lunedì 23 novembre 2015

Caramelle mou al burro salato


Un secondo.
E davanti a me è tutto nero.
Un altro secondo, e tutto quel nero mi è venuto addosso.
Un altro mezzo secondo, e tutto quel nero mi ha afferrato un braccio.
Tutto quel nero, intanto, mi sta urlando addosso.
Allora, cominciamo col dire una cosa.
Si, faccio la sbruffona.
Spavalda.
E qualche volta, come dice il mio augusto consorte, pure arrogante.
Ma le spalle me le guardo, eccome.
E non per paura ingiustificata.
Ma per esperienze vissute di cui, in effetti, prima o poi dovrò raccontare su queste pagine.
Sono prudente, diciamo.
Anche quando vado al ristorante e cerco instintivamente con lo sguardo le vie di fuga.
Le uscite di emergenza nei locali pubblici.
Non è paranoia, si badi bene, mi viene naturale.
E' attenzione.
Istinto di sopravvivenza.
Per questo tutto quel nero improvviso, che poi era una donna coperta con la tipica abaya da capo a piedi, non mi ha colto del tutto impreparata.
Ed il braccio me l'ha afferrato che già l'avevo alzato.
Mica mi sfondo di palestra per niente, l'ho detto che sono arrogante, no?
Urla a squarciagola, le amiche con me terrorizzate.
Capisco cosa dice, in realtà,  anche se faccio finta di no.
Vuole che mi copra il capo ed il viso.
Portatrice sana di colpi di sole ed occhi chiari, a mio rischio e pericolo.
Ora, tante volte mi è già capitato.
Ma arrivare ad acchiapparmi per un braccio è cosa nuova.
Errore, grandissimo errore di valutazione.
Il suo.
C'è rimasta male, povera.
Non si risponde a violenza con violenza, mai.
Quasi mai.
Ma credo che il suo, di braccio, faccia ancora un po' male.
Non intenzionalmente, ma dovevo pur divincolarmi, no?
Non le ho risposto nulla, in arabo non sarei così fluente ed in inglese non avrebbe capito.
Le ho fatto un gran sorriso mentre mi guardava andar via.
La immagino sbigottita sotto il velo.
Ma vuoi vedere che i sorrisi li faranno rientrare tra le armi di distruzione di massa?
E non ditelo a nessuno, che mi è costato un po' ;)


Come consolarsi da uno spavento? Una caramella mou potrebbe essere la risposta, ma risposta migliore una decina almeno :) queste sono perfette, e come potrebbe essere altrimenti vista la provenienza.
La consistenza ideale, un sapore divino ed una ricetta nemmeno che si fa da sola a patto di seguire poche, semplici regole.
Chi ci prova? Saranno le prime a finire, nei vassoi dei dolci di Natale! :)



SALTED BUTTER CARAMELS
per circa 40 pezzi

180 ml di panna fresca da montare
mezzo cucchiaino di estratto di vaniglia
mezzo cucchiaino di sale
160 g di golden syrup
200 g di zucchero
60 g di burro salato (o normale, ma allora aumentate il sale nel composto)
un po' di sale extra per la copertura


Foderare uno stampo da plumcake lungo 23 cm con della carta forno e imburrarla oppure spruzzarla con lo spray staccante.
Mettere in un pentolino la panna, la vaniglia, metà del burro ed il sale. Spegnere il fuoco appena prima che arrivi a bollore, coprire con un coperchio e lasciare da parte.
In un pentolino a bordi alti e fondo spesso mettere lo zucchero con il golden syrup e farlo sciogliere piano girando con una spatola.
Dopodichè smettere di girare, inserire un termometro da zucchero e cuocere finchè si raggiungerà la temperatura di 155 gradi.
Togliere dal fuoco e versarvi il composto di panna, ancora tiepido, girando bene.
Rimettere tutto sul fuoco e cuocere fino a raggiungere la temperatura di 127 gradi.
Togliere subito dal fuoco ed aggiungere i restanti 30 g di burro.
Versare nello stampo preparato, aspettare una decina di minuti quindi spolverizzare con del fior di sale a piacere.
Far raffreddare completamente a temperatura ambiente prima di tagliare e confezionare.


NOTE

- il golden syrup lo trovo abbastanza facilmente qui da me (uso questo , che in Italia ho visto per esempio a Roma da Castroni) ma se non doveste trovarlo ci sono molte ricette online per farlo anche in casa. La ricetta è però testata con quello acquistato.

- il termometro ed il rispetto delle temperature indicate sono due fattori essenziali per una riuscita ottimale.

- le caramelle hanno una consistenza perfetta, nè troppo dura nè troppo morbide. Durano tranquillamente anche un mese in una scatola di latta ma avvolgetele ad una ad una con della carta forno o della carta da cioccolatini.

- se preferite realizzare delle caramelle mou classiche basta omettere il sale.

- non serve mettere il composto in frigo, dove indurirebbe troppo, ma tagliatelo con un coltello affilato, magari scaldato, solo quando il tutto è completamente freddo e tenete a temperatura ambiente.

