giovedì 17 giugno 2010

Fuoco alla...kofta?


Sto per darvi un ottimo consiglio: mai e poi mai accettare un invito per un barbecue a casa di persone con cui non siate nella massima confidenza.
Eh si, perche' potreste ritrovarvi in una inusualmente fredda sera nel bel mezzo del deserto libico, proprio nel momento in cui i vostri vicini locali decidono che e' ora di ammazzare la capra che da giorni viene pasciuta a piu' non posso, come si conviene dato che deve poi sfamare una miriade di persone, invitandovi al grande evento.
A questo punto forse qualcuno sta pensando alla bella occasione che mio marito ed io abbiamo avuto quella famosa volta. Verissimo, in un certo senso.
D'altronde, come ho spiegato in precedenza, eravamo l'attrazione turistica del minuscolo villaggio, nonche' gli ospiti d'onore alla suddetta serata. 
Beh, forse e' meglio dire che mio marito era l'ospite d'onore, ed io solo contorno. Per carita', sempre d'onore, ma diciamo che in certi Paesi essere donna ti fa classificare automaticamente come di serie B...
Ci troviamo quindi tutti seduti in terra sui tappeti, mio marito ed io, la colorita e numerosissima famiglia dei vicini libici e la povera capra, mezza gia' arrostita su di un vassoio, mezza ancora sul barbecue.
Improvvisamente, uno strano odore. Non ci facciamo caso piu' di tanto, ma e' indubbiamente di capelli, o peli, strinati. Un attimo dopo, l'orrore: la coda del caprone, con tanto di ciuffo peloso, e' stata arrostita e viene presentata come il boccone piu' prelibato. Come tale, e' offerto a mio marito, e avreste dovuto vedere il suo sguardo orripilato, nel vero senso della parola mentre si gira verso di me e sussura credi che debba proprio mangiarla?
Per carita', immagino non fosse proprio obbligatorio, ma voi osereste mai contraddire il vostro gentilissimo vicino di casa libico,  se vivesse perennemente con un fucile a canne mozze a tracolla?
Per cui mio marito la coda pelosa l'ha assaggiata, e guadagnato molto rispetto per aver insistito, dopo il primo, minuscolo boccone, perche' tutti gli altri uomini presenti ne godessero quanto lui...
Morale della favola: essere considerati di serie B non sempre porta solo svantaggi.

Niente paura, non vi propongo code pelose al barbecue, bensì un piatto tipico della cucina araba, la kofta. Trattasi di un semplice spiedino di carne di agnello, con la particolarità di essere preparato con il macinato. E' un piatto semplice, ma molto gustoso.
Se non avete il barbecue, potete grigliarlo sulla piastra calda o cuocerlo in forno.
Con questa ricetta partecipo al contest di Al cibo commestibileFuoco alle griglie!

KOFTA (per 4 spiedini grandi)

750 g di carne di agnello macinata 
quattro cucchiai di pinoli, o pistacchi se preferite
un cucchiaino di sumak, se non lo avete omettetelo
un po' di buccia di limone grattugiata, a piacere
sale e pepe, a vostro gusto
un pizzico di peperoncino
mezzo cucchiaino di zatar, se non lo avete sostituitelo con un mix di timo e menta
olio extravergine d'oliva

per la salsa:

uno yogurt greco da 170 g
succo di mezzo limone
sale a piacere
foglioline di menta

pane arabo, per servire

Mettere la carne in una ciotola, e condirla con le spezie, il sale e pepe, i pinoli interi oppure i pistacchi tritati grossolanamente.
Appena il tutto è ben amalgamato, dividere la carne in quattro parti uguali e modellarla sugli spiedini in forma allungata, come nella foto.
Ungere leggermente da tutti i lati e grigliare fino a cottura, pochi minuti per parte.
Se usate il forno, cuocere a 200 gradi.
Intanto preparare la salsa di accompagnamento, mescolando lo yogurt con sale, succo di limone e foglie di menta tritate. Mettere in frigo.
Servire la kofta ben calda accompagnata dalla salsa alla menta, su del pane arabo se possibile, altrimenti usate una nostrana piadina.

