lunedì 8 febbraio 2010

Le caramelle del califfo Bargniffo




Ricordo benissimo il giorno in cui il manuale di Nonna Papera non arrivo'. Sarebbe dovuto essere in quella busta lucida che il mio papa' porto' un pomeriggio a casa dal lavoro, ma si vede che non lo trovo' e ripiego' sul manuale delle Giovani Marmotte.
Doveva aver pensato che si equivalessero, ed io non mi sognai di dirgli che cosi' non era, dato che papa' era sempre tanto impegnato, e raramente aveva tempo per noi! Ci sarebbe rimasto male, ed io non me lo sarei perdonato.
Quindi passai pomeriggi ad imparare a fare i nodi ed accendere fuochi nei boschi, prima che un'amica di mamma, venuta a trovarla, mi portasse in regalo l'agognatissimo manuale!
Lo sfogliai per mesi e mesi, e mai ebbi il permesso di provare da sola una ricetta. Fino al momento in cui arrivai alla risoluzione che avrei dovuto farlo, anche senza permesso: per cui un pomeriggio, mentre mamma riposava, velocissimamente mescolai gli ingredienti richiesti per fare un dolce di cui non ricordo il nome.
Purtroppo solo all'ultimo mi ricordai che non sapevo accendere il forno! Mamma non si arrabbio' del pasticcio in cucina, e mi aiuto' volentieri a cuocerla.
Ne usci' una torta lievitata solo per meta', e con tutti i granelli di zucchero che si sentivano ad ogni morso, dato che non dovevo aver mescolato a sufficienza. Ma era commestibile, e questo bastava per essere soddisfatta.
Il mio manuale e' purtroppo oggi a circa 3000km di distanza da me, in qualche scatolone delle cose rimaste a Roma, ed ad onor del vero non era la prima edizione, ma una ristampa di meta' degli anni '80. Quindi la gentilissima Sabrine di Fragole a Merenda mi ha mandato una ricetta DOC dal suo manuale per partecipare alla sua divertente raccolta...parla dell'Arabia, come poteva non essere mia?
La riporto cosi' come sul testo originale:

LE CARAMELLE DEL CALIFFO BARGNIFFO

Ma chi era Maometto? Un commerciante arabo, che a un certo punto della sua vita si senti' chiamato ad essere profeta di una nuova religione: l'Islamismo. I suoi insegnamenti  furono raccolti nel Corano. Il santuario della Mecca, con la Caaba (pietra nera, un meteorite racchiuso in una costruzione a forma di cubo) divenne il centro della nuova religione.
A Nonna Papera, l'Arabia ha ricordato il caffe'. Solo che...tralasciando l'apposita macchinetta saltiamo l'espresso e prepariamo le caramelle. Al caffe': e cio' era inevitabile!

Cosa occorre
un bicchiere e mezzo di zucchero
mezzo bicchiere di acqua
un bicchiere di caffe' molto concentrato
mezzo bicchiere di latte
due cucchiaini di burro sciolto e se si vuole, un poco di miele

Fare uno sciroppo con zucchero ed acqua, io l'ho tenuto sul fuoco 20 minuti. Aggiungere gli altri ingredienti, tranne burro e miele, e cuocere finche' il composto diventa denso.
Nonna Papera diceva mezz'ora, ma non e' sufficiente, il mio e' rimasto sul fuoco per un'ora buona!
Versare in stampini imburrati, ed e' cio' che ho fatto, usando gli stampi a forma di pesce dell"Ikea e degli appositi stampi da caramella.
In alternativa, versare l'impasto su un piano imburrato e tagliarlo a cubetti.

NOTE:
- vengono caramelle dure, ma non spaccadenti! Sono deliziose e si conservano a lungo in un barattolo.
- non preoccupatevi se il composto ci mette parecchio ad addensare, alla fine la ricetta riesce!


