lunedì 17 gennaio 2011

Pan di Spagna (anarchico) di zia Angela


Di zia Angela vi ho gia' parlato nella ricetta dei suoi favolosi Tutu'.
E' una cuoca straordinaria, e nonostante la veneranda eta' e gli acciacchi non si risparmia ad impastare e cucinare se sa che noi nipoti sparsi per il mondo stiamo per arrivare.
A me, in particolare, ha sempre preparato questo pan di Spagna sin da che ero piccolissima
Da grande, chiederle la ricetta e' stato un attimo, e con gioia  mi ha dato le sue proporzioni, che a loro volta erano di sua madre, e prima ancora di sua nonna: peccato che per molto tempo non mi sia venuto come il suo...
E perche'? Perche' ho dato sempre per scontato che il procedimento fosse quello classico, di montare i tuorli con lo zucchero, unire l'amido, ed i bianchi alla fine..
Fino alla scorsa estate.
Ero a Roma, e sfogliavo uno dei tanti libri di mamma, quelli che sono ancora sul suo comodino e nessuno spostera' mai.
C'era una vecchia lettera dentro, in cui zia Angela le dava  non solo le dosi per il dolce, ma spiegava punto per punto il procedimento. Ho letto due volte, non mi sembrava possibile.
Anarchico e' dire poco. Un po' come lei, si potrebbe aggiungere se la conosceste...
Sperimentare il nuovo metodo e' stata una delle prime cose fatte, tornata in Arabia, ed ammetto di aver pensato, un attimo prima di unire i tuorli interi agli albumi montati, che forse zia Angela si era sbagliata.
Ed invece, ovviamente, chi sbagliava ero io.
Il metodo funziona, e pure a meraviglia.
Il pan di Spagna e' venuto proprio come il suo, tanto buono che me lo sono sempre mangiato cosi', senza nulla, a colazione e merenda di tante estati da ragazzina. E' stato bello risentire quel sapore, dopo tanto tempo.
E' buonissimo, leggero, un po' diverso dai soliti pan di Spagna anonimi.
E prendendo spunto dal  bellissimo post di Alex, e' proprio con questa ricetta che inauguro la nuova sezione del blog delle Ricette di casa mia : non sono tante, ne' particolarmente originali, ma preziose perche' ciascuna mi ricorda una persona, un momento, uno scorcio.
Un po' della mia vita, insomma.
E la ricetta va al consueto appuntamento con il calendario di Ammodomio.

Ed a proposito di contest, ne e' appena iniziato uno adattissimo al periodo : HART-to-HART , della scoppiettante EliFla. Il titolo non vi dice nulla? E' un gioco di parole preso da una romantica vecchia serie tv, che ha assonanza con la parola cuore, heart in inglese. E quindi cosa c'e' da fare? Ma presentare ricette a forma di cuore, ovviamente!
Ed attenzione, io sono uno dei giudici ;-)


PAN DI SPAGNA ANARCHICO DI ZIA ANGELA ( per una teglia da 24 cm)

6 uova grandi
180 g di amido di mais
240 g di zucchero semolato
il succo di mezzo limone
un pizzico di sale


Separare i tuorli dagli albumi.
Montare i bianchi a neve ben ferma con il pizzico di sale, usando le fruste elettriche ( io il Kenwood, zia Angela fa tutto a mano...).
Appena i bianchi sono ben montati, unire i tuorli, sempre con le fruste in funzione.
Non preoccupatevi, non si smontano!




Dopo qualche ulteriore secondo di lavorazione, quando vedrete la massa ben amalgamata e spumosa, aggiungere piano piano lo zucchero semolato.



Ed appena questo sara' amalgamato, unire il succo di mezzo limone (zia Angela dice che serve a togliere la puzza dell'uovo) e l'amido di mais rigorosamente setacciato, ma con le fruste spente.





Far andare le fruste solo il tempo di far amalgamare la maizena, anzi e' preferibile finire la lavorazione con la spatola, in modo da non smontare il composto che si presentera' piu' o meno cosi':


Versare l'impasto in una teglia imburrata e cosparsa con amido di mais, e non sbattetela sul piano di lavoro: non vorrete che le bolle d'aria all'interno, che tireranno su il dolce, si rompano!
Cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 25 minuti. Dopodiche' abbassare il forno a 170, e continuare per altri 10-15.
Assolutamente non aprire mai il forno durante la cottura del pan di Spagna, pena ottenere una poco invitante sottiletta ...
Queste sono indicazioni di massima, come ogni dolce la cottura va adeguata al proprio forno.
Alla fine spegnere il forno e lasciare il pan di Spagna all'interno, ma con la porta socchiusa ( in genere ci metto un mestolo a tenerla semiaperta) per 5-7 minuti.
Quindi tirarlo fuori, farlo intiepidire ed avvolgerlo in carta da pane e poi in una busta di plastica.
Aspettare che sia ben freddo prima di toglierlo dallo stampo.

NOTE:
- e' buonissimo da solo, per accompagnare la colazione o un te.
- e' ottimo anche farcito, ma in questo caso preparatelo in giorno prima di quello in cui intendete tagliarlo.
- si puo' surgelare, e scongelare lasciandolo a temperatura ambiente qualche ora. Anzi da semi-scongelato si tagliera' ancora meglio ;-)







192 commenti:

  1. anche io adoro le ricette della tradizione famigliare, sono quelle che non deludono mai e che lasciano un sacco di ricordi che danno più sapore e gusto!!è venuto perfetto!

    RispondiElimina
  2. fare il pan di spagna non è difficile...ottenerne uno perfetto non è facile...
    Grazie a zia Angela direi che il risultato è strepitoso!

    RispondiElimina
  3. Come al solito bravissima, anzi bravissima la zia Angela!!!! Se il risultato è questo farò il pan di spagna solo così!!!
    Buona giornata, pensami comincio la settimana in mezzo ad una fitta nebbia.........

    RispondiElimina
  4. Che bel racconto, si assaporano i tuoi ricordi da bimba e il buon profumo del pandispagna anarchico di tua zia. Un procedimento diverso però vito il risultato, mi sembra che ti sia lievitato benissimo, da provare quanto prima.

    Buona giornata,

    RispondiElimina
  5. Io addirittura monto tuorli ed albume insieme. Complimenti a te e a zia Angela.

    RispondiElimina
  6. Trovo che le ricette della propria infanzia sono davvero sempre quelle più preziose e...buone!!!!
    Bellissimo questo pan di spagna anticonformista!!!
    Buon inizio settimana!!!

    RispondiElimina
  7. questa è la scoperta del secolo. anch'io ero arrivata a montare insieme tuorli e albumi ( e pure a bagno maria, che montano il triplo on un terzo di tempo), ma questo procedimento non lo avevo mai sentito. Di te mi fido, delle ricette di famiglia ancora di più, dammi tre secondi per farmi venire in mente una giustificazione valida per far fuori tutte le uova che ho in frigo :-) e provo subito
    ciao e grazie
    ale

    RispondiElimina
  8. Questo dolce è una poesia !
    .... e che dire del motivo per cui si usa il limone :)

    RispondiElimina
  9. "Anarchico" è la definizione giusta! Unire i tuorli agli albumi già montati non me lo sarei sognata neanche sotto tortura!
    Io monto le uova intere con lo zucchero come da ricetta della nonna, ma questo sistema anarchico ti dirò che una certa curiosità me l'ha messa. Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  10. lo provo subitissimo!
    Grazie a te e alla zia Angela, baci a tutte e due!

