mercoledì 27 febbraio 2013

Starbooks di Febbraio 2013: Polpette di agnello e pinoli con salsa tahine



Con il dolce andavamo sul sicuro.
Con il fritto, manco a dirlo.
Ma ora arriva il bello.
Una polpetta che non è una polpetta.
Senza uova.
Senza pangrattato.
Senza formaggio.
Tante spezie.
I pinoli.
Che siano buone lo percepisco in bocca a solo leggere gli ingredienti sul libro dello Starbooks di questo mese, ovvero Jerusalem di Yotam Ottolenghi e Sami Tamimi
La salsa poi, deve essere divina.
E fin qui tutto ok.
La prova del nove: l'augusto consorte.
L'uomo per cui la cannella è uno strumento del demonio, creato per soffocarlo nel disgusto.
Non parliamo di cumino, pepi, cardamomo e simili.
Per carità.
Figuriamoci se le mangia, c'è metà degli ingredienti che eliminerebbe dalla faccia della Terra.
Porto in tavola, ed aspetto.
L'aspetto è invitante, non ci piove.
Speriamo sia attratto dai pinoli...
E che non chieda.
Ne prende una, la salsa ci va insieme?
Certo.
Sono pronta ad alzarmi e mettere su l'acqua per uno spaghetto di salvataggio.
Tutta in bocca, la prima.
Accidenti al telefono che suona, inopportuno.
E invece di poter chiedere come sia mi tocca dire pronto.
Lo guardo mentre parlo, cercando di tagliare corto.
E' a quota tre.
Non credo si fermerà, a quanto pare.
Che buone, sono.
Sorrido.
Davvero, ti piacciono?
Moltissimo. Rifalle!
Non chiede, non domanda.
Uffa!
Vuoi sapere cosa c'è dentro?
Lo chiedo strafottente, gongolando della vittoria...
Mi spiazza.
No. Lasciami così. Non voglio sapere.
Se n'è mangiato dieci, di numero.
Dice che non leggerà nemmeno qui sotto, per non intaccare il ricordo.
Chissà se resisterà alla curiosità :-)


Queste kofta, che in arabo vuol dire proprio polpetta, sono semplici da fare e non richiedono ingredienti particolarmente complicati: ma quello che viene fuori è indescrivibile nei profumo e nei sapori.
Come al solito Ottolenghi confeziona una ricetta perfetta nelle dosi, maniacale come piace a me nelle indicazioni e dal risultato garantito.
Raccomanda che la carne di agnello sia comprata fresca e macinata di fronte a voi, possibilmente proveniente dalla spalla.
Quanto al burro per servirle, usatelo solo le mangiate subito: altrimenti rapprenderà formando una patina poco invitante.


 Ecco le altre ricette di oggi:

Menu Turistico con  Helbeh
Arricciaspiccia con  Basic Hummus
Le Chat Egoiste con  Chocolate Krantz Cakes
La Gaia Celiaca con  Mejadra
Ale only Kitchen con  Polpette al limone e porri
Andante con Gusto con  Pollo all'arak e clementine



Ed ora un veloce reminder dello Starbook: Redone, ovvero la possibilità per voi di provare e pubblicare le ricette già testate dalla banda Starbooks, o altre provenienti dai libri già utilizzati.
Per le indicazioni rimando al post apposito, mentre questo qui sotto il banner che potete utilizzare se decidete di aderire all'iniziativa. 
Vi aspettiamo! :-)




KOFTA B'SINIYAH
per circa 18 pezzi

per le polpette

400g di agnello macinato
400g di manzo o vitello macinato
150 g di cipolla
2 spicchi di aglio
50 g di pinoli
30 g di prezzemolo tritato
un piccolo peperoncino, privato dei semi 
un cucchiaino e mezzo di cannella
un cucchiaino e mezzo di all spice
 3/4 di cucchiaino di noce moscata
un cucchiaino e mezzo di pepe nero
un cucchiaino e mezzo di sale
burro o ghee per servirle, facoltativo

per la salsa

150 g di tahine
3 cucchiai di succo di limone
uno spicchio d'aglio
120 ml di acqua
sale 
paprika dolce