NOTE:
- non fate come me, e ricordate di immergere per un'oretta gli spiedini di legno in acqua fredda prima dell'uso: in questo modo eviterete che brucino.







50 commenti:

  1. avrei voluto vedere la sua faccia non appena ha visto la coda pelosa!!!!
    Questi spiedini sono assolutamente da riprodurre!!! :)

    RispondiElimina
  2. hai ragione, passare in secondo piano a volte non è male.... :-D
    mi piacciono le tue ricette con le salsine!

    RispondiElimina
  3. che bello (in senso ironico) avete vissuto una di quelle scene da film!! meno male che era coda in alcun film sono testicoli!!! :D
    cmq ottimi quegli spiedini alla prossima grigliata li provo
    kiss
    Pina

    RispondiElimina
  4. non invidio la coda pelosa:D ma la carne di agnello trovarla in macinato, al pecora peggio mi sento, qui è impossibile..uff:DD

    grazie per la partecipazione( attendo link!:Dma ti ho scovata prima:D)

    RispondiElimina
  5. Mi piace la ricetta (un pò meno la coda pelosa O.O) ma ciò che mi piace di più è assentarmi per qualche giorno, tornare, aprire la tua pagina e trovare tutte ricette che mi piacciono!
    Mille baci
    Sonia
    PS: i top-atate li farò con mia figlia ;D, grazie!

    RispondiElimina
  6. afortuna che essendo moglie e dona non hannocostretto pure te a mangiare quella coda pelosa!!! Oddio quanto sono diverse le abitudini a tavola in giro per il mondo! che bello però conoscere tante culture diverse!
    devo aver assaggiato qualcosa di smile al tuo arrosticino kofta a Tel Aviv, perchè ho assistito alla preparazione e mi sembra sia esattamente qulla che hai descritto tu!

    RispondiElimina
  7. Chicca, come ti capisco!!!!!Ho vissuto 5 anni in Venezuela e 3 in Sardegna e mi è toccatto assaggiare di tutto e di più. Immaginati io, che adoro gli animali, quando venivo a scoprire cosa avevo appena messo in bocca. Beh! lasciamo perdere!!!!Però questa è la vita.....!Siete stati bravissimi, avete scongiurato un altra guerra.......!!!!!!!!Buona giornata deny

    RispondiElimina
  8. Amici mi raccontarono di una cena del genere (così su due piedi non ricordo in quale paese) dove come ospiti d'onore (anche la signora, eh si!) dovettero mangiare gli occhi della capra... ma vinto l'iniziale disgusto li trovarono una prelibatezza!
    Mah, meglio questi spiedini va! ;-)

    @Genny: la carne puoi macinarla da te col tritacarne, no? :-)

    RispondiElimina
  9. sapevo di tutte le altre parti considerate prelibatezze,compresi gli occhi..ma la coda col pelo,no!!credo che più per il sapore,sia stato l'aspetto e l'odore...mammamia!!neanche a farlo apposta,mi hai ricordato questa ricetta che vorrei fare da..due anniiiiii...che vergogna,mai fatta,però vorrei tanto rimediare proprio per l'appunto questo fine settimana!il mio forno è deceduto o si trova in coma,non so,ma userò la griglia sul fuoco.grazie per avermi ricordato l'esistenza di questo piatto, grazie davvero!giulia- sempre quella che fatica a darsi un nome per rendersi riconoscibile!

    RispondiElimina
  10. Mamma mia che esperienza!!!!! Comunque i tuoi spiedini sono molto belli. Mille baci, Anna.

    RispondiElimina
  11. Caspita, però, tuo marito è davvero di serie A!!!! Naturalmente la sua donna non potrebbe essere di serie B, checchè ne pensino i libici.
    Adoro questa ricetta :)

    RispondiElimina
  12. buonissimi adoro l'agnello! anche se poi finisce che lo si mangia solo per pasqua...
    visto ad essere di serie B? ti si risparmiano certi "privilegi"! ma alla fine, sta coda, com'era??