    RispondiElimina
  11. Ah, questa si' che e' proprio bella: tuorli interi sui bianchi montati!!! Mai sentita prima. E per questo la provero', non col kenwood ma col bimby.
    Complimentoni, come sempre!!!

    RispondiElimina
  12. Post scivolato via in un secondo. Mi piace il racconto dietro questa ricetta, classica ma innovativa allo stesso tempo :) Molto invitante, poi, l'altezza del "vostro" Pan di Spagna ;)

    RispondiElimina
  13. Questa la sento per la prima volta..e quindi va provata assolutamente!
    Ma perchè le cose che facevano nonne, zie e parenti erano così buone??

    RispondiElimina
  14. Ce ne sono molte di rictte di pan di spagna, ongi volta dico che voglio provarle....non si finisce mai di imparare :D
    Questo della zia è davvero bello!brava Arabella ^_^

    RispondiElimina
  15. Questi sono racconti che nei blog fa piacere leggere, storie di vita vera, ricette collaudate di anziane donne che hanno cucinato per una vita intera rendendo felici tanti.
    Grande zia Angela e grazie a te Stefania per averci reso partecipi di una tua ricetta di famiglia. Al più presto la farò.
    Un bacio tersoro e buona settimana

    RispondiElimina
  16. Bella la torta, bello il post :-)
    Alla fine cio' che conta è il risultato no? ed è perfetto direi!!!

    RispondiElimina
  17. ...e si, un po' proprio come zia Angela...!

    RispondiElimina
  18. Proprio formidabile questa zia Angela, come formidabile è questa preparazione e tu che la hai riproddotta così bene. Sinceri complimenti ad entrambe ^_^

    RispondiElimina
  19. Molto bello Stefania questo post e la tua iniziativa, una felice giornata ciao

    RispondiElimina
  20. Buongiorno cara e buon inizio di settimana, la foto rende tanto è altissimo, chissà che profumino...

    RispondiElimina
  21. lo sai che l'ho provato anch'io il pan di spagna solo con l'amido è davvero come dici tu leggerissimo e con una marcia in piu e come vedo dalla foto è venuto perfettissssssimo!!!evviva le ricette della tradizioneeeeeee!!bacioni imma

    RispondiElimina
  22. Davvero spettacolare questo pan di spagna!
    Un bacione cara, buon lunedì!

    RispondiElimina
  23. Ciao Stefy.. ci provo alla prima occasione.. è davvero fantastico non dovere più girare il composto dall’alto al basso per non smontare gli albumi...grande zia Angela!!!!

    RispondiElimina
  24. Io ho provato a fare il pan di Spagna solo una volta per non rifarlo mai più causa frustrazione da frittatina spiaccicata.
    Riprovo? :-D
    Baci
    Chiara

    PS = Dimenticavo di dirti che a Natale ho ricevuto il mio tanto agognato termometro da pasticceriaaaaaaaaaaaaaa!!!!

    RispondiElimina
  25. Che bella idea di fare il pan di spagna solo con il amido e niente farina.Sarà anarchico nel procedimento, ma il finale e molto armonioso.

    RispondiElimina
  26. E' bello vedere come quasi sempre, le ricette delle nonne, zie, mamme, siano fuori dalle leggi della cucina e, nonostante questo, siano sempre perfette! i misteri dell'esperienza...
    Un bacio e buona settimana!

    RispondiElimina
  27. Sai che anch'io l'ho sempre fatto come tua zia il pandispagna?!Concordo, è divino!

    RispondiElimina
  28. Bellissimo racconto e questo pan di spagna lo devo provare assolutamente!!
    bravissima cara ^_^

    buon Lunedì
    Anna

    RispondiElimina
  29. Delle tue ricette della tradizione non me ne voglio perdere nemmeno una, l'inizio è molto intrigante, l'anarchia in cucina mi piace, ogni tanto fa tirare un bel sospiro di sollievo....e si sa che sempre ogni tanto, ce n'è bisogno. Quindi grazie, al primo bisogno di leggerezza questo pan di spagna mi salverà :D
    Grazie Stefy, molto interessante il procedimento. Un bacione e complimenti per tutto, la rubrica, e per il tuo severissimo ruolo di giudice... sii buona, mi raccomando....
    Un bacio

    RispondiElimina
  30. Mi piace questa raccolta!! mi sa che anche io quasi quasi inizio qualcosa del genere...
    anche se mi mamma non ha una sola ricetta segnata... fa tutto ad occhio!!!
    :)
    buon lunedì!

    RispondiElimina
  31. ti ho letto da alex, l'altro giorno ed ero proprio curiosa di conoscere tua zia.
    grazie.
    la prossima volta seguo il metodo ziaAngela!
    ;-)

    RispondiElimina
  32. E brava zia Angela!!! C'è sempre da imparare ha completamente sovvertito l'ordine delle mie idee, da provare il prima possibile!!

    RispondiElimina
  33. una colazione da lecarsi i baffi!!!

    RispondiElimina
  34. Che dire....Grazie Zia Angela e Grazie a te per averci fatto scoprire una cosa nuova...kiss kiss

    RispondiElimina
  35. Se questi sono i risultati...vogliamo l'anarchia!!
    Sono sicura che l'amido la rende molto "nuvoletta"...
    Un bacione :)

    RispondiElimina
  36. Wow! Stefy, non smetti mai di stupirci con le tue ricette poco ortodosse"!
    Se, come credo, questa è come le altre, sarà certamente ottima!
    La provo e poi ti dico il risultato: ormai anche x il mio pargolo il tuo nome è una garanzia!
    Alla prox!

    RispondiElimina
  37. fantastico questo pan di spagna anarchico.
    fantastico due volte: ho riletto gli ingredienti tre o quattro volte e adesso ne sono sicura. naturalmente, splendidamente, sontuosamente gluten free!
    .... tua zia angela ha dei numeri non da poco!

    RispondiElimina
  38. Come non provare il pan di spagna delle zia angela dopo aver letto d0un fiato il tuo post??? Un grazie a entrambe...ciao!
    s

    RispondiElimina
  39. Belle le ricette di famiglia, sono quelle che mi piace di più rifare perchè il loro successo è assicurato. Post bellissimo!

    RispondiElimina
  40. wow!!!! il pan di spagna è favoloso, così come le ricette di famiglia. bravissima!

    RispondiElimina
  41. Che bello! Finalmente, come dicevi, hai messo la ricetta di questo super pan di spagna!
    Io per natale (quando ti ho mandato la mail semi-terrorizzata) avevo seguito la ricetta che diceva di sbattere a lungo i tuorli con lo zucchero aggiungendo poi la maizena in modo che venisse un composto sodo da mettere in seguito negli albumi montati a neve...il procedimento qui è leggermente diverso, viene meglio così? :)

    RispondiElimina
  42. Ma che ricetta è questa? Mettere i tuorli negli albumi montati aneve?! Che strano procediemnto..però mi intriga molto! Vorrei porvarlo, visto il risultato...un super-mega pan di spagna golosissimo!!!!;-) Un abbraccio e...compliemnti alla zia!

    RispondiElimina
  43. da provare per forza!!!!
    viva le ricette di famiglia!

