lunedì 6 marzo 2017

Torta al cacao con caffè e arancia, o meglio Alligator Cake!



Avete presente quando leggete di una torta che si, ok, sembra buonissima ma la mettete da parte.
In fondo l'accoppiata arancia e cioccolato per la sottoscritta non ha l'appeal che ha per molti.
L'augusto consorte ne è estimatore, in effetti.
Poi questa torta comincia a apparire di nuovo.
E di nuovo.
Nessuna sorpresa, dato che l'originale è stato postato da una delle cuoche più raffinate, preparate e straordinarie che il web annoveri.
Nessuna sorpresa che le sue ricette siano un successo assicurato.
Nessuna sorpresa che la sorella della sottoscritta attinga più al suo blog che al mio.
Nemo propheta in patria mica l'ho detto io, no?
Sopresa grande, invece, la mattina che l'augusto consorte chiede espressamente un dolce che racchiuda arancia e cioccolato.
Il segno che mi serviva.
Ed eccola qui, con la raccomandazione a tutti di farla presto e non aspettare segni del destino per realizzarla.
Ah, e che c'entra l'alligatore.
Assolutamente niente.
Colpa di un telefono cellulare e del suo T9.
Senza pensare alle lacrime di coccodrillo dopo che ne avrete mangiato, ebbene si, una fetta di troppo. Ed un'altra ancora ;)



QUATTRO QUARTI AL CACAO CON CAFFE' E ARANCIA
per uno stampo da 20 cm

175 g di burro morbido ma non sciolto
175 g di zucchero semolato
175 g di uova (pesate con il guscio) a temperatura ambiente
 175 g di farina 00
1 tazzina di caffè espresso a temperatura ambiente
la scorza ed il succo di una arancia non trattata (a temperatura ambiente)
70 g di cacao amaro
1 cucchiaino colmo di lievito per dolci.

Per la glassa a specchio di Elisa Baker 
90 g di cioccolato fondente di qualità
2 cucchiai di glucosio liquido
30 g di burro
2 cucchiai di acqua bollente


Montate bene con le fruste elettriche o con la planetaria, il burro morbido con lo zucchero, fino ad ottenere una massa spumosa e chiara. Pulite i bordi della ciotola con la spatola per staccare il burro e continuate a montare fino a che lo zucchero non sarà sciolto.
Uno alla volta, incorporate le uova e fate in modo che il precedente sia ben amalgamato prima di aggiungere il successivo.
Versate il caffè raffreddato, continuando a montare, quindi la scorza ed il succo di arancia. E' possibile che a questo punto il composto si "stracci" o si divida. Non vi preoccupate.
Setacciate la farina con il cacao ed i lievito e miscelate bene, quindi aggiungeteli in 2 tempi, incorporando con una spatola. Mescolate bene fino a che le polveri non saranno ben amalgamate.
Versate il composto nello stampo che avrete foderato con carta da forno (anche uno stampo a cerniera va benissimo), e fate cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi.
Nel mio forno la cottura ha richiesto 40 minuti. A 35 lo stecchino era ancora sporco di impasto liquido. Valutate con il vostro. Non la stracuocete.
Fate raffreddare una decina di minuti quindi capovolgetela su una gratella e fatela raffreddaere completamente prima di glassare.
Per la glassa mettete il cioccolato tritato, il burro ed il glucosio (sostituibile con il miele, ma può caratterizzare il sapore finale), in una ciotola di acciaio e fate sciogliere il tutto a bagno maria. Mescolate bene quindi aggiungete 2 cucchiai di acqua bollente e mescolate ottenendo una glassa bella lucida e fluida.
Mettete un foglio di carta da forno sotto la griglia su cui è posizionato il dolce. Versate immediatamente la glassa facendola scendere al centro del dolce. Questa si allargherà colando sui lati e coprendo la superficie in maniera molto uniforme. Non dovrete usare la spatola, se non per rifinire i bordi, magari raccogliendo quella che scende sulla carta.
Fate riposare in modo che la glassa solidifichi un po' quindi servite.



NOTE

- se possibile, è ancora più buona il giorno dopo ma capisco che aspettare sia sacrificio alla portata solo di santi o aspiranti tali.


19 commenti:

  1. Ho già l'acquolina in bocca! Fantastica come sempre, un'unica domanda... Forse non l'ho vista io ma non vedo la temperatura del forno.. 170/180? Grazie mille in anticipo! Marco

    RispondiElimina
  2. Avevo letto a suo tempo il post e la relativa ricetta sul blog della creatrice della torta alligator, la mia curiosità era data dal nome della torta...uno spasso la motivazione, il T9 ha fatto brutti scherzi anche a me, purtroppo :-(

    Anche io, come te, non amo per nulla il connubio arancia/cioccolato...mi vengono i brividi solo a pensarci...

    RispondiElimina
  3. Io amo il mix arancia/cioccolato mentre il mio compagno no... ma magari è la volta buona che lo convinco.... ne sento già il profumo! un bacione LA

    RispondiElimina
  4. Ciaooo ...
    Te sei una vera tentatrice ci prendi per la gola alla grande...
    Lia

    RispondiElimina
  5. Oh madonnina bella che tentazione pazzesca.... E quella copertura..... Non resisto!

    RispondiElimina
  6. anche solo da guardare e golosissima, interessante il sapore tra cacao, caffè e arancio da provare, grazie

    RispondiElimina
  7. Mamma mia cosa non deve essere. Quasi lussuriosa

    RispondiElimina
  8. Anch'io amo il binomio cioccolato ed arancia, per cui questa torta fa al caso mio! :)

    RispondiElimina
  9. Non conoscevo questa torta, ma deve essere qualcosa di sublime...il burro è assolutamente indispensabile, vero?!
    🤗😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una quattro quarti, quindi il burro qui indispensabile ed insostituibile:)

      Elimina
  10. Ciao! Questa tua ricetta mi piace moltissimo ma... sono allergica all'arancia e al mandarino. poichè adoro l'abbinamento cioccolato/caffè, pensi che io possa omettere l'arancia senza compromettere la riuscita del dolce?
    Grazie tante.
    valeria

    RispondiElimina
  11. Mamma mia che bontà questa torta, sembra deliziosa!!

    RispondiElimina
  12. Sono una dipendente del cioccolato e questa tua torta mi fa morire solo a guardarla :-P
    andrei in cucina all'istante a preparala ma resisterò almeno fino a domenica!!!!
    un abbraccio ^__^

    RispondiElimina
  13. Fatta ieri, assaggiata oggi...squisita :)! Grazie ad entrambe!

    RispondiElimina
  14. Ecco. io arrivo ora e se non fosse stato per un lungo viaggio in metropolitana passato a smanettare su Instagram. Ormai non mi scuso nemmeno piu', ma mi vergogno come una ladra. Pero', la prima cosa che ho pensato, sinceramente, e' stata... oh bene, se Stefania l'ha fatto, rischio che mia sorella e mia suocera mi dicano che hanno provato una torta dallo strano nome che e' una bomba, come tutte quelle dell'Araba, d'altronde :)
    E comunque: raffinata? preparata? straordinaria?
    Cialtrona, e' l'aggettivo giusto :)
    Grazie infinite, per tutto!

    RispondiElimina
  15. Fatta e rifatta e ormai tra le torte più richieste in casa Andante. Maledetto alligatore!

    RispondiElimina