martedì 16 agosto 2011

Pane carasau alla bottarga



Ne e' passato di tempo dall'ultimo post.
Ma non sono a crogiolarmi al sole arabo, godendomi i pochi giorni ancora senza scuola.
Magari: come tutte le volte, questa non fa eccezione.
Qualcosa al rientro dalle vacanze deve andare storto, e se cosi' non fosse ormai mi preoccuperei.
E preoccupata mi sono eccome, alle tre del mattino di quando siamo arrivati a mettere nuovamente piede dentro casa.
Si, perche' tutto pareva andare benone.
I bagagli arrivati senza problemi, e senza, ehm, troppe domande alla dogana.
L'autista li' ad aspettarci e non come al solito, addormentato da qualche parte nonche' irreperibile.
Il traffico inesistente nonostante il Ramadan, che fa invertire giorno e notte per un mese, che ogni sera pare Capodanno.
Aria condizionata: funziona, e dato che fuori ci sono 45 gradi tiro un sospiro di sollievo. Internet, che non resisto a provare nonostante l'ora, perfettamente attivo.
Il frigo non ha perso acqua, il ragazzo che mi fa le pulizie mi ci ha pure messo dentro due yogurt per la colazione.
Butto l'occhio al mobile, la reflex e' sempre li', pronta a riprendere la sua frenetica attivita'.
Persino il gattino che da un po' di tempo ci fa visita in giardino arriva allegro a farci le feste, per nulla provato dall'essere stato lasciato alle cure del perplesso giardiniere.
Solo la porta sul retro non si apre bene, e siamo passati dalla finestra per entrare in casa, ma che sara' mai la vita senza un po' d'avventura?
E' di nuovo quella bellissima, irreale sensazione del mondo perfetto, ma proprio perche' tale preoccupante come non mai.
Ci guardiamo con mio marito, e nessuno dei due osa dire nulla.
Troppo bello per essere vero, ed infatti non lo e'.
Il cielo solo sa la valanga che e' venuta giu' dal mattino successivo.
In ordine sparso, il collegamento ad internet e' stato ripristinato l'altro ieri dopo due settimane di black out in tutto il centro residenziale dove vivo ed un numero imprecisato di conversazioni tra il comico ed il tragico con tutti i tecnici deputati a ripristinarlo.
La porta sul retro si e' bloccata del tutto, e la parabola ha deciso di non mandare piu' segnali al decoder della tv.
I cellulari non hanno funzionato per una giornata intera, facendo pensare alla mia fervida immaginazione che forse cercavano di tagliarci le comunicazioni per meglio riuscire in un eventuale attacco terroristico...
Niente di niente.
Tutto risolto.
Piu' o meno.
L'avete capito, si, che ora ho un mondo di cose da raccontarvi? ;-)

Per la ricetta...ma quale ricetta, l'idea di oggi va ringraziata mia sorella.
Sorprendentemente buono e non banale, fara' la sua figura anche in cene piu' raffinate, per l'aperitivo prima di una cena di pesce, per un happy hour meno scontato, o anche su un buffet.
Invece per il delizioso piatto ed il bellissimo canovaccio sono io che devo ringraziare Glenda, mia...nipote??? Ma vale se zia e nipote hanno la stessa eta'???
Mi sa che nemmeno si e' resa conto  del piacere immenso che mi fanno queste cosine...:-)



PANE CARASAU ALLA BOTTARGA

pane carasau
bottarga di muggine grattugiata
ottimo olio extravergine d'oliva
poco pepe, se piace

Spezzettare il pane in pezzi piu' o meno grossi e sistemarne un primo strato nel piatto da portata. Cospargerlo con abbondante bottarga di muggine e irrorare con l'olio.
Continuare per quanti strati si desidera.

NOTE:

- il piatto e' piu' buono se preparato al massimo mezz'ora prima di essere servito, in modo che l'olio non intrida troppo il pane facendogli perdere croccantezza.

- la bottarga di muggine e' molto saporita, per cui non ho messo sale. Ma se a voi la preparazione dovesse piacere piuttosto sapida, aggiungetelo pure.

70 commenti:

  1. Ciao Stefi, ben tornata anche se con qualche problemino...
    il pane carasau buonissimo, anche se io quando lo faccio prima lo metto un po' in forno.
    lo provo grazie per l'idea

    RispondiElimina
  2. Nelle tue ricette c'è sempre un tocco di originalità,anche nelle più semplici.La bottarga l'ho sempre servita con dei "banali" crostini di pane (anche se con un velo di pesto sotto)ma con il carasau è proprio una bella idea.
    Bravissima la "nostra" Stefania.
    Buona giornata a te.