    RispondiElimina
  13. è certo in questo caso essere di serie b c d è piu che vantagioso!!!questi spiedini invece li trovo deliziosi e sfiziosissimi!!baci imma

    RispondiElimina
  14. Mammamia che orrore per lui e che vantagio per te;)))!! Povero tuo marito! Veramente!
    Ho perso i tuoi post precedenti ( quello di felicità;D ) e ho scoperto che anche tu vai a correre;))!
    Un bacione, maestra!

    RispondiElimina
  15. be questi spiedini mi piacciono moltissimo ma se penso alla coda pelosa e bruciata del caprone mi vengono i brividi! io al posto di tuo marito sarei scappata su 2 piedi!!! :-)

    RispondiElimina
  16. Ciao! sembra un racconto ispirato ad un film...di quelli di una volta!!
    mamma che esperienza!
    che stranissimo questo spiedo: frutta secca con la carne e una cremosa salsa allo yogurt...ricercatissimo! eh..ma non siamo certo noi a tirarci indietro eh?! sai che adoriamo scoprire sapori e ricette nuove!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  17. che fortuna essere nata donna!!! non avrei mai invidiato tuo marito per il boccone tanto gustoso.. ma che bei momenti che ci regali ogni volta. un bacione enorme e spero che un giorno possa incontrarti!

    RispondiElimina
  18. Bellissima ricetta, adoro queste carni arrostite! devo cercare il sumak perchè non so cosa sia... Ma questa coda era buona poi??
    Un abbraccio
    Patricia

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. Oddio mio marito sta per andare a farsi quattro mesi in Libano...non è che anche là gli rifileranno la coda di caprone???

    RispondiElimina
  21. Certo che quella cena deve essere stata proprio mitica!!! immagino la faccia schifata di tuo marito...mamma mia io non so se ce la avrei fatta. Molto meglio papparsi uno spedino!

    RispondiElimina
  22. La coda pelosa come piatto prelibato mancava anche a me.
    Pensa che c'è gente che non riesce a mangiare le pesche per la loro peluria....li vedo bene a mangiare una coda intera con tanto di pelo non proprio morbidissimo.....
    Comunque io non sarei riuscita assolutamente a mangiarla....
    tuo marito è un eroe!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  23. Ah ah, Stefania, vorrei aver visto la sua faccia!! Comunque un applauso al coraggio!!! Sembra tratto dal programma "Orrori da gustare"!!
    Buon we, un bacio!

    RispondiElimina
  24. che spasso immaginare la faccia di tuo marito alle prese con la coda pelosa!! comunque questi spiedini sono molto intriganti, mi piace questo accostamento particolare carne e frutta secca e poi io lo yoghurt greco lo metterei dappertutto! un abbraccio.

    RispondiElimina
  25. Ciao Carissima, certo cosa non si fa per mantenere buone relazioni internazionali?! Tuo marito e' stato un grande...pero' poveretto!!!
    Baci

    RispondiElimina
  26. Ciao,considero tuo marito un eroe!Faccio il kofta kebab similissimo al tuo,con un pochino di comino e di semi di coriandolo macinati.Le tue avventure sono favolose!Un bacione:)

    RispondiElimina
  27. Buoni i kofta...li ho mangiati un paio di volte approfitto della tua ricetta per provare a farli da me.....Bello il racconto della cena libica...posto che vai usanze che trovi....

    RispondiElimina
  28. Stefy bellissimo racconto!!!!
    E questi li provo, amo la carne di agnello :-)))
    bacio

    RispondiElimina
  29. Eh mia cara il Karuf ha le sue regole...prima viene lui e poi la donna.
    Abbiamo tanti luoghi in comune !! Anche la Libia !!
    Che bella la ricetta mi ha fatto venire tanti ricordi..
    Baci

    RispondiElimina
  30. ah ah ah!Che forte la coda arrostita...sai che puzza di bruciato!?e m'immagino la faccia...e la tua gioia nel scamparla!!!Eh eh...poi per fortuna che tuo marito s'è rifatto con la tua super grigliatona ;P

    RispondiElimina
  31. Quanto ho riso con il tuo racconto :) un'esperienza unica, però sono curiosa: com'era la coda pelosa??
    Adoro il barbeque e questo spiedino di agnello macinato mi intriga assai, lo proverò sicuramente!
    Ciao,
    Alice