47 commenti:

  1. evvai anche tu oggi hai postato una ricetta per la raccolta! a me sta piacendo un sacco... il manuale è da sempre con me...il mio primo libro di cucina!
    :)
    che boooone ste caramelle!
    ciao!
    Terry

    RispondiElimina
  2. Possibile che tutte le bambine, tranne me, avevano il manuale di nonna papera ? Io da piccola giocavo con matite, penne, forbici e scatoloni...ho iniziato nel tempo a cucinare e mangiare ;-)
    Belle le caramelle del califfo !
    Buona giornata cara, un bacio grande :-))

    RispondiElimina
  3. Ehm io sono messa come Emilia...però adesso parenti e amici stanno recuperando, ormai la mia libreria è piena di libri di cucina..non so più dove metterli!peccato che tra questi non ci sia ancora il manuale di nonna papera.....ma per fortuna ci siete voi blogger che mettete in circolazione le varie prelibatezze del libro!grazie Stefania per questa ricetta, sembrano davvero delle caramelline squisite!segno e provo!baci Ale

    RispondiElimina
  4. wow ma queste caramelle sono strepitose!!! riesci sempre a prendermi per la gola!!! buona settimana!! ciaooooooooooooo

    RispondiElimina
  5. a me da bambina non hanno mai regalato il manuale di nonna papera, però io volevo tanto il dolce forno...non arrivò mai nemmeno quello... azzeccatissime queste caramelle arabe per te stefania, facili da preparare e sicuramente gustosissime! grazie per la ricetta.

    RispondiElimina
  6. Uffa ma io non ce l'avevo il manuale di nonna papera! Come è possibile che lo scopro solo ora???
    Buonissime le tue caramelle, brava!

    RispondiElimina
  7. Ti vedo ora tra i sostenitori. Sono cresciuta (culinariamente!) leggendoti su cook, ti giuro che non avrei mai sperato di averti tra i miei lettori fissi. Sono commossa. Davvero. Grazie mille! PS: caramelle interessanti.. regalino per il prossimo Natale... alla faccia della lungimiranza!!

    RispondiElimina
  8. @ terry: il mio manuale purtroppo e' a Roma, ma sai cosa ho qui con me? Un quaderno con le ricette di Nonna Papera ritagliate da "Topolino"...sono contenta di vedere che abbiamo gli stessi gusti!

    @ emilia: puoi sempre recuperare ora, con la raccolta di Sabrine colmerai la lacuna ;-)

    @ alessandra: si, sono buonissime, non riuscivamo a smettere di mangiarle. Grazie !

    @ Federica: grazie, cara, e buona giornata!

    @ Cristina: noooo non ci credo, anche tu??? Si, perhce' il Dolce Forno e' stato il mio sogno a lungo, e non mi e' stato mai comprato perhce' ritenuto pericoloso...sara' per questo che da grande nel settore mi sono scatenata???

    @ Zia Elle: come dicevo prima, ora il manuale lo conosceranno tutti! Grazie!

    @ Vicky: mi metti in imbarazzo, davvero! Hai delle ricette tanto carine, sono io che spero di imparare qualcosa da te...
    Accidenti, sai che hai ragione??? Sono ottime per Natale!

    RispondiElimina
  9. anche io faccio parte del gruppo "senza manuale"...
    sono stupende le caramelle del califfo!

    RispondiElimina
  10. belle belle!buone buone!complimenti per i ricordi, di entrambi...

    RispondiElimina
  11. Certo che i nomi di una volta erano proprio buffi...Il Califfo Bargniffo...eheheheheh!
    Ma queste caramelle sono deliziose, complimenti!!!
    Bacioni e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  12. Ti sei Nonnapaperizzata anche tu! ^_^
    Che belle che sono queste caramelle!
    Bacione

    RispondiElimina
  13. Che bimba dolcissima eri!!! ;)
    Buone le caramelle...e mitico il manuale!
    Devo rispolverare qualche ricetta anche io ;)
    Un bacione!