    RispondiElimina
  44. Tutte le volte che ho provato a far il pan di spagna mi è venuto una schifezza, quindi proverò lui che è anarchico è ti saprò dire....
    un abbraccio

    RispondiElimina
  45. Complimenti Araba, è un pan di spagna davvero eccezionale! Avevo trovato la ricetta su Cookaround e l'ho provato qualche mese fa per una torta... devo dire che mi ha soddisfatto pienamente. Alto, umido, morbido, gustoso... cosa volere di più?!:D

    RispondiElimina
  46. Mi sembra più sapiente che anarchico. In ogni caso mi sembra che dalla zia Angela arrivino tante cose buone (e poesia, anche). Sai che cercando di replicare un dolce che avevo mangiato e mi ha stregato ho tirato fuori una ricetta che, successivamente, ho scoperto assomigliare molto ai suoi|tuoi tatù? Affinità....e belle sorprese quando si scopre che ci apparteniamo tutti un pò.

    RispondiElimina
  47. mooooolto interessante... chissà perché non ho mai fatto il pan di spagna, ma adesso me ne hai fatto venire voglia!
    un abbraccio e un pensiero grande grande per il tuo micio

    RispondiElimina
  48. Che meraviglia!!!Complimenti come sempre!

    RispondiElimina
  49. Grazie per avere condiviso con noi questa ricetta. In genere le ricette tramandate in famiglia sono le migliori a volte introvabili.
    Tu sei stata gentilissima.

    RispondiElimina
  50. Las recetas de familia son fantásticas. La tuya lo es. Buena semana

    RispondiElimina
  51. mhhhh, ma io questo pandispagna lo conosco... mi sbaglio? ;) a dire la verità a me il pds classico non piace, per i miei gusti il sapore delle uova è troppo forte (ma d'altronde il pds deve sapere di uova....)però prometto di provare questo della zia per la mia prossima torta. bacio stefi!

    RispondiElimina
  52. super super interessante..questo forse è il modo per farmi fare il pan di spagna! Guarda la tua posta c'è una domanda importante per te!

    RispondiElimina
  53. dato che un pò anarchica lo sono anche io lo farò come tua Zia...sarà di certo il migliore cha abbia mai fatto, mi fido..Un bacione e buona settimana...

    RispondiElimina
  54. Mamma mia che interessante questa ricetta, adoro scoprire le tradizioni familiari, hanno sempre qualcosa da raccontare poi..
    Grazie per aver condiviso questa ricetta preziosa, e i ricordi legati ad essa..
    Buona settimana

    RispondiElimina
  55. Splendida ricetta come sempre.

    Ma il forno lo consigli ventilato o statico?

    RispondiElimina
  56. Io invece monto direttamente tutto l'uovo intero con lo zucchero fino a che il composto "scrive", in questo modo mi è sempre venuto un pan di spagna spettacolare. Comunque una volta voglio provare anche questo metodo!

    RispondiElimina
  57. Ecco, le tue ricette hanno di speciale che in un modo nell'altro introducono qualcosa di nuovo, qualcosa di fresco... non ho mai fatto il pan di spagna per paura di non riuscire... utilizzavo la trta 7 vasetti come pan di spagna eheh.. però il tuo motodo mi ispira e non appena arriverà il prossimo compleanno sicuramente provo con questo.
    Grazie per questa ricetta ^_^

    RispondiElimina
  58. Ma dai! Visto che ioc redo tantissimo nelle ricette di famiglia, e quella del pan di spagna non ce l'ho...penso proprio che farò mia la ricetta di zia Angela, anche perchè finchè non la provo non credo....sono come san Tommaso, e mi piacerà essere stupita!

    RispondiElimina
  59. Interessantissimo... Salvato!
    Questa è sapienza popolare e difamiglia, cara mia...
    Questa ricetta è un tesoro...

    RispondiElimina
  60. Vedo con piacere aria di casa anche qui, e penso tu ne senta particolarmente nostalgia.
    Bellissima lievitazione, un bacio

    RispondiElimina
  61. El Pan de España lo tengo pendiente desde hace tiempo, se ve muy esponjoso.

    Saludos

    RispondiElimina
  62. questa ricetta la ricordo. baci

    RispondiElimina
  63. Adoro l'anarchia della zia Angela, che ci fa risparmiare pure un sacco di tempo!!! E poi pure gluten free!!! Io adoro te e la zia Angela!!! Questo sarà il pandispagna della torta del cucciolo n.3 a breve! ;)

    RispondiElimina
  64. Che meraviglia,prendiamo nota...P.S.come sta il micio?baci

    RispondiElimina
  65. complimenti......bel racconto......bello anche il pan di spagna.....un bacio

    RispondiElimina
  66. che bel racconto!!! ora lo devo provare con questo procedimento, ti è venuto STRE PI TO SO!!!!!buona settimana!

    RispondiElimina
  67. sono davvero dei gioielli preziose le ricette della memoria e dei ricordi. complimenti per questo pan di Spagna e grazie, davvero grazie di averlo condiviso.
    un bacione

    RispondiElimina
  68. Che meraviglia....peccato tagliarlo...anche la foto .....impeccabile come sempre...kiss x 3 ...Civette

    RispondiElimina
  69. il pan di spagna credo che sia difficile che non piacia a qualche persona quando poi riesce come questo è come la classica ciambella col buco.
    saluti

    RispondiElimina
  70. procedimento da provare!
    acnhe a me il pan di spagna piace mangiarlo così semplicemnete anche senza bagnarlo :)

    RispondiElimina
  71. Le ricette di famiglia sono preziosissime e questa non fa eccezione!

    RispondiElimina
  72. un Araba Anarchica in Cucina ?
    Bha!!! Complimenti una meraviglia continua così ;)))

    RispondiElimina
  73. ciao carissima! Il tuo racconto mi ha commosso! :)
    Quando ho letto il procedimento del pan di spagna non credevo ai miei occhi, ma hai perfettamente ragione! Il risultato deve essere unico! ^_^

    RispondiElimina
  74. ricetta fantastica....e lo devo provare...poi noi per le torte alte e soffici al mattino andiamo matti....!!!!!
    un abbraccio,de

    RispondiElimina
  75. Sembra ottimo! anche io me lo mangerei così, da solo, nudo e crudo!
    Grazie per la ricetta!
    Ciao
    cinzia

    RispondiElimina
  76. sarà anarchico ma questo pandispagna mi sembra in perfetta salute! anzi proprio prosperoso.. complimenti! :)

    RispondiElimina
  77. Anche io lego dei bellissimi ricordi ad un pan di spagna : quello di mia mamma che puntualmente ogni anno entrava a fare parte della torta del mio compleanno .
    Io che sono maniaca di cuoricini , non potrò non partecipare al contest :-)
    Un saluto , chiara

    RispondiElimina
  78. Mi piace moltissimo l'idea di condividere ricette familiari.. poi la tua cara zia aveva ragione: questo pan di spagna e' un vero trionfo. Buona settimana.

