lunedì 5 settembre 2016

Crostata di mais con albicocche e frutti di bosco


Premetto che capisco tutto.
E che business is business.
Davanti ad un affare non si guarda in faccia nessuno.
Si procede dritti per la propria strada e via.
Quindi, ripeto, capisco tutto.
Ogni tipo di collaborazione, diciamo così, che mi sia stata offerta tramite questo blog.
Rettifico: quasi tutto.
Perchè, mi dico, se queste pagine si intitolano "Arabafelice in cucina" un motivo ci sarà.
Mi rispondono di no, che non è chiaro.
Che quel centinaio, e mi tengo bassa, di post in cui descrivo le mie pseudo-avventure in terra saudita non lo fanno capire bene.
Non il fatto che debba indossare un'abaya.
O che debba scontrarmi con un certo numero di preghiere giornaliere.
Non è che invece sia che la gente non legge.
O legge male.
Perchè altrimenti non mi spiego, in ordine sparso, i tentativi di spedirmi salumi da testare in una terra in cui sono vietati dalla legge.
Casse di vino da abbinare ai miei piatti nonostante il divieto tassativo.
Ed ad uno a cui ho risposto che se aveva un modo per farlo arrivare me lo doveva spiegare ha ribattuto che non ero divertente.
Lui invece si, e parecchio.
Ma quando credi di aver visto tutto, è lì che ti stupisci di nuovo.
Quando credevi che si fosse già toccato il limite al ridicolo.
Una nuova mail, e l'indirizzo (che non saprete, ndr, ovvio, ma andate di imaginazione) mi fa sussultare.
Leggo due volte.
Arte sacra ed articoli religiosi.
Insieme a deliziosi prodotti alimentari confezionati in vari monasteri d'Italia.
Potrò averli gratuitamente.
Ora, va bene che con il vino ed i salumi potrei, ad essere molto fortunata, cavarmela con una multa (e vabbè, qualche frustata a mio marito per non avermi saputo educare, che sarà mai)
Ma con la religione qui non si scherza.
Severamente vietato professarne alcuna diversa dall'Islam, pena di morte per gli apostati e così via.
Chissà se il taglio della testa sia compreso nel kit che vogliono inviarmi.
O se Dio mi fulminerà comunque prima, per non riuscire mai a tenere la bocca chiusa :D


No comment :) e finchè c'è qualche strascico d'estate dalle vostre parti provate assolutamente questo dolce: si fa da solo, non c'è nemmeno bisogno di tirare fuori il mattarello o trasformare la frutta in marmellata prima della cottura.
Una ennesima furbata, fatemelo dire.
Deliziosa, morbida e croccante allo stesso tempo, piacerà a tutti!

 
 

APRICOT AND BERRY TART
per una teglia a cerniera da 20 cm di diametro
da un vecchio numero di Living di Martha Stewart

6 grosse albicocche, tagliate in otto spicchi ciascuna
120 g circa di frutti di bosco assortiti (qui lamponi, more e mirtilli)
8 cucchiai di zucchero semolato
90 g di farina
60 g di farina di mais fine tipo Fioretto
un pizzico di sale
100 g di burro
un tuorlo d'uovo grande
mezzo cucchiaino di estratto di vaniglia
panna montata, facoltativa, per servire

In una ciotola mescolare gli spicchi di albicocche ed i frutti di bosco con 4 cucchiai di zucchero (presi dal totale per il dolce) e lasciare da parte.
In un robot da cucina con le lame mettere la farina, la farina di mais, il burro freddo tagliato a dadini, il sale, la vaniglia ed il tuorlo.
Azionare a scatti solo finchè il tutto comincia a stare insieme, e versare tutto nella teglia imburrata:


Pressare con le mani sul fondo alzando leggermente il composto sui lati, ma non troppo:






Cuocere quindi senza nulla in forno preriscaldato a 200 gradi per circa 15 minuti.
Tirar fuori e appiattire delicatamente il fondo con una spatola.
Abbassare il forno a 180 gradi quindi versare la frutta sulla base (scartando il liquido eventualmente formatosi) quindi spolverizzare con lo zucchero rimasto da parte.
Cuocere altri 20 minuti circa (nel mio forno qualcosa in più) o comunque finchè la frutta risulterà morbida.
Servire tiepida o a temperatura ambiente, volendo con della panna montata.

NOTE

 - il dolce è semplicissimo. Invece delle albicocche potete usare le pesche, ed in questa forma appare anche nel libro Cakes.

- la base con la farina di mais ha una croccantezza deliziosa, non perdetevela!



