lunedì 30 agosto 2010

Involtini di pasta phillo con pesche al basilico e menta


 E' stato un attimo. Un rantolo e via, nemmeno il tempo di accorgersene.
Cercavo di pesare 25 grammi di glucosio, e 13 di miele, ed all'improvviso è successo: la bilancia è andata in coma, mandandomi segnali disperati.
I led del display hanno cominciato a lampeggiare impazziti, ed a nulla sono valse le manovre di pronto soccorso operate. 
La pila è stata amorevolmente sostituita: nulla.
E' stato tentato un intervento a cuore aperto, con mio marito davanti alla poveretta smontata che lanciava segnali che probabilmente volevano dire "ponete fine alle mie sofferenze".
Incurante, l'ha riassemblata, ma qualcosa è andato storto: lesioni permanenti.
Disperazione, la poverina mi era fedele compagna da cinque anni, e se volete partecipe di questo blog almeno quanto me, che mica li posso pesare ad occhio 5 grammi di glicerina...
Accantonate le lacrime, piano d'emergenza, va trovata al più presto una degna sostituta, per cui si programma l'uscita strategica alla ricerca.
E che, per comprare una bilancia serve una strategia? Oh yeah, se vivete in un Paese musulmano in questo periodo in pieno Ramadan...i negozi, chiusi tutto il giorno, aprono la notte, in genere dalle 22.30 alle 2 del mattino, comodissimo.
Il negozio dove vorrei tanto andare, o meglio il centro commerciale che vende solo elettrodomestici, dista solo 400 km, per cui data l'urgenza decido di ripiegare su qualcosa di più pratico: e che, mica peseranno solo nelle grandi città. Anche nel paesino dove vivo si cucinerà!
Di soppiatto, infilo un pacco voluminoso nella borsa, mio marito intravede ma non ci fa caso, per fortuna...
Arriviamo quindi in pochi minuti al bazaar dove avevo speranza di trovare ciò che mi serve: d'altronde vendono tutto, dalla carta igienica alle mollette per capelli, dalle pentole ai bollitori, dalla carbonella alle cucine a gas.
Mio marito, in perfetto inglese, chiede una bilancia da cucina, peccato che qui il perfetto inglese lo capiscano in pochi, e sono pronta con l'arma segreta. Esclamo : chilo! e mi capiscono al volo, che almeno questo è internazionale...Certo la prima che mi presentano è una bilancia pesapersone, ma è facile correggere il tiro e far capire che mi serve per la cucina, ed elettronica.
Hanno un modello solo, ma sono felicissimi di mostrarmelo, appena arrivato dalla Cina: un accrocco infernale, che suona, parla (giuro: dice il peso a voce!) ed il display ha pure un termometro, chissà la cucina fosse troppo calda per impastare la frolla...
Mio marito, poverino, mi guarda con orrore. Ma ho la seconda arma segreta, ricordate il pacco infilato in borsa di soppiatto? Beh, è un pacco da un kg di farina. Lo tiro fuori con nonchalanche, e ce lo piazzo sopra tra lo stupore generale. Perfetto, un kg e pochissimi grammi: è mia.
Come si dice: il re è morto, viva il re! :-)

Intanto che ci prendo la mano, e continuo a pesare tutto quello che ho in casa per ulteriore conferma, ecco un dolcino per cui la bilancia non serve. Uno sfizio buonissimo, con delle pesche profumate dentro un guscio di pasta leggerissima e croccante, tratto dallo stesso libro da cui ho rubacchiato la confettura.
La pasta phillo in Italia l'ho vista nei supermercati SMA, nel bancone surgelati, e per chi vive a Roma anche dal mitico Castroni.

INVOLTINI DI PASTA PHILLO CON PESCHE AL BASILICO E MENTA

pasta phillo
pesche
zucchero di canna
basilico
menta
buccia di limone
un tuorlo
olio di semi, per friggere
zucchero a velo per decorare

Sbucciare le pesche, e tagliarle in cubetti piuttosto piccoli. Condirle con zucchero di canna a piacere, poca buccia di limone grattugiata, il basilico e la menta finemente tritati. Far riposare almeno un quarto d'ora.
Prendere la pasta phillo, e tagliarne dei quadrati. Sovrapporne due, mettere al centro una cucchiaiata abbondante di pesche, scolate dall'eventuale succo, e chiudere ad involtino ripiegando prima il lato superiore, e poi a seguire gli altri lati, arrotolando l'ultimo, sperando che dalla sconclusionata sequenza fotografica di capisca! Chiudere sigillando con del tuorlo battuto.