    RispondiElimina
  3. Este pan se ve magnifico Me encanta.

    Saludos

    RispondiElimina
  4. Bentornata!!
    Che dire, le disavventure alla Fantozzi capitano un po' in ogni parte del mondo.
    Mi piace tanto il pane carasau...

    RispondiElimina
  5. Ciao Stefania!mi verrebbe da chiederti come stai, ma dalla scrittura frizzantina direi benone. La proposta di oggi mi pare ottima per un aperitivo veloce, adoro sgranocchiare prima di cena. Un abbraccio e a presto, Valentina
    Ps: ce la fai a preparare una delle tue meraviglie per la mia colazione? non sai quanto mi farebbe piacere ;)
    ciaoooooooooo

    RispondiElimina
  6. Ciao Stefania, bentornata. E' sempre un piacere leggerti e provare le tue ricette.

    RispondiElimina
  7. Hai ragione, è proprio una bella idea! e sono in attesa di leggere le tue avventure ;)))
    Ben tornata ;))

    RispondiElimina
  8. Che avventure!Anch'io ieri una giornata in confusione!!!Per fortuna oggi è ritornata un pò di tranquillita e speriamo di poter finire queste vacanze in santa pace!buona giornata

    RispondiElimina
  9. io sarei impazzita...ma come hai fatto???...bottarga?..buonaaaaa....

    RispondiElimina
  10. bentornata!!! ci sei mancata tantissimo!!! un gran ritorno con un piatto veloce veloce così come richiede questo torpore di fine vacanze!!! mi piace proprio!!! ;)

    RispondiElimina
  11. Bella idea la bottarga sul pane carasau. Ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
  12. Bentornata!
    È un piacere tornarti a leggere e sapere che, nonostante tutti i piccoli "intoppi", la cucina e la reflex sono rimaste lì ad aspettarti!

    RispondiElimina
  13. Stefania, che piacere rileggerti!
    Quanto ci sono mancati i tuoi post che ogni volta ci regalano un sorriso!

    RispondiElimina
  14. Ciao Stefania,
    finalmente!!! Ero in frenetica attesa di un tuo nuovo post...in realtà non pensavo alle tue possibili disavventure, ti vedevo su qualche isoletta a sorseggiare drinks sul bagnasciuga..
    Bentornata.
    Stefania.

    RispondiElimina
  15. E' sempre interessante passare da te,si entra in contatto con un'altra parte di mondo lontano da qui,ritrovando storie di altri paesi e ricette di casa nostra!Un bacio Rossella!

    RispondiElimina
  16. eccoti finalmente!!
    tutto bene, ora?!?

    RispondiElimina
  17. bentornata! anche il mio computer ha fatto i capricci ma ora è tutto a posto, io sono sola pigra! :-D
    che bei regali dalla "nipote"! un bacione

    RispondiElimina
  18. Bentornata Stefi!la Bottarga sui crostini è divina ma, sul pane carasau è a casa sua!!!!
    Un bacione grande

    RispondiElimina
  19. che piatto originale e sicuramente delizioso,complimenti:)

    RispondiElimina
  20. Certo che voi..un rientro normale no eh?! Accipicchia se vien male a ritornare a casa!!!
    Un buon pane questo: la bottarga ha certamente impreziosito la croccantessa e semplicità del carasau!!
    ottima trovata!
    bacioni

    RispondiElimina
  21. Insomma i ritorni sono sempre...a prova di nervi....(io sono ancora traslocante...).
    Questo piatto invece é dei piú bei ricordi glutinosi che ho, mi ha quasi commosso,rischierei di non fare la dieta gluten free davanti a tanta bontá semplice. Meno male che qui non c´é la bottarga...
    Bacioni e grazie per gli auguri: che memoria !!!

    RispondiElimina
  22. Ciao bentornata, contrattempi a parte sei ripartita alla grande: sfiziosa ricetta!!!
    Baci

    RispondiElimina
  23. Ah,casa dolce casa! :)
    Bentornata!

    RispondiElimina
  24. grande il pane carasau e la bottarga, mica sarai stata in Sardegna? ciao

    RispondiElimina
  25. Ciao Stefania, ti dico solo che ci sei mancata!!!
    baci

    RispondiElimina
  26. Bentornata! Leggo spesso ma finora ho commentato poco...per una fanatica di bottarga come me, vederla presentata cosi "in purezza" mi fa venire un'acquolinaaaaa :)
    Baci

    RispondiElimina
  27. un applauso a tua sorella, un bacio a te e ben tornata

    RispondiElimina
  28. Tornare a casa è sempre bello anche se con degli imprevisti. Buon rientro, a prestissimo!
    Carino il pane casarau alla bottarga, brava tua sorella!

