lunedì 27 aprile 2015

Torta con mousse al cocco e gelèe di lamponi


Chi nasce tondo non può morire quadrato.
E se nasci cialtrone, cialtrone muori.
Puoi giocare si, a fare la pasticciera.
Ma sarà più forte di te.
Altrimenti non si spiega.
Dopo aver avuto l'idea.
Provato la mousse.
Deciso lo stampo.
Tirato fuori l'anello da pasticceria dai meandri della mia cucina.
Aver messo una pietra sopra all'acetato, che nel deserto, voi capite, è un tantino prezioso.
E l'insegnante di Arte si sarebbe tagliata una mano piuttosto che darmene un pezzo.
Aver ripiegato sulla carta forno, pazienza se il dolce non sarà liscissimo.
Aver deciso di servire il dolce suddetto ad una cena a buffet in giardino piuttosto importante.
Aver comprato del gelato in caso il dolce suddetto non fosse possibile servirlo per calamità varie.
Calamità, dicevo.
Karma sometimes is not good, dice la mia amica scozzese.
E karma non era good quando mi sono dimenticata di foderare i lati dell'anello.
Me ne sono accorta a metà lavoro.
Volevo prendermi a martellate.
Azzardo.
Finisco il dolce, congelo e lo giro.
Non si stacca dopo 15 minuti.
Provo con il phon, se scaldo le pareti del cerchio?
Niente.
Ok, a mali estremi, estremi rimedi.
Acchiappo il cannello da pasticceria.
Brucio pure un canovaccio.
Si stacca, ma certo non sarà mai liscio come avrei voluto.
Inutile cercare di passare con una spatola modello cazzuola: sembro Mr. Bean in quel film in cui cerca di smacchiare il quadro.
Pazienza pure che lo rimetto in freezer e ci cade dal ripiano di sopra una fettina di petto di pollo a lasciare il marchio (si vede benissimo il punto)
Pazienza, il dolce è buono e lo offro, che in giardino siamo in penombra.
Per tutto il resto, vado dietro la lavagna, Caris :)

 Partecipo all'MTChallenge di questo mese, sperando che Caris tenga un occhio chiuso quando passerà di qua ( o magari due :)





TORTA CON MOUSSE AL COCCO E GELEE DI LAMPONI
per un dolce finito da 22 cm di diametro

per il pan di spagna tradizionale di Iginio Massari

300 g di uova intere (peso da sgusciate)
200 g di zucchero
1,5 g di sale
2 cucchiaini di buccia di limone grattugiata
150 g di farina 
50 g di fecola di patate

per la mousse al cocco

360 ml di latte di cocco
3 tuorli d'uovo
170 g di zucchero
18 g di gelatina in fogli
700 ml di panna liquida da montare


per la gelèe di lamponi

500 g di lamponi (freschi o surgelati)
100 g di zucchero
8 g di gelatina in fogli
50 ml di acqua

per la bagna

acqua di cocco (NON latte di cocco)
qualche lampone extra per decorare 


Cominciare preparando il pan di Spagna: mettere nella ciotola della planetaria le uova intere con zucchero, sale e buccia di limone per circa 15 minuti a velocità 3. Se invece si usano fruste tradizionali il tempo va necessariamente aumentato perchè la massa deve in pratica triplicare di volume.
Setacciare farina e fecola per due volte ed unirla alla massa di uova con delicatezza, in tre volte, cercando di non mescolare troppo e con movimenti dal basso verso l'alto.
Versare quindi in uno stampo da 25 cm di diametro e cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 20-22 minuti (qualcosa in più nel mio forno)
Il pan di Spagna è cotto quando imprimendo una leggera pressione con un dito sul dolce questa non lascia impronte.
Togliere dal forno aspettare qualche minuto e levarlo dallo stampo avendo cura di spolverizzarlo di zucchero semolato in modo che non si attacchi alla carta forno su cui va appoggiato.
Far raffreddare completamente prima di tagliare in tre dischi (ho utilizzato questo attrezzo ).


Preparare la mousse al cocco: scaldare il latte di cocco senza farlo arrivare a bollore.
In un pentolino battere tuorli e zucchero con una frusta a mano fino ad avere una crema liscia e chiara.
Unire ai tuorli una piccola quantità del latte di cocco caldo e girare bene. Procedere finchè tutto il latte sarà stato unito quindi mettere su fuoco medio basso girando sempre con un cucchiaio di legno finchè la crema velerà il cucchiaio. Assolutamente non far bollire.
Intanto ammollare la gelatina in acqua fredda.
Togliere la crema dal fuoco, aspettare una decina di minuti quindi unire la gelatina girando bene.
Montare la panna e lasciare in frigo.
Quando la crema al cocco sarà quasi completamente fredda unire delicatamente la panna montata e lasciare in frigo qualche ora in modo che prenda consistenza.