    RispondiElimina
  14. che delizia queste carmelle e il nome è uno spettacolo!!!le devo rovare adoro le caramelle un po durette da sciogliere in bocca!!!bacioni imma
    p.s. ho aperto un nuovo blog solo di primi secondi insomma cucina casareccia se ti fa piacere fai un saltino:-)
    http://lapanciapiena2.blogspot.com/
    baci

    RispondiElimina
  15. Ciao carissima!! chissà che buone queste caramelle e che bei ricordi!!! grazie per la tua proposta!

    RispondiElimina
  16. che bel racconto.... e che bei ricordi... e queste caramelle sono splendide!!! ciao Ely

    RispondiElimina
  17. Ma sono bellissime e buonissime!!! Fantastiche!!! però che nome strano hanno...buon lunedì...a presto spero...un bacio Luciana http://daldolcealsalato.myblog.it/

    RispondiElimina
  18. @ furfecchia: grazie, cara :-)

    @ felix, but not the cat: grazie anche te, sei gentile...

    @ Simo: fanno ridere, vero? :-))) Ormai chiamo "califfo Bargniffo" anche mio marito ed il gatto...

    @ Simoncina: eh si, oggi e' stato contagioso ;-)

    @ Antonella: grazie, un bacione!

    @ imma: ma certo, passo sicuramente!

    @ Roberta: grazie a te!

    @ Ely: sono carine, si...ma buonissime soprattutto!!!

    @ Luciana: ciao e benvenuta, a presto!

    RispondiElimina
  19. ...la mitica nonna papera! saranno ottime di sicuro!

    RispondiElimina
  20. Che belle ed originali queste caramelle!!
    un bacione

    RispondiElimina
  21. ces friandises ont l'air succulentes je note à tester prochainement merci
    bonne journée

    RispondiElimina
  22. sto sfogliando il manuale e avevo appena letto di queste caramelle, ti sono venute benissimo! Non so ancora cosa scegliere ma è dolcissimo guardarlo adesso, mi ricordo ogni illustrazione...

    RispondiElimina
  23. Che meraviglia, una ricetta azzeccatissima per te! Anch'io ricordo il primo dolce che ho fatto da sola... senza ricetta, un incubo ma io ero soddisfattissima e ho costrtto tutti a mengiarlo;)

    RispondiElimina
  24. cribbiolina queste caramelline sono da leccarsi i baffi e gli ingredienti sono semplicissimi!!!! Da provare sicuramente!!! ho sentito tanto parlare di te e sono passata a trovarti!!!!

    RispondiElimina
  25. che buone queste caramelline!!!!!
    ti sono venute benissimo!
    io....purtroppo...non ho mai letto il manuale di nonna papera (per ovvi motivi..eheheh) in compenso avevo quello delle giovani marmotte!!!
    ciaoooo e buona settimana

    RispondiElimina
  26. Fantastiche queste caramelle,sto cercando ovunque questo manuale :)

    RispondiElimina
  27. Wowww!!! Ma sono carini carini! Non ho letto mai questo manuale, essendo in un'altra paese avevamo altri manuali!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  28. Questa ricetta mi ricorda un po quella delle caramelle mou. Belle e buone!!
    A presto:)
    Patricia

    RispondiElimina
  29. ma che bontà !! il mio problema è che se le faccio poi me le pappo tutteeeee !!! non riesco a resistere alle caramelle !!! un bacione !

    RispondiElimina
  30. Bella la storia e gustose le caramelle! Ne gradirei una adesso...
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  31. @ Gio: hai visto, e' mitica davvero!

    @ manuela e silvia; grazie, ragazze!

    @ Fimere: merci!

    @ Acquolina: vero, mette tenerezza...

    @ iana; manco a farlo apposta Nonna Papera sapeva che sarei arrivata in Arabia !

    @ LAle: oh mamma, spero abbia sentito cose buone! :-)))

    @ dario: beh si, immagino...un bacione!