    RispondiElimina
  32. Ciao Stefania, è sempre bello leggere i tuoi racconti....immagino la faccia di tuo marito!
    baci

    RispondiElimina
  33. Ahahahah mio dio, la coda pelosa è davvero una brutta cosa a cui assistere!!!Brutti on sono invece questi deliziosi spiedini, che io amo in tutte le loro preparazioni e in tutte le loro salse!In bocca al lupo x il contest, anch'io partecipo ma non so ancora con cosa, uff!Complimenti per il tuo blog è pieno di spunti interessanti, ti seguirò con piacere!!!se hai voglia passa dalla mia pagina,sono specializzata in antipasti e ricette salate ma tratto anche qualche curiosità culinaria!
    =)

    RispondiElimina
  34. quanto mi piace questo genere di ricette!!come sempre mi conquisti con le tue proposte!bravissima!baci!

    RispondiElimina
  35. esperienza davvero singolare direi...!
    e bellissimi questi spiedini!

    RispondiElimina
  36. Oddio le coda pelosa... ma questi spiedini sono tutta un'altra cosa, semplici e gustosi!!!
    Bellissima anche la ricetta precedente quel fudge e uno spettacolo!Le foto vanno benissimo... Buon fine settimana saluti Manu.

    RispondiElimina
  37. @ Alem: guarda, la sua faccia era tale che ad oggi, dopo qualche anno, è come se l'avessi vista ieri!!!

    @ Acquolina: grazie! non è tutto più buono con una salsina? :-)

    @ PROVARE PER GUSTARE: vero tipo film :-) grazie!

    @ Giovanna: sentirai che buoni!

    @ Genny G: grazie! ma la carne puoi macinarla tu, o passarla al mixer dopo averla tagliata in cubetti fini ;-)

    @ SUNFLOWERS8: grazie, i topini ne saranno contentissimi :-)

    @ Zia Elle: a Tel Aviv è molto probabile che tu abbia assaggiato una cosa simile. Ciao!

    @ deny: mi hai fatto ridere. In certi casi, ti giuro, preferisco NON sapere cosa sto mangiando...

    @ Nanninanni: oddio gli occhi di capra...ma vuoi ridere? quelli a mio marito piacciono :-)))

    @ Giulia-Anonimo: ti riconosco benissimo anche solo dal nome ;-) E sarò contenta se finalmente proverai a fare il piatto. Ciao!

    @ Kiss Kiss Anna: ti ringrazio tanto!

    @ Pamirilla: poverino, è stato eroico!!! Ma meglio gli spiedini, va...

    @ Alice: credo che mio marito l'abbia mandata giù senza masticarla, come una medicina. MAgari era buonissima...;-))))

    @ dolci a ...gogo: grazie mille, Imma, un bacio.

    @ Oxana: bene, anche tu ti alleni??? così riusciamo a mangiare quello che cuciniamo, almeno...ciao!

    @ Micaela: ed avresti rischiato la fucilata??? mah...:-)))

    @ manuela e silvia: vedrete, l'abbinamento non è così azzardato come sembra, e sta tutto molto bene insieme. CIao e grazie!

    @ sweetmaremma: che carina sei, farebbe tanto piacere anche a me, credimi :-)

    @ Patricia: il sumak è una spezia mediorientale, fatta da semi di melagrana essiccati e polverizzati. E' buonissima!

    @ ELel: no vedrai, la cucina libanese è semplicemente deliziosa, si troverà benissimo!

    @ elenuccia: si, fu uno strazio per lui..ma almeno adesso possiamo raccontarla :-)

    @ viola: ecco, io sbuccio le pesche..faccio parte della categoria :-)

    @ Vicky: per darti un'idea, mio marito "Orrori da gustare" non riesce a guardarlo...;-)

    @ Cristina; vedrai, sono sapori che stanno bene insieme. Ciao e grazie!

    @ kat: proprio vero :-) almeno ricorderanno gli italiani passati di lì con benevolenza...spero!