Mettere le due carni, le spezie, la cipolla tritata fine, l'aglio tritato fine, i pinoli tostati in padella e grossolanamente tagliati, il prezzemolo tritato, il peperoncino e tutte le spezie insieme al sale.
Mischiare molto bene con le mani stringendo il composto tra le dita.
Formare quindi degli ovali da circa 60g ciascuno, stringendoli bene in modo che tengano la forma.
Mettere in frigo fino al momento di cuocere.
Per la salsa, mescolare la tahine, il succo di limone, l'acqua, l'aglio tritato e un pochino di sale.
Dovrà essere più fluida del miele, quindi valutare se aggiungere ulteriore acqua.
Scaldare poco olio di semi in una padella e rosolare le polpette da tutti i lati.
Scolarle e passarle in forno a 200 gradi per circa 2, massimo 4 minuti, finchè saranno ben cotte anche all'interno.
Sistemare la salsa in una teglia, adagiarvi sopra le polpette e rimettere tutto in forno giusto il tempo che si scaldi, un minuto al massimo ( la salsa non deve cuocere!)
Servire subito volendo con del burro o ghee fuso sopra, se si vuole,  guarnendo il piatto con altri pinoli tostati, della paprika dolce e qualche foglia di prezzemolo.

NOTE:

- le polpette crude possono stare in frigo anche una giornata.

- le polpette crude si possono surgelare.

- le polpette possono essere cotte con molte ore di anticipo, e poi scaldate con la salsa poco prima di essere servite.

- sono molto buone anche a temperatura ambiente.

- l'all spice è un tipo di pepe, non un mix di spezie. E' chiamato anche pimento o pepe di Jamaica. In Italia si trova nelle drogherie proprio con questi nomi (a Roma ce l'ha Castroni), ed il suo aroma ricorda un po' un mix di noce moscata, chiodi di garofano e cannella.


74 commenti:

  1. che ricetta splendida ..sarei curiosa di provarla un abbraccio simmy

    RispondiElimina
  2. se le ha gradite lui, cosa potrei pensare io, che amo la cannella tantissimo e le spezie tutte?
    Devo pensare di provarle! e di comprare questo libro di Ottolenghi, che già col primo mi aveva conquistata :)

    RispondiElimina
  3. Io invece, che adoro le spezie, so già che gongolerò solo facendole, figurarsi a mangiarle!
    Buonissime, ne sono certa! :)

    RispondiElimina
  4. Nome impronunciabile.... poi con la bocca piena di polpette ancora meno!! Io adoro la carne di agnello e i sapori speziati: mi ci tuffo! Un bascio!!

    RispondiElimina
  5. LOL....è andato a vivere nel posto giusto per odiare le spezie :)
    Potresti provare a fargli mandar giù anche il nostro dolce di oggi...praticamente latte di soia e cannella e stop :) Però preparati l'alternativa...così in purezza mi pare decisamente più a rischio :)

    RispondiElimina
  6. a me non piace l'agnello, ma il mio ragazzo sono sicura andrebbe pazzo per queste polpettine

    RispondiElimina
  7. Ah dimenticavo...ma nell'all spice che avete li cosa c'è? prevalenza di cumino/coriandolo o non è decifrabile? ;)

    RispondiElimina
  8. Ciao Stefania,sai bene che io non ho problemi con la cannella con la carne.Penso che non riuscirei a fermarmi a dieci...
    Un bacio

    RispondiElimina
  9. Non amo la carne di agnello, trovo che sia troppo saporita, sappia un po' troppo di "selvatico". Certo che con tutte quelle spezie magari il sapore un po' si stempera. Al contrario della tua dolce metà io sarei invece curiosa di assaggiarle proprio per sentire l'abbinamento con le spezie, che io adoro.

