giovedì 7 maggio 2015

Shortbread furbissimi al parmigiano


La caverna di Ali Babà.
La miniera del tesoro.
Il forziere dei pirati.
No.
E' solo una farmacia.
Una farmacia saudita, però.
Il che vuol dire un'estensione in metri cubi da far impallidire una nostrana Rinascente.
Ed un assortimento prodotti che qualunque canale di televendite al confronto è una roba antica e poco fornita.
Le stampelle sono tutte impilate, anzi impalate giuro, su una parete.
Modello, colore, dimensione, foggia, fantasia.
Credetemi che viene voglia di rompersi una gamba solo per poterne comprare una.
Le sedie a rotelle ancora meglio.
Ora gambe voglio rompermene due, che quella piena di bottoni e una specie di leva del cambio non so che darei per provarla.
Olii di ogni tipo, dal castoro al sesamo, che assicurano capelli lucenti e probabilmente parquet levigatissimi a fianco a montagne di Aspirina C che sembrano alberi di Natale.
Spruzzo un profumo dall'angolo bellezza, guardo il consorte con aria civettuola.
Sa di Vicks, il responso.
E visto dove siamo mi viene il dubbio di aver agguantato la boccetta sbagliata.
Un settore più appartato.
Ed io troppo curiosa.
Una sfilata di prodotti, tutto in arabo e non capisco granchè.
Sono saponette, perchè le nascondono.
Eccone una in inglese.
Ok, non ci credo.
Devo fare una foto.
L'augusto consorte trema.
No, dai, che ci arrestano.
LO arrestano, che in Arabia se la moglie fa qualcosa di male è il marito a pagarne le conseguenze.
Lo scatto prende meno di un secondo.
O non mi avrebbe creduto nessuno.
La saponetta in questione pare sia per delicate parti intime.
Assicura di, diciamo così, non rovinare niente.
Anzi, preserva mentre profuma.
Alla lavanda, che bellezza, e sembrerà di aprire le ante dell'armadio.
Preserva dal peccato.
Chissà se funziona pure per riparare i danni.
Certi danni da usura.
Da uso intenso e sconsiderato.
Ho voglia di farne regali di Natale.
Taccio, va' :)




Dunque, questa è la droga. Il male. L'irresistibile. Mi hanno chiesto nell'ordine dove li avessi comprati, se li avessi portati dall'Italia, se me li avessero spediti dal Paradiso.
Niente, escono dal vostro robot da cucina per saltare in forno. E sciogliersi in bocca.
Fanno tutto da soli.
Fatevi del male, e fatevelo bene , che da questi sarà difficile staccarsi: con l'aperitivo, le gelatine di vino, i fomaggi, da soli.
E non dite che non vi avevo avvisati ;)


PARMESAN SHORTBREADS
da Nigellissima di Nigella Lawson
per circa 16-18 pezzi

150 g di farina
75 g di parmigiano grattugiato
100 g di burro ammorbidito
un tuorlo d'uovo


Nel robot con le lame mettere farina, burro a pezzi e parmigiano. Dare una breve frullata ed unire il tuorlo. Far andare le lame finchè il composto si raccoglie in grosse briciole.
Tirare fuori l'impasto e rotolarlo sul piano di lavoro senza impastarlo ma solo compattandolo con le mani.
Dividerlo in due e formare due cilindri del diametro di 3 cm circa che andranno avvolti nella pellicola trasparente e messi in frigo per 45 minuti, 10 in freezer.
Tagliare quindi dal cilindro ormai ben freddo delle fette di circa un centimentro.
Adagiare le fette su una teglia coperta con carta forno e mettere la teglia 3 minuti in freezer.
Trasferire quindi in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 15-20 minuti.
Dovranno risultare coloriti alla base e sui bordi ma ancora pallidi.
Lasciar raffreddare completamente prima di servire.

NOTE

- se non si possiede un robot da cucina basta lavorare il composto con le fruste elettriche o anche solo un cucchiaio di legno, stando attenti a non impastare troppo.

- appena usciti dal forno sono morbidi, non toccateli assolutamente! Fateli raffreddare un paio d'ore prima di gustarli, solo così avranno la consistenza che li rende irresistibili.

- lo spessore delle fette è fondamentale per la buona riuscita. Se troppo sottili non vengono bene, quindi rimanete sul centimetro indicato.

- il passaggio in freezer prima del forno non è indicato nella ricetta originale, ma nel deserto la precauzione non è mai troppa viste le temperature. Consiglio comunque di farlo perchè gli shortbread mantegano meglio la forma.

