lunedì 19 maggio 2014

Pancakes ai mirtilli, in quindici minuti!


Va bene tutto.
Va bene che salire sulla scaletta dell'aereo, ad ogni viaggio, sia per la sottoscritta una sofferenza.
Ogni volta ho un flash dei condannati al patibolo e vedo me stessa vestita come Maria Antonietta.
Va bene che il cuore arrivi a livelli tali che nemmeno con i miei sprint migliori ho saputo eguagliare.
Va bene che le mani tremino.
La voce pure.
Le gambe non ne parliamo.
Perdo la naturale logorrea, e lo so che qualcuno già grida al miracolo :)
Ogni sillaba si tramuta in un singhiozzo, represso.
I braccioli del sedile, se potessero parlare.
Mi farebbero causa da quanto li stringo.
Va bene sforzarsi di non guardare l'orologio, e scoprire che sono passati novanta secondi dall'ultima volta che lo si è fatto.
Uh, pareva un'eternità.
Ogni turbolenza e penso alla mia lapide.
Ed ogni volta mi ricordo che non ho dotato i parenti di foto approvata.
Va bene tutto.
Ma questo no.
Che poteva capitarmi, oltre ad essere costretta dalla vita e dal deserto a prendere un aereo per ogni spostamento?
No, non una sorella ingegnere aerospaziale.
A quello si può sopravvivere.
E' l'augusto consorte fanatico dell'aviazione che mi ucciderà.
Inseguendo il sogno non tanto segreto di ottenere un brevetto di pilota inonda la sottoscritta di dettagli tecnici, aperture alari, flap, inversori di spinta e chi più ne ha più ne metta.
Apprezzo la buona volontà.
Per ogni rumore che mi fa trasalire, la spiegazione scientifica.
Sarà.
E' che io nel panico nemmeno ci sento più.
Per cui il teatrino, ormai, è sempre quello.
La sottoscritta avanti cammina verso il sedile, rigorosamente corridoio perchè devo poter scappare.
Che nessuno chieda dove :)
Faccia che non so descrivere, dato che non mi vedo.
Ma che fa chiedere alla hostess, gentile, are you ok?
Mai darmi il la.
Avviso subito che ho paurissima, e lei annuisce che verrà a controllare durante il volo che stia bene.
Lui, dietro.
Sorrisone stampato e subito stessa hostess sequestrata per convincerla a farlo parlare con i piloti, visitare il cockpit, discutere di dettagli tecnici.
Ci guarda sospettosa.
Are you guys together?
Chiede se siamo insieme.
La guardo rassegnata.
Lei ride a crepapelle.
Va bene che Dio li fa e poi li accoppia.
Ma con noi ci si è anche parecchio divertito ;)

Mi riprendo dalla paura passata sugli ultimi voli con una colazione che fa passare qualunque pensiero: l'impasto si prepara in, cronometrato, cinque minuti.
Altri dieci per cuocere una marea di pancakes, e tutta la mattina, lenta, per goderne.
Stupendi con lo sciroppo d'acero ma provateli anche con questo di mirtilli: da leccare il piatto!





BLUEBERRY BREAKFAST PANCAKES
per circa 22-25 pezzi
da How to Bake di Paul Hollywood

200 g di farina autolievitante
1 cucchiaino di lievito per dolci
un pizzico di sale
un uovo medio
300 ml di latte intero
un cucchiaio di burro fuso
75 g di mirtilli
poco burro e olio, per la cottura

per servire

sciroppo d'acero
mirtilli freschi


Setacciare farina, lievito e sale.
A pare battere con una forchetta uovo e latte.
Unire il composto liquido a quello di farina con una frusta a mano o una forchetta finchè si ottiene un pastella fluida.
Aggiungere il burro fuso e i mirtilli interi ed amalgamare delicatamente.
Scaldare una padella antiaderente con un pezzetto di burro e poche gocce di olio su fuoco medio.
Quando è calda versare l'impasto a cucchiaiate (una cucchiaiata = un pancake).
Cuocerli un paio di minuti per parte finchè dorati, quindi girarli e cuocere anche dall'altro lato.
Ungere la padella di nuovo cuocendo gli altri pancakes.
Servirli con sciroppo d'acero e mirtilli freschi, oppure con sciroppo ai mirtilli.