Friggere in olio ben caldo finchè saranno dorati e croccanti, e servire spolverizzati di zucchero a velo.
Servirli caldi.

91 commenti:

  1. forte il racconto! mi sembra ottimo questo involtino, da provare con le pesche della Piana!

    RispondiElimina
  2. sei un mito!!!!!!!! mitica ihihih!!
    io non ci avrei mai pensato di portarmi appresso la farina!!!!
    condoglianze per la bilancia che ci ha lasciato :(

    un bacione e buon inizio settimana!!!

    RispondiElimina
  3. ahahahaha povera stefania! bilancia sull'orlo di una crisi di nervi?
    le pesche avvolte in pasta fillo ti son venute cmq splendide!
    ciao bella :-)

    RispondiElimina
  4. Sembra la nuova edizione delle comiche!!!
    Quei dadi di pesca che fanno capolino sono diabolici! Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Cara mia, quando ho cominciato a leggere il post m sono presa uno spavento ma poi sono passata alla risata, cmq l'importate che hai risolto....

    RispondiElimina
  6. un abilancia parlante?! la voglio subito anche io! ma ti fa i comoplimenti quando arrivi al peso giusto?fantastica.adorabili questi involtini dolci, saranno freschi e molti gustosi!

    RispondiElimina
  7. Ho sorriso dalla prima all'ultima riga! Brava, sei una che non si prende in difficoltà! Grandissima! Questo dolcino mi piace proprio; rapido e indolore ma gustosissimo e leggero; me lo segno subito.
    Ciao e buona settimana.

    RispondiElimina
  8. Povera bilancina! la mossa del chilo di farina è stata vincente! Bravissima! :-)
    Anche la ricettina è molto golosa, peccato non riesca a trovare la pasta phillo.. ne ho trovata una volta una surgelata ma si è appiccicato tutto :-(

    RispondiElimina
  9. ahahahahah, me fai morì con questi racconti.
    Poi, avendoti visto di persona, mi ti immagino pure all'opera!!!
    ahahahahah

    Piesse: bella foto ;-)

    RispondiElimina
  10. Che simpatico il racconto che hai fatto!Ottimo e fresco il dessert che hai realizzato e complimenti anche per la bella foto!Un caro saluto!

    RispondiElimina
  11. Che grande introduzione: son entrata perfettamente nell'atmosfera! I fagottini fatti con la pasta fillo mi piacciono proprio: brava!!! Buona giornata baciii!

    RispondiElimina
  12. stefy con i tuoi post io mi riconcilio con il mondo!!!dovresti scrivere un libro su questa tua vita araba perche stando cosi lontani dalla tua realtà per me ogni tuo racconto è magia....povera bilancia pero quella che hai adesso che parla deve essere uno sballo e la genialata della farina dietro...che scena memorabile ci sarei voluta essere li per vedere le facce intorno a te!!deliziosi questi involtini tesoro sono golosissimi pratici e veloci!!bacioni imma

    RispondiElimina
  13. Ah, Stefy, grazie. Guarda domani anch'io devo assolutamente comperare una bilancia e ne avevo adocchiata una con un display luminoso che mi sa fa più o meno come la tua!
    Ora so per certo che se l'hai presa anche tu sarà senz'altro ottima....Lasciamo perdere il fatto che tu non potessi sceglierne altre!
    Questo è solo un dettaglio. Perchè trovare sempre il lato negativo delle cose?
    Allora, nell'attesa di quelche ricetta complicatissima fatta con la nuova bilancia mi gusto questi favolosi involtini.....
    Un bacione carissima e a presto

    RispondiElimina
  14. che meraviglia, ma me li posso solo sognare! non dirmi che oggi sono riuscita a commentare! Bacione

    RispondiElimina
  15. si, son riuscita! ma come e io che credevo che le citta' arabe con grattacieli e malls modernissime avessero proprio di tutto. La mia bilancia tedesca portata dall'Italia regge ancora e in ogni caso adesso so cosa fare in caso di collasso . . . la bilancia cinese forse la trovo anche qui. Ciao