- volendo potete spennellare gli shortbread crudi con pochissima acqua e spolverizzarli con le spezie preferite: sono stati sperimentati con sumak, semi di nigella (tanto per rimanere in tema :D pepe, sale nero, sale rosa....

- il cilindro di impasto crudo può essere conservato in freezer anche un mese.

- gli shortbread cotti durano anche tre giorni ma temono l'umidità, quindi chiudeteli in una scatola di latta ermetica se doveste conservarli.


35 commenti:

  1. E dopo l'annuncio di ieri su fb non potevo che precipitarmi a leggerti! Mi sa che questo pomeriggio li provo. Grandissima come sempre super Stefy!

    RispondiElimina
  2. Shortbread = parola magica......adoro tutte le varianti ....^___^ il post mi ha fatto morir dal ridere....quella saponetta ..:DDDDDDD Stefania sei unica <3

    RispondiElimina
  3. ti dico la verità Ste'.....comincio ad odiarti!! ho una pila di carta stampata dal tuo sito...LA SMETTI???
    vabbè...facciamo che ti perdono solo quando metterai una ricetta furba, veloce e dietetica ;)
    (nel frattempo che aspetto.....me magno sti shortbread....vado a stampare va)

    RispondiElimina
  4. io pure, faccio gli shorbreads al parmigiano-e faccio tutti felici.
    Ma ora che ho visto la saponetta... niente da fare: sei sempre troppo avanti :-)

    RispondiElimina
  5. Mi fa sempre piacere leggerti! "sarà come aprire le ante di un armadio"...... dai sono in ufficio!
    Ricetta meravigliosa! da provare! un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Ecco.
    Ennesimo libro uguale e ennesima ricetta che non ho visto!!!! Proprio io che la settimana scorsa volevo fare dei biscottini salati al parmigiano...io non ci credo guarda...!!!
    Quel sapone...inviane un container qui da noi che a Natale devo fare regali pure io ahahahahhah

    RispondiElimina
  7. Virginity Soap, come non averci pensato prima... ma guarda che questi arabi sono davvero avanti!!!! Invece i shortbreads al parmigiano non faccio mica fatica a pensare che siano Divini e siccome resisto a tutto tranne che alle tentazioni, stasera li provo, ma solo per verificare la qualità del prodotto e metterci il bollino, capisci a mè??? ;-)

    RispondiElimina
  8. Meravigliosi..ma la consistenza? Se ci mettessi sopra un ciuffetto di mousse al tonno ci potrebbe stare? Nel mio pensiero sempre il buffet del compleanno della treenne..
    Ps: il castor Olio è l'olio di ricino, al corso di tecnica farmaceutica è la prima cosa che ti dicono, visto che la confusione con castoro arriva fino all'esame ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci potrebbe stare benissimo, hanno una consistenza di una frolla che si scioglie in bocca...o una sablèe...una roba goduriosissima!
      E grazie, ho imparato una cosa nuova ;)

      Elimina
  9. Avevo scoperte dell'esistenza di queste saponette grazie alle foto di un mio amico in viaggio in Egitto...non volevo crederci. La cosa più comica è che nello scaffale erano vicino a prodotti diciamo meno sacri :D Prima e dopo? Chissà :P
    Avevo già puntato la tua torta glassata al cioccolato e noci per una festa tra amici a cui parteciperò sabato...e mi sa proprio che mi farai fare bella figura anche con questi shortbread! :)

    RispondiElimina
  10. DEVO ASSOLUTAMENTE FARLI!! Insomma, sembrano a prova di dummies... DEVO riuscirci!
    Pillow

    RispondiElimina
  11. Saranno deliziosi questi shortbread !
    Perfetti per un aperitivo ^_^

    RispondiElimina
  12. No vabbè se non vedevo le foto non ci credevo...guardo la saponetta e rido come una matta...questa foto va condivisa :D Stefy sei troppo forte! Gli shortbread???Inuteli dirti che mi stra piacciono.