NOTE

- i pancakes possono essere preparati la sera prima, conservati in frigo coperti con alluminio e scaldati pochi secondi al microonde il giorno dopo: rimangono come appena fatti.

- se non avete la farina autolievitante aggiungete un altro cucchiaino di lievito per dolci alla farina tradizionale.

- l'autore del libro da cui ho preso la ricetta, Paul Hollywood, consiglia di abbinarli anche a del bacon croccante: beh, ci sta una meraviglia!


39 commenti:

  1. Non sono mai salita su un aereo....e sono terrorizzata solo all'idea!!! Claustrofobica e con una gran paura delle altezze per me l'aereo è un aggeggio infernale!
    Invece questi pancakes sono un sogno e me li hai proprio serviti su un piatto d'argento....giusto stamani la mia chicchetta mi chiedeva le frittelle dei cartoni animati...e io non li ho mai fatti...è la volta che l'accontento!!!

    RispondiElimina
  2. Tesoro non ho mai volato e credo che non succederà mai perchè ho il terrore dell'aereo!!Questo mi preclude viaggi favolosi ma che ci posso fare solo al pensiero mi prend eil panicooooooo quindi ti capisoc e come!!
    Questi pancakes sono uno spettacolo davvero deliziosi e poi con i mirtili il top!!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  3. C'è stato un periodo in cui mia madre, trovandosi in posti che le piacevano, ci chiedeva di farle foto in primo piano, affinché potessimo avere una sua foto... per la lapide, giacché, diceva, "non si sa mai"! :D

    RispondiElimina
  4. Prima o poi devo decidermi a farli, questi pancakes! Hanno un'aria davvero invitante, complimenti!!!

    RispondiElimina
  5. li amoooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!1

    RispondiElimina
  6. Mi sarebbe piaciuto vedere la faccia della hostess mentre guardava voi due: l'Augusto consorte voglioso di dettagli tecnici e godutissimo in ogni fase del viaggio e la mia cara Stefania, terrorizzata, angosciata, disperata....è proprio vero che Dio li fa e poi li accoppia...ma è ancor più vero che gli opposti si attraggono..sto ancora ridendo a crepapelle ahahahah

    I tuoi pancakes sono fantasticissssssimi, e poi con i mirtilli....che meraviglia...uhmmm
    Ma...secondo te i mirtilli sono "la morte sua" oppure posso usare lamponi, fragoline.....
    Ciao viaggiatrice ^_^


    RispondiElimina
  7. sto sbavandooooo!!!! solo tu puoi fare certi miracoli...in 15 minuti....mio figlio ti ha letta e li vuole subito!!!!! condivido la tua paura di volare...ma è indispensabile per conoscere nuove albe....baci!!!

    RispondiElimina
  8. Buonissimi, adoro fare colazione con i pancakes anche se, per dieta ferrea e per tempistica, non riesco mai.
    15 Minuti però forse me li posso concedere =)
    Vale

    RispondiElimina
  9. Come ti capisco, anche io sono terrorizzata ogni volta che monto su un aereo...una laurea in fisica non basta a tranquillizzarmi sul fatto che quel mostro alato restera' in quota, portandomi a destinazione sana e salva! :D
    Le mie colazioni sono piuttosto contenute, ma per un bel piattone di pancakes caldi e soffici soffici si fa volentieri un'eccezione!!! :)

    RispondiElimina
  10. Mai volato! XD
    Ma leccherei volentieri il piatto! u_u

    RispondiElimina
  11. Arabbbbaaa!!! Un giorno dobbiamo prendere un aereo insieme: vojo vede la tua faccia dal vivo!!!!
    :D :D :D

    p.s. sull'uso della farina autolievitante meglio sorvolare..ops! Scusa! Meglio soprassedere! :))))

    BaSci

    RispondiElimina
  12. Devo farli prima o poi, sono la mia colazione preferita in vacanza!!!!