    RispondiElimina
  79. L'uso della parola "scorcio" riferendosi alla famiglia, oppure "zia Angela dice che serve a togliere la puzza dell'uovo" da la dimensione del post ed alla fine non solo la ricetta diventa affettuosamente confidenziale parlando con il cuore ma elude quel senso di anarchico che solo formalmente vorrebbe la preparazione differente.
    L'anarchia degli affetti come provocazione è davvero un bel modo di testimoniare la propria prospettiva senza per questo ricorrere alle frasi omologate dai più per l'argomento, quelle del tipo 3x2 che si vedono/vendono sul web con molta faciltà ma che restano solo in superficie. Parimenti il PandiSpagna un ottimo pegno di anarchia golosa che si sbeffeggia del resto e fa da ottimo pretesto per riunire le persone care lontane pur senza spostarsi di un centimetro.
    Complimenti davvero :)

    RispondiElimina
  80. Giorno Stefy!
    Ti dirò .. essendo che il pds non l’ho mai fatto potrei cominciare con questo procedimento, dato che ne assicuri l’ottimo risultato non sbaglierò di certo!!!!
    L’aspetto è ottimo e slurposo, chissà che profumino!Grazie di aver condiviso con noi questa ricetta!
    Bacioni

    RispondiElimina
  81. PS: mi dispiace moltissimo x il tuo micio :( :(

    RispondiElimina
  82. @ lucy: vero, fatte da tantissimi anni e supercollaudate...:-)

    @ Simo: grazie, le farebbe piacere saperlo!

    @ LAURA: grazie, e cerco di mandarti un po' del mio bel sole :-)

    @ Tiziana: :-)

    @ briossa: anche io ho usato il tuo metodo, ma trovo che con questo si risparmi anche tempo ;-)

    @ Taty: hai ragione, preziosissime. Per questo e' giusto non dimenticarle!

    @ alessandra (raravis): vero che ti ho stupita? :-) Saro' felice di sapere che ne pensi.

    @ Ester: la poesia e' zia Angela, credimi :-)

    @ Federica: pensa che mentre leggevo non potevo crederci...

    @ gloria cuce': fai sapere, eh!

    @ AnnaGiulia: e dammi il tuo parere anche tu, in caso :-)

    @ Your Noise: vero, classica ed innovativa...e vaglielo a dire a zia Angela che il pan di Spagna si puo' fare in altri modi ;-)

    @ caris: me lo domando anche io. Doveva essere l'atmosfera magica in cui queste cose venivano assaggiate...

    @ Cranberry: vero, ce ne sono una marea, anche io mi riprometto di provarle ma poi finisco sempre qui!

    @ Angela Maci: grazie per le tue belle parole, e fammi sapere che ne pensi, in caso!

    @ Mary: vero ;-)

    RispondiElimina
  83. Concordo con la Zia sul limone quando ci sono gli albumi montati a neve ;) se c'è una cosa che non sopporto e che mi fa' scappare la fame è quell'odore di "freschino"...per il resto grandissima Zia, la sua ricetta ormai gira orgogliosamente apprezzata per il web ^_* lo proverò con piacere.
    Buona settimana
    Sonia

    RispondiElimina
  84. Preziose, non potevi trovare parole migliori Arabina bella :)

    RispondiElimina
  85. inutile nemmeno pensare di sostituire la farina all'amido perchè credo che il trucco stia anche in quello ;-)
    brava zia Angelina.
    baci.

    RispondiElimina
  86. le ricette di famiglia sono un tesoro prezioso! bellissima questa versione anarchica, potrei farne scorta come i piccoli hobbit che ne avevano le dispense piene!!! :-D

    RispondiElimina
  87. Eh, che brave queste zie, tutte ne abbiamo almeno una da cui imparare!
    Ottimo il pan di spagna, a me piace così da solo, ne mangerei uno intero!!

    RispondiElimina
  88. Desde España ....gracias por el pan que has hecho ...te ha salido estupendo ...Felicidades BESOS MARIMI

    RispondiElimina
  89. Anche se conoscevo già la ricetta di zia Angela,ho letto con molto interesse tutto il procedimento,non mi stancherò mai di ringraziarti Stefania.Un bacione!

    RispondiElimina
  90. Mi fido ciecamente delle ricette tramandate per generazioni dalle donne di casa, quelle fatte senza pesare le cose e quando le fruste elettrche non si sapeva neanche cosa fossero...sono sicura che questo pds sia pure quindi voglio provarlo.
    Sai che anche mia nonna diceva che il limone serve a togliere l'odore dell'uovo ai dolci?

    RispondiElimina
  91. Anarchico anche nelle proporzioni tra gli ingredienti... e considerando anche tutte le altre premesse la ricetta è senz'altro da provare.
    Ciao!

    RispondiElimina
  92. caspita ma sei davvero bravissima!!!!=) quante cose buone ho trovato sul tuo blog!!!!!=D
    vorrei farle tutte!!!!!!!!!=)

    RispondiElimina
  93. A me non era venuto la volta che mi ci sono cimentatta. Ora riproverò con la ricetta della zietta!

    RispondiElimina
  94. grande zia angelo!! è strasoffice e morbido il pan di spagna.. brava stefania!

    RispondiElimina
  95. angela!! errore di battitura

    RispondiElimina
  96. grazie per il pan di spagna..stavo proprio cercando un'ottima ricetta per una torta che farò prossimamente x il compleanno di mia sorella!!prendo subito nota!!grazie mille!!sembra ottimo!! :* bacioni..e comunque le tue ricette sono tutte splendide!!

    RispondiElimina
  97. che mraviglai zia angela, bello questo passaggio generazionale tutto femminile

    RispondiElimina
  98. Humm!! Ça doit être un vrai Bonheur en bouche:) Bon mardi ma belle!!xxx

    RispondiElimina
  99. une délicieuse recette, elle me met l'eau à la bouche
    bonne soirée

    RispondiElimina
  100. Quando torno dalle vacanze la provo :-)

    RispondiElimina
  101. Questa la devo provare...mi si sta aprendo un mondo sul Pan di Spagna...e questa mi piace un sacco soprattutto perchè dici che è buona mangiata così...semplicemente così...buonanotte, bacioni, Flavia

    RispondiElimina
  102. ah già mi stavo scordando di dirtelo...una mia amica ha fatto il tuo carbone per la befana ed è venuto BUONISSSSSSSSSSIMOOOO!!davvero grazie!!=)
    baci vale

    RispondiElimina
  103. Da provare!!!!! Bellissime le ricette tramandate :-)))
    bacio

    RispondiElimina
  104. tesoro non ho mai visto 105 commenti ad un post! sei grande ma già lo sai :-))) che ricetta meravigliosa, soffice e altissimo questo pan di spagna!!!!! un applauso lo faccio anche alla tua zia!!!! baci Ely

    RispondiElimina
  105. @ Giovanna : ;-)

    @ Letiziando: mille grazie, anche da parte sua!

    @ Stefania: grazie, cara omonima :-)

    @ Fabiola: si, era altissimo!

    @ dolci a gogo: anche secondo me l'amido fa parecchia differenza ;-)

    @ NIGHTFAIRY: grazie :-)

    @ Fabiana: infatti, questo risparmio di tempo e di possibilita' di fare disastri non ha prezzo!!!

    @ Cmdd: ma no dai, riprova...;-) non serve nemmeno il termometro!!! :-)

    @ Lilly: grazie, sei sempre gentilissima

    @ Tery: infatti! vaglielo a dire a zia Angela che altri fanno il pan di Spagna diversamente...

    @ Saretta: nooo? quindi anche tu unisci i tuorli agli albumi montati???