Preparare la gelèe ai lamponi: frullare i lamponi (per me surgelati) con lo zucchero e l'acqua, quindi mettere il composto su fuoco bassissimo per qualche minuto in modo che lo zucchero si sciolga bene. Appena sarà scaldato unire la gelatina precedentemente ammollata in acqua fredda, mescolare e versare il composto in due teglie da 20 cm di diametro coperte con pellicola trasparente, quindi in freezer.

Assemblare il dolce: ritagliare i dischi di pan di Spagna in modo da ottenere 3 dischi da 20 cm di diametro e bagnarli leggermente con l'acqua di cocco.
Foderare la base di un cerchio da pasticceria del diametro di 22 cm ( e le pareti con una striscia di acetato o carta forno!!!) con carta forno e versarvi un primo strato di mousse al cocco ormai della giusta consistenza ed adagiarvi uno strato di pan di Spagna. Coprire con uno strato di gelèe direttamente dal freezer quindi con uno strato di crema, facendo attenzione a riempire anche il bordo vuoto tra il cerchio e il pan di Spagna.
Procedere così peraltri due strati e terminare con la mousse al cocco. Mettere in freezer qualche ora.
Prima di servire rovesciare l'anello sul piatto da portata aspettando qualche minuto che la mousse si ammorbidisca.
Decorare con i lamponi freschi e servire.




NOTE

- il pan di Spagna può essere preparato un giorno prima e conservato avvolto nella carta forno e poi nella pellicola, o in alternativa surgelato.

- anche la mousse al cocco può essere preparata un giorno prima. Stare attenti a non farla bollire o si "straccia".

- l'acqua di cocco si trova ormai in molti supermercati o negozi di prodotti naturali. NON  è latte di cocco.

Una fetta scampata alle cavallette: purtroppo la gelèe si è leggermente sciolta dato che il buffet era all'aperto e c'erano la bellezza di 35 gradi, ma al momento del taglio era perfettamente dritta.
Grazie Caris, rigiro a te i complimenti che ho ricevuto!




43 commenti:

  1. Stupenda !!! Non è solo bellissima ha anche tutti ingredienti che adoro... Bravissima *___*

    RispondiElimina
  2. No vabbè!
    Se tutti i cialtroni fossero come te cara mia, il mondo sarebbe un posto più bello! :D

    RispondiElimina
  3. Uffi, ma io volevo il petto di pollo SOPRA la torta, sennò che cialtrona sei?!
    Bellissima torta, anche la fetta è a dir poco perfetta :)

    RispondiElimina
  4. Che splendore questa torta !
    Immagino già il gusto della mousse al cocco . . . che goduria !

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia!!! Complimenti bravissima come sempre :)

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia!!! Complimenti bravissima come sempre :)

    RispondiElimina
  7. tu mi fai impazzire con i tuoi racconti beh il marchio del pollo si vede ihiihihihihi
    e ha il suo fascino
    per me è stupendo come lo sono i suoi spori

    RispondiElimina
  8. Dai!!! Ma è bellissima, che dici?!? Se poi ha avuto una gestazione complessa e difficoltosa...gli altri mica lo sanno! :-D
    Davvero molto bella, semplice, pura, e con un accostamento di sapori pulito che mi piacerebbe molto...per me hai vinto! Peccato per la decorazione di petto di pollo, che avrebbe fatto la sua figura... :-D
    Un abbraccio,
    Alice

    RispondiElimina
  9. Karma non karmo (detto alla romana! :P ) e petto di pollo a parte a me sembra una pura meraviglia. Ed è perfetta, negli ingredienti, negli strati...nell'insieme!!
    Con cialtrona intendevi che sei cialtrona nel dire che sei cialtrona, vero?? :)

    RispondiElimina
  10. le "cialtrone" mi sono immensamente simpatiche ;-)))
    Comunque hai fatto la tua gran bella figura anche fra le dune :-D

    RispondiElimina
  11. beh a me sembra decisamente perfetta! avercela in questo momento!

    RispondiElimina
  12. A me sembra bellissima :) brava come sempre!!
    Un bacione!!!

    RispondiElimina
  13. Mi sarebbe piaciuto vederti alle prese con i tentativi di distacco torta...sei troppo forte Stefania.
    Poi, pollo e non pollo, in fondo la torta di presentava molto bene...per fortuna che le ombre della sera ti hanno aiutato.
    La fetta era perfetta, tutto il resto è noiaaaa.
    Besos

    PS: l'acqua di cocco è quella all'interno del cocco, giusto?????