    RispondiElimina
  16. wow sembrano davvero deliziosi e profumatissimi! io la fillo non l'ho mai usata: ultimamente cerco di evitare la pasta sfoglia, no la sopporto... ogni volta si gonfia e dora troppo, quindi quando la suo poi la devo sempre buttare... ma la fillo mi sembra molto meglio! Bravissima stefyyy!!! Bacioni :) M

    RispondiElimina
  17. Il dolcino mi piace moltissimo ma...non so dove trovare la pasta fillo..devo andare a Torino e cercarlo nei negozi etnici!
    baci

    RispondiElimina
  18. stefi, dimmi dove prendere la pasta fillo a roma che c'ho pure i tuoi gamberi che aspettano di essere avvolti. mi piace l'accostamento del basilico per dare profumo, oltre alla menta.
    Ahhhh.... miglioriamo con le foto eh? ;)

    RispondiElimina
  19. @ Gio: con pesche buone, diventa spettacolare!

    @ Sara: ehehehehe morto un Papa se ne fa un altro, no? :-)

    @ Babs: credo un esaurimento da super lavoro...;-)

    @ Federica: o le "tragicomiche"? :-)

    @ Fabiola: beh si, diciamo che è una perdita che posso superare :-)

    @ lucy: non me ne ha fatti, temo gli insulti nel caso la sovraccarichi!!

    @ BARBARA: disperarsi porta pochi frutti, meglio...tirarsi dietro un kg di farina :-)

    @ Zucchero e Farina: anche io qui la trovo surgelata...hai provato nei super della SMA?

    @ Lo ziopiero: che fai, consoli? ;-)

    @ elisa69: ti ringrazio, un bacio!

    @ Kà: grazie! un abbraccio!

    @ Imma: sai cosa? è talmente assurdo quello che mi capita che probabilmente un libro così non lo comprerebbe nessuno, pensando ad un'opera di fantasia :-)))

    RispondiElimina
  20. Hahahahaha sei troppo forte !!!
    Solo una foodblogger andrebbe in giro, in pieno Ramadan, poi, con un pacco di farina :-D
    Certo 400 km !!! :-O Faresti prima ad usare Ebay :-D

    P.s.: il saccottino è da urlo !!!

    RispondiElimina
  21. @ viola: guarda, della bilancia pappagallo avrei fatto volentieri a meno...spero che tu abbia più scelta, piuttosto!

    @ chamki: si, le città sono proprio come pensi tu...ma io vivo in un paesino, e qui non è tutto luccicante come nei grandi centri ;-) perchè non li puoi replicare, sono le pesche che mancano? mettici altra frutta!

    @ Martina: ecco, invece io adoro la sfoglia! però per certe preparazioni è troppo pesante...e qui entra in scena la phillo. però bisogna farci un po' la mano ad usarla...ciao!

    @ Mammazan: grazie! A Roma l'ho vista nei supermercati SMA, tra i surgelati...oppure nei negozi etnici vai sul sicuro.

    @ Cristina: Castroni, o supermercati SMA. Ma per i gamberi prova anche la pasta brick, secondo me sono ancora più buoni. Si vede che studio, allora???

    RispondiElimina
  22. @ JAJO: no, i 400 km sono stati scartati...lì dove volevo andare si che avrei trovato una "pella pilancia tetesca"...mi sono dovuta accontentare :-))))
    Ebay? in un paese senza nomi delle vie e numeri civici? Meglio di no, va...

    RispondiElimina
  23. sei troppo forte, mi fai morire ^____^ mi immagino a scena, con la faccia sbigottita del venditore a vederti tirare fuori il sacchetto....certo che sei ingegnosa!! io non ci avrei mai pensato.
    Mai usata la pasta phillo, devo provvedere ;)

    RispondiElimina
  24. Sei sempre molto simpatica!!! gli involtini sono un'ottima idea per sfruttare la pasta phillo, che è poco utilizzata!!!! grazie dell'idea!!! un bacio

    RispondiElimina
  25. ma davvero che sfiziosità!!! e che te ne fai della bilancia ?!?!?!

    RispondiElimina
  26. Povera bilancia mi dispiace per quello che è successo!!!
    Gli involtini di pasta fillo UN CAPOLAVORO!!!

