Maionese di...polpo!

venerdì 22 maggio 2020


Voi riaprite, noi chiudiamo.
Guardo con un mix di invidia ed apprensione l'Italia che pian piano torna ad una specie, o sottospecie, di normalità, e mi preparo.
Al secondo, ebbene si, lockdown totale che ci tocca da domani.
Dopo averci aperto, sempre relativamente, le gabbie per un paio di settimane ci richiudono del tutto in concomitanza con l'inizio delle feste di fine Ramadan.
E' un periodo di cene e cenoni in famiglia, e se considerate che si possono avere quattro mogli e ciascuna di solito fa a gara con le altre per avere più figli ,la famiglia in questione può arrivare a numeri da rave party solo con i congiunti più stretti.
Quindi si taglia la testa al toro, non si può uscire, nè uscire per nessun motivo che non sia un'emergenza comprovata.
E quindi ieri mi è toccato.
Me l'aspettavo, ma non così.
La fila a quel certo super che da domani mi sarà proibito raggiungere perchè appena fuori dal mio quartiere è lunga quanto l'isolato.
Temperatura all'ombra: 42 gradi.
Al sole, dove per metà del tempo sono dovuta sostare pazientemente, non saprei.
Con l'abaya nera e la mascherina fpp2 schiacciata in faccia mi sosteneva solo il pensiero che sarebbe stata l'ultima possibilità, e sentirmi male non un grosso affare.
E finalmente arrivo a lei.
La cabina di self-sanitizing.
Avete letto bene: all'ingresso del super c'è una specie di cabina in cui si entra uno alla volta.
Viene misurata automaticamente la temperatura (rincuoro tutti quelli che "al mare la temperatura non si può prendere che fa caldo e viene falsata": anche stando in piedi un'ora a duemila gradi poi il termometro ha segnato i miei soliti 35 ) ma soprattutto si viene investiti da una nuvola di chissà cosa, sicuro almeno non è l'insetticida del tassista di cui vi ho raccontato, che dovrebbe disinfettarci abiti, capelli, mani.
E soprattutto è freschissimo!
Entro ma ormai scoraggiata.
Tutti di nuovo si accaparrano l'impossibile, non troverò nulla.
E poi, un miraggio.
Il commesso del banco delle delicatessen e specialità alimentari che ben mi conosce me la alza tipo coppa dei campioni.
Non ci credo.
La bresaola della Valtellina.
Una burrata pugliese.
Pure il gorgonzola dalla provincia di Brescia.
I prodotti del mio Paese che non avevo più visto sono tornati.
Sono stupida, e quasi mi commuovo.
Piangerei pure mentre guardo lo scontrino, ma pazienza.
Esco tronfia manco portassi nel carrello i gioielli della corona.
Il tassista, sempre lui, nemmeno si lamenta più che nonostante la temperatura esterna e l'aria condizionata accesa io tenga il finestrino dell'auto un po' aperto.
Ventilation, madame?
Si, arieggiamo che non si sa mai.
Sistemo tutto in frigo e aspetto la sera.
Che il mio augusto consorte è curioso di vedere se dopo il trattamento sono anche diventata fluorescente :D


Dunque, questa ricetta è stata amore a prima vista dopo averla ammirata da lei ed impellente necessità di provarla quanto prima.
Complice una botta di fortuna indicibile che mi ha consentito di trovare un polpo fresco dopo mesi, eccola realizzata: fatela di corsa, avete trovato la salsa milleusi di questa estate.
Senza uova, si fa solo con l'acqua di cottura del polpo che viene fatta restringere ed olio: provate e fatemi sapere!




MAIONESE DI POLPO
di Antonino Cannavacciuolo
(ma presa da Il fior di cappero

500 ml di acqua di cottura del polpo
300 ml di olio di semi di girasole
succo di limone, facoltativo


Innanzitutto dovete lessare un polpo :) in abbondante acqua bollente con sedano, carota, scalogno o cipolla, mezzo limone, mezzo bicchiere di vino, qualche grano di pepe per circa 45 minuti.
Fatelo raffreddare nella sua acqua, poi filtrarla e misurarne 500 ml che andranno messi in un pentolino e fatti ridurre a fuoco medio fino ad averne circa 100 ml.
Far raffreddare completamente.
Quando ben freddo metterla in un contenitore stretto ed alto ed azionare il frullatore ad immersione.
Unire l'olio a filo continuando a montare fino ad ottenere una crema della consistenza di una maionese.
Assaggiate e se volete aggiungete a piacere poco succo di limone o del tabasco.


NOTE

- mi raccomando NON SALATE l'acqua del polpo! Va lessato solo con gli ingredienti indicati.

- è ottima su tartine, crostini e divina per accompagnare dei gamberi grigliati. E poi è di un colore, un lilla splendido!





14 commenti

  1. Grazie di queste cronache che ci affacciano su mondo “altro” con ironia e senso dell’umorismo, quanto mai salvifico in questi bui. Grazie poi delle ricette, insolite, fattibili e giustamente furbe, che di manicaretti da Accademia di cucina non si sente il bisogno, a prescindere dalla pandemia. Grazie!

    RispondiElimina
  2. ...No scusa Stefania, adesso non mi lasci lì a metà.
    Sono curiosa di sapere cosa ha detto Augusto consorte della bresaola, del Gorgonzola e della burrata.
    :-)
    Posso dire che se trovassi da noi delle cabina per la sanificazione non mi sconvolgerebbe, perché in questa allentamento delle regole vedo anche tanto menefreghismo e molta poca consapevolezza.

    Questa maionese è pazzesca!!!
    Si sente tanto di polpo?
    Wowwww che spettacolo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops...qualche errore di battitura....

      Elimina
    2. Eheheheh ha detto che almeno il mio sacrificio non è stato vano🤣figurati non credeva ai suoi occhi!
      Quanto alla ricetta credimi sa di maionese classica con un leggero retrogusto del polpo che non risulta predominante.

      Elimina
  3. Che idea fantastica! Non ci avrei mai pensato!

    L'idea di un secondo lockdown mi tormenta, speriamo rimanga nei miei incubi peggiori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io infatti appena vista ho dovuto rifarla. Il solo pensiero del lockdown che è nuovamente arrivato è veramente destabilizzante, speriamo duri poco :(

      Elimina
  4. domani la provo subito, ho un polpo che si sta scongelando... Mi spiace per il vostro secondo lockdown, è stato davvero pesante già il primo!

    RispondiElimina
  5. Fantastica ho un polpo in congelatore ( qui trovarlo fresco è un impresa) che aspetta la sua occasione e quale meglio di questa?
    Grazie per gli spaccati di vita che mi fanno ancora di più capire che qui si lamentano veramente di cose assurde,speriamo comunque di uscirne presto tutti ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo per davvero! noi ne abbiamo per circa un altro mese prima di una libertà più tangibile :)

      Elimina
  6. Bravissima, grande ricetta. Ho giusto un polpo da preparare, e questa è una ottima soluzione!
    Buon weekend

    RispondiElimina
  7. e io che ho appena scoperto la fantastica cottura in pentola a pressione senza acqua! Proverò con l'acqua del polpo leggermente diluita, perché questa ricetta mi sembra sfiziosa assai, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io! ma l'ho cotto in acqua solo per fare questa ricetta :D

      Elimina

I tuoi commenti mi fanno molto piacere! Ricordati che se lasci un commento acconsenti alla pubblicazione del link al tuo profilo Google. Consulta la Privacy policy prima di commentare. Grazie!

Arabafelice in cucina! © . Template by Berenica.