lunedì 10 dicembre 2012

Sciroppo di mirtilli, in due ingredienti e dieci minuti!




Quando si dice un controsenso.
Proprio vero.
Esce in questi giorni in Italia il nuovo film di una regista saudita.
Nel suo Paese non lo vedrà nessuno, i cinema sono vietati.
E se si prova a chiederne il perchè le risposte sempre vaghe.
Potrebbero indurre a comportamenti illeciti.
Dev'essere il buio della sala ad impensierire.
La bicicletta verde, il titolo.
Anche qui un problemino.
Alle donne in Arabia non è vietato solo guidare l'automobile.
Anche andare in bicicletta riserva i suoi problemi.
Semplice, non si può.
Non che ci sia una legge apposita, questa volta.
Ma è consuetudine, mi viene spiegato.
Pare che possa danneggiare la virtù delle ragazze.
Come, nessuno che lo sappia.
Ebbene, la protagonista del film, una ragazzina, una bici la desidera da morire.
Per correre con il vento sulla faccia, lei che dimentica spesso di mettere il velo, con tutti i rimproveri e le conseguenze che ne derivano.
Per battere in velocità un compagno un po' sbruffone.
Ma costa un mucchio di soldi, per lei che è solo una giovane studentessa.
Si iscrive allora ad un concorso di recitazione del Corano.
Lo vince, con conseguente premio in denaro.
Ma appena confessa come vorrà utilizzarlo, le viene tolto.
Vergogna, una bicicletta.
Nemmeno avesse chiesto di frequentare un corso di lap dance.
La giovane Wadjda verrà isolata e mal giudicata.
Punita e rimproverata.
Ma non abbandonerà il suo sogno.
E dimostrerà che quelle che si svolgono dentro una casa sono rivoluzioni tanto grandi ed importanti come quelle nelle piazze.
E' difficile, da queste parti, credetemi.
Una struttura totalizzante che non lascia spazio a nulla, nemmeno ai desideri.
Non voglio svelare ora se la bicicletta verde del titolo riuscirà ad avere la meglio.
Verde è il colore dell'Islam.
Ma anche quello della speranza.
E non solo quella di vincere un Oscar ;-)


Una delizia da farsi in pochi minuti e come di moda da un po' su queste pagine con soli due ingredienti :-) un risultato delizioso alla portata della cuoca più inesperta!
E conservata dentro una bottiglietta graziosa come la mia, regalo di cari amici, diventa anche un pensierino natalizio graditissimo.
Come si usa? Ma ovunque!
Dallo yogurt al gelato tutto prenderà un gusto delizioso ;-)




BLUEBERRY SYRUP
da Nigella Express

320 g di sciroppo d'acero
210 g di mirtilli (anche surgelati)

Versare i mirtilli e lo sciroppo d'acero in un pentolino a fondo spesso.


Mettere su fuoco medio, far raggiungere il bollore ed abbassare il fuoco in modo che rimanga solo una leggera ebollizione.
Calcolare dal bollore circa 10 minuti, tempo sufficiente per far disfare i mirtilli quasi completamente.
Usare immediatamente oppure versarlo ancora caldo in un barattolo o bottiglia sterilizzati.
Conservare eventuale rimanenza in frigo.

NOTE:

- in barattolo chiuso dura oltre due settimane! Ottimo per i pensierini natalizi.

- ancora più buono se prima di usarlo lo scaldate leggermente.

- usatelo per guarnire pancakes, anche in versione dietetica o furbissimi :-) oppure gelati, yogurt, sorbetti, accompagnare budini e torte. No limits!




66 commenti:

  1. Ogni volta resto sempre piu impressionata dalle restrizioni in cui vivono le donne li, ma non credo che sia possibile che cambi mai qualcosa e triste tutto cio....mi consolo con questo sprintissimo sciroppo delizioso!! Baci, imma

    RispondiElimina
  2. Non sapevo di questo film , il cinema mi piace e magari alle volte attraverso dei film si può far conoscere delle verità ... Però e' sempre triste la condizione della donna li....
    Succo furbissimo;) già lo vedo sul gelato!!!!
    Baci

    RispondiElimina
  3. è davvero dura...ce la faremo, prima o poi, a fare queste rivoluzioni anche più grandi di quelle sulle piazze? non voglio immaginare le punizioni e i sacrifici...mi fa star davvero male. difficile commentare il tuo meravaviglioso sciroppo, dopo quel che si legge, ma la cucina è anch'essa strumento di rivoluzione...e questo sciroppo, fatto con quello d'acero, una vera delizia per la quale ti ringrazio!

