sabato 8 marzo 2014

Clafoutis di lamponi per Unlamponelcuore



Festa della donna.
Sarà.
Sarà che piuttosto non faccio altro che leggere, e vedere, che alle donne c'è sempre qualcuno che fa la festa.
E non mi riferisco ad un mazzo di mimose.
Vivo in un Paese dove i diritti basilari delle cittadine vengono calpestati ed ignorati ogni santo giorno.
E non consola sapere che sono in buona compagnia.
Alle donne di Bratuniac hanno portato via tutto.
Mariti e figli.
Leggete questo post, e non potrete non sentire una stretta al cuore.
Oggi troverete in rete quintali di lamponi.
Con questa iniziativa, i foodblogger che aderiscono a "unlamponelcuore" intendono far conoscere il progetto "Lamponi di Pace" della Cooperativa Agricola Insieme, nata nel giugno del 2003 per favorire il ritorno a casa delle donne di Bratunac, dopo la deportazione successiva al massacro di Srebrenica, nel quale le truppe di Radko Mladic uccisero tutti i loro mariti e i loro figli maschi.
Per aiutare e sostenere il rientro nelle loro terre devastate dalla guerra civile, dopo circa dieci anni di permanenza nei campi profughi, è nato questo progetto, mirato a riattivare un sistema di microeconomia basato sul recupero dell'antica coltura dei lamponi e sull'organizzazione delle famiglie in piccole cooperative, al fine di ricostruire la trama di un tessuto sociale fondato sull'aiuto reciproco, sul mutuo sostegno e sulla collaborazione di tutti.
A distanza di oltre dieci anni dall'inaugurazione del progetto, il sogno di questa cooperativa è diventato una realtà viva e vitale, capace di vita autonoma e simbolo concreto della trasformazione della parola "ritorno" nella scelta del "restare".


La ricetta di oggi è quindi solo un pretesto.
Perchè si parli di un progetto che merita di andare avanti.
Cercate questi prodotti, che hanno anche una pagina facebook , nelle Coop e nelle Ipercoop.
Sono distribuiti anche da Altromercato e dal commercio equosolidale.
E quando un prodotto fa del bene, non è anche più buono?




CLAFOUTIS DI LAMPONI
da EveryDay Food di Martha Stewart
per una teglia da pie da 23 cm 

55 g di burro
188 ml di latte
3 uova grandi
95 g di zucchero
60 g di farina
mezzo cucchiaino di estratto di vaniglia
la punta di un cucchiaino di sale
250 g di lamponi


Mescolare latte, uova, zucchero, vaniglia, sale e farina con un frullino ad immersione.
Unire il burro fuso e frullare di nuovo.
Distribuire i lamponi interi nella teglia, quindi versarvi il composto.
Spolverizzare con una cucchiaiata di zucchero e cuocere in forno preriscaldato a 200 gradi per circa 25-30 minuti, finchè dorato.
Servire tiepido o a temperatura ambiente.


NOTE

- il clafoutis è un dolce morbido, non una torta, quindi non si può sformare: si serve nella teglia in cui è stato cotto.

- in cottura gonfia parecchio ma si affloscia da freddo, è normale che sia così.

- è molto buono anche il giorno dopo.

- qui riscuote molto successo freddo di frigo.

27 commenti:

  1. Che bella ricetta, e che bella iniziativa, non la conoscevo, grazie! :)

    RispondiElimina
  2. Ricetta deliziosa e iniziativa meravigliosa, grazie per averla condivisa!

    RispondiElimina
  3. Ho letto l'articolo e apprezzo ancora di più questa inziativa. un abbraccio!
    www.bonjourchiara.com
    Facebook Page Bonjourchiara

    RispondiElimina
  4. Cara Stefania, tu sei una delle poche che possa testimoniare come ancora tanto ci sia da fare sul versante delle pari opportunità e del rispetto dell'essere umano senza distinzioni di sesso. Noi facciamo poco, pochissimo, ma questo quintale di lamponi nell'etere forse sarà in grado di spostare il destino delle donne di Bratunac in direzione della felicità? Non possiamo saperlo, ma stare a guardare aiuta ancora meno. Grazie per le tue bellissime parole cara amica. Un forte abbraccio. Pat

    RispondiElimina
  5. Non sapevo dell'iniziativa, ma senz'altro voglio partecipare. E basta così poco...Grazie per aver condiviso l'iniziativa e la ricetta. :)

    RispondiElimina
  6. è bellissimo essere accomunate anche in questa iniziativa :)
    non ho una teglia bella come la tua, ma questo clafoutis (o meglio flognarde) lo voglio fare!!!
    un abbraccio grande

    RispondiElimina
  7. Non conoscevo la storia di queste donne, di questo massacro, simile all'olocausto degli ebrei, dettato da odio, estremismo e ignoranza.
    Come sempre le donne si rialzano, nonostante il dolore psicofisico, le umiliazioni ed i tormenti, continuano ad andare avanti.
    La forza delle donne è ineguagliabile.
    L'8 marzo è un giorno in cui molti, ma non tutti, le ricordano. e gli altri 364?
    Insegnamo ai nostri figli il rispetto verso tutte le persone, senza distinzione di sesso, nazionalità, credo. Sembra banale ma è un piccolo passo per un futuro migliore.
    Per tutte le future dottoresse che muoiono perchè non ci sono cardiologi donne.
    Per tutte le donne che vorrebbero guidare, andare in bicicletta ed in altalena.
    Per tutte le donne che guardano il mondo solo attraverso una fessura per gli occhi.
    Per tutte le donne che non possono camminare sole, senza uomini della famiglia.
    Per tutte le donne che soffrono, sono umiliane, picchiate, segregate, violentate e private del proprio IO.