    RispondiElimina
  13. Ahahahaha... non riesco a smettere di ridere... vedi vedi... questa saponetta in Italia ci manca e, come dici tu, non è che macherebbero i soggetti a cui regalarla... anzi... :DDD

    Shortbread che proverò sicuramente! Adoro i biscotti al parmigiano (quelli fatti col burro salato) quindi so già che adorerò anche questi!! Grazie per ricetta e risate!! :*

    RispondiElimina
  14. Miii saranno buonissimi... Li devo assolutamente provare :)

    RispondiElimina
  15. ahahahaha quanto mi hai fatto ridere! Lo sai che anche mio marito ha trovato lo stesso sapone un giorno che lo avevo spedito a comprare uno sciroppo per la tosse?! Le farmacie saudite sono il top! Un giorno ti racconterò la faccia del farmacista quando gli ho chiesto qualcosa per la cistite :)

    RispondiElimina
  16. ho visto lanfoto e mi sono catapultata!! Devono essere deliziosi!! Mi strapiacciono!!
    Sempre complimenti
    Buon pomeriggio
    Serena

    RispondiElimina
  17. Ciao Stefania
    Allora..... adoro i shortbread... e la versione é fantastica.
    Lo devo assolutamente fare questa ricetta meravigliosa.
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
  18. Questi "furbissimi" li faccio miei devono essere favolosi.
    Com racconti tu non lo fa nessuno è un piacere leggere prima e vedere la ricetta dopo non mi perderei mai quello che scrivi. Buona giornata cara.

    RispondiElimina
  19. Seria? Non ci posso credere. Rido forte.

    Shortbread fantastici, sono il mio asso nella manica per le cene in piedi. Impazziscono tutti, hai ragione! :)

    RispondiElimina
  20. Ci si chiede quali usi perversi si facciano da quelle parti delle saponette...
    Io quel "tuo" paese vorrei proprio vederlo, prima o poi.
    Magari sgranocchiando un frollino al parmigiano.
    Paiono mica male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S.: senza il robot si impastano classicamente a mano, no?

      Elimina
    2. Si si, a mano oppure Nigella consiglia ancora meglio con un cucchiaio di legno in modo da non scaldare troppo il composto.
      Sulla saponetta ci si può interrogare da qui all'eternità...:D

      Elimina
  21. shortbreads al parmigiano sono sfiziosissimi uno tira l'altro :)
    Buona serata

    RispondiElimina
  22. Oddiooooo
    Ci si potrebbe fare un film dell'orrore: NON APRITE QUELLA SAPONETTA ALLA LAVANDA...
    Sei mortaleeeee
    Gli shortbread una figata stilosissima!!!!!
    Perchè poi agli aperitivi??? Se fosse davanti alla TV per la family??
    Mitica

    RispondiElimina
  23. cioè...non puoi fare una foto ad una saponetta se incarcerano tuo marito e buttano la chiave? ma dai!!! però mitica sta saponetta eh! e mitici i tuoi biscotti, da provare

    RispondiElimina
  24. Ecco, se garantiscono anche dall'usura, quelle saponette lì, inizia a prenotare i bancali per l'Italia, che i regali di Natale qui urgono :D
    Tacciamoci, va.. magari riempiendoci la bocca di questi favolosi shortbread, che ho già salvato come idea per il prossimo aperitivo casalingo :)

    RispondiElimina
  25. Testeremo.Sicuro!
    un abbraccio
    Marika

    RispondiElimina
  26. E hai pure rischiato l'arresto (di tuo marito) :D
    Il tuo modo di mostrarci il mondo, quella parte di mondo, mi diverte da morire. Sei una grande!! E lo sei anche nelle meraviglie che ci sforni. Che poi io arrivo qui ingolosita dalla preparazione e puntualmente mi ritrovo persa nelle parole :D
    Un abbraccio Stefy, buon weekend.

    RispondiElimina
  27. Mah, si dice che il mondo è bello perché è vario, ma così, non sarà troppo?
    Questi stuzzichini, invece, mi stuzzicano le papille assai, quasi quasi gli faccio uno scatto, perché se lo racconto non ci credono!!!^_^ ♡♡♡

    RispondiElimina
  28. Fantastica come sempre...... e mi hai fatto morì con la storia della saponetta! Te ne ordino un po' a breve mi sa! Conosco diverse donne a cui servirebbe per "ripristinare"... :-D ...
    Questi biscottini salati sono scioglievolissimi anche a guardarli! Bacioni

    RispondiElimina
  29. Riprovo ad inserire il commento, che non mi compare...
    Accidenti a me che non "navigo" in rete da un po'. Questi Shortbreads sarebbero stati perfetti per il buffet della Cresima di Arc....assieme ai baci di dama salati della Van Pelt.
    Passare da te mi fa scoprire mille-mila idee da porca figura....ops....ho detto porca....non vorrei avesse problemi tuo marito!
    Nora

    RispondiElimina