giovedì 25 febbraio 2016

Crema cotta al miele, cocco e spezie (senza lattosio)


Avete presente il panico?
Non per la ricetta.
Perchè stavolta non è quello.
E' molto peggio: un ingrediente.
Troppa scelta.
Troppo poco tempo.
Nel mese in cui sono anche fuori casa per diversi giorni.
E fuori di testa nel resto degli stessi.
Un esperimento andato male, amen.
E quest'altro a ronzarmi nella testa.
Che poi come ogni volta è una cialtronata, sia chiaro.
Ma fidatevi, è una cialtronata buonissima.
Una crema morbida e vellutata.
La salsa al miele con le spezie, poche, che non vogliamo che l'augusto consorte le senta troppo.
Calda sul dolce freddo, una goduria.
E le chips di cocco per quel tocco croccantino che ci sta benissimo.
Cinque, ne sono venute.
E cinque, ne abbiamo mangiate in due :)

 Con questa ricetta partecipo alla sfida 54 di MTChallenge, che questo mese vede protagonista il miele nell'interpretazione di Eleonora e Michael, coautori del blog Burro & Miele.







CREMA COTTA AL MIELE, COCCO E SPEZIE
per 5 stampini da crème brulée

500 ml di latte di cocco non zuccherato
3 uova intere
100 ml di miele di acacia
due generosi pizzichi di cannella
un pizzico di noce moscata
un pizzico di sale
un pizzico di zenzero in polvere

per la salsa

miele di acacia, un cucchiaio per ogni stampino
un pizzico delle spezie usate nel dolce
cocco in scaglie

Mettere in un pentolino il latte di cocco con il miele e tutte le spezie. Scaldare su fuoco medio e spegnere poco prima che raggiunga il bollore.
Battere le uova intere con il sale e unire il latte intiepidito a poco a poco, sempre girando.
Versare il composto ottenuto negli stampini e metterli in una teglia da forno.
Infornare in forno preriscaldato a 160 gradi ed aggiungere tanta acqua nella teglia in modo che gli stampini siano immersi per metà.
Cuocere per circa mezz'ora, quaranta minuti finchè la crema risulterà soda al tatto ma ancora "traballante" se smossa.
Far raffreddare a temperatura ambiente e poi almeno 6 ore in frigo, o una notte.
Per la salsa: unire il miele e le spezie in un pentolino. Portare dolcemente a bollore, far bollire per 30 secondi e spegnere il fuoro.
Servire il dolce freddo con la salsa calda, decorato con le chips di cocco.


NOTE

- il dolce resiste benissimo anche tre giorni in frigo. Ovviamente la salsa va preparata solo al momento di servirlo.

- la quantità di spezie può essere aumentata o diminuita a proprio piacimento.

- il dolce è adatto anche a chi ha intolleranze o allergie a glutine e lattosio, essendo privo di entrambi.




17 commenti:

  1. Mia cara Stefania, quando leggo queste ricette (del tipo che non devo modificare) mi si illuminano gli occhi e non posso fare a meno di ringraziarti mentalmente :-D
    Solo un appunto, ma il miele di acacia non è troppo dolce? Non sarebbe meglio uno di castagno o millefiori?
    Grazie mille!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ti ho pensato ;) per il miele calcola che è l'unico che è trovato e assolutamente non risulta troppo dolce dato che è diluito in parecchio latte di cocco e uova...ma se preferisci usane pure un altro tipo!

      Elimina
    2. Sei fantastica!!!!!
      Non ti dico altro altrementi dici che esagero, ;-P

      PS: in quel del deserto non si trova altro miele perchè non ci sono api per il troppo caldo e quindi si deve importare? sai che sono curiosa ^_^

      Elimina
  2. Ciao Stefania, complimenti per la ricetta, non vedo l'ora di provarla!!
    Solo una domanda, forse ovvia :-).
    Con latte di cocco intendi quello in lattina?
    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, quello in lattina purchè non diluito e non zuccherato.
      Ciao!

      Elimina
  3. Una crema favolosa una vera delizia, immagino il buon gusto di cocco al abbinamento del miele, irresistibile !

    RispondiElimina
  4. E' da tempo che avrei voglia di gustarmi una crème brulée, ma ho dovuto rinunciare ai latticini, quindi mi sa tanto che proverò questa tua ricetta :D

    RispondiElimina
  5. Che buona che deve essere...mi piace!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Le ricette per gli intolleranti non sono mai abbastanza!

    RispondiElimina
  7. Io gliel'ho spiagato che sei la rappresentatnte ufficiale della cialtroneria all'MTC. Ma lui non vuole credermi. Anzi, non vuole crederti.
    Michael apprezza l'uso inteligente e parsimonioso delle spezie. Una in più o una dose in più avrebbe non solo ucciso la delicatezza del latte di cocco, ma anche la finezza del miele di acacia.
    Dice che, sarà pure una cialtronata, ma è una cialtronata molto ben fatta e l'idea della salsa al miele calda sul dolce freddo gli piace tantissimo.
    E quindi ti ringraziamo, ma tanto
    Eleonora e Michael

    RispondiElimina
  8. quell'ultimo cucchiaio della foto fa venire la bavetta!!

    RispondiElimina
  9. Ecco adesso mangerei proprio del cocco!!!

    RispondiElimina
  10. Mmmmmmmh, che gola mi fanno! Le tue cialtronate sono sempre ben accette!

    RispondiElimina
  11. Chissà che delizia questa crema, bellissimi ingredienti!

    RispondiElimina