    RispondiElimina
  4. Spero che alla fine il vento le soffi tra i capelli, in sella alla sua bicicletta verde (magari impara a sellarla a gambe chiuse, stando su un lato, come facevano le donne a cavallo quando sellarli a gambe divaricate non era "conveniente").
    Ho scoperto che la mattina non può mancare il succo di mirtilli nello yogurt, ma io per ora lo bevo puro, chissà se mai volessi dare una botta alla mia glicemia :-P

    RispondiElimina
  5. Resto sempre più basita dai tuoi racconti.
    E ti assicuro che basita è il termine più carino che mi viene in mente in di scrivere.

    Lo sciroppo piacerà sicuramente al mio ninni Alex ^_^

    RispondiElimina
  6. leggere i tuoi racconti sul mondo Arabo mi fa davvero riflettere...noi donne che lottiamo per ottenere diritti che ancora non abbiamo, siamo, rispetto a quelle arabe, strafortunate!!
    E' proprio vero..la fortuna è un fatto di geografia!!
    Un bacio e grazie per la condivisione di queste ricette rapidissime e d'effetto :D!

    RispondiElimina
  7. in dieci minuti lo provo anche io...deve essere buonissimo!
    bacioni

    RispondiElimina
  8. il film non me lo perdo....e neanche lo sciroppino!
    La bottiglietta è deliziosa, l'ho appena ordinata anch'io per regalare l'estratto di vanihglia. Pra me ne serviranno il doppio per fare la coppia con questo sciroppo!!

    RispondiElimina
  9. Ecco quello che manca a me...non ho il tuo riuscire a rendere lieve e quasi non contundente un argomento che invece ha il peso della pietra e ferisce come quelle che sono lanciate per protesta. Non ho mai creduto alle primavere arabe piuttosto credo nelle rivoluzioni partite da piccoli sobborghi, da quartieri sconosciuti che hanno vinto nel tempo senza titoli sui giornali. Il verde ritorna come speranza sul totalitarismo culturale ed è quello che serve a me per chiudere con un sorriso amaro parzialmente compensato da questo sciroppo ideale per alcune delle torte allo yogurt che spesso preparo. Il grazie mio è per questo "sottodiario" aggiornato quotidiamente che è uno sguardo tra i più lucidi, consapevoli e leggeri sul paese che ti ospita e su quelli del circondario che sono sempre meno lontano di quello che si possa credere. Leggere tra le righe non so quanto sia sempre un bene...qualche volta mi piacerebbe fermarmi solo ad "fantastico questo sciroppo!!!" :P eheheheheh

    RispondiElimina
  10. Furbissima ricetta e magnifica descrizione sociale: i due drivers magnifici del tuo magnifico blog, che mi piace sempre di piu! Nikita

    RispondiElimina
  11. Il film me lo sono segnato e anche questa ricetta, se riuscissi a farla con i mirtilli che trovo in montagna dai miei sarebbe il massimo. Buona giornata, Marina.

    RispondiElimina
  12. un'idea veramente sfiziosa per i regalini di Natale.
    buona settimana
    Giulia

    RispondiElimina
  13. posso solo immaginare i gravi motivi per cui questo film possa "danneggiare le virtù"...
    questo sciroppo mi tenta....

    RispondiElimina
  14. Immaginavo che la guida delle biciclette fosse “sconsigliata”…e qui si potrebbe aprire un lungo dibattito su quale mente perversa abbia potuto pensare di preservare la virtù del gentil sesso negando la possibilità di un’ allegra pedalata.
    Ma questo è un altro discorso.

    p.s. ma mi parlerai ancora dopo quello che ti ho scritto oggi? :D :D :D

    Basci, teso' ;)

    RispondiElimina
  15. veramente una contraddizione, mamma mia!!! ma il tuo sciroppo è bellissimo e sicuramente gustosissimo

    RispondiElimina
  16. deve essere molto bello come film e rispecchiare proprio la situazione in questi ambienti.lo sciroppo invece e'super!