    Bravissima
    un bacio
    Francesca

    RispondiElimina
  27. Uhmmamma, Stefania!!!! Ahahahaha Mi immagino un punto di domanda grosso così, spuntato sopra alla fronte del maritino paziente nel bazar! E prima una scena drammatica da sala operatoria con tanto di "Uno, Due, Tre...Libera!" e "La stiamo perdendo!"
    ...Compagna di un quinquennio culinario, ma...Vedi poi che splendidi dolcetti che si fanno anche senza la bilancia?
    Brava, brava! E intanto prendi confidenza con la nuova arrivata!
    Ti mando un abbraccione!
    Elisa

    RispondiElimina
  28. Ciao Stefy! Complimenti per il tuo blog! E' da un po' che ti seguo, hai delle ricette uniche! Ti aspetto da me per tuoi consigli e pareri...un abbraccio!

    RispondiElimina
  29. Ahahahahaha...hai fatto bene a portarti dietro la farina!!!!
    Buonissimi comunque questi involtini!!!...io la pasta fillo non la trovo mai...e qui a Genova non mi sembra ci siano supermercati SMA!...l'unica volta che l'ho comprata l'ho presa dalla bofrost! :(

    RispondiElimina
  30. Bella la mossa del kilo di farina, fidarse é bene e non fidarsi é meglio...Belli i bazar, vero?
    La ricetta é strepitosa, io devo inventarmi qualcosa per sostituire la philo pero´ il miz di profumi mi affscaina..Baci

    RispondiElimina
  31. Aahahah!! Mitica, mi fai sganasciare!!! Ottima l'idea di portarsi dietro un pacco di farina, io non ci avrei mai pensato! Ecco...lo sapevo io che sono tagliata fuori...la pasta phillo non l'ho mai vista da nessuna parte e qui da me (provincia di genova) i supermercati SMA non so manco cosa siano...devo andare a vivere altroveee!!! Vanessa...che facciamo...ci trasferiamo da questa "Zena" sprovvista!?!?!?!? :)

    RispondiElimina
  32. troppo bello il tuo racconto!!!!questi involtini sono proprio una goduria!!bravissima!baci!

    RispondiElimina
  33. Quasi quasi ringrazio la morte della bilancia per questo dolcetto! Sono due giorni in piena fase "Datemi qualunque cosa dolce abbiate sotto mano!" ma questi sono troppo carini, li mangerei tutti... però ammirando quanto sono belli e originali!
    Comunque...la farina in borsa??? Questa si che è una genialata!!!!

    RispondiElimina
  34. sei forte Stefania! il racconto della bilancia è davvero esilarante,del resto una bilancia deve essere precisa, no? hai fatto benissimo e quella scena me la rivedo fotogramma per fotogramma! la pasta Phillo la trovo senza problemi...Un bacio da Trieste dove attualmente ci sono 12,8°...Non si sa più che dire di questa estate!

    RispondiElimina
  35. Sei fantastica, non ti arrendi mai.
    Adoro tutte le ricette con la pasta phillo, e continuo a farla in casa, perché semplicemente non la trovo in vendita.

    RispondiElimina
  36. Sai che non ho mai usato la pasta phillo? Non sapevo dove trovarla! Però ho assaggiato un antipasto di pasta phillo, pere, caprino e miele di catsagno...ottimoooo! Come il tuo dessert, mi sembra di capire! Urge andare alla scoperta della tanto desiderata pasta phillo e cimentarmi in questi scrigni goduriosi!

    RispondiElimina
  37. Que crujiente tiene que quedar esto con la pasta filo, me gusta mucho. Y el relleno creo que es una delicia.

    Saludos y buen día.

    RispondiElimina
  38. Sono semplicemente fantastici questi involtini, mi par di sentirne l'aroma fino dall'Italia!!! Bravissima

    RispondiElimina
  39. Ciao Stefi, i Tuoi racconti del Tuo quotidiano in un paese così lontano e diverso dall'Italia mi affascinano non poco.
    Ricettina veramente interessante..
    Buon proseguimento!
    ciao!