    RispondiElimina
  29. Stefi, che bello che sei tornata! mi mancavi tantissimo...e aspettavo con anasia una capatina da me...che hai fatto! ;-) non vedo l'ora di fgustarmi i prossimi racconti, sono come certi bei telefilm...creano dipendenza;-)
    ps: mi piace questa idea della tua sorellina!

    RispondiElimina
  30. beh rispetto l'anno scorso mi sembra andata meglio o ricordo male?!ben ritornata e sono curiosa sia delle ricette che dei tuoi racconti!

    RispondiElimina
  31. sono le 21:19 e sono ancor assolutamente sazia per la cena... come mai allora devo rimanere aggrappata ai braccioli del divano per non precipitarmi in cucina a tirar fuori da frigo e dispensa il pane carasau e la bottarga di cabras???? dimmelo!!
    bacione, ale

    RispondiElimina
  32. bentornata!!!! deliziosoe sfizioso questo pane!!! ciao

    RispondiElimina
  33. bentornata cara, vedo che non hai perso il tuo buonumore nonostante tutto!Questa ricetta tutta sarda è davvero splendida! Un bacione...

    RispondiElimina
  34. ma quando mai dico MAI le tue ricette, anche le più semplici sono banali??
    Sempre idee geniali e...bentornata!!

    RispondiElimina
  35. Tesoro senza le tue avventure i blog nn sarebbe piu lo stesso mi diverto sempre tanto a leggere i tuoi resoconti tragicomici ma dai nella vita gli imprevisti ci vogliono per mettere un po di pepe...deliziosa la ricetta molto particolare e nella sua semplicità!!!Baci,imma

    RispondiElimina
  36. E meno male che non fila tutto liscio altrimenti chi potrebbe raccontarcelo in maniera così divertente??
    brava la nipotina per i regali alla zia, belli...brava la zia per la ricetta della sorella...insomma bravi tutti e idea geniale come sempre!!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  37. Semplice eppure così interessante e gustosa. Un vero jolly da tenere bene a mente.

    Un bacione :)

    RispondiElimina
  38. adoro i miei nipotini ma... in aggiunta voglio anch'io una nipote così!

    RispondiElimina
  39. mai mangiato il pane carasau ma mi attizza 'na cifra!! da come hai iniziato il post ero convinta che l'attacco l'avessero fatto davvero :))) ma in fin dei conti tutto bene quel che finisce bene....sarebbe stato ben peggio se si fosse rotto il condizionatore! un abbraccio :X

    RispondiElimina
  40. ma quanto e' buono il pane carasau... non l'ho mai fatto pero', ora mi dai una scusa per provare

    un bacione

    RispondiElimina
  41. Evviva che sei tornata! E non posso neanche dirti poverina per le disavventure che ti servono come il peperoncino su un piatto di spaghetti aglio e olio perché tu le racconti da Dio e noi stiamo qui a leggerti sogghignando di nascosto per il semplice fatto che ci immedesimiamo. L'entrata dalla finestra, per esempio, mi ricorda tanto quella settimana, ancora ragazza, in cui i miei genitori mi lasciarono sola con la casa a disposizione ma si portarono via la mia copia di chiavi (inavvertitamente?). E meno male che c'era la finestra della mia camera aperta ed ero a piano terra! Vabbé, ti dico bentornata e ti abbraccio. Ci mancavano tanto le avventure dal deserto! Bacione grande, Pat

    RispondiElimina
  42. Bentornata cara, stasera provo questo sfizioso spuntino, sono sicura che sarà buonissimo :P Bacio

    RispondiElimina
  43. Alla faccia del buon rientro :) una catastrofe naturale vi ha colpiti?! Comunque non so perchè ma le vacanze qualche strascico lo lasciano sempre, con la conseguenza che il karma faticosamente conquistato in 1-2 settimane di sollazzo viene sostituito in un nano secondo dall'ira funesta. Comunque sia, ben rientrata e grazie per questa idea di variante sul carasau: io di solito mi limito a condirlo con un filo d'olio, sale e rosmarino o erbe di provenza tritate (sempre quando non lo concio in qualche modo, lo adoro con qualsiasi verdura e formaggio, arrangiato a mò di terrina/lasagna estiva). Un abbraccio,

    A.