    RispondiElimina
  13. noto con piacere che non sono la sola a considerare la scaletta dell'aereo come la salita al patibolo....io da quando acquisto i biglietti mi sento un condannato nel braccio della morte.......ma i Pancakes si sposano con la dieta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, dipende da che dieta segui :) ciao compagna di sventura :D

      Elimina
  14. Leggo il tuo racconto e sembra di vedermi in uno dei mie viaggi, ma la tua parte la fa mio marito ed io me la rido come il tuo :D hihihihihi. Sapessi Gianluca come si arrabbia quando cerco di sdrammatizzare, nel momento del decollo e dell'atterraggio va proprio in trance e guai se parlo...cosa tanto difficile per me! I pancakes mi mancano vado a studiarmi la tua ricetta, baci grandi.

    RispondiElimina
  15. in effetti l'hostess è stata fantastica a chiedervi se stavate insieme!!! hihihih!!
    io adoro Paul Hollywood... quindi voglio provare a fare questi pancake! ma mi sono sempre rifiutata di comprare la farina autolievitante!!
    a presto
    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara puoi farli con la farina normale, aggiungendo un ulteriore cucchiaino di lievito :)

      Elimina
  16. Ti capisco... quando volo con le compagnie low-cost mi viene sempre un'ansia.... xDD Aah, è una vita che non faccio pancakes, adesso ne ho troppo voglia! :P

    RispondiElimina
  17. Adoro i tuoi racconti. Bella fortuna per te avere un compagno appassionato di aerei insomma! :-)
    Al contrario di te io adoro volare, però capisco che le turbolenze diano un pò fastidio...
    Ottima idea consolarsi a colazione con dei pancakes! Questi sembrano ottimi!
    Bravissima come sempre.
    Un abbraccio
    Giudy

    RispondiElimina
  18. Potresti prenderti a braccetto con mia sorella!

    RispondiElimina
  19. io un pò ti capisco...i miei non sono veri e propri attacchi di panico, ma paura di stare male in aereo. Una volta durante una lunga tratta, sono stata male, parecchio male...da lì, appena salgo mi sembra di iniziare a sentire tutti i dolori e i fastidi possibili e immaginabili.
    Favolosi i pancakes...hanno appena regalato anche a me un libro di Paul Hollywood, devo ancora sperimentare qualcosa.
    Bacioni

    RispondiElimina
  20. ben ritornata piena di grinta e sprint come sempre, complimenti

    RispondiElimina
  21. Ahahahahah a chi lo dici! Pure io ho una paura tremenda di volare ma se potessi prenderei un aereo al giorno perchè la voglia di poter visitare, poter guardare, poter ascoltare culture diverse fa svanire ogni tentennamento.

    RispondiElimina
  22. ti capisco, ti capisco eccome.
    io ho volato la prima volta quando avevo appena un anno (e nel giurassico, quando son nata io, non era così frequente) e non ho mai avuto paura fino ai trent'anni.
    poi, è stato un precipitare.
    l'ultima volta ho volato esattamente 10 anni fa.
    dovrò rivolare a natale, e già ci penso praticamente ogni mattina.
    dici che questi pancakes ci consolerebbero?
    non lo so, non credo, troppo eterei e buoni. fatti e mangiati, e la paura torna subito prepotente.
    ...
    ...
    ...
    ci vuole qualcosa che sia un po' pancone, che faccia fatica ad andare giù... mi è venuta un'idea ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ben sai viaggio parecchio e non posso che prendere l'aereo se voglio rivedere i miei cari :D ed ogni volta è un conto alla rovescia per cui mi immedesimo in te e ti sono vicina!!
      Quanto a quello che hai mente...mi sa che lìho in mente pure io :D

