lunedì 27 marzo 2017

Mini tatin all'ananas


Posto qualche ricetta dopo un po'di pausa, ed apriti cielo.

Uffa, ancora una ricetta salata.
E si che di solito la lamentela è che posto troppi dolci.

Oddio nel 2017 ancora posti ricette con l'agnello, assassina.
Lo cucino perchè vivo circondata da onnivori ed ognuno si merita di poter mangiare ciò che sceglie. Che poi io non lo mangi è altra storia, ed in teoria assolutamente irrilevante. E' che non rompo l'anima a chi invece lo fa. Ecco, lungi da me dal volermi porre a modello per alcunchè. Ma se qui poteste prendere esempio non sarebbe poi tanto male.

La ricetta è troppo difficile e ci vuole un sacco di tempo.
C'è un indice che ne contiene quasi seicento. Non basta guardarne un'altra?

La ricetta è  facile, ci vogliono solo tre ingredienti. Me ne mancano due, che faccio.
Assolutamente come sopra.

Ancora Nutella, olio di palma non ti dice nulla?
Eccome se mi dice. Mi guarda e allarga le braccia, scuotendo la testa perchè chi lo demonizza nemmeno sa il perchè. O crede di saperlo ed ahimè, sbaglia.

Fai ricette con gli Oreo, orrore.
A parte che allora non so chi le legga, visto che sono tra le più visitate ma nessuno ha il coraggio di dirlo. O evidentemente presenze aliene passano tra le pagine di questo blog facendo numero al contatore di visite. No, non fa particolarmente figo snobbarli per partito preso, come tanti altri prodotti. Nè fa figo usarli per forza. Ricordo che qui appare solo roba che piace a me a al di me consorte, non inviti all'acquisto, all'azione, alla mobilitazione popolare in uno o l'altro senso.

E' tutto fuori stagione sul tuo blog.
Non dovrà ripeterlo un'altra volta dove vivo, vero? E che c'è una sola stagione: quella del reparto surgelati del freezer al supermercato.

Solo pochi degli ultimi messaggi ricevuti. Leggervi mi fa sempre piacere, in ogni caso.
Ma qui continua ad essere pubblicato solo quello che mi va, e mi piace. E non offendetevi se invece che direttamente vi ho risposto qui.
Su, che di predicatori e depositari della Verità con V maiuscola siamo già tutti, abbondantemente forniti ;)

La ricetta di oggi è colpa  merito della mia amica Lu, che giustamente dopo un libro sulle verdure me ne ha regalato uno sulla frutta, because balance is everything in life :D
Questa fa parte della serie figurone con pochissimo sforzo: solo un lavoro di assemblaggio e poi il forno fa la meraviglia!
Un tè pomeridiano, una colazione, un dopocena leggero magari con una pallina di gelato alla vaniglia...se sapete cucinare, vi verranno benissimo.
Ma il bello è che vengono anche se non sapete farlo! Chi prova per primo? ;)



MINI TARTE TATIN ALL'ANANAS
da Sempliciessenziali - frutta di Donna Hay
per 6 pezzi

60 g di burro
220 g di zucchero semolato
60 ml di acqua
un baby ananas tagliato a fette
375 g di pasta sfoglia (congelata o fatta in casa, e senza glutine per i celiaci)

Fondere il burro su fuoco medio in una padella antiaderente.
Appena fuso unire lo zucchero e l'acqua e cuocere mescolando per due minuti o comunque finchè lo zucchero risulterà sciolto.
Aggiungere le fette di ananas e cuocere per 3 minuti (io tre minuti per lato)
Ora mettere un po' di sciroppo e una fetta di ananas in sei stampini per tartelletta da circa 9 cm di diametro (i miei 10).
Stendere la sfoglia a 3 mm di spessore e ricavare 6 dischi grandi quanto gli stampini e appoggiarli sulle fette di ananas ripiegando i bordi verso l'interno.


Mettere gli stampini in una teglia e cuocere in forno preriscaldato a 200 gradi per circa 18-20 minuti o comunque finchè la pasta risulterà gonfia e dorata.
Aspettare qualche istante e rovesciare sui piattini di servizio.



NOTE

- non aspettare troppo a sformare le mini tatin: lo sciroppo indurirebbe rendendo l'operazione più difficoltosa.

- sono buonissime tiepide ma anche a temperatura ambiente. Sono perfette il giorno stesso in cui vengono cotte, quello dopo la sfoglia perde ovviamente un po' di croccantezza.