    @ ranapazza65: e poi fammi sapere, eh?

    @ viola: saro' buonissima :-))))

    @ Vero: e tu cerca di carpire uno straccio di dose comunque, sara' un grande regalo per tutti noi :-)

    @ Gaia: mi fa piacere! :-)

    @ valerioscialla: anche delle mie, ma funziona ;-)

    @ Dada: come negarlo? e' buonissimo!

    @ Kiss Kiss Anna: mille grazie anche da lei :-)

    @ Edith Pilaff: si, e' delicatissimo :-)

    @ dadamilla: fammi sapere che dice lo chef in erba, eh!

    RispondiElimina
  106. @ La Gaia Celiaca: si totalmente gluten free ;-)

    @ l'albero della carambola: grazie a te :-)

    @ Le pellegrine Artusi: proprio vero, dovremmo ricordarcene sempre :-)

    @ salamander: grazie mille!

    @ LaFede: anche io ho sempre usato quel procedimento, prima di scoprire questo. Secondo me viene meglio nel senso che mi ricorda di piu' l'originale nel sapore, ed inoltre serve meta' del tempo ;-)

    @ Claudia: ero incredula anche io ;-)

    @ Alice : :-)

    @ Cristina: alla fine non e' una preparazione cosi' semplice, ma questo in genere riesce ;-)

    @ Ines: si, ma sul forum c'e' il procedimento classico. Questo e' un po'..innovativo. Grazie!

    @ Pamirilla: ma dai! Alla fine ci ritroviamo un po' tutti nelle stesse cose, incredibile...

    @ cristina b.: mille grazie...

    @ elisa69: troppo buona, grazie :-)

    @ Mirtilla: si, e' morbidissimo :-)

    @ Natalia: anche io li considero alla stregua di gioielli :-)

    @ Marus: ti ringrazio, sono d'accordo ;-)

    @ Cristina: si lo conosci, ma con il procedimento classico. Questa scoperta dei tuorli negli albumi montati e' invece recentissima ;-)

    @ Cleare: risposto ;-)

    @ Chiara: detto cosi' mi fai venire l'ansia!!! Per me sara' sufficiente che ti piaccia :-)

    @ Yaya: si, e questa ricetta cose da raccontare ne aveva parecchie, direi!

    RispondiElimina
  107. @ Daniele Occhipinti: statico. Zia Angela il ventilato non sa nemmeno cosa sia ;-)

    @ Elel: si, altro metodo che ho usato, ma con questo ci vuole ancora meno tempo :-)

    @ Erica: ma non bisogna aver paura delle ricette, prova!

    @@@ Aria in Cucina @@@: brava, cosi' si fa :-)

    @ (parentesi culinaria): impossibile chiedere alla zia perche' faccia cosi'..lo facevano cosi' sua madre e sua nonna, e cosi' fa lei. MA funziona :-)

    @ Elga: non sai quanto siano azzeccate le tue parole :-)

    @ jose manuel: eh, se non lo fai tu...;-)

    @ Francesco: la ricetta si, ma il metodo e' diverso ;-)

    @ fantasie: oddio gia' mi viene l'ansia. Fammi sapere se ti piace!

    @ Mari e Fiorella: purtroppo non ce l'ha fatta...

    @ alialexa2006: grazie :-)

    @ Federica: ti ringrazio!

    @ Eleonora: grazie a te per averlo apprezzato :-)

    @ civette: vero, sembra un peccato intaccarlo...ma dopo il primo morso perdo il ritegno ;-)

    @ andrea: eppure ho trovato qualcuno a cui non piace...ma con la ricetta classica, con questo mai ;-)

    @ Gio: bagnarlo non piace nemmeno a me, e poi qui non serve, credimi :-)

    @ lerocherhotel: mille grazie!

    @ I VIAGGI DEL GOLOSO: forse era piu' adatto " incredula in cucina", visto che l'anarchica e' la zia...grazie come sempre :-)

    RispondiElimina
  108. bellissimo questo pan di spagna... con una bella crema golosa al limone o cioccolato..... mmmm!!! Da oggi ci siamo anche noi tra i tuoi seguaci! Giorgia & Cyril

    RispondiElimina
  109. Sarò sincera: se non avessi letto da te questa ricetta, non le avrei dato fiducia ....
    Ma la tua opinione e la foto mi incuriosiscono e mi spingono a provare ...

    RispondiElimina
  110. @ Roberta: credimi, incredula ero io per prima, ma ho dovuto ricredermi :-)

    @ Daisy: allora abbiamo gli stessi gusti!

    @ Cinzia: grazie a te :-)

    @ Passiflora: si, l'immagine della salute :-)))

    @ Chiara: aspetto di vedere cosa realizzerai, allora :-)

    @ Katia: grazie per averlo apprezzato, ciao!

    @ Gambetto: come l'azzecchi tu, non l'azzecca nessuno. Grazie :-)

    @ meggY: beh, mi fara' piacere allora se vorrai farmi sapere come ti viene, e mille grazie per Bas :-)

    @ Lucrezia : :-)

    @ SUNFLOWERS8: mille grazie :-)

    @ Rbe: grazie :-)

    @ Betty: come dici tu, credo che l'amido gli dia la consistenza meravigliosa che ha...

    @ Acquolina: mi hai fatto proprio ridere!

    @ ZIa Elle: io ci sono andata vicino...;-)

    @ garlutti: mille grazie :-)

    @ maria61m: prova a rifarlo con questo metodo, sarei curiosa di sapere che ne pensi...

    @ Elenuccia: le nonne la sapevano lunga...

    @ Nanninanni: anarchico in tutto, ma credimi, vale la pena :-)

    @ Imbini Pasticcini: grazie! e grazie alla tua amica per aver provato il carbone dolce :-)

    @ cristi: il pan di Spagna ogni tanto e' capriccioso, ma questa versione lo addomestica non poco ;-)

    @ Marzia: qui la brava e' solo la zia :-)

    @ MEg: mi fa piacere che ti piacciano, ciao!

    @ Gunther: proprio vero, sa di altri tempi :-)

    @ ~Lexibule~: merci :-)

    @ Fimere: thanks :-)

    @ Alessandra :-)

    @ EliFla: mai farcito questo in vita mia, troppo buono da solo :-)

    @ Ale: le migliori, forse :-)

    RispondiElimina
  111. @ Ely: l'applauso se lo merita solo la zia, io sono mera esecutrice :-)

    @ C&G: vi ringrazio, e benvenuti :-)

    @ Milen@: sono la prima ad essere stata scettica, e ho messo le foto della lavorazione per far vedere che ho veramente seguito questo procedimento...che dire, a volte le regole...funzionano meglio al contrario ;-)

    RispondiElimina
  112. preziosissima ricetta e preziosissimi ricordi! salvata in archivio!
    bacio! ale

    RispondiElimina
  113. Ebbrava zia Angela e pure te ...fatto bene a fidarti dell'esperienza e saggezza dei nostri avi! :) io non ho mai fatto nemmeno quello classico...insomma...li proverò entrambi!

    RispondiElimina
  114. @ terry: allora, se vorrai cimentarti, ti consiglio sia la versione classica che questa più anarchica...e deciderai :-)

    @ Angela: beh...con un nome così...:-)

    RispondiElimina
  115. Grazie !!!! E' il pds più buono che abbia mai provato, e poi essendo senza glutine, posso riproporlo a mio nipote celiaco.
    Grazie a zia Angela e grazie a te per averci regalato la ricetta.