    @ Edith Pilaff: io non uso cumino e coriandolo perchè non sono tanto gradite a mio marito..poveretto, già si è dovuto ingoiare la coda, questi almeno li faccio a suo gusto :-)))

    @ Giovanna: proprio vero. E molte volte è bene adeguarsi senza tante storie :-)

    @ Ale: grazie mille!

    @ Glu.fri cosas varia sin gluten: anche tu sei stata in Libia ed hai avuto a che fare con il karuf??? incredibile!

    @ UnaZebrApois. si, si è rifatto ma certo il ricordo resta indelebile...

    @ paneburroealice: l'ha ingoiata come una pillola, senza assaggiarla...

    @ Cristina: ti giuro, è aldilà dell'immaginabile...

    @ meggY: certo, passerò sicuramente. Ciao!

    @ Federica: sempre troppo buona, mi fa piacere!

    @ Marta: sicuramente :-)))

    @ Manuela: grazie, mi hai fatto...felice ;-)

    RispondiElimina
  38. c'est toujours un plaisir de lire vos histoires
    j'aime beaucoup el kofte
    bon weekend

    RispondiElimina
  39. Questa ricetta mi piace tantissimo, in primis perché adoro la carne grigliata, poi perché mi aggrada tutto ciò che mi sia nuovo al palato e/o che appartenga ad altre 'tradizioni'. Tant'è che, nonostante l'ora, m'è venuta un'acquolina mica da ridere!! :D Ok, ok... lo ammetto... sorridevo anche un po' immaginando la scena, scusa ma non ho potuto proprio resistere! :D Sei sempre brava, originale e troppo forte!

    P.s. Poi un giorno, se vorrai, mi dovrai raccontare come siete finiti lì... credo di essermi persa qualche "puntata" precedente. ;D

    Un bacione e buona domenica!

    Ele ;*

    RispondiElimina
  40. mamma mia che tuffo nel passato! sono cresciuta a kofta quando mio papà stava in egitto!
    la mangiavano sempre anche con il sugo al pomodoro speziato...io la rifaccio spesso a casa in inverno perchè mi fa ripiombare con la testa al cairo!

    RispondiElimina
  41. @ Fimere : you so nice...thanks.

    @ dEleciously: beh, come ci siamo finiti è un po' complicato ;-))) bisogna ne faccia oggetto di qualche prossimo post!
    Ti sono veramente grata per i commenti gentili...proprio da una cuoca sopraffina come te :-)

    @ lagaietta: ma non dirmi!!! vorrei tanto vedere la tua versione...

    RispondiElimina
  42. eccomi per dirti che la ricetta è riuscitissima,che profumo...arabo!che c'era per casa,una meraviglia.stupida io ad avere aspettato tanto. niente sumak che non ho ritrovato ma sufficiente zatar che avevo da tempi remoti.grazie infinite per la ricetta,ed un rinnovato abbraccio!giulia

    RispondiElimina
  43. Non c'e' che dire , e' da provare
    ciao
    http://aspassoincucina.blogspot.com/

    RispondiElimina
  44. @ Giulia: vengo sempre presa da gioia infantilissima, quando qualcuno prova una mia ricetta e ne rimane soddisfatto. Grazie a te per aver provato!!!

    @ flavio: grazie, ciao a te!

    RispondiElimina
  45. oh mamma... i complimenti a tuo marito ed al suo coraggio... io vado direttamente alle kofta....spiedini che invece adoro!!!! :))))

    RispondiElimina
  46. Ciao,
    ho appena scoperto il tuo sito è molto bello, scritto chiaro!:))
    Sei bravissima
    Un saluto da una nuova "follower"
    Barbara

    RispondiElimina
  47. @ terry: :-)

    @ Barbara: benvenuta allora, e grazie!

    RispondiElimina
  48. Ciao, questa ricetta voglio provarla, ora che arriva la Pasqua e qua si trova più agnello.
    Ho trovato i tuoi racconti molto piacevoli e divertenti,ti lascio un commento qui ma vado a curiosare in giro, mi scrivo tra i tuoi seguaci, quindi a presto, Alex

    RispondiElimina
  49. Ciao alex, grazie delle tue parole gentili e benvenuta :-)

    RispondiElimina