    RispondiElimina
  40. Complimenti per l'ingegno e la prontezza d'animo! La bilancia in cucina CI VUOLE (anche se spesso poi non si usa!!)... Il dolcino è una coccola succulenta che ho tanta voglia di regalarmi!! Baci. Deborah

    RispondiElimina
  41. Simpaticissimo il tuo racconto...e deliziosi questi involtini!
    Complimenti!
    Veronica

    RispondiElimina
  42. Che dire non ci sono parole quando la bilancia ci dice addio,son dolori,ma vedo che te anche senza bilancia te la cavi al 1000% sei fantastica !!
    Un bacione grandissimo

    RispondiElimina
  43. In casi come questi mi sento persa, ma tu hai avuto una grande prontezza :))
    Rincorro la pasta fillo da due anni ed ora questi scrigni dorati e profumati, mi comunicano urgenza .......

    RispondiElimina
  44. Ho riso per tutto il post! Ahahaha!!
    La bilancia parlante decisamente mi manca. E in che lingua te lo dice il peso??
    La pasta phillo io l'adoro... così croccantina. E che abbinamento interessante per un aperitivo... sissì!

    RispondiElimina
  45. ahahahahahhhhh che ridere, Stefania perché non scrivi un libro i tuoi racconti sono troppo divertenti, ormai ti scrivo sempre le stesse cose.....un bacio

    RispondiElimina
  46. che trauma perdere la bilancia! però ti immagino adesso a pesare di tutto! :-D
    che buoni questi dolcetti!

    RispondiElimina
  47. Una bilancia così ci vorrebbe proprio per me, così non dovrei inforcare gli occhiali ogni volta che peso qualcosa!!! Ma secondo te con la sfoglia di riso viene buono uguale?

    RispondiElimina
  48. Mannaggia, sai che io la phillo proprio non la trovo???????
    La tua ricettina è spaziale....che buona!!!!!!!
    Baci cara!!

    RispondiElimina
  49. io il coraggio di friggere le pasta phillo ancora non l'ho trovato.però un minuto di silenzio per la bilancia lo faccio...

    RispondiElimina
  50. NOOOO! La bilancia no! Mi è successo qualche tempo fa, la mia bilancia elettronica aveva la deliziosa età di 17 anni, un regalo del matrimonio!Avrei pianto! Però come dici tu" il re è morto, viva il re!!" Adoro la pasta phillo

    RispondiElimina
  51. Racconto goduriosissimo, e d'ora in poi porterò anch'io il pacchetto di farina in caso di necessità! E mi toccherà anche provare la phillo, prima o poi...

    RispondiElimina
  52. Stefania, sei unica!!! Non avrei mai pensato di poter fare con nonchalance quello che fai tu!
    Ti ammiro infinitamente!
    Senti, penso che per dicembtre ci organizziamo qualcosa, ci tengo troppo a conoscerti!
    Un bacio

    RispondiElimina
  53. Prima di tutto vorremmo farti i complimenti per come descrivi le tue fantastiche avventure tra le "dune" sei una divertentissima corrispondente dall'Arabia...
    Fantastici anche i tuoi involtini di pasta phillo... le pesche con il basilico e menta sono un bel contrasto...Un bacio ciao ...

    RispondiElimina
  54. meravigliosi questi involtini...bravissima..un bacio

    RispondiElimina
  55. mi sono divertito molto a leggere la storia della bilancia... grande!! la pasta fillo in Italia la trovo nei negozi arabi o ebrei, è tutto un altra cosa rispetto alla pasta sfoglia, complimenti per la ricetta

    RispondiElimina
  56. ils doivent être succulents ces rouleaux
    déjà à la base j'aime beaucoup le mariage entre pêches et menthe alors d'ajouter du basilic!!!c'est le bonheur au bout des papilles
    bonne soirée

    RispondiElimina
  57. Ahahahaah povera bilancia!!!ma ingegnosa soluzione e ottimo il risultato dolciario!
    Ciao!

    RispondiElimina
  58. :-DDD Steee m'hai fatto morire dal ridereeee!!!!
    L'intervento a cuore aperto e le ultime preghiere della poverina m'hanno fatto venire le lacrime agli occhi :-DDDD
    Grazie davvero, sei troppo forte! :-D
    Questa ricetta mi sta facendo sbavare: è semplice semplice, ma deliziosissima!!!
    la pasta phillo ancora non l'ho trovata - anche se a sto punto, devo vedere allo SMA -, ma se sostituisco la pasta phillo con la brick, dici che viene bene o è meglio di no?
    Ti mando un bacione
    Ago

    P.S.: Grazie anche per il link sul burghul, è un onore per me! :-*

    RispondiElimina
  59. Cavoli, non ti arrendi davanti a nulla!! :)

    Bella ricettina ;)

    RispondiElimina
  60. Tesoro immagino la scena della pesa del pacco da kg uscito dalla borsa ahahahah....sai le facce stupite...ahahaha
    Beh come si dice chi la dura la vince e tu sei stata molto caparbia...bravissima non si puo' rimanere senza compagne di viaggio!!!
    Brava bravaaaa!!!