    RispondiElimina
  116. Grazie Iris, mi fa doppiamente piacere!

    RispondiElimina
  117. cara stefania,
    per la seconda volta in pochi giorni sono a scriverti facendoti i complimenti per una tua ricetta. se il sorbetto magico era buono e divertente, fare il tuo pan di spagna è stata una scoperta commovente. e non lo dico esagerando, ci crederesti se quando ne ho assaggiato un morsino è stato un fiotto di emozione? quasi una madeleine, ma non di un ricordo d'infanzia, di un sapore buono a prescindere, dell'infanzia universale.
    il pan di spagna non mi è mai piaciuto particolarmente, ma solo oggi ho capito perché! perché non era vero PdS! questo sì che è soffice come piuma, dolce e delicato, una cosa veramente che cominceresti a mangiarlo e non finiresti più.
    ti ringrazio moltissimo, questa diventerà una delle mie ricette del cuore: ci sto facendo la torta per il mio compleanno!

    RispondiElimina
  118. ecco... io invece l'ho scoperto grazie a Gaia (qui sopra)... lo provero'! Grazie per la ricetta!
    K

    RispondiElimina
  119. Gaia, ti ho letto con i brividi.
    Perche' veramente questo per me e' un po' la madeleine della mia vita, e con un tuffo al cuore leggo che puo' esserlo anche per un'altra persona...
    Sono d'accordo, e' buono e sa di casa, ma ci sono dentro una tradizione ed un amore che per me sono il segreto del suo sapore.
    Di tutto cuore: GRAZIE.

    RispondiElimina
  120. @ K: ti ringrazio, mi fa piacere :-)

    RispondiElimina
  121. Viva Zia Angela....
    sta cuocendo in forno ed è addirittura uscito dalla teglia (per giunta di 26cm)... ammazza che forza!!!
    Lo taglierò domani per comporre la torta per il concorso di Cristina...

    Un abbraccio
    Eli

    RispondiElimina
  122. @ Il Gamberetto: ma dai!!! vedi le ricette della tradizione che forza...spero di ammirare presto il tuo capolavoro :-)

    RispondiElimina
  123. Questa ricetta me la sono salvata tra quelle da provare perchè, anche se ne ho già una mia per il pan di spagna, mi intriga un sacco il fatto del mischiare i tuorli in questo modo, voglio proprio provare!

    RispondiElimina
  124. Ti ringrazio, effettivamente un procedimento...anarchico :-)

    RispondiElimina
  125. il pan di spagna è in forno, il procedimento mi ha già soddisfatto tantissimo....sei davvero una garanzia Stefania, e poi questo pds saprà ancora + di buono visti gli ingredienti "segreti": amore amore amore, passioni comuni, ricordi... ci sono sapori di famiglia che non si dimenticano mai, e che ogni volta fanno tornare in vita chi non c'è +, almeno per me è così...grazie per condividere qst tue ricette!

    RispondiElimina
  126. Simona, grazie a te per queste belle parole.
    Spero tanto che anche alla prova assaggio questo dolce non deluderà :-)

    RispondiElimina
  127. Stefania! Fatto ed è venuto ME RA VI GLIO SO!
    Alto, morbidissimo e leggerissimo!
    Poi semplice da fare, grazie grazie

    RispondiElimina
  128. Grazie a te ora proverò i tutù!
    Non ci sono altri dolci della zia nel blog?
    Che belli i tuoi racconti, anche io sono di Roma e la amo follemente.
    Grazie di tutto

    RispondiElimina
  129. cara stefania finalmente posso condividere con qualcuno questo metodo anche da me usato, per preparare il pan di spagna. è un metodo che ho imparato alla scuola di cucina cordon bleu di bari. ci sono tuttavia delle differenze, la prima riguarda l'aggiunta dello zucchero, che nel mio metodo è prevista prima dell'aggiunta dei tuorli, si monta cioè una meringa molto soda e poi si aggiungono i tuorli. (risultato eccezionale, la massa rimane gonfissima). la seconda differenza riguarda invece l'aggiunta di sola farina e non di amido, che peraltro va aggiunta rigorosamente solo con la spatola. la terza riguarda le proporzioni dai 160gr/180gr sia di zucchero che di farina. la quarta e ultima differenza riguarda l'aggiunta di 4gr di lievito, non ai fini della lievitazione, che con questo metodo è comunque assicurata a prescindere dal suo utilizzo, ma solo ai fini di una consistenza più porosa e spugnosa, al posto di una più compatta, che altrimenti si avrebbe. scusami se mi sono dilungata, ciao virginia.

    RispondiElimina
  130. Molto interessante, Virginia, grazie per averlo condiviso!

    RispondiElimina
  131. Beh però col lievito non è pandispagna...
    Cmq a grande richiesta l'ho rifatto!
    Solo una domanda Stefania, quando si raffredda c'è una crosticina che si stacca dal pan di spagna.
    Mi piace tantissimo di sapore e la mangio come fosse un biscotto ma se volessi evitarla?
    Grazie

    RispondiElimina
  132. La crosticina c'e' sempre stata in quest pan di Spagna, anche io me la mangio :-) non saprei come evitarla, se proprio da' fastidio si puo' tagliare via...
    Ciao.

    RispondiElimina
  133. nono e chi la vuole togliere, intendo che si stacca dal resto, è come se fosse a sè

    RispondiElimina
  134. rifatto per la terza volta! Lo userò come base della delizia :)

    RispondiElimina
  135. Cara Stefania ho preparato questo pan di spagna per la tortadei tre anni della mia piccolina e l'ho tagliata in tre strati spalamata di crema al mascarpone e ricoperta di fragole (su esplicita richiesta della festeggiata.
    Un successone!
    La prossima volta spalmerò gli strati di liquido di fragole perchè è rimasto un pò asciutto.
    Grazie per questa bella ricetta.

    RispondiElimina
  136. Sono contenta quando viene provata questa ricetta :-) di solito è molto morbido e non secco, magari la prossima volta puoi provare a cuocerlo 5 minuti di meno.
    Comunque sia, grazie!!!

    RispondiElimina
  137. Stefania te lo devo dire, ho fatto una torta coperto di pdz con il tuo meraviglioso pds ed è stato un successone! Mi hanno fatto ridere dicendo che emette una specie di fruscio quando lo tagli. è vero!!! :)

    RispondiElimina
  138. Sono felicissima, grazie!
    Starò più attenta al fruscio la prossima volta che lo taglio...

    RispondiElimina
  139. sìsì :)
    Stefania scusa se sono molesta ma per una tortiera da 33 cm di diametro quante uova devo usare?
    Mi occorre per 50 persone e dovrò farne anche uno grande. Grazie!!

    RispondiElimina
  140. Non sei molesta, che dici :-)
    Se scorri questa discussione trovi un link ad un programmino per computer efficacissimo che converte quantita' e misure:
    http://www.cookaround.com/yabbse1/showthread.php?t=165759

    Lo fara' con piu' precisazione delle mie approssimazioni...;-)

    RispondiElimina
  141. donna meravigliosa!!!! Grazie cara, ti ho scoperto proprio grazie a cook :)

    RispondiElimina
  142. sigh, nn funziona il programmino, ti prego approssima!!! :)

    RispondiElimina
  143. Come non funziona :-(
    Oddio, io fare dodici uova ma credimi, non l'ho mai fatto piu' grande di come lo vedi qui...