    RispondiElimina
  10. Ciao Stefania, eccola una tua nuova spettacolare proposta "senza". Le adoro!! Credo che nemmeno io mi sarei potuta mangiare meno di 10 polpette...adoro l'agnello (nella terra d'origine della mia mamma, l'abruzzo, è una carne che si consuma molto spesso) con quel suo gusto così particolare e unico e con tutte queste spezie dev'essere una cannonata!
    un bacione e buon rientro!!!
    Nell'all spice quali spezie sono indicate? cumino, coriandolo..??

    RispondiElimina
  11. Devo prendere questo libro mi piace e mi incuriosisce troppo cosi come queste kofta ed hanno superato anche la prova marito quindi anche il mio che non ama molto le spezie le papperà di sicuro!!Baci,Imma

    RispondiElimina
  12. Mi piace l'agnello e si sta avvicinando il periodo giusto x consumarlo (mi tirero' dietro le ire di qlc con qst commento ) e qst polpette saranno squisite! Tra le spezie a me nn fa impazzire il cumino ma mischiato a tutte le altre si camuffa bene direi!! Ciao luisa

    RispondiElimina
  13. Tavolta è meglio (per alucni) non alzare la coltre di mistero e papparsi il gustoso piatto in religioso silenzio ;-) Ho già l'acquolina in bocca....

    un abbraccio cara

    RispondiElimina
  14. agnello no grazie. mai specie ora. e non sono disponibile a cedere. la cannella invece l'adoro e leggendoti scopro che entrambi i nostri mariti la odiano. il mio - che mangia tutto tranne cetrioli e melone - ha rifiutato un buonissimissimo banana bread che rifatto senza cannella non sapeva di poco. idee, trucchi, astruzie per fregarli?

    RispondiElimina
  15. volevo dire che il banana bread senza cannella sapeva di poco. :-)

    RispondiElimina
  16. i tuoi piatti cara sono sempre una garanzia di raffinatezza e golosità!
    bacione

    RispondiElimina
  17. Questo libro a quattro mani israelo-palestinesi, fatto a Londra, sulla cucina mediorientale, è il più bello che abbiate presentato. Penso proprio che lo comprerò, ma non su Amazon però:
    http://cronachedallalibreria.blogspot.fr/2013/02/amazon-shock.html
    Per i non sapienti, come si fanno le all spice?

    RispondiElimina
  18. Ciao Stefania, solo una piccola domanda: se volessi evitare l'agnello, dici che perderei molto? Grazie e un abbraccio

    RispondiElimina
  19. ciao stefania!! non vedo l'ora che cominciate la prossima settimana con il nuovo libro!!! queste semi/polpette sn veramente appetitose! complimenti!

    RispondiElimina
  20. Quante ricette che trovo nel tuo blog. wow !!! Kiss Marcella

    RispondiElimina
  21. queste le ho assaggiate da un'amica che ama questa cucina e a dirti il vero anche io!!! sono buonissime, saporite e con la salsa si sposano divinamente!!!

    RispondiElimina
  22. Io sono il prototipo dell'incapacità, ma queste sono fantastiche!

    RispondiElimina
  23. Ciao Stefania ben tornata!
    Io, più che tacergli le spezie, dovrò tacere la carne di agnello.... ma l'intenzione di proporle al Martirio c'è. Con il piccolo invece posso andar liscia... mangia tutto e le polpette gli piacciono sempre... in qualsiasi modo le faccia.
    A presto
    Nora

    RispondiElimina
  24. L'angusto consorte mi sa che se non ama le spezie ha scelto un brutto posto per vivere!!
    Io avrei mangiato come minimo tutti e 18 i pezzi!!!