    RispondiElimina
  44. bentornata! tra un inconveniente e l'altro!
    Io lavoro in teatro e sai cosa si dice nell'ambiente? Se la prova generale va bene...bisogna preoccuparsi perché lo spettacolo andrà a scatafascio. Ecco il rientro delle vacanze è un po' come lo spettacolo. Magari se qualcosa si rompe prima della partenza è meglio! eheheheheh!

    Sai che non ho mai assaggiato la bottarga, incredibile!

    RispondiElimina
  45. ciao carissima bentornata, ricominceremo a leggere le tue, già annunciate, avventure!!!

    RispondiElimina
  46. troppa calma perchè fosse tutto reale, eh... mannaggia!
    infatti mi chiedevo "come mai l'Araba Felice non scrive nulla da un pò di giorni?"
    ti avevamo dato per dispersa... se fossero passati altri giorni avrei chiamato l'ambasciata! :)
    Quando vivevo a Pisa, mangiavo tanto pane carasau, visto che quella città è stracolma di sardi! Che buono! Con la bottarga deve esserlo ancora di più: lo proverò! un bacione :)

    RispondiElimina
  47. Apoteosi sarda nella sua essenzialità e bontà! Vado matta per la bottarga!
    Bentornata! che voglia di rileggerti...
    Cris
    Poverimabelliebuoni/Insalatamista

    RispondiElimina
  48. Famiglia perfetta: tua nipote ha molto gusto e il suggerimento di tua sorella è ottimo! Un pezzetto di Sardegna in Arabia. Bentornata tra noi, mi sei proprio mancata!

    RispondiElimina
  49. che delizia Stefy! bentornata!! :-* mi mancavano le tue avventure!!

    RispondiElimina
  50. Sfiziosa, a dir poco ;)

    Ma sai che anch'io, quando torno dalle vacanze, entro in casa quasi di soppiatto, aspettando una qualche sorpresa che spunti all'improvviso da qualche parte? E a volte capita che i telefoni facciano i capricci, che il computer decida di andarsene in ferie lui, questa volta, che il portello della lavastoviglie si rompa...
    Mah! :)

    Buona giornata! :)

    Agnese

    RispondiElimina
  51. Bentornata, mi sei mancata :-).

    Ciao
    A.

    RispondiElimina
  52. a te la connessione a me il pc! va beh! ben ritrovata! sei andata sul sardo! :-) carasau e bottarga tipici della sardegna, ottimi! ciao carissima!

    RispondiElimina
  53. Buona ricetta, ancora si segue.

    Bacio de Brasile!

    Luiz

    RispondiElimina
  54. @ Cristina: grazie, e proverò il trucco del forno :-)

    @ Mariabianca: beh, grazie a te per l'idea del pesto, piuttosto.

    @ jose manuel: ti ringrazio :-)

    @ Ilaria: hai proprio ragione, FAntozzi è tale dappertutto :-)

    @ Valentina: grazie, tutto ok! le vacanze, anche se un po' frenetiche, sempre vacanze sono :-)

    @ Gianna: ma grazie!

    @ giulia pignatelli : :-)

    @ Angelica: allora buona continuazione :-)

    @ Rosaria: infatti ero sull'orlo della pazzia :-)

    @ Glo83: mille grazie!

    @ Alessandra: sono contenta che ti piaccia :-)

    @ Alessandra: anche perchè se non l'avessero fatto la cosa sarebbe stata oltre che preoccupante...

    @ lerocherhotel: come mi fa piacere, grazie!

    @ ste.lele: ma grazie mille!

    @ neve di marzo: insomma...trovare un gran pasticcio!!!! :-)

    @ Gaia: si si, finchè sono questi i problemi, ci ridiamo su ;-)

    @ Acquolina: visto? ha azzeccato alla perfezione, sono molto fotogenici :-)

    @ Saretta: hai detto bene, è proprio casa sua!!!

    RispondiElimina
  55. @ Marco e Barbara: grazie!

    @ Manuela e Silvia: credetemi, quello che ci manca è proprio un po' di normalità...

    @ Glu.fri: ma figurati, nasci in un giorno particolare...

    @ LAURA: ti ringrazio!

    @ Commis: proprio vero...nonostante tutto :-)

    @ Orodorienthe: non questa volta, ma ci sono stata tante di quelle volte...

    @ franci e vale: un grosso bacio :-)

    @ El Pasticcio: sai che c'è stato un periodo della mia vita in cui la mangiavo a...morsi, da tanto mi piace?

    @ fragoliva: riferirò!

    @ Zia Elle: il proprio letto non ha prezzo, dico io...

    @ Aria: un telefilm, addirittura :-))) ciao!

    @ Ines: una meraviglia, dico io...