    RispondiElimina
  17. ho fatto la stessa salsa, ispirandomi a questa, con i lamponi.... Favolosa. Solo perchè non avevo i mirtilli, che come al solito quando ti serve qualcosa non ce l'hai mai!!!
    Io spero che la ragazza ce la faccia ad avere la sua bici, anche se poi, vinta la battaglia in casa ne dovrà affrontare una anche fuori casa...

    RispondiElimina
  18. Affascinante la tua cultura araba, ottima la salsa.
    Buona gionata e complimenti per il tuo blog, è bellissimo!

    RispondiElimina
  19. Quanto mi piaci con queste ricette facili e buone ;)))

    RispondiElimina
  20. Spero di riuscirlo a vedere, se tra i vari cinepanettoni e cartoni decideranno di programmare anche qualche film guardabile!
    Faccio il tifo per la ragazza e per la sua bicicletta verde!

    Bella idea da regalare e regalarsi!

    RispondiElimina
  21. Devo dire che però piano, ma molto piano, le donne stanno cercando di farsi strada (una strada senza fine, ehimè), dalle olimpiadi alla bicicletta verde...ù
    Auguro alle mie coetanee saudite che il loro futuro assomigli di più al mio....

    Per lo sciroppo ti chiedo se potrebbero andare bene anche quelli surgelati, perchè trovarne di quelli freschi è un'impresa davvero ardua!

    Questa tua ricettina va benissimo con una inviatami da un'amica foodblogger intollerante che prevede dei pancakes per chi come me ha mille problematiche alimentari...quindi pancakes e sciroppo di mirtilli per tutti!!!!

    RispondiElimina
  22. furbissimo sciroppo! peccato che non trovi mai i mirtilli freschi in zona :(

    RispondiElimina
  23. Non ho parole :(
    La mia prima bicicletta era verde!!!!

    RispondiElimina
  24. A parte esserci messe d'accordo con il tenore del post... mi pare che questo sciroppo fosse l'ultima cosa che mancava alle tue pancakes con la banana di qualche giorno fa.
    Inutile dirti che Arc le ha adorate subito ... con questo adorerà ancora di più te!
    Nora

    RispondiElimina
  25. va bene ok mi hai convinta, DEVO assolutamente acquistare qualche libro della Nigella (e anche della Martha ci mancherebbe), che sì in effetti come posso pastrugnare allegramente se non so di cosa parlano loro due che ne hanno combinate più di Bertoldo?

    Il verde è sempre stato il mio colore preferito, a buona ragione, e faccio un tifo sfegatato per il film. Avere la decenza di premiare una pellicola simile al di là della resa tecnica sarebbe un inizio, uno dei tanti, per portare un messaggio.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  26. mi spiace che un cosi bel film non possa essere visto ma sse a ben riflettere c'è ben altro che non può essere fatto , allora forse c'è da consolarsi.
    Anche io amo le ricette con pochi ingredienti...soprattutto quelle che si hanno in casa ...ne ho pubblicata una di recente , circa alcuni ciambelletti. Questa la copio perchè il verde è il mio colore preferito e sono contenta sia quello dell'islam ...a presto e grazie
    fulvia

    RispondiElimina
  27. ...io lo vedrò, il film. mi piace leggerti anche per questo. sono dell'idea che molte donne italiane, tra quelle che io conosco, neanche si rendono conto di quanto sono libere e fortunate. consiglierò il film a tutte e regalerò loro il tuo sciroppo di mirtilli per Natale!!! secondo te si può fare anche con altri frutti surgelati??
    buonagiornata
    Sara

    RispondiElimina
  28. sono rimasta sconvolta dal tuo racconto!se pesno alla normalita' di andare in bici...

    RispondiElimina
  29. lastufaeconomica10 dicembre 2012 16:46

    Ho una bottiglietta di Corn Syrup che mi hanno regalato e che è lì che gira, può andare bene lo stesso per questa ricetta?
    Interessante il film, c'è sempre da imparare e ricordarci di quante cose abbiamo noi.

    RispondiElimina
  30. Non trovo mai le parole per commentare post come questi.
    La ricetta deve essere deliziosa!

    RispondiElimina
  31. non ho parole dopo quello che ho letto!

    ma dai che forte, sei troppo avanti!! segno anche questo!! buona settimana!