    RispondiElimina
  14. Ma qui siamo ad alto livello! Eì bellissima molto meglio di alcuni pasticceri cialtroni che conosco!!! Anche io da poco ho aperto un blog poche ricette ancora, ma se vieni a commentare sarai la benvenuta sempre! http://around-food.blogspot.it

    RispondiElimina
  15. E' sempre un piacere leggerti... e la torta al di là delle peripezie a me sembra perfetta, anche la fetta :)

    RispondiElimina
  16. Bah! Pure io ho scordato l'acetato sui bordi dell'anello... e ho dovuto rimediare!
    Bellissima torta e bravissima tu come sempre, pollo o non pollo!

    RispondiElimina
  17. A questo punto 2 sono le opzioni: 1 la tua torta è bellissima 2 fai delle foto della Madonna in grado di "truccare" qualsiasi magagna, perché io sinceramente non ci colgo proprio nessun difetto, persino il tocco del petto di pollo ha il suo perché... dai Stefy hai delle manine d'oro e guarda che so essere molto obiettiva... chiaro? il karma è ben altra cosa... e poi ce lo creiamo noi, quindi è anche possibile evitarlo ;-)

    RispondiElimina
  18. Alla faccia della cialtroneria! A me la tua torta sembra semplicemente perfetta, cara Stefania! E la foto della fetta è un'istigazione a delinquere...

    RispondiElimina
  19. Una cosa meravigliosa! E chissà che sapore... lo dicevo io che avevi una buona ragione per proporci una non-furbata, stavolta :)))

    RispondiElimina
  20. E per fortuna avevi fatto un disastro!!
    Questa torta è uscita divinamente e poi adoro l'accostamento dei colori...
    Braverrima, come sempre! :D

    RispondiElimina
  21. non vedo imperfezioni...vedo l'apoteosi della libidine e della golosità allo stato puro....magnifico dolce che adoro, sia per la consistenza e sia per la tipologia. Magnifica Fata!!!!

    RispondiElimina
  22. ma il gusto buono rimane li, cucina casalinga è anche questo ma nel senso che da carattere e rende la preparazione originale :-)))

    RispondiElimina
  23. capisco che se non hai gli attrezzi giusti le cose si complicano parecchio (ne so qualcosa), ma nel tuo caso no si vede per niente, è splendida!!! e molto golosa ed elegante! e sono sicura che gli ospiti avranno spazzolato felici ammirando tanta bellezza :-)

    RispondiElimina
  24. Tu hai sempre la presenza di penna che mi fa ridere di cuore, stavolta però è stato un male: tu capisci che ridere mentre il collega si lamenta del basso stipendio che riceviamo non è stato un gran momento! mi sono sganasciata! invoco il premio della Van Pelt, che tenga conto dell'impronta del petto di pollo!
    Che poi, mi ripeto, sarà colpa della cattiva vista, ma non vedo traccia del passaggio del pollo!ùquel che vedo è una torta elegantissima! mai nascosto il fatto di adorare letteralmente torte così pulite e raffinate! mi incanto a guardarle! la tua poi, ha un allure davvero particolare, con quelle punte di lamponi che escono così decise e delicate! e trovo l'abbinamento col cocco perfetto! non scontato né visto! adoro!

    RispondiElimina
  25. Che?!?! E menomale che dalla descrizione doveva sembrare un disastro torta! Una tecnica risolvi drammi impeccabile allora..!
    È perfetta e la fetta fa venire voglia di addentare lo schermo!!

    RispondiElimina
  26. Al petto di pollo assassino sono morta dal ridere! Grazie per farmi scappare sempre un sorriso ( e pure una sbavatina... ma che buono deve essere questo dolce????)
    Tamara

    RispondiElimina
  27. In rapida successione: la serata è stato un successo, di certo. lo volevi a specchio, non liscio. Perché non sembra bitorzoluto, tutto sommato!
    A te armata di cannello chi avrebbe potuto resistere? Nemmeno un petto di pollo. Dopodiché quando ho visto la sega per dolci ho avuto un colpo: è tutto il pomeriggio che leggo la drammatica storia di un sarto deportato nei gulag siberiani dove deve tagliare tronchi 365 giorni all'anno con una sega sdentata e sarebbe impazzito, con questa!
    Insomma questa torta la mangerei proprio volentieri, anche per il cocco, la bagna non alcolica ma coccosa e per riprendermi dallo choc di quella precedente, ché io faccio una fatica improba per trovare yogurt RIGOROSAMENTE senza proteine del latte aggiunte ché stanno un po' fuori dalla mia concezione di "cucina sana"...