- come scritto sopra sono perfette da sole ma per un dopo pasto con una pallina di gelato faranno un figurone....

- il tag gluten free si riferisce al fatto che può essere usata pasta sfoglia senza glutine, che ormai si trova facilmente nei supermercati italiani.



31 commenti:

  1. Ma davvero c'è chi osa scriverti tutte quelle critiche di cui sopra? Io proprio non la capisco questa gente....non fa prima a non seguirti più se non è interessata alle tue ricette invece di perdere tempo a criticarle? Comunque....altra ricettina speedy da provare! Buon lunedì 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E questo non è niente, saresti stupita a leggere ben altro. Mi stupisce piuttosto che invece di passare oltre ci perdano pure il tempo...mah!

      Elimina
  2. Questo post è uno dei più belli ...pare un vademecum per il vivi e lascia vivere....peccato che chi si erga a predicatore della verità assoluta non si riconosca nella descrizione ;) Le tatin sono bellissime ...Life in balance ....mi ricorda qualcosa :DDDDDDDD

    RispondiElimina
  3. la critica non costruttiva fa parte del mondo dei food blogger è ovviamente non si può piacere a tutti ma come te, penso, che noi proponiamo delle idee poi sta a chi legge preferirle o meno e non giudicare solo per partito preso...Le tue mini tatin sono davvero un amoreeeeee!Baci,Imma

    RispondiElimina
  4. Qualcuno dice che l'importante sia essere al centro dell'attenzione ed evidentemente tu lo sei. Meritatamente aggiungo io. Chi critica per partito preso invidia. Forse le quasi seicento ricette pubblicate? Forse il saper scrivere post mai scontati? Forse l'aver rivoluzionato il mondo del food web con termini come "furbo" o "magico" associati al cibo? Chissà... Poco importa Stefy. Sei unica e questo purtroppo brucia a molta gente... Peccato per loro!! ;) altra ricettina furbissima assolutamente da memorizzare! Grazie, e non solo per la ricetta. :) Elena.

    RispondiElimina
  5. certa gente secondo me deve vivere proprio male, peggio per loro! Io sono per il vivi e lascia vivere se a uno non piace una cosa che pubblichiamo mica è obbligato a farla. mah!
    Queste mini tartellette già le adoro e le condivido <3 baciiiii

    RispondiElimina
  6. Ma come si fa a criticarti!???!!io adoro il tuo blog, è ricchissimo di ricette di tutti i tipi, in buona parte "furbissime" e buonissime e i tuoi aneddoti sono sempre troppo simpatici. Inoltre un blog è per definizione "personale" e se a qualcuno il tuo non piace, ne ha altri mille mila da leggere, il web ne è pieno. Per me, il tuo è speciale!Ciao Stefania!

    RispondiElimina
  7. Sinceramente non so più cosa dire, ogni giorno siamo (siete voi autrici/autori di blog) martellati da persone che hanno la verità assoluta, senza possibilità di controbattere... Tu sei una grandissima, continua così è lascia perdere le critiche la maggior parte, come già saprai, sono di persone ignoranti, nel senso che ignorano perché sono solo da definire analfabeti funzionali...

    RispondiElimina
  8. Invece di critiche, solo un bel grazie per farci ridere, piangere, riflettere e cucinare. Non mi piace l'ananas? E che problema c'è? Mi leggo comunque tutto, perchè se non amo l'ananas, amo il tuo modo di scrivere, e per la ricetta, pazienza, cerco tra le 600 del tuo blog, o tra i miliardi in rete, dovrebbero bastare per preparare una cena, no?
    PS: però amo l'agnello :D

    RispondiElimina
  9. Ho visto negli anni che come fai, fai c'è sempre qualcosa che non va. C'è chi la vuole rossa chi blu. Accontentare tutti è un 'impresa. L'importante è preparare qualcosa che a noi piace, poi se piace anche ai lettori ben venga. Comunque a me queste mini-tatin all'ananas garbano molto. Buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
  10. L'invidia è una brutta bestia, lo sai vero?
    Io ti seguo da parecchio nonostante possa realizzare neppure un terzo delle ricette che hai pubblicato a causa delle mie intolleranze, ma non per questo ti critico e importuno.
    Mi piace come scrivi e come descrivi i luoghi, gli usi e custumi dei luoghi che ti circondano.
    Se i piacere viene a mancare si può cambiare. Stop.
    Mahhh...che roba...