    Quindi viva i lamponi della pace, i lamponi che aiutano a rendere meno amara la vita di alcune donne.
    Viva il tuo clafoutis Stefania, e grazie di avermi fatto conoscere le donne di Bratunac....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho trovato e comprato questa marmellata, non potevo non farlo.
      E' buonissima e quindi perfetta per la crostata che ho fatto...e già mangiato...mannaggia...
      (Frolla con farina di riso e farina di grano saraceno ^_^)

      Elimina
  8. Mi unisco al coro!
    Chiamiamolo pure pretesto, ma il tuo clafoutis è delizioso e mi ha conquistata.

    RispondiElimina
  9. il problema è che anche nei paesi dove le donne hanno raggiunto una parità quasi totale... anche in questi paesi, compresi il nostro, muore una donna ogni tre giorni per mano di un conoscente, oppure è reclusa e resa schiava da banditi senza scrupoli...questa giornata non viene più vissuta come giornata di ricordo e riscatto e solo una scusa per uscire con le amiche a fare le galline....di mio non l'avrei proprio ricordata se non fosse stato per alessandra e annamaria e sono felice di aver fatto parte di questo progetto e grazie a te di aver aderito con una ricetta che renderà felice mio marito ...grazie!

    RispondiElimina
  10. Nessuno, piu' di te, può esprimere bene questi argomenti!!!!
    Non sapevo di questa iniziativa e spero di potermi aggiungere anch'io , contribuire anch'io, come una goccia nell'Oceano...ma l'Oceano è composto da tante gocce.....bravissima e un abbraccio forte!!!!

    RispondiElimina
  11. Hai ragione...a me la 'festa' della donna non è mai piaciuta molto..soprattutto perché troppo spesso non c'è molto da festeggiare in giro per il mondo, ma anche qui in Italia..per troppe donne.
    Bello aver dato un piccolo contributo tutte insieme <3
    Il clafoutis è un dolce che non faccio quasi mai..ma perché???
    E' buonissimo!!
    Un abbraccio Stefy! buon fine settimana <3

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Grazie Stefania e grazie a tutte le altre. Sono approdata qui oggi perché sapevo che non avrei trovato mimose o post di auguri. Sino a quando le donne porteranno i veli, io non avrò nulla da festeggiare. Evviva i lamponi! E da oggi in avanti l'8 marzo regalerò lamponi in ogni forma. Roberta

    RispondiElimina
  15. GRAZIE Stefania per averci fatto conoscere questa storia.Ho sempre amato i lamponi,ma adesso ho una ragione in piu'.

    RispondiElimina
  16. Un bellissimo progetto! Complimenti!

    RispondiElimina
  17. Ma che bello tutti questi lamponi a giro,oggi!!
    Bravissima a te e a Martha!!

    RispondiElimina
  18. that looks so delicious!
    following you via gfc and bloglovin now. hope you'll follow me, too!
    happy sunday!

    http://www.getcarriedaway.net/

    RispondiElimina
  19. Grazie Stefania. Bella ricetta.Nn dimentichiamo queste donne più sfortunate di noi

    RispondiElimina
  20. speriamo che il nostro contributo possa essere d'aiuto!
    una interessante ricetta per questa iniziativa a cui ho partecipato anch'io con immenso piacere!
    ciao

    RispondiElimina
  21. Stefania chi meglio di te può parlare delle discriminazioni di sesso! Spero tanto che questo nostro piccolo gesto porti tante cose belle alle donne di Brutanac ora mi leggo bene la tua ricetta.
    Un abbraccio Donna

    RispondiElimina
  22. la tua partecipazione rende onore a tutte le donne, lo sai? sopratutto perchè tu ben conosci la sofferenza di molte donne, proprio vicine a te. <3

    RispondiElimina
  23. Cosi' si dovrebbe festeggiare l'8 marzo,iniziativa bellissima! Non ho mai fatto questo dolce ma ne ho sentito molto parlare...devo provare sono curiosa ;))))

    RispondiElimina
  24. diritti delle donne, calpestati troppo spesso :(
    e tanto di più nel paese che ti ospita..
    l'8 marzo aver visto quest'ondata rosso lampone che ha invaso la blogosfera, è stato molto bello..spero che sia di buon aspicio...
    un bacione

    RispondiElimina
  25. stefy, auguri in ritardo! buono il tuo clafoutis e trovo un bene che questa inizativa abbia sensibilizzata tante donne come noi! Un abbraccio mia cara!

    RispondiElimina