    RispondiElimina
  28. Ma cialtrona di'cche? A parte che il petto di pollo non ha lasciato grosse tracce (mi aspettavo di vedere la sagoma tipo palmo delle mani delle star sulla famosa strada di Los Angeles), ma poi vogliamo parlare della corona di lamponi e della fetta?
    E' veramente bella! Altro che Martha o Nigella! :-)

    RispondiElimina
  29. Una torta e una fetta perfette...al di là del pollo volante !!!!

    RispondiElimina
  30. Una torta splendida e chissà quanto è buona! Chi se lo sarebbe immaginato che ha subito cosi tante torture :D

    RispondiElimina
  31. Ahahhahah ma allora non sono l'unica a cui cadono cibi di ogni genere sopra alle torte!!!! In particolare quelle che dovrebbero uscire impeccabili e essere servite a ospiti vari! Mi è piaciuto tantissimo questo post perché, oltre a dare una ricetta fantastica (nonostante tutto, anche bella a vedersi!!!), hai anche descritto qualcosa di così familiare che non hai idea. Vedo tante preparazioni impeccabili e foto professionali in giro, e mi chiedo come sia possibile che solo a me capita di dimenticarmi carta forno, contaminare con altri cibi, e tritare l'uovo col guscio?? (lo giuro, ho fatto anche questo... perché non mi va di sporcare una ciotola in più per romperci le uova prima di versarle nel Kitchen aid). Insomma, sembra che anche nelle cucine arabe certe cose 'umane' capitino... ma alla fine, chissà come, si finisce per fare una decente figura! o no? alla fine, essere resourceful è una gran cosa!!! Brava Stefania, e ho colto anche l'occasione per farmi due risate con Mr Bean, che non vedevo da anni!!!

    RispondiElimina
  32. Io la trovo bellissima, elegante e perfetta. L'impronta del petto di pollo proprio non si vede!
    Bravissima Stefania e come sempre leggerti mette tanta allegria.
    Baci.

    RispondiElimina
  33. Magari i miei pasticci assomigliassero al tuo, torta magnifica!!! Ps. mi hai fatto rotolare dalle risate con il tuo racconto, ho immaginato tutti i momenti! Un abbraccio

    RispondiElimina
  34. Il pollo ci si è buttato a pesce sulla tua torta. E ha fatto bene! Mi ci sarei buttata anche io! Mi intriga moltissimo l'accostamento cocco-lamponi...

    RispondiElimina
  35. Che bello il tuo blog, complimenti.
    io che ho inaugurato il mio da neanche una settimana, mi sento piccola piccola di fronte a tanta bravura e professionalità che spero di riuscire ad eguagliare un giorno.
    Intanto, ti seguo e cerco di imparare qualcosa.
    Buona giornata!
    www.idolcidigrazia.blogspot.com

    RispondiElimina
  36. Tu sei pazza. Fammi un attimo riprendere perché non trovo imperfezione nella torta. Anzi, ad un certo punto pensavo tu volessi fare una variazione al tema del mese. Intanto voglio capire dov'è l'impronta. E di cialtroni veri ancora ne devi incontrare mia cara. Non te la cavi mica così! Questa torta è assolutamente perfetta, e la fetta la dice lunga sulla bontà! Un bacione carissima.

    RispondiElimina
  37. Vabbe che io non sono certo una esperta...ma per me è stupenda! e chissa che buona!! Comunque in caso volessi disfarti di queste torte ti mando subito il mio indirizzo ;)

    RispondiElimina
  38. Divertente come sempre.....grazie per le tue ricette e per i tuoi racconti di vita.

    RispondiElimina
  39. Io invece sono immalinconita.
    Perchè penso alle tue "cialtronate", alla tua classe, al tuo distacco, all'intelligenza con cui hai sempre presentato Signore ricette, trattandole con l'autoironia di cui sei maestra.
    E penso alle cialtronate di oggi, sgarrupate,improponibili, indegne, presentate con le fanfare delle grandi scoperte e i vestiti buoni delle grandi occasioni: che mai avrebbero pensato di staccare una torta congelata sull'anello con un phon, senza prima provvederla di riccioli di cioccolato, per dire.
    Mai avrebbero potuto paragonarsi a Mr Bean.
    E mai avrebbero saputo elaborare una meraviglia del genere.
    signora mia, non ci sono più le cialtrone di una volta
    E non sai quanto ne sia dispiaciuta :-/

    RispondiElimina
  40. ma se è liscissima! a me pare perfetta, a mali estremi, estremi rimedi e tu hai rimediato. Torta goloserrima!

    RispondiElimina