      Elimina
  23. Non so quanto crediate alle vite precedenti, ma queste associazioni: scaletta dell'aereo=patibolo, care ragazze mi sembrano proprio delle memorie energetiche di vite precedenti, in ogni modo certe paure si possono anche superare, ci sono un tot di tecniche energetiche che aiutano a superare ciò che sembrerebbe insuperabile... riguardo al pancakes come mai se già la farina è autolievitante si aggiunge anche dell'altro lievito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ero Maria Antonietta??? :D Scherzo, ho provato molte tecniche, corsi, etc e la paura mi è rimasta ma non dispero, chissà.
      Quanto al lievito evidentemente quello della sola farina non è sufficiente ad avere pancakes belli cicciosi ^_^

      Elimina
    2. wow questi tuoi pancakes sono bellissimi ,sbavo solo a vedere la foto ...ho una ricetta mia per farli diciamo la ricetta di famiglia ( ma di questo magari ne parlerò in un post) qualche domenica fa li ho fatti e al posto dei mirtilli ho messo le mele che buoniiii!!!!

      Elimina
  24. io ci andrei a nozze coi dettagli tecnici! a me ste cose piacciono un sacco, ma non ti dirò che ho visto decine e decine di puntate di "Indagini ad alta quota" e quindi ne conosco qualcuno...questi pancakes sono dei più golosi!

    RispondiElimina
  25. meravigliosamente deliziosi....il mio Lui li adorerà...gnammy!!

    RispondiElimina
  26. Povera Stefania, non posso capire il tuo stato d'animo (per me prendere l'aereo e' un divertimento, mi piace proprio! :-D ) ma immagino quanto poco piacevole possa essere volare con la paura! :-(
    Grazie anche per questa ricetta, io i pancakes li adoro (e li ho scoperti proprio.. in viaggio!)!

    RispondiElimina
  27. Io con l'aereo ho uno strano rapporto...mi terrorizza il decollo ma poi viaggio tranquilla...e assolutamente sempre vicino al finestrino!!!!
    Favolosi questi pancakes!!!! Un bacione cara!!!

    RispondiElimina
  28. ciao cara stefy, sai che le ricette veloci mi attirano, quindi eccomi, mi piacciono troppo!
    baci

    RispondiElimina
  29. una bella ricetta furbetta, deliziosa e veloce,cosa vogliamo di piu'?
    un bacione,Mirtill@

    RispondiElimina
  30. Bentornata,ci sei mancata.
    Come al solito mi diverto a leggere dei tuoi racconti ( ti confido a bassa voce,che anch'io un po' di paura ce l'ho ma,in volo,appaio rassegnata dopo essermi fatto il segno della croce ben 4 volte.....e non 3 si badi bene! )
    Ottimi i tuoi pancakes ai mirtilli.

    RispondiElimina
  31. ...... quando ho letto la descrizione dei tuoi viaggi in aereo..... ho rivissuto i miei..... uguale uguale...... io in più tengo tra le dita un piccolo rosario .....
    Ah, grazie per la ricettina dei pancake!
    Maurizia

    RispondiElimina
  32. sai che c'è stato un periodo della mia viat che avevo le stesse paure e sensazioni ora un filino meglio e chissà perchè...boh magari ti passeranno anche a te.Continuo a non fare ancora i pancakese a vedere qui sono anche super veloci..devo sempre rimediare!

    RispondiElimina
  33. Questi li faccio sicuramente per il piccoletto che è pancake-dipendente.. Per il volo una mia amica dovendo fare un viaggio negli Stati Uniti ha fatto un corso con Alitalia e ha risolto..ma mi ha confessato di aver preso anche parecchi calmanti... Quest'estate prenderò l'aereo con tutta la famiglia..per i ragazzi è la prima volta e al momento sono galvanizzati..vedremo la mattina della partenza!!!

    RispondiElimina