    RispondiElimina
  25. Stefy, io adoro le spezie ma se non ti dispiace le preparo con altro tipo di carne perché l'agnello non riesco davvero ad affrontarlo..:-(
    Bacioni! ;-) Roberta

    RispondiElimina
  26. ah ah! "non voglio sapere" molto saggio, se è buono perché indagare? io, invece, adoro le spezie!!! :-D

    RispondiElimina
  27. Sembrano fantastiche.
    Ma davvero solo 2-4 minuti in forno? Si cuociono dentro?


    (ah by the way, i tuoi micro cheesecakes sono diventati un must delle mostre merende! grazie!)

    RispondiElimina
  28. Quel libro...quel libro...è diventato l'oggetto del desiderio di Sonia (l'altra "carambola") e ormai anch'io non vedo l'ora di poterlo comparare. Detto questo, capisci già che sono innamorata persa di questa ricetta. Punto.
    Un bacione carissima...era tanto che non passavo da te...troppo...
    :-)
    bacione
    simo

    RispondiElimina
  29. Oggi giornata no! La mia prima risata da quando sono sveglia l'ho fatta leggendo il tuo post.
    Ricetta particolare che salvo ma ammetto di non conoscere il tahine. Vado a documentarmi.
    Baci.

    RispondiElimina
  30. mai cucinato l'agnello, devo rimediare!!!

    RispondiElimina
  31. Forse serve sapere che all spice e pepe della Jamaica sono la stessa cosa. A me piace tantissimo. La ricetta e sicuramente da provare.

    RispondiElimina
  32. Quindi alla carne di agnello hai mescolato quella di manzo, prendiamo nota perchè queste polpettine le troviamo davvero buonissime. La salsa tahine per noi è una novità, in questo momento siamo incredibilmente attratti dal tuo piatto!
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  33. caspita! per dire che metà degli ingredienti erano da cancellare.. 10 polpette mi sembra un numero davvero quasi inumano!! in effetti a vederle sono davvero invitanti, nonostante io non sia una fan dell'agnello.. baci

    RispondiElimina
  34. @ SImona Mastrantuono: grazie :-)

    @ Valentina: prendilo, assolutamente!

    @ Memole: :-)

    @ Giulietta Alterkitchen: provale e vedrai :-)

    @ Patty Patty: vedrai che non serve dirne il nome per mangiarne...;-)

    @ manineinpasta: uhm...non posso osare tanto :-D per l'all spice ho aggiunto una nota ;-)

    @ Elisina: :-)

    @ Edith Pilaff: a te le cucinerei se venissi a cena, e senza alcun dubbio!

    @ elenuccia: in realtà l'agnello è "tagliato" con il manzo, e risultano piiuttosto delicate.

    @ Clara Pasticcia: sono contenta che la ricetta ti piaccia! E per l'all spice ho aggiunto una nota :-)

    @ Dolci a gogo: ricordo che anche il tuo è un po'...difficile :-)

    @ Mamilu: vedrai, sono buonissime. E cumino non ce n'è ;-)

    @ Letiziando: parole sante!

    @ MarinaM: la cannella l'adoro, pensa che devo tenerla chiusa in un barattolo e dentro un sacchetto, che il marito-naso-fino la sente sempre!!!

    @ SQUISITO: ti ringrazio.

    @ Pellegrina: ti piace, bene! E grazie per avermi illuminato su Amazon...

    @ Roberta Il senso gusto: l'agnello qui è tagliato con il manzo, in realtà. Sono molto buone così e non lo senti molto, in realtà. Ma se vuoi farle tutte di manzo o vitello saranno buone lo stesso, anche se un'altra cosa :-)

    @ Julia: tra due settimane ;-)

    @ Moda: :-)

    @ Dolcemeringa Ombretta: concordo, sono divine!

    @ Anna: ma queste sono facilissime!

    @ TataNora: prova, è tagliata con il manzo...