    RispondiElimina
  61. Il raccontino e'.....simply fabulous!
    Mi piace tantissimo l'abbinamento pesche/basilico.
    L'affinita' tra basilico e frutta merita' di essere investigata piu' spesso!
    Un bacione.

    RispondiElimina
  62. Il centro commerciale a 400km? Scusa cara ma se dimentichi di prendere il latte come fai????
    Ti serviranno delle liste della spesa impeccabili! Ma tu sei impeccabile, quindi non avrai problemi!
    Ottimi questi involtini di pasta fillo, godurioso il ripieno, fritti poi, sai che bontà!!

    RispondiElimina
  63. Caspiterina che ricetta! Sono la menta e il basilico che mi piacciono e mi incuriosiscono in questo contesto... Brava! Segno e metto da parte, ok?
    A presto

    Sabrine

    RispondiElimina
  64. davvero invitanti...peccato che anche io abbia difficolta' a reperire la pasta fillo.
    in realta' una volta l'ho preparata...ma francamente il bello di questi involtini e' la velocita',e non mi va proprio di allungare i tempi...magari con la sfoglia?
    certo che la vita da "legionaria" e' difficile!
    baci

    RispondiElimina
  65. Deliziosi e originalissimi, complimenti, Baci

    RispondiElimina
  66. cara mia, pensavo tu vivessi in quelle citta' luccicanti perche' vedo che hai praticamente tutto disponibile. Qui niente pasta phillo e soprattutto niente pasta sfoglia che poi sono molto simili, ah quei bei rotoli surgelati che sono una meraviglia e si comprano in tutti i super italiani io davvero ogni tanto li vorrei! e poi niente pesche e niente limoni!!! un'altra cosa che mi manca tanto e il lime non e' la stessa cosa. Pero' mi posso fare la tempura di mela! Ciao!

    RispondiElimina
  67. Mitico negozietto pieno di tutto e con pure la bilancia cinese funzionante e parlante! :)
    che forte!!!:)))
    cmq in attesa di scoprire perchè pesavi il glucosio... mi gusto sti involtini di phillo che mi sa esser deliziosi e profumati!:)
    terry
    baci

    RispondiElimina
  68. Scusa ma sto sobbalzando dalle risate...
    nn riesco a scrivere un commento degno per questi splendidi involtini..
    aahahahah

    RispondiElimina
  69. Senza bilancia sarei morta! Io peso anche la pasta che devo cucinare, ad occhio non sono capace di regolarmi!
    400 km per il centro commerciale? ahahahah non è proprio dietro l'angolo!
    Ho mangiato solo una volta degli involtini fatti con la pasta fillo, erano durissimi. Probabilmente la pasta non era fatta bene :(

    RispondiElimina
  70. Buona questa ricetta! Peccato però che non troverò mai la pasta fillo per farla! :-( Complimenti!

    RispondiElimina
  71. @ elenuccia: allora devi provarla, vedrai che jolly in cucina :-)

    @ Luciana: è vero, è meno usata delle varie frolle e sfoglie, ma è un vero peccato...

    @ giulia pignatelli: eh si per una volta non è stata necessaria...ma mi sento persa senza :-)

    @ Francesca: grazie mille, magari capolavoro è esagerato ma sono tanto, tanto buoni ;-)

    @ Massaia Canterina: vero, sembrava una puntata di E.R.....:-)

    @ kiarina77: grazie cara, passerò di certo :-)

    @ Vanessa: nemmeno quelli Auchan? è la stessa catena dello SMA, magari la hanno!

    @ GLu.fri: chissà se esiste una phillo gluten free...o magari la fai tu? ;-)

    @ Silvia: come ho scritto a Vanessa, nemmeno Auchan?

    @ Federica: grazie, sempre gentilissima!

    @ Tery: eheheheeh ci si ingegna come si può :-)

    @ Chiara: nemmeno 13 gradi! Mi vengono i brividi :-)

    @ Dajana: davvero? ti ammiro, non mi sono mai cimentata perchè credo sia complicato tirarla così sottile...