    RispondiElimina
  144. e io ti darò retta ovviamente!!!
    Stefania posso chiederti un altro consiglio ma sulla pdz?
    Nn trovo pace, nn trovo una ricetta che mi soddisfi per la copertura!

    RispondiElimina
  145. Mamma che responsabilita':-( fammi sapere, eh.

    Per la pdz devo dire che non la uso molto, ma quando lo faccio mi affido a questa ricetta della mia amica Cristina:
    http://zuccherofatato.blogspot.com/2009/12/farla-in-casa-e-molto-semplice.html

    E' semplice e mi e' sempre venuta a primo colpo, inoltre si lavora benissimo.

    RispondiElimina
  146. ricetta classica quindi!
    Conosco Cristina,ho assistito ad un suo workshop :)
    Uffa devo coprire delle torte e nn amo la pdz (che io non ho mai assaggiato perché vegetariana) però me tocca :(
    Hai idee per caso?

    P.S. Quando passi per Roma?

    Scusa ancora ma adoro il tuo blog e per me eri una leggenda!!!

    RispondiElimina
  147. Come ti ho detto e' un tipo di decorazione che avro' usato tre volte in vita mia, e sempre in modo molto...basic :-)
    Piu' che a me qualche consiglio magari puo' dartelo proprio Cristina,mi sembra una fonte mooolto piu' attendibile!
    A Roma non prima di Luglio, di sicuro.

    Un bacione, grazie e...ma sarai esagerata :-)

    RispondiElimina
  148. ti mancavo?! Ormai è il mio cavallo di battaglia ed ha un successo strepitoso.
    Secondo te congelato regge bene? Oppure quanti giorni prima posso prepararlo? :*

    RispondiElimina
  149. Mi fa solo piacere quando mi scrivi, lo sai ;-)
    Certo che puoi congelarlo, l'ho fatto spesso.
    Anzi come ben sai tu che sei tanto brava nella decorazione delle torte tagliandolo da semi'congelato si fanno strati ancora più precisi.
    Altrimenti l'ho fatto non più di due giorni prima dell'uso, avvolto con una panno e chiuso in una busta di plastica.
    Ciao!

    RispondiElimina
  150. Tanto brava...mi sono inguaiata in un battesimo per 80 persone sighhh Grazie cara, ora vado a leggerti in prima pagina :)

    RispondiElimina
  151. Ciao Stefy complimentissimi per le tue ricette. Sabato ci sará la festa di compleanno della mia piccola ed oltre ad altre tue bontà vorrei fare un pan di Spagna farcito di forma rettangolare 40x30. Mi sapresti indicare le dosi? E qualche idea per la farcitura? Scusa per le tante domande ma mi fido ciecamente di te... Un bacio Sara

    RispondiElimina
  152. 40 per 30...accidenti!!! Secondo me come minimo 15 uova ma meglio se controlli con qualcuna più esperta di me, nelle proporzioni con le teglie sono un disastro :-(
    Per la farcitura invece si va a gusti....un lemon curd alleggerito con panna montata? Una pasticcera con dentro gli Smarties, da aggiungere quando è fredda? Visto che è per una bimba andrei sul semplice :-)
    Oppure una panna al caramello?
    http://arabafeliceincucina.blogspot.com/2012/05/panna-montata-al-caramello.html

    RispondiElimina
  153. Grazie mille Stefy. Sapevo di poter contare su di te ma non immaginavo in tempi così rapidi per la risposta. Sei un mito! Sara

    RispondiElimina
  154. Questo tipo di ricetta, sono la nostra vera eredità, secondo me :)
    Anche io ho il passato di verdura della nonna, il soufflè della mamma.. non è che siano ricette particolari, ma è proprio come dici tu, hanno un sapore speciale eprchè quando le facciamo, ci ricordano momenti e persone speciali :)
    Bella l'idea della nuova sezione :D

    RispondiElimina
  155. Stefania, mi fai morire... tu hai sempre le ricette... con la bacchetta magica!!! hahahahaha

    RispondiElimina
  156. Veramente io faccio TUTTI i dolci che prevedono albumi montati a neve in questo modo che tu chiami "al contrario".
    La mousse al cioccolato per esempio: non ha senso unire gli albumi a neve al cioccolato, è molto più logico fare l'esatto contrario, si deve lavorare meno e quindi si sgonfia meno ;).
    A parte questo il pan di Spagna non si fa comunque così, ma proverò la tua ricetta, non fosse altro che per la deliziosa foto.
    (da Francine)

    RispondiElimina
  157. @ Dany Melly: è verissimo. Le ricette del cuore :-)

    @ Pannifricius Delicius: a mia zia sarebbe piaciuta questa definizione!

    @ Francine: ed infatti si chiama "anarchico" non a caso ;-) mia zia è mancata non moltissimo tempo fa, ed aveva quasi 90 anni. Il suo Pan di Spagna è il migliore che abbia mai mangiato, e nessuno si è sognato mai di dirle che lo faceva al contrario...era una ricetta, pensa, di sua nonna!

    RispondiElimina
  158. Ciao Cara.
    Voglio provare questa versione, penso che la tua zia aveva proprio ragione...
    Ma ho il dubbio su una cosa...
    Lei utilizzava solo amido di mais???? si può fare con la farina,oppure parte farina e parte amido???
    Ti ringrazio e quando preparerò ti farò sapere.
    Un abbraccio.
    Thais.

    RispondiElimina
  159. Si, mia zia usava sempre e solo amido, era categorica su questo.
    Per farlo con la farina servirebbe usare un'altra ricetta, questa è perfetta così :-)

    Ciao!

    RispondiElimina
  160. Grazie Stefania.
    Voglio provare, poi ti faccio sapere come mi é venuto.
    Grazie.
    Thais

    RispondiElimina
  161. Ciao Stefania.
    Ho il pan di spagna nel forno... E'bellissimo...
    Ma sai che mia nonna preparava prima gli albumi a neve??? E tutto a mano...
    Ho visto un post in giro dicendo che senza la planetaria non è possibile preparare un pan di spagna.. E quando non esisteva???
    Poi ti faccio sapere il risultato.
    Grande Zia Angela.
    Un abbraccio.

    Thais

    RispondiElimina
  162. Ciao Thais, pensa che mia zia montava questo dolce rigorosamente a mano, lei la planetaria mica ce l'aveva e nemmeno le fruste elettriche...come tua nonna.
    Oggi forse siamo abituati all'aiuto della tecnologia e nemmeno ci viene in mente di provare...
    Aspetto il responso e grazie.