    @ ELel: ma tanto mangia sempre a casa ;-)

    @ Roberta Morasco: l'agnello è a metà con il manzo...falle tutte con il secondo ;-)

    @ Acquolina: glielo dirò, che è saggio :-D

    @ Unknown: essendo state rosolate prima in padella si, il tempo è sufficiente. Ma puoi aumentarlo un pochino se vuoi essere proprio siicura! E grazie per le minicheesecakes ;-)

    @ l'albero della carambola: beh, merita!

    @ Natalia: è una crema fatta con il sesamo tostato, serve a fare l'hummus...

    @ Federica Simoni: possibile???

    @ Kipepeo: giusto, più nomi per la stessa cosa. Grazie!

    @ Luca e Sabrina: è la crema di sesamo con cui si fa l'hummus, e molto usata nella cucina mediorientale.

    @ conunpocodizucchero elena: :-)

    @ Valeria: beh, in effetti ha avuto del disumano :-D

    @

    RispondiElimina
  35. porca miseria mi mangio le mani (o queste polpette!)...un po' di tempo fa in cerca di un libro da regalarmi avevo preso in considerazione questo Jerusalem...poi pensando che in ogni ricetta ci fosse un ingrediente strano (e qui introvabile) ho optato per qulacosa di piu' tradizionale. Ed e' un po' che ogni ricetta che incontro tratta da questo libro ispira un sacco ed ha critiche ancora migliori!!!Uffa!!
    Martina

    RispondiElimina
  36. WOW!!!
    Ecco queste sono proprio per me: senza formaggio, senza uova (per me pochissime) e soprattutto con tante spezie!!
    Queste polpettine le farò senza dubbio, mi piace "polpettare" con i figli, escono sempre delle forme stranissime e divertenti.
    Oltretutto le spezie, in quantità moderate, piacciono anche a loro.
    L'Augusto Consorte mi fa sbellicare dalle risate: non vuole sapere e non leggerà questo tuo post per non rovinare il ricordo di questo piatto.
    E' veramente forte ^_^
    Questo libro di Ottolenghi e Tamimi è strepitoso: ci stai proponendo alcune loro ricette deliziose!!!

    RispondiElimina
  37. Quindi le altre 8 te le sei magnate tu? :D :D :D

    Forse le rifarò...anzi chiederò di rifarmele. Ogni tanto facciamo lavorare le maestranze, su! :)))

    RispondiElimina
  38. Mi hai convinta!!!
    Non che ci volesse molto, intendiamoci: ho imparato a fidarmi di Yotam e di te mi fido ciecamente.
    Si fida anche l'Augusto Consorte a quanto pare, e mi piace la determinazione con cui NON vuole sapere che cosa c'è dentro!!! :-D

    RispondiElimina
  39. Ah ho capito...e ce l'ho pure in dispensa l'all spice...solo che io l'avevo sempre chiamato pepe di jamaica o pimento...che secondo google sono la traduzione italiana di all spice...della serie "false friend" :) E non ci crederai, ma ho capito quando ho letto la tua descrizione del sapore :)

    RispondiElimina
  40. vedo che entrambi i nostri (scettici) mariti apprezzano yotam... mi sembra un risultato eccellente!
    bellissime queste kofta, da fare e rifare e rifare :)

    RispondiElimina
  41. io ci sonooooo prelevato il bunner

    RispondiElimina
  42. le voglio! questo yotam, come ho detto ovunque da noi, è splendido, e queste ricette da provare tutte.
    certo che sei tornata alla grande, cara mia!

    RispondiElimina
  43. Ben tornata alla stra-grande!!! Non sono un'estimatrice dell'agnello (e a dir eil vero della carne in generale), ma queste polpette devono essere mitiche, forse perchè c'è quella crema con la tahine....
    Buona giornata

    RispondiElimina
  44. Anche queste polpette saranno presto sulla mia tavola... :-) Mi erano piaciute fin dal primo sguardo sul libro!
    Bentornata!