    RispondiElimina
  32. Spero questo film arrivi anche nella mia citta', altrimenti andro' a cercarlo a Torino. Ho scoperto tante cose di Paesi che non conoscevo grazie ai film, i film registi medio-orientali mi piacciono sempre moltissimo. Elena

    RispondiElimina
  33. Valentina D'Amelio10 dicembre 2012 18:13

    Che bella ricetta!!
    Ma sai che il film l'ho visto al Torino Film Festival? Me l'ero segnato tra quelli da vedere assolutamente perché mi incuriosiva il fatto che fosse diretto dalla prima regista donna in Arabia Saudita.. Il film è bellissimo, mi sono commossa e lo consiglio a tutti.. Assurdo che i cinema siano proibiti, io non potrei sopravvivere! ;)

    RispondiElimina
  34. buonissima! e se dura anche 2 settimane è perfetto per me! tanto il marito non ama i dolci ;)

    RispondiElimina
  35. ma che bella idea slurposa..
    e credo che andrò a ricercare il film.. la bicicletta verde.. la tua promo mi ha davvero incuriosita! e diciamolo: è giusto che non si parli solo di cinepanettoni come tutti gli anni!
    ciaooo :D

    RispondiElimina
  36. Sempre meno ingredienti...:)) Io come al solito mi limito al consiglio cinematografico. Comunque "dice che" per uno dei prossimi cenoni sarò obbligato a cucinare qualcosa. Visto che non potrò presentarmi con i pancakes alla banana occorre che vada a spulciare più indietro ;)

    RispondiElimina
  37. lo vedremo qua in occidente ma dovrebbero vederlo lì! quanta fatica per le donne!
    lo sciroppo è una bellissima idea, visto quanto amo i frutti di bosco dovrò farlo prestissimo :-D

    RispondiElimina
  38. lo provo di sicuro, i mirtilli fanno bene alla vista, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  39. Commentare i divieti assurdi di cui parli, non ci penso ma ...confesso che mi viene una tristezza, come la religione e la consuetudine (frutto di regole umane) possano rovinare popoli interi... La tua ricetta me la salvo subito, adoro i mirtilli e fanno benissimo.
    Buona settimana Stefy

    RispondiElimina
  40. Mi mancano le parole... È davvero da riflettere!
    La ricetta è un'altra delle tue furbate da rifare! E poi con dei pancakes, divino!

    RispondiElimina
  41. Sicuramente buono e pure bello!
    Il film lo vedrò nell'UNICO cinema in cui lo danno qui a Torino...almeno lo posso vedere!

    Alice

    RispondiElimina
  42. Lo sapevo che non dovevo passare: questo sciroppo mi ha conquistata :D

    RispondiElimina
  43. Brava ragazza! L'ignoranza del maschilismo, invece, è sempre uguale sotto a ogni cielo.

    RispondiElimina
  44. che tristezza.. e noi le buttiamo semi nuove!va beh, il film sarà interessante di sicuro speriamo l'oscar allora..ma nella vita di queste donne!
    lo sciroppo? furbo anche questo :D bella trovata! geniale per i dessert! ciao cara!

    RispondiElimina
  45. Si penso che le rivoluzioni in famiglia siano in verità le più difficili da portare avanti e forse è proprio da li che si dovrebbe iniziare per riuscire a cambiare anche nella piazza.
    Io che sono un'utilizzatrice accanita della bicicletta non riesco neanche a immaginare le mie giornate senza i miei mille giri in bicicletta

    RispondiElimina
  46. avevo visto nigella che preparava questo delizioso sciroppo ma poi mi sono dimenticata di segnarmelo! meno male che ci sei tu!! grazieeeeee!! ;o)

    RispondiElimina
  47. grazie per aver fatto la recensione del film, ho visto il manifesto ma non ne conoscevo la trama. Mi hai incuriosita e andrò a vederlo sicuramente.
    Sciroppo da provare!! :-)

    RispondiElimina
  48. Credo che andrò avedere il film...vivi davvero in un posto incredibile per un occidentale che non c'è mai stato...
    Lo sciroppo è carino come sempre...se posso un'aggiunta di un pizzico di cannella o di qualche semino di vaniglia lo potrebbe rendere ancor più speciale ;)

    E mi hai anche ispirato un'idea per dei cioccolatini ripieni (cambiando frutto di bosco però)...li faccio e poi ti cito (come sempre) nel caso siano buoni come lo sono nella mia immaginazione ;)

    RispondiElimina
  49. ogni volta che leggo le tue storie prego sempre che non ci sia qualcuno dalle tua prti, politicamente influente, e quindi anche cerebralmente poco dotato (che qui da noi vanno a braccetto), che sappia l'italiano e legga il tuo blog e quindi lo faccia immediatamente chiudere (e probabilmente bruciare te sul rogo quale modern strega 2.0) perchè io mi perderei tutte queste belle letture, oltre che le tue ricette, ca va sans dire.