16 commenti:

  1. Chi ti ha inviato la proposta potrebbe ricevere il premio "l'imbecille del giorno" (ambito premio creato da un comico genovese).
    Magari il tuo indirizzo mail è finito in un server che manda proposte "alla qualunque"...o forse no? Mahhh

    La crostata mi intriga, una variante veloce e deliziosa...e mi piace un sacco fatta con la frutta fresca.
    Grazie per la dritta!!

    RispondiElimina
  2. Ah ah pensa che io apro il tuo blog perché non vedo l'ora di leggere i tuoi post in terra straniera! E poi sì, anche per le ricette ovvio :-)
    A volte penso che la gente agisca in maniera così meccanica da non accorgersi nemmeno delle magre figure che fa: come offrire salumi ad un vegetariano ( mica il prosciutto è fatto di carne, no?!) o la frittata da un vegano ( le uova le mangi vero?!), la focaccia con il lardo ad un musulmano praticante e così via. Sono tutte cose che mi sono capitate qui, posso solo immaginare cosa ti sia stato scritto per mail!! Comunque, sei fortissima sempre e comunque ;-)

    RispondiElimina
  3. No dai! Rido per non piangere... passami una fetta di crostata di mais che mi intriga proprio tanto! :)

    RispondiElimina
  4. Interessante la crostata con la farina di mais...
    Per quanto riguarda le collaborazioni, credo proprio che la gente non legga, veda solamente un blog molto conosciuto, tante persone che lo seguono e quindi il risultato è: tanta pubblicità da sfruttare. Anche ovvio.
    Ma me lo domando spesso: sarai per sempre arabafelice nel deserto o magari ti sposterai prima o poi?

    RispondiElimina
  5. Ti sono vicina, anche nelle imminenti fulminazioni :-)
    E ho un motivo in più per scegliere l inferno per la buona compagnia. Se poi arrivi con questa crostata, meglio ancora!

    RispondiElimina
  6. io non mi stupisco più di nulla!) mi piace questa furbata, dev'essere anche molto buona e la farina di mais mi incruiosisce assai!

    RispondiElimina
  7. Deliziosa la tua crostata! Per quanto riguarda le varie proposte di collaborazione, io ho capito che molti di quelli che ci scrivono non leggono nulla sui nostri blog. A loro non interessa se il blog è di cucina o altro, l'importante è promuovere il prodotto, altrimenti molte cose non si spiegherebbero! A me hanno proposto articoli che promuovevano scarpe, oppure occhiali, ma il top è stato quando mi hanno detto che mi avrebbero inviato un Lei (ghirlanda di fiori) dalle Hawaii! Già mi vedevo con un paio di scarpe con tacco 12 mentre ballavo con un Lei intorno al collo inforcando un paio di occhiali per resistere al bagliore di certi piatti! Peccato essermi fatta sfuggire certe occasioni! ;-)

    RispondiElimina
  8. Qui non si scherza su queste cose, assolutamente! La tua crostata la devo provare, i miei figli impazziranno visto che sono ghiotti di frutta. Drusilla

    RispondiElimina
  9. Forse ad un post del genere non si doveva ridere, ma non ce l'ho fatta.... E ti dirò di più nel kit secondo me è compresa la scatola dove dopo riporre la testa tagliata!!!!
    Mamma mia non ho parole!!!
    ma si sono chiesti anche come avrebbero fatto a farli passare certi prodotti?
    Noi che per motivi di lavoro abbiamo colleghi che passano a volte mesi e mesi in quei paesi non siamo mai riusciti a fargli avere il tanto loro adorato salame, piuttosto che una bottiglia di rosso....
    Mah!!!
    Meglio che mi consoli con una tua crostatina...

    RispondiElimina
  10. Crostata assolutamente deliziosa! L'ho fatta ieri sera con pesche e fragole.

    RispondiElimina
  11. Stefania ma sai che quella proposta è arrivata anche a me🙈😁quando l'ho letta non ci potevo credere!!! Questa crostata è veramente bella e voglio provare presto questa frolla con la farina di mais...bentornata mia spacciatrice di furbate.

    RispondiElimina
  12. Stefania ho fatto la crostata e il sapore è buonissimo, purtroppo l'impasto si è sbriciolato tutto tanto da non riuscire a servirla a fette... non capisco, non me la cavo male in cucina, ho seguito tutto alla lettera e solitamente metto in partica le tue ricette con ottimi risultati, dove potrei aver sbagliato? la vorrei rifare, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona, mi spiace! L'unica cosa che mi viene in mente è che forse non hai compattato bene la
      Base oppure andava cotta un pelo in più ...fammi sapere!

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. ok grazie, proverò e ti farò sapere

      Elimina