    RispondiElimina
  45. Devo assolutamente provarle ma non ho ancora trovato l'all spice! Anche io non amo (non amavo) molto la carne di agnello mio marito l'adora e ricordo che mia mamma (come te italiana trapiantata in un paese arabo) ne preparava tanti di piatti in cui la base era agnello e le spezie ne mitigano il gusto! Gnam

    RispondiElimina
  46. Grazie a te! comprato pepe della Jamaica, anche se avrei qualche dubbio sulla sua tradizione gerusalemmica ;-)...
    Sì, mi piacciono le ricette come la storia di questo libro; vero è che purtroppo dai vari blog si faceva a volte fatica a capirla nei suoi esatti termini: eppure, non si dovrebbe aver mai paura di una carta geografica, giusto?
    Poi ho scoperto pure la conclusione, molto tenera: che i due si sono anche innamorati! Omnia vincit amor, insomma, il che non è male...

    RispondiElimina
  47. vittoria alla grande per yotasm che ha saputo regalarci profumi e sapori unici! e complimenti a te per la realizzazione ... credo che anche tuo marito abbia gradito questo libro...sbaglio??? baciiiiiiiiii

    RispondiElimina
  48. e' sempre bello leggere i tuoi post....complimenti!!

    RispondiElimina
  49. Io sono drogatissima di cannella a volte mastico proprio i pezzettini di stecca tipo ruminante ma per una volta sono d'accordo con il Divin Consorte, per me è bandita dalle preparazioni con la carne e non ce la posso proprio fare a cambiare idea! Però tutto il resto della ricetta è veramente super e non vdo l'ora di provarla! :P

    RispondiElimina
  50. Un plauso a tuo marito, un uomo che gusta e non vuol sapere cosa c'è dentro, per prolungare il piacere dell'insieme, che è diverso dal singolo ingrediente, sotto accusa se in solitaria, ma apprezzatissimo se bilanciato nelle giuste dosi con gli altri ingredienti di questa ennesima ricetta di Jerusalem, che mi ha stregato tanto da averlo acquistato. Spero mi arrivi oggi, provo un interesse dolce e nostalgico per quella cultura tanto profonda e dolorante sia di Ottolenghi che di Tamimi e pensarli insieme a scrivere un libro di cucina era impensabile per me lasciarmelo scappare. Con voi dello starbooks è stata poi una spinta naturale. Bravissime. e queste anche le metto nella lista di Jerusalem. un abbraccio e buon fine settimana***mony

    RispondiElimina
  51. Ciao! Il tuo blog è davvero carino e ricco di ricette interessanti! Mi sono iscritta, ti va di ricambiare?
    Ti aspetto!
    Anna

    http://ildiariodellamiacucina.blogspot.it/

    RispondiElimina
  52. ummh, che acquolina! giusto ieri pensavo ad una macelleria (bella) araba che ho adocchiato... non appena riesco ad andarci provo di sicuro questa ricetta! Mio marito mangia proprio tutto, che detto così, come dire...non c'è merito...
    saluti Su

    RispondiElimina
  53. Ciao Stefy, che spettacolo di polpette.. anche la mia dolce metà fa così... di solito quando gli piace qualche ricettina non domanda mai gli ingredienti... sarà che non si fida di me??? un bacio Faby

    RispondiElimina
  54. a parte l'agnello che non amo molto adoro tutte le spezie che ci sono!!! io per abitudine le faccio solo di carne! la salsina fa per me, mi sa che tuo marito si sta sensibilizzando :D ottime cara!! ciaooo

    RispondiElimina
  55. Ho comprato Jerusalem in formato Kindle e vorrei ringraziarti per avermi fatto conoscere questo bellissimo libro. Avrei preferito averlo in versione cartacea, però non lamentiamoci; un iPad
    imbottito di libri é uno dei migliori regali che l'informatica ci abbia potuto regalare.Specialmente per noi che viviamo un po' fuori dal nostro mondo.