    La mini tarte tatin la farò per i miei ragazzi a breve, perchè è una ricetta buona, facile, veloce, furba e, perchè no, forse un pò cialtrona come piace a me!!!!!
    Ti stimo fratella ;-P

    RispondiElimina
  11. Mi diverto sempre a leggere i tuoi post! E al diavolo la ricerca dell'altrui approvazione! Però un po' ti invidio: a me nessuno dice mai cose del genere sebbene talvolta ne avrebbero ben donde!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non la ricerco, ma mi fa specie che ci sia tanta sollecitudine nel farmi sapere che non ce l'ho!

      Elimina
  12. Per avere commenti del genere molto meglio allora il mio blogghino scarno scarno di commenti :D
    Però, pure tu, agnello e verdure fuori stagione!!! Ma si può?!?!?!? :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un'assassina e nemmeno di stagione! :D

      Elimina
  13. Sei troppo forte STefania! Poi queste tartellette le adoro. Amo alla follia l'ananas e mi sembrano perfette come salva cena... o meglio salva catastrofe quando ad esempio ti rendi conto che il dolce che avevi fatto non sarà mai pronto ... e forse è meglio così. Ecco le tue mini tarte le segno, perchè spesso qui a causa dei miei esperimenti capita sovente di rimanere fregati!E per fortuna che esistono le ricette altrui e sopratutto quelle della mitica Donna Hay, incluse tutte quelle del tuo blog che sono sempre una garanzia!

    RispondiElimina
  14. Sei troppo famosa vedi? seguita da una moltitudine anche troppo varia di persone :-) non ho mai ricevuto commenti simili, sicuramente perchè i miei "seguaci" sono molto ma molto più limitati. Sinceramente devo dire che mi hanno fatto sorridere, certo che al mondo c'è davvero di tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah....il mondo è bello perchè vario, si dice.

      Elimina
  15. Solo due parole per moltiplicare l'incoraggiamento: il tuo blog è bellissimo! Il tuo indice delle ricette è il mio migliore amico, i tuoi racconti sono così interessanti, lezioni di vita extraeuropea dal vivo! Solo, per favore, non farti contagiare dai tuoi detrattori: la tua gentilezza, la tua educazione, la tua sottile ironia sono una parte così bella della tradizione italiana che purtroppo va un po' scomparendo. Continua come sempre e grazie per quel sorrisino beffardo che mi lasci al termine della lettura dei tuoi post��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei tanto cara. Non mi faccio scoraggiare, mi danno materiale per i post!

      Elimina
  16. Grazie per la ricetta, assolutamente da provare! :)

    http://blog.giallozafferano.it/dolcisalatidielisabetta/

    http://ilblogdielisabettas.blogspot.it

    http://elisabettasantoro.altervista.org/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicura di non aver scordato nessun altro link?

      Elimina
  17. Ciao, mi chiamo Alberto Massimo ed è la prima volta che scrivo ad un Blog. Non ho mai fatto una tua ricetta ed onestamente nemmeno mi interessa molto farlo, ma sono assolutamente innamorato delle tue storie e di come le scrivi. Quindi non preoccuparti se qualcuno si lamenta di come gestisci i tuoi spazi. Continua così che tanto la mia nonna diceva che è difficile mettere d'accordo il padre, il figlio e l'asino...soprattutto l'asino. Grazie del tempo che ci dedichi e buona continuazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie! Il 99% dei miei lettori sono donne, mi stupisce un uomo e ti ringrazio doppiamente :)

      Elimina
  18. Leggere le tue parole, anche se di risposta a persone petulanti in oltremodo, fa sempre bene alla sottoscritta, sorrido e mi rilasso e immagino come sarebbe prendere un tè con te guardando fuori la finestra e osservando il mondo circostante, totalmente diverso dal mio, ma sicuramente affascinante ed effimero. Passamene una Stefy, che ne ho proprio voglia!

    RispondiElimina
  19. Passo dopo un po' di tempo..troppo ahimè e sgrano gli occhi!! nel recupero di ricette che mi sono persa, ovviamente leggo un po' di te che mi sei mancata e scopro sto macello! Che dire Stefania, brava sei brava...forse non va giù a tutti. Anche se le ricette non riscontrassero i gusti di qualcuno, nessuno dovrebbe offendere il lavoro, e lavoro con amore aggiungerei, degli altri! Poi caso mai insistessero na lattinata di latte condensato e passa la paura! tanto il latte è sempre di stagione no!? ;P

    RispondiElimina