lunedì 8 maggio 2017

La pasta fresca di Luca Montersino



Quando si dice avere un'idea e portarla avanti.
In effetti è ammirevole.
Incurante delle critiche, dei pareri contrari, delle inevitabili polemiche.
Cinque anni, ci ha messo.
Cinque anni di studi.
Di ricerche.
Di, assicura, visione di documenti riservati inviateli nientemeno che dalla NASA.
Me la immagino china sui libri di notte.
Quella notte che arriva perchè è il Sole a girare, non la Terra.
Eh si, non sapete degli ultimi trend in tema?
Cinque anni in cui, tra l'altro, avrà pur avuto un relatore.
Si, perchè cinque anni sono serviti ad una studentessa tunisina per scrivere una tesi di laurea per cercare di dimostrare che la Terra è piatta come viene desunto dalla lettura del Corano.
Un respiro profondo, ci vuole.
La ragazza, nell'introduzione, scrive di voler rovesciare le leggi di Newton, Copernico ed Einstein vista la debolezza dei loro fondamenti (!) e di proporre quindi una nuova visione basata su alcuni versetti del Corano.
Comincio dalla fine: la tesi è stata respinta.
E' spuntato un tal putiferio in Tunisia appena il documento è stato reso noto che l'università non ha avuto scelta, bocciata.
Ora per carità non sono uno scienziato.
Ma ad occhio e croce nemmeno la signorina in questione.
E nemmeno lo diventerà, se tanto mi dà tanto.
Ma le ho appena trovato l'anima gemella.
Il noto, da queste parti, religioso che sostiene la stessa tesi.
Facendo anche esempi pratici come quelli che si possono visionare nel video relativo.
Dio li fa e poi li accoppia, o meglio dovrebbe accoppiarli.
Peccato perchè avrebbero fatto furore.
Se solo fossimo mille anni indietro :)

No comment :) ed oggi incolpo ringrazio quella cuoca straordinaria e generosa di Pasqualina che ha condiviso su facebook questa ricetta perfetta per la pasta fresca.
Qui nel deserto non trovo grandi farine, la semola me la devo portare ed i risultati non sono sempre granchè: ebbene con questa ricetta ho fatto bingo, non la cambierò più.
Provate e mi saprete dire ;)



PASTA FRESCA
di Luca Montersino

300 g farina debole
200 g di semola rimacinata
50 g di tuorli
200 g di uova intere
10 g di olio
goccio d'acqua


Impastare tutti gli ingredienti insieme tranne l'acqua. Unirla poco a poco, alla dose di un cucchiaino alla volta non di più, ed impastare energicamente.
Io sono cialtrona ed impasto tutto nella planetaria con il gancio a K.
Se lavorate con la macchina fermatevi ogni tanto e provate con le mani se l'impasto sta insieme, piuttosto che correre il rischio di aggiungere troppa acqua!
Si dovrà ottenere un panetto piuttosto sodo ma che non si sbricioli. Avvolgere nella pellicola e far riposare in frigo un'oretta almeno.
Stendere quindi nel formato desiderato.


NOTE

 - vi prego, non mi chiedete quante uova siano 200 g o quanti tuorli siano i 50 g indicati: a seconda della dimensione il numero usato varia parecchio! Va proprio fatto lo sforzo di pesare :)

15 commenti:

  1. Stendiamo un velo, no comment....spesso mi ritrovo a pensare come siamo riusciti ad arrivare al 2017 ipertecnologici per poi non essere a conoscenza delle nozioni di base della scienza!
    Non ho mai provato quest'impasto ma mi incuriosisce moltissimo e la mia curiosità va ancora oltre...come le avrà condite la nostra araba??
    Buona settimana <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con..tutto :) nel senso che l'ho fatta molto spesso per cui ci ho messo su tutto, compreso solo burro e parmigiano!

      Elimina
  2. Ora però mi viene da chiedermi se l'università ha preso qualche provvedimenti verso il relatore che le ha proposto la tesi. Perchè almeno qui da noi gli studenti non si inventano la tesi dal nulla, sono i docenti che suggeriscono gli argomenti. Una cosa così non nasce dal nulla, voi che la ragazza non ne abbia parlato con nessuno?
    Sinceramente quando faccio la sfoglia non peso mai nulla, vado ad occhio come mi hanno insegnato mia mamma e mia nonna. Comunque più o meno anche io faccio 2/3 farina 0 e 1/3 semola, ma non metto ne acqua ne olio. Ma uso la semola solo per le tagliatelle, quando faccio pasta ripiena invece solo farina 0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. QUesto non lo dicono, anche se è uscito il nome del professore. Vedremo come andrà a finire...

      Elimina
  3. Io commento solo la pasta ...meravigliosa...la proverò di sicuro. Il mio consorte apprezzerà ;) lo sai

    RispondiElimina
  4. La semola rimacinata è sempre un ottima soluzione per dare struttura agli impasti morbidi e aggiungere i tuorli supplementari va in quella direzione. Il risultato nelle splendide immagini parla chiaro: bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, è la proporzione degli elementi che mi ha veramente soddisfatta :)

      Elimina
  5. 200 g sono millemila uova! O almeno ricordo di averlo pensato in preda al panico mentre pesavo i tuorli per fare la crema pasticcera di Iginio Massari... :D Magari con le uova intere si fa prima, tentar non nuoce! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, assolutamente con le uova intere non sono così tante;)

      Elimina
  6. Ciao Stefania,
    non volermene ma più che accoppiarli, potremo ACCOPPARLI!!
    Pensa che leggendo avevo quasi paura che si fosse laureata e quando ho letto RESPINTA ho tirato un sospiro di sollievo...
    Per la pasta fresca io sono della "vecchia" scuola: 1 hg di farina -> 1 uovo.
    C'è sempre da imparare!!!

    RispondiElimina
  7. Anche io commento solo la pasta, il resto devo ancora digerirlo, sembra impossibile! Io non sono una gran pastaiola ma delle tue ricette mi sono sempre fidata e ho fatto bene...proverò di sicuro anche questa!

    RispondiElimina
  8. Roba da non credere! Documenti segreti dalla NASA! Cinque anni di lavoro! Ma questa signorina ha mai visto le foto scattate dai satelliti? Viene da piangere...
    Mi consolo con quella bella pasta vah!

    RispondiElimina
  9. Bellissima la tua pasta, da provare al più presto!

    RispondiElimina
  10. Adoro fare la pasta in casa, bfravcissima!!!! 1 uovo medio pesa 50g, 30g l'albume e 20g il tuorlo; di solito mi regolo così. Un abbraccio cara!!!!

    RispondiElimina