    RispondiElimina
  56. Invece io amo le spezie, proverò questa ricetta!!!
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  57. Sto ancora ridendo. Se la telefonata durava un minuto in più, con il piffero che la mangiavi la polpetta!
    Questi mariti sono dei cartoni animati. Come potremmo farne senza?
    Ti giuro che nonostante io non sia amante dell'agnello, queste le faccio senza se e senza ma!
    Ci mancherai tantissimo domani. Un forte abbraccio, ma forte, Pat

    RispondiElimina
  58. Dunque: siccome io di te mi fido ciecamente (tranne che per lo zucchero, confesso, ma lì è l'imprinting primigenio), vado al mercato, lo giro tutto prima di trovare un macellaio (arabo) che accetti di macinarmi l'agnello, poi commossa all'idea di averlo trovato balbetto 400 g grazie; lui parte smembrando un cosciotto e adesso mi ritrovo con carne da polpettare per un esercito (e il portafogli più leggero)! Comunque sappi che la tua fama è arrivata fin qui, perché quando gli ho spiegato a cosa mi servisse cotanto ben di dio, gli ho visto un vero lampo di felicità e d'orgoglio brillare negli occhi e mi ha chiesto se fossi araba anch'io (e ce ne vuole, eh!). Così gli ho raccontato la tua storia...

    RispondiElimina
  59. Cara Araba ai tuoi racconti sono sempre spassosissimi, immagino la tua faccia quando ti sei trovata davanti quella simpaticissima parola.....il problema è che avere un blog ti porta via un sacco di tempo anche se tutto è fatto con la passione più grande, me ne rendo conto io che non ho di certo la posta che hai te!!! Capisco anche che alla gente facciano piacere i tuoi preziosissimi consigli, però forse un pò di rispetto non guasta. Un abbraccio Manu

    RispondiElimina
  60. Che goduria farle, con quel profumo di spezie (io ho rigorosamente omesso tutto ciò che inizia per p perché non mangio piccante, a parte la Giamaica). La salsa però nel forno mi si è rappresa molto, e il sapore di limone è sparito. Forse l'ho lasciata troppo, ma ne ho ancora: riprovo! I miei padroni di casa hanno cercato invano l'ingrediente segreto ;-) specie lui diffidentissimo, sembrava la versione francese dell'AC!

    RispondiElimina
  61. La salsa in forno deve starci proprio poco in effetti, diventare appena tiepida e tiri fuori...
    Curiosissima, ma alla fine hai svelato l'arcano???

    RispondiElimina
  62. No! Un pizzico di mistero non può che far bene a volte :-)

    RispondiElimina
  63. che delizia....mi sa che mentre postavi io mi stavo gustando qualcosa di molto simile vicino a te, in Giordania :-)))

    RispondiElimina
  64. Chissà perché gli uomini odiano tutte le spezie che noi adoriamo...
    L'idea di nasconderle nelle polpette è geniale e... furbissima!

    RispondiElimina
  65. ciao araba
    io queste polpettine vorrei farle dal giorno in cui le hai postate, ma qui a milano non sono ancora riuscita a trovare qualcuno che mi macini l'agnello! dicono tutti che per "questioni batteriche" non lo fanno :(
    eli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai sentita questa cosa!!! Mi spiace :-( l'unica sarebbe comprare la carne e macinarla da te ma non è detto che tu abbia un tritacarne...

      Elimina
  66. no infatti non ce l'ho, dici che tagliando l'agnello al coltello le polpette ne risentirebbero molto?
    eli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo solo che non verrebbe fine abbastanza...

      Elimina
    2. Hai provato nelle macellerie Halal? Intendo quelle musulmane? Loro lo macinano di sicuro...

      Elimina
  67. no non ci avevo pensato! ne cercherò una sperando di trovarla in zona :D
    grazie mille!
    eli

    RispondiElimina