    RispondiElimina
  72. @ Aria in Cucina: il tuo antipastino sembra una goduria...grazie dello spunto!

    @ jose manuel: grazie mille!

    @ Le pellegrine Artusi: addirittura??? :-)

    @ la sissa: grazie, a presto!

    @ il sapore del verde: eccome se ci vuole, te l'ho detto che ero disperata!!!!

    @ Stefano e Veronica: grazie mille :-)

    @ Silvia: una botta di fortuna, ma per le prossime ricette meglio la sicurezza della bilancia ;-)

    @ Milena: come la rincorri da due anni??? Non la trovi nemmeno allo SMA?

    @ ( parentesi culinaria ): per fortuna in inglese, e non in cinese come temevo :-)))

    @ Cristina: perchè vi annoierebbe :-) meglio continuare a mischiare con le ricettine...

    @ Acquolina: si, sono in fase di pesa compulsiva :-)

    @ fantasie: purtroppo non l'ho mai usata, ma se fritta diventa croccante ed è abbastanza sottile, allora si può provare :-)

    @ Simo: ma sembra introvabile per molte di voi...ve la porterei ma la compro surgelata :-(

    RispondiElimina
  73. @ Genny: come non hai il coraggio di friggerla??? E' la morte sua...;-)

    @ Giusy: ecco, 17 anni è una buona età...la mia è morta giovane? :-)))

    @ Reb: ma come, non puoi non provarla...si apre un mondo, se ti piace :-)

    @ Giulia: speriamo davvero ;-)

    @ I VIAGGI DEL GOLOSO : grazie, mi conforta sapere che non vi annoio :-)

    @ alialexa2006: grazie mille, un bacio!

    @ GUnther: si, è molto più delicata, anche io la preferisco. Ciao!

    @ Fimere: the basil gives a special touch to the peaches, try! :-)

    @ robatr: come ho detto prima, si fa quel che si può :-)

    @ Ago: con la brick si può fare, sarà solo un po'meno delicata, dato che è meno sottile della phillo. AL limite fai meno "giri" all'involtino. Un bacione :-)

    @ Jasmine: se mi fossi arresa alla prima difficoltà non vivrei qui più da tempo...;-)

    @ Lady Cocca: eh no, toglietemi tutto ma non la mia bilancia ;-)

    @ Edith Pilaff: verissimo, il basilico sta bene con la frutta almeno quanto la menta, se non di più!

    RispondiElimina
  74. @ Zia Elle: no, mi sono spiegata male: il centro commerciale "chic" è a 400km, qui ho qualcosa di meno...sfavillante, ma almeno sta a 10 minuti :-)

    @ Sabrine d'Aubergine: ma grazie, sono contenta di aver stuzzicato la tua curiosità!

    @ kucciola: è che fare la phillo è unlavoro biblico a quel che so...dai, prova a cercare meglio, altrimenti con la sfoglia si può provare, anche se certo al forno e non fritti :-)

    @ Lady Boheme: grazie cara!

    @ chamki: eh si, non vivo nelle città sfavillanti ma almeno phillo, sfoglia, e frutta si trovano...ma come fai??? Addirittura senza limoni!

    @ terry: ahhhhhh sei stata l'unica a notare il glucosio...e a cosa mi è servito lo vedrai presto ;-)

    @ michela:la risata è il migliore dei commenti!

    @ eli: anche io peso tutto, pasta compresa! Quanto ai tuoi involtin, strano, perchè la pasta phillo è una nuvola di croccantezza...

    @ Klod: e perchè non la troverai mai??? Da SMA, Auchan, nel reparto surgelati della Coop...non hai nessuno di questi a portata di mano?