    RispondiElimina
  163. Ciao Stefani.
    Oggi ho pubblicato il post parlando del pan di spagna... e ti ho ringraziato. Era perfetto.
    Mi hai fatto ricordare che un natale avevo comprato una frusta elettrica per la mia nonna, di quelle belle... Ma ho visto che non é che le ha suscitato tanto intusiasmo ...
    Dopo un po' di tempo sono andata a casa sua e lei mi ha detto: " Non ti offendere ma preferisco preparare tutto a mano"... E non ha più usato....
    Che donne erano le nostre nonne, zie... tanto di cappello!!!
    Grazie di tutto !!!
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
  164. Senza volerlo, sabato sono stata costretta a "copiarti" un trucchetto della tua ricetta, cioè l'unione dei tuorli dopo aver montato gli albumi. Visto che stavo facendo il pan di spagna per la prima volta, ho montato gli albumi con la planetaria, perchè si smontano meno facilmente di quando li monto con lo sbattitore (forse perchè meno potente? Chissà). Per poi decidere di finire il lavoro con la planetaria (identica alla tua, poi :D!), un po' per pigrizia, un po' per far sparire l'ansia da prestazione ^^''! Gli albumi non si sono smontati, anzi, dopo l'aggiunta dei tuorli hanno continuato a gonfiarsi *O*! Devo solo ricordarmi la prossima volta di usare il limone come consigliava tua zia, durante la cottura mi sembrava di avere una frittata in forno, eheh :P!
    Quindi grazie all'infinito per questi trucchetti che condividi ogni volta ^__^!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, bisogna ringraziare zia Angela...e vedrai che con il limone il pan di spagna diventa anche molto profumato :-)

      Elimina
    2. ^_^
      Comunque la puzza una volta freddo è sparita e il pan di spagna non sapeva di uovo. Ma il limone lo metterò comunque, tra semi di vaniglia e limone di sicuro sarà ancora più buono ^_^

      Elimina
  165. Grazie a questa semplicissima ed efficace ricetta ho fatto un figurone al compleanno della mia bambina. Vista la perfetta riuscita ne ho fatti due da 9 uova e li ho ricoperti di pasta di zucchero. Meraviglia. Mille volte grazie! Ora voglio chiedere se esiste la variante al cacao, xchè l'uomo di casa compie ben 3 anni ed è un golosone. Vuole una torta di cccioccolato!!! Grazie ancora, Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Viki!
      Quanto alla versione al cacao non l'ho mai sperimentata, se lo fai fammi sapere come viene ;-)

      Elimina
  166. Ok, farò l'esperimento poi ti dirò. Ciao

    RispondiElimina
  167. Ciao Stefy, sono la stessa Dany74 che ti ha scritto diverse volte, ma ora ho un nick leggermente diverso ( ho dovuto cambiare tutto l'account perchè non so quale disastro io abbia fatto, ma non riuscivo più a pubblicare i commenti ). Che dire Stè, nonostante questo caldo infernale oggi ho acceso il forno per provare questo benedetto pds ( l'ho sfornato proprio poco fa ed un quarto è già sparito!!!!) era tanto tempo che volervo farlo ma non mi decidevo mai, poi oggi mi sono detta ma si, ora mi metto all'opera!! Il risultato??? MEGA GALATTICOOOOOO!!!!! Alto, bello, soffice, ed un sapore straordinario, direi proprio d'altri tempi!! Ma sai che addirittura è fuoriuscito dalla teglia in cottura? Mai successo con altre ricette di pds senza lievito, anzi crescevano ben poco nonostante stessi lì a montare non so per quanto tempo stè benedette uova!!!!! Non potevo credere ai miei occhi!!! MITICA ZIA ANGELA!!!!! Che dire del limone, è un tocco da maestro!! Complimenti davvero per la bontà, la leggerezza e tutto il resto!! COME NON FIDARSI DELL'ARABA, QUANDO LEI DICE CHE UNA COSA E' BUONA E' BUONA!! ( BUONISSIMAAAAAA) !! Grazie Stè, ma queste cose dovevo dirtele!! Ti meriti tutti i complimenti del mondo !!!!! CIAO ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felicissima, e se potesse saperlo lo sarebbe anche zia Angela:-)
      Grazie di cuore!

      Elimina
  168. Ciao, ti aggiorno sul mio esperimento del pan di spagna al cioccolato...nn sono rimasta soddisfatta, lo dico subito! Ho fatto la ricetta da 9 uova, ho aggiunto 30g di cacao amaro togliendo 20g di maizena. Il pan di spagna nn è venuto soffice come nella ricetta originale anche se è lievitato bene. Risultava più pesante. Avrei dovuto bagnarlo più generosamente. Poi ho voluto farcirlo con la crema al burro e latte condensato...neanche questa mi ha entusiasmato, troppo dolce! Vabbè cmq, gli esperimenti continuano! Un abbraccio, Anna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti il cacao è più pesante della farina e può essere che il dolce venga meno soffice.
      La crema in effetti è dolce e andrebbe provata in uno strato molto sottile tra due strati di qualcosa che a sua volta non sia dolce (come nel Napoleone che è il dolce per cui nasce)...buoni esperimenti e grazie dell'aggiornamento:-)

      Elimina
  169. che figata zia Angela! anch'io ne ho una che si chiama cosi, in Sardegna :) ! ma lei è esperta di pesce soprattutto.... o della marmellata di limoni e arance di cui deve portarmi la ricetta!!! cmq, come al solito sono troppo chiacchierona! volevo dirti che voglio proprio provare il succo di limone perché anch'io sento 'la puzza delle uova' e la cosa mi dà in testa... se viene alto come il tuo nonostante questa modifica, la devo assolutamente utilizzare!!!

    RispondiElimina
  170. ciao a tutti ho un problema il 1jennaio moi figlio fa 4 anni e ho tra 30 e 40 persone invitate voglio fare la torta io e ho gia fatto del pan di spagna , ma piccole qui ho una teglia di 40cm lunghezza x 30cm larghezza e 6cm altezza quali sono le dosi esatte per avere una torta con 2 strati e abbastanza alta ? GRAZIE MILLE

    RispondiElimina
  171. Un pan di Spagna anarchico, che parla di te e di una persona che ti sta più che a cuore... quando impiego a rifarlo? Giusto il tempo di tornare a casa e disfare le valigie!
    P.S. tutti dovremmo avere una zia Angela nella nostra vita, dovrebbe passarla la mutua!

    RispondiElimina
  172. devo provarla questa ricetta! ^_^
    Francesca

    RispondiElimina
  173. Questa ricetta merita, la farò con profonda gratitudine verso te che ci trasmetti sempre delle ricettine sfiziosissime, ma anche da parte mia un ringraziamento alla tua cara zia Angela. GrazieGrazieGrazie

    RispondiElimina
  174. è meravigliosoooooo!!!! grazie per avermelo fatto ricordare!!! bravissima!!!!!

    RispondiElimina
  175. ammappela quanto mi piace questo dolce, questo post, tua zia Angele e tu!
    bacioni
    Anna

    RispondiElimina
  176. Di pan di Spagna ne avrò provati mille, nella mia vita.
    Ma quello anarchico, giuro, non l'avevo mai sentito.
    Rifarlo è un attimo!

    RispondiElimina
  177. Fatto e finito poco fa! :D è fantastico! Io l'ho preparato con farina al posto dell'amido, il risultato è molto buonoforse appena "gommoso", vedrò facendolo in versione originale come risulta! ma la crosticina caramellata è troppo goduriosa e per rispetto della mitica zia, le uova sono state montate a mano!( adessere onesti, non ho altro qui, perciò zietta style! ) :D quindi mitiche entrambe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti, a mano??? Non ci ho nemmeno mai minimamente pensato :D ma la zia sarebbe fiera di te :D non è gommoso ma molto molto soffice, forse la farina al posto dell'amido ha fatto la differenze.
      Mille grazie e..complimenti :D

      Elimina