    @ Nanny: in caso chiedi a Sabrine, credo possa scriverti una ricetta da eseguire...

    @ Oxana: certo, credo sia piu' una cosa italiana, anche le mie amiche americane non ne hanno mai sentito parlare...

    @ Patricia: hai ragione, il procedimento e' lo stesso ma il risultato diversissimo!

    @ Sara: allora siamo in due, chi credi le abbi finite???

    @ Rossa di Sera: peccato siano finite, te l'avrei offerta volentieri ;-)

    @ Gaia: grazie ed un bacione :-)

    RispondiElimina
  32. Cara Arabafelice,
    la lettura del tuo post mi ha fatto sorridere... e non solo. Mi ci sono ritrovata, in questo tuo tuffo nel passato divertente e pieno di tenerezza, nel ricordo di un papà che arriva con il libro sbagliato e di una bambina che lo accoglie come se fosse quello desiderato, per non farlo sentire a disagio... E poi quel tuo impeto di autonomia, quel provare a farcela da sola, anche senza il permesso ufficiale, salvo poi dover ricorrere a chi il forno lo sapeva accendere...
    Insomma, non avrei osato sperare di meglio (posso dirlo senza che nessuno si offenda?) per questa raccolta. Che celebra una bella operazione editoriale d'altri tempi, ma soprattutto l'idea che i bambini possano stare in cucina, così come sui libri, divertendosi.
    Con un pensiero a tutti i bambini di ieri e alle mamme di oggi,

    Sabrine

    RispondiElimina
  33. Sabrine, le tue bellissime parole non hanno bisogno di alcun commento.
    Contraccambio con un sorriso.

    RispondiElimina
  34. Belle e buone le caramelle del Califfo! Provate anche queste... anni fa. Magari è il caso di riprovarci. Grazie anche a te: i ricordi di ognuna di noi stanno componendo un bellissimo mosaico...
    Buon pomeriggio. Donatella

    RispondiElimina
  35. des friandises qui sont sublimes, il m'est difficile d'y résister
    bonne soirée

    RispondiElimina
  36. @ Marm: hai ragione. Alla fin fine, le ricette sono il pretesto per un tuffo in tempi lontani e ,per la sottoscritta, ricordati con nostalgia.

    @ Elisa: grazie, cara!

    @ Ramona: ti ringrazio!

    @ Saveurs et Gourmandises : tres gentil!

    @ Fimere: merci!!!

    RispondiElimina
  37. Le caramelle sono buone buone, il tuo racconto è delizioso e sa d'infanzia. Inoltre è bello avvertire il tuo legame con la tua terra di origine, con le tue radici, ma anche con il tuo mondo di oggi... è bello che sia così, davvero!
    Un caro saluto. Deborah

    RispondiElimina
  38. Grazie Deborah,hai detto una cosa molto carina...

    RispondiElimina
  39. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  40. che bella storia, che tenerezza :-) che poi anch'io (avendo un fratello) avevo il manuale delle giovani marmotte, ma purtroppo non ho mai avuto quello di nonna papera! ma chissà se è ancora in commercio?!? le caramelle però te le copio di sicuro :))

    RispondiElimina
  41. @ salsadisapa: ahhhhh anche tu ti sei esercitata ai nodi, allora? Provale, ne vale davvero la pena...e grazie :-)

    RispondiElimina
  42. Bellissimo racconto, anch'io ero una di quelle bambine che ha sfogliato e risfogliato il manuale provando con risultati alterni ognuna delle ricette che vi comparivano...purtroppo di queste caramelle ho un ricordo non proprio felice...probabilmente avrò sbagliato qualche ingrediente, il risultato fu leggermente...lassativo. In ogni caso, è servito a farmi ricordare la ricetta!

    RispondiElimina
  43. Ah pero', che sfortuna!!!
    A presto :-)

    RispondiElimina