servire spalmare delicatamente il lemon curd sul dolce, coprire il curd con la panna ed infine completare con le mandorle e la buccia grattugiata dell'altro limone.
Tenere in frigo.
Se preferite fare il lemon curd in casa Nigella dà la sua ricetta: mettere succo di limone, buccia, uova, tuorli e zucchero in un pentolino e girare velocemente con una frusta a mano, unire quindi il burro a pezzetti e mettere tutto su fuoco medio, girando sempre.
Il composto pian piano addenserà (ci vogliono pochi minuti).
Trasferirlo in una ciotola, farlo raffreddare a temperatura ambiente e poi in frigo.


NOTE

- la base di meringa può essere preparata il giorno prima, tenetela al riparo dall'umidità, meglio se in un contenitore ermetico.

- il curd può essere preparato diversi giorni prima e tenuto in frigo, idem le mandorle.

- Nigella usa un lemon curd acquistato: suggerisce, nel caso, di assaggiarlo sempre ed eventualmente aggiungere un po' di succo di limone, visto che quelli comprati sono spesso molto dolci.

- la pavlova assemblata è buona anche il giorno dopo ma avrà perso un po' di croccantezza.

 - la cottura di Nigella è piuttosto veloce e la meringa colorisce un pochino. Se avete tempo, potete preriscaldare il forno a 150 gradi, infornare ed abbassare immediatamente a 100 gradi. Continuare la cottura per un paio d'ore, facendo freddare con lo stesso procedimento indicato nella ricetta.

- se preferite un lemon curd con meno burro qui la ricetta di Martha Stewart.

- pazzi per la Pavlova tanto quanto me? Allora sul blog trovate anche quella classica, quella con lo yogurt ed il marshmallow ed anche una al cappuccino! Qual è la vostra preferita? :)

20 commenti:

  1. Devo dire che questa cosa fa un tantino ridere, o forse piangere. La prima cosa a cui mi è venuto da pensare è stato "ma non hanno niente di meglio da fare?". Devi stare attenta perchè potrebbero anche cominciare a prendersela con i tuoi dolci super libidinosi. Questi si che inducono al peccato

    RispondiElimina
  2. Uno dei miei dolci preferiti, splendida!!!!

    RispondiElimina
  3. ho scoperto la pavlova e il lemon curd grazie a te, la prima è diventata il mio dolce preferito, il lemon curd non lo rifaccio per non finirlo a cucchiaiate... e tu che fai? me li metti insieme? Nigella è un mito, ma nemmeno tu scherzi! ricetta segnata, inizia a sentirti in colpa per i miei fianchi ;P

    RispondiElimina
  4. Un dolce favoloso, profumato e goloso e ottimo per quelle volte quando gli albumi sono di avanzo !

    RispondiElimina
  5. Ho scoperta il lemon curd da pochissimo 15 circa!!! Me lo ha consigliato mio figlio che studia in Belgio e lo ha assaggiato li
    Poi la meringa mi piace un sacco , non ho mai fatto una Pavlova questa mi sembra ottima!

    RispondiElimina
  6. una roba divina, Stefi, sicuramente non si può definire in altro modo. Mamma che voglia di affondarci il muso!!!!

    RispondiElimina
  7. Una nuvola di bontà questo dolce...che per un bel pezzo dovrò evitare avendo appena scoperto di essere intollerante all'uovo, soprattutto all'albume!
    Sul resto non commento...sono rimasta senza parole...
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  8. Sinceramente non so se ridere o pinagere di questo racconto...per la mia mentalità dovrei ridere, ma mi rendo conto che là le cose sono completamente diverse e visto che comunque sono una grande fautrice del "rispetto", il vestito da principessa non rientra nel rispetto di quelle regole....
    Cambierà qualcosa prima o poi?
    Beh intanto super complimenti per questo squisito dolce

    RispondiElimina
  9. In questo giorno in cui ricordiamo le donne che hanno subito e lottato affinchè noi oggi potessimo avere i diritti di cui godiamo mi fa un certo effetto leggere che una bambola è stata arrestata!!!
    Spero che anche in quelle zone le donne un giorno riescano avere la possibilità di vivere e non solo sopravvivere...che tristezza...

    Come posso commentare la tua pavlova??? Buona, delicata, stilosa e d'effetto.
    Quasi quasi mi cimento e provo domenica. Mi pare che sia fattibile anche per me (se sostituisco la maizena con la fecola?), oltretutto ho parecchi limoni sulla mia pianticella...
    Un abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, sostituisci pure tranquillamente! Quanto al resto lo sai....no comment :(

      Elimina
  10. Ciao Stefania,
    intanto auguri per l'8 marzo (anche se saremmo donne tutto l'anno, ma vabbeh....).
    In relatà io devo essere un ben strano animale.... credo di essere una delle pochissime tue seguaci, se non l'unica, che predilige le tue ricette salate a quelle dolci, nonostante siano favolose!
    Anche questa è invitantissima e deve essere buonissima (tra l'altro ho visto anche la puntata in tv in cui Nigella la preparava), ma non mi viene voglia di mangiarla, al massimo assaggiarla ¬_¬ U_U
    Baci,
    Sara

    RispondiElimina
  11. Questa la devo proprio fare!!! Grazie!

    RispondiElimina
  12. Questa la devo proprio fare!!! Grazie!

    RispondiElimina
  13. Sì ti vedo di nascosto a fotografare in cucina questa pavlona invitantissima! se avessi avuto più tempo per fotografarla mi sarei messa direttamente a leccare il pc!
    obbligata!
    Per il resto non commentiamo in molte vedo... Mi auguro che l'abbiamo scarcerato velocemente, o lì la giustizia funziona?
    Un bacione grande Araba patrimonio del foodweb!

    RispondiElimina
  14. Meglio che abbiano arrestato una bambola che un cristiano! e chissà perché, non riesco a ridere..;-)
    Ciao Araba!!.-))

    RispondiElimina
  15. sai che orgoglio arrestare una bambola... facciamoci almeno questa pavlova per riprenderci un po'

    RispondiElimina
  16. e si è sublime!
    tu ti stupisci in un paese islamico, ma pensa che qui in Sicilia un bimbo di 6 anni è stato terrorizzato da un prete e una suora perché teneva in camera un poster dei Pokemon e loro gli hanno detto che è il diavolo! no comment

    RispondiElimina