29 commenti:

  1. Queste caramelle sono stupende *____* me le segno per i regalini di Natale <3

    RispondiElimina
  2. Oddio che spavento!!!!
    Sarai anche quasi abituata a queste stranezze, ma io me la sarei fatta sotto...e non scherzo!
    Le tue caramelle Mou sono una delizia deliziosa da fare per Natale...ma non so se al tuo posto mi avrebbero risollevato il morale dopo il tuo incontro/scontro...
    Un abbraccio ^_^

    RispondiElimina
  3. Ciao Stefania, tantissimo che non ti lascio un commento ma ti leggo, sempre, soprattutto quando ho bisogno di ispirazione!! Ho appena rifatto le tue sfogliatine manflu con pomodoro e mozzarella ;)

    Sempre più basita dal comportamento di alcune persone...

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Mmm, Stefania, hai reagito bene e ho poche parole per commentare l'arroganza altrui invece, di chi non solo si permette di importi determinate convinzioni contro la libertà personale, ma addirittura arrivando ad alzare le mani... fai bene ad essere prudente e sempre pronta, sei una tosta. Una domanda per la fantastica ricetta: tra gli ingredienti c'è scritto "panna da montare", intendi semplicemente quella fresca oppure quella appositamente da montare (che credo abbia qualche additivo). Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intendo semplicemente quella fresca, ora ho specificato :)

      Elimina
  5. Irresistibili per grandi e bambini!

    RispondiElimina
  6. sei una grande. davvero. tanta stima. detto ciò la ricetta non la guardo . sto a dieta seria....ahhhh un abbraccio

    RispondiElimina
  7. E' già da un bel po' che pensavo di fare le caramelle mou, ma non riuscivo a decidermi, ora mi hai dato l'input!
    Per il resto preferisco non commentare, è chiaro che fai bene a difenderti ma la guardia non abbassarla mai...

    RispondiElimina
  8. Brava Araba! Sii prudente, che lì conviene...ma ora anche qui...-((
    Goduria, queste caramelle ..-))
    Ciao ARaba!
    CInzia

    RispondiElimina
  9. ciao, io le adoro....
    considera che sono le caramelle che mangiavo da piccola in quanto famosissime in Argentina.

    grazie per la ricetta
    Romina

    RispondiElimina
  10. devi essere prudente si, ma sei stata bravissima !!

    cento mille caramelle mou

    RispondiElimina
  11. Che delizia non ho mai pensato di fare delle caramelle! Brava e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  12. Uuuuuu quanto sono invitanti. Altro che regalino di Natale, me le faccio e me le pappo tutte io :-)
    Mi sa che la signora non sapeva con chi aveva a che fare

    RispondiElimina
  13. Se trovo il Goldoni syrup......brava come sempre! ( ed anche coraggiosa).

    RispondiElimina
  14. Che forza che sei...... Queste caramelle sono come le ciliegie, una tira l'altra !

    RispondiElimina
  15. Ciao, ho un consiglio da chiederti: ho dell'ottima liquirizia in polvere, non volendo utilizzarla tutta per fare il liquore ho pensato a delle caramelle. Secondo te potrei usare questa ricetta (omettendo vaniglia e sale)?

    Purtroppo le culture maschiliste trovano le perpetuatrici e le sostenitrici più accanite proprio nelle donne. E complimenti per il tuo a plomb, io le avrei fatto intenzionalmente molto male....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente si, puoi utilizzarla....non saprei indicare un dosaggio, ovviamente ;)
      E se qui faccio veramente male a qualcuno potrei fare una brutta fine, meglio mantenersi...soft!

      Elimina
    2. Grazie per la risposta!
      Beh si, in effetti hai ragione tu a proposito autocontrollo, dimenticavo che dalle tue parti le possibili punizioni possono essere belle strong (pietre, frustate)...

      Elimina
  16. ci sono sempre ottimi motivi per andare in palestra anche se mi immagino un po' di spavento.si ci vogliono proprio le caramelline

    RispondiElimina
  17. queste son da servire con il caffè di Natale!!! e stai attenta Stefy... meno male che c'hai i muscoli!!! ;-)

    RispondiElimina
  18. E brava Stefania, così si fa! E, come potrai ben immaginare conoscendo un pochino la mia indole ed i miei trascorsi, non mi riferisco tanto alle caramelle mou quanto a quel "Non si risponde a violenza con violenza, mai. Quasi mai". Che mica ci sfondiamo in palestra per niente, noi!
    Poi, certo, anche le caramelle saranno buonissime... e chi lo mette in dubbio?

    RispondiElimina
  19. Tralascio per prudenza di commentare l'accaduto.
    Le tue caramelle sono super!
    Vieni a trovarmi: mi manchi!

    RispondiElimina
  20. Ciao, con queste dosi quante caramelle vengono? Grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Circa 40 a seconda di quanto si tagliano grandi, come scritto subito prima degli ingredienti :)

      Elimina
  21. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  22. Ciao Stefy! Domandina: al posto del Golden syrup cosa posso utilizzare?

    Complimenti per la forza di spirito che hai sempre nell'affrontare le situazioni, sei una grande!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci vuole proprio il golden syrup, sorry! però ci sono diverse ricette per farlo in casa basta fare una ricerca su Google :) e grazie!

      Elimina