    @ lucy: insomma...:-)))

    @ ViaggiandoMangiando: fortunata ad avere tutto in casa, allora!

    @ Love at first bite: grazie!

    RispondiElimina
  56. Cara araba felicea ti faccio i complimenti per questo modo di presentare la bottarga. Sono sarda e spesso vedo proposte delle ricette assurde che rovinano il sapore spettacolare di questo prodotto, ma tu hai saputo portare a tavola un piatto semplicissimo che mantiene tutto l'aroma della mia terra.

    RispondiElimina
  57. Complimenti!!!... un bel blog interessante e luminoso, mi unisco ai tuoi sostenitori :)) passa a trovarmi ti aspetto!

    RispondiElimina
  58. @ Chiara: credimi, ce ne vuole per farmelo perdere...

    @ Mammazan: grazie!!!

    @ dolci a gogo: grazie Imma, un bacione!

    @ Loredana: e un grazie corale a te :-)

    @ Letiziando: un jolly che non tradisce ...;-)

    @ acquaviva: vedo se si vuole far adottare come nipote??? :-)

    @ Sonia: eh no, devi provarlo!!! è buonissimo!

    @ Sara: fatto nemmeno io, questo viene dall'Italia...

    @ Patty: sono contenta di leggere che non capita sempre e solo tutto a me :-) un bacione!

    @ Sar@: ti è piaciuto, poi?

    @ Alessia: esagerata!!! la catastrofe naturale la teniamo per la prossima volta :-)))

    @ eli: mi piace! faccio mia questa massima :-)

    @ Tamtam: benritrovata a te! :-)

    @ Le ricette dell'Amore Vero: perchè mi avevano tappato la bocca, ehm, le dita!!! :-)

    @ Cris: e rieccomi!!! ora non dite che vi stufate, eh...:-)

    @ L'acqua'dorosa: ma grazie, saranno contentissime di leggerti :-)

    @ Sara: grazie mia cara, un bacione!

    @ Your Noise: ah bene, non succede solo a me...

    @ Alessandra: :-)

    @ vickyart: eh si, e poi in Sardegna non si mangia divinamente???

    @ Luiz Claudio: grazie, lontanuccio pure tu...

    @ La mia cucina di Roberta:detto da te apprezzo ancora di più il complimento, grazie di cuore!

    @ Fullina: grazie ed a presto :-)

    RispondiElimina
  59. ciao stefy!! felice che tutto sia tornato alla normalità!! grazie per gli auguri al mio bambolotto e per aver apprezzato le alzatine, in effetti si prestano a molte versioni, sono già state prenotate per altre feste a tema,
    a presto,ciao!!!

    RispondiElimina
  60. Araba, eccoti! Movimentata la vita lì, eh! Qui invece calma piatta! CHE BELLEZZA!! Purtroppo io e il pesce, uova comprese, non vado d'accordo...mangerò il pane carasau!
    Ciao!
    Cinzia

    RispondiElimina
  61. Ciao Stefy, bentornata, dopo un rientro così ...ci credo che metti una ricetta rapida rapida! Carinissimo il canovaccio, e speciale davvero questo entrée , mi sa che te lo copierò! baci

    RispondiElimina
  62. bienvenue à nouveau c'est avec plaisir de te lire un plat original et délicieux
    bon dimanche

    RispondiElimina
  63. Bentornata e questa ricetta anche se rapida molto molto gustosa.
    Un abbraccio e buona serata.

    RispondiElimina
  64. Il pane carasau è una mia vecchia passione, mentre la bottarga è recente: mi hai conquistata :D
    Bentornata :D

    RispondiElimina
  65. @ gioella: e mi sono prenotata io, per copiartele alla prima occasione!

    @ Cinzia: che peccato...ma ti lasciamo il pane :-)

    @ elena: mille grazie :-)

    @ Fimere: merci!

    @ Fausta: le ricette lampo sono la mia specialita' :-)

    @ Milen@: ma davvero? allora ti piacera' sicuramente :-)

    RispondiElimina
  66. Mi piacciono i tuoi "rientri con suspance" e mi piace moltissssssssssssssimo lo sfizioso piatto che hai preparato! Io adoro la bottarga e questo modo così completamente sardo di gustarla, fa venire l'acquolina! Genialata da rifare subito :-) Buona giornata.
    Dani

    RispondiElimina
  67. anche se abito in Piemonte una confezione di pane carasau ce l'ho sempre a portata di mano...non solo per la bontà ma anche perchè risveglia bei ricordi di una indimenticabile vacanza in Sardegna.
    Bentornata!

    RispondiElimina