    RispondiElimina
  75. oddio quando la bilancia ti abbandona è terrificante!!!! io ne avevo una che si spegneva se nn pesavi entro tot secondi, era un delirioooo!
    beh hai rimediato però, guarda qui che roba! ;)

    RispondiElimina
  76. Ciao! Anche noi poco temp fa abbiamo perso la nostra bilancia...ci ha lasciato da un giorno all'altro, purtoppo non abbiamo avuto al tua stessa fortuna di comprarne subito un'altra e ci siamo dovute adattare con le altre in casa...meno adatte! E' stata dura!
    Certo che neppure la tua sostituzione è stata una passeggiata, per fortuna sei riuscita a risolvere...
    Particolari questi pacchettini, non abbiamo mai provato la phillo per un ripieno dolce, ma siamo certe che si presti altrettanto perfettamente.
    Ottima anche la farcia: dolce e profumata!
    baci baci

    RispondiElimina
  77. Leggerti è sempre...un'onda di ricordi che ritorna :-)!!! Bellissima la ricetta, rimango sempre stupita dagli accostamenti frutta-erbe aromatiche, sono sorprendenti per il palato, la proverò sicuramente! Un abbraccio e resisti che il Ramadan sta volgendo al termine, Fran

    RispondiElimina
  78. Il tuo racconto è davvero esilarante e l'idea del kg di farina geniale!
    Complimenti per la ricettina, davvero sfiziosa!
    Un saluto Elena

    RispondiElimina
  79. Sei troppo simpatica!!!! Ti consiglio una scorta, come lo zucchero!!!!!!A presto!!!

    RispondiElimina
  80. ahahah....io ho la calcolatrice che parla!! dice proprio 125 per 247 uguale a ....bè il calcolo finale non lo so, ma lei lo dice e poi se schiacci la C risponde...cancellato tutto !
    comodo il centro commerciale dietro l'angolo di casa, per me che viaggio solo in bici poi !!!
    adoro la fillo, peccato sia tanto difficile da trovare! bacioni

    RispondiElimina
  81. Bellissimi questi dolci involtini, ne potrei mangiare una tonnellatata!!

    RispondiElimina
  82. ..e ci credo povera bilancia!ihih..io poi quelle elettroniche proprio non le so usare!
    Buonissimi questi involtini!

    RispondiElimina
  83. Ahahahahah che avventura!!Ma ora la bilancia che parla la voglio anch'io!
    Ciao cara!Mamma che deliziosi involtini mi ero persa!!Adoro abbinare le pesche alla menta, e con il basilico devono essere super!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  84. adoro la pasta phillo, con questo ripieno delizioso e profumato poi...
    un abbraccio:)
    Pat

    RispondiElimina
  85. @ Alice: vero che ci si sente persi??? :-)

    @ manuela e silvia: la phillo è così versatile che sta bene con tutto, dolce e salato ;-)

    @ fran.df: si, resisto...ormai manca poco!

    @ Ele: ti ringrazio :-)

    @ Lory B: non ci avevo pensato ma mi sa che è una buona idea :-)))

    @ dauly: beh, qui il problema sarebbe risolto all'origine, le donne in bicicletta non possono andare in giro...

    @ Aunt Franci: thanks!

    @ Elga: ma grazie, mi fa piacere che ti piacciano :-)

    @ NIGHTFAIRY: come sarebbe??? Io non riesco ad usare le altre...

    @ meggY: te la porto??? io invece vorrei tanto una bilancia...normale!

    @ Patricia: grazie!

    RispondiElimina
  86. Ma come ho fatto a non accorgermi di questa delizia!
    le tue storie mi fanno morire dalle risate, sei forte davvero!
    Io ancora lavoro con la bilancia che misura, anche male, gli ettogrammi.
    Ciao Gloria

    RispondiElimina
  87. Grazie per il sorriso che mi hai strapato e lo stile incalzante. Mi sembra quasi che questi involtini profumati chiedano di essere afferrati (o sbaglio? ;-) Baci

    RispondiElimina
  88. Sono arrivata a leggere la ricetta con i lacrimoni, la tua avventura e' fantastica, anche a me qui ne capitano di ogni...ma possibile? Quando vivevo a Bologna non mi succedeva mai nulla! Comunque se puo' consolarti la mia bilancia viene dalla ikea e si tara con una levetta a lato...tutt'altro che precisione svizzera! Baci & Abbracci

    RispondiElimina
  89. Mi infilo in questa lunghissima serie di commenti per invitarti a passare da me poiché sei stata fonte di ispirazione -e ammirazione- per un mio post!
    Buona serata!
    Sissa

    RispondiElimina
  90. @ gloria cucè: e come fai??? io senza quella elettronica mi sento persa...

    @ Edda: eccome se lo vogliono...;-)

    @ Kat: vero??? allora è vivere all'estero che le tira tutte a noi...

    @ la sissa: arrivo! ;-)

    RispondiElimina