    RispondiElimina
  50. Guarda Stefi, quando avevo letto questo post (ieri) ero diventata "'na biscia". io purtr quando sento certe cose, non ci vedo più dalla rabbia. Vorrò vedere il film perchè ora mi hai incuriosita..
    intanto ti ringrazio che racconti di un mondo che - ahimè- purtroppo esiste.
    posso fare una battuta, così per sdrammatizzare?
    bhè se sti arabi pensano che la bici possa far certi "danni" allora le donne orientali sono tutte già ;-))
    Interessante questo sciroppo di mirtilli!! magari li prendo freschi e ce provo.
    e niente, ieri per risollevarmi da questo commento sono andata a vedere i commenti del tuo giveaway e cosi mi sono incappata in Zio Piero.. e ancora rido (ho letto ora la tua risposta).

    Vedi Stefi, io.. sì, sembro tutta "dolce e coccole", ma tu non sai che in fondo in fondo sono 'na teppista e adoro l'ironia e il sarcasmo e tra le amiche sono quella più matta di tutti e faccio morire dal ridere anche i maschietti!!
    quindi non posso che adorare le vs conversazioni!!
    kisses

    RispondiElimina
  51. Ma secondo te si può fare anche con altri frutti di bosco tipo i lamponi?
    Questa volta tralascio appositamente commenti sull'Islam, ormai sai bene come la penso!

    RispondiElimina
  52. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  53. Questo film non me lo perdo. Ecco perchè mi piace il tuo blog, perchè potrei benissimo metterlo nella lista dei miei libri preferiti insieme a: Il cacciatore di aquiloni, Mille splendidi soli, Il libraio di Kabul, Il sussurro della montagna proibita etc etc...

    RispondiElimina
  54. E' un film che vogliamo andare a vedere e devo informarmi per sapere se esiste anche il libro, ma suppongo di sì. Quanti divieti, ma perchè tarpare così le ali, ma perchè impedire di vivere appieno, non lo capirò mai, non lo accetterò mai.
    Il tuo sciroppo è solo da rifare, noi i mirtilli li amiamo alla follia e di solito ci prepariamo degli smoothies, ma perfetto anche lo sciroppo.
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  55. Ma tu sei un mito, io l'ho sempre detto! Da te ricette interessanti, sempre e veloci!!! Una garanzia di successo!!

    RispondiElimina
  56. proprio da fare! E poi è un ottimo modo per aggirare la dieta ;)

    RispondiElimina
  57. Piacere di conoscerti! Questo sciroppo è meraviglioso! Complimenti per il blog...è fantastico!

    RispondiElimina
  58. da usare per lo yogurt per quanto mi riguarda :-)

    RispondiElimina
  59. @ lastufaeconomica: no, non usarlo qui...verrebbe un sapore molto diverso e piuttosto stucchevole. Ciao!

    RispondiElimina
  60. Ciao,certo che non dev'essere facile "abituarsi" a sopravvivere in un luogo così "ostico" e difficile per noi donne,però nemmeno per chi ci è nato deve esserlo.
    Ho visto ieri sera il film:BELLISSIMO,con "leggerezza" ha raccontato questa storia di "ribellione",Grazie per tutti i suggerimenti.

    RispondiElimina
  61. Mi fa piacere, caro anonimo...dare voce a piccole ribellioni le fa diventare grandi :-)

    RispondiElimina
  62. Il film vado a vederlo stasera in un cinema all'aperto.
    Ricordavo un tuo articolo in proposito e ora sono ancor più interessata a vederlo.
    Buone vacanze cara Stefania! :**

    RispondiElimina
  63. è da tempo che voglio provare questo sciroppo ma solo ieri ho trovato i mirtilli però quelli surgelati! non trovo però lo sciroppo d'acero, come potrei sostituirlo? le tue ricette sono super fantastiche!!!

    RispondiElimina
  64. Resto sempre piu' impressionata !!!!ti ringrazio tanto per i tuoi post che fanno riflettere ...GENIALE questo sciroppo di mirtilli ...ti abbraccio forte forte ..

    RispondiElimina