lunedì 26 ottobre 2015

Quattro quarti al limone con glassa e limoni canditi


Si avvicina a grandi passi e l'entusiasmo è palpabile.
Io ed il mio costume olimpionico la accogliamo sorridendo.
D'altronde, come ci si vuole vestire per una sessione di acquagym?
Le spiego come avverrà la lezione, annuisce volenterosa.
Indico anche dove può cambiarsi, dato che è ancora completamente vestita.
Non ne ha bisogno, dice.
Comincio a preoccuparmi, solo un filo.
Dunque, nell'ordine abbiamo.
T-shirt a maniche lunghe di cotone.
Pantaloni della tuta di flanella pesante.
Ciliegina sulla torta, scarpe da ginnastica con tanto di calzini di spugna.
Si mette anche il cappello.
Fa per entrare in acqua, e senti solo la mia voce disperata.
C'è voluto un quarto d'ora per convincerla a togliere almeno le scarpe.
Non ne vuole sapere.
Ho gentilmente espresso le mie preoccupazioni, spiegando che tutta quella roba la tirerà giù come niente.
Non ha funzionato, e l'ho buttata sullo scherzo implorandola di non farmi ripassare al volo le tecniche di rianimazione nel caso mi dovessi tuffare per tirarla fuori.
L'ho buttata sulla logica e sul buon senso, e niente.
E dove nulla ha potuto, ha vinto l'ultima arma: il mio rifiuto a farla partecipare.
Ok, le scarpe le toglie, il resto no.
Va giusto a mettersi un pantalone più leggero.
Dice che costumi non ne possiede.
Ok.
Ha compilato il moduto di ingresso, si è data un bell'otto come valutazione del livello di fitness.
Ha scritto che sa nuotare.
E che va sempre in palestra.
Che pratica ogni sport immaginabile.
Vuoi vedere che ho una campionessa olimpionica, ed io a pensar male.
C'è da far galleggiare le gambe.
No, dice lei.
Come no, dico io.
Ma so nuotare, non galleggiare.
Andiamo bene.
Prevedo tante, tante soddisfazioni :)

Dolci al limone ce ne sono tanti, su questo blog. Ma qui al limone c'è anche la glassa e decorazione, quindi è un dolce...al triplo limone!
La quattro quarti è un dolce denso, quindi fate attenzione alla cottura, ed è buonissimo!
Chi la prova per primo?


LEMON POUND CAKE
per uno stampo da plumcake da circa 23 cm per 13 cm
da Cakes di Martha Stewart

113g di burro
180 g di farina
un generoso pizzico di sale
un quarto di cucchiaino di bicarbonato
un cucchiaio di buccia di limone grattugiata
220 g di zucchero
3 uova grandi
mezzo cucchiaino di estratto di vaniglia
120 g di panna acida

per i limoni canditi
un limone, affettato sottile
125 ml di acqua
100 g di zucchero
60 ml di succo di limone

per la glassa
120 g di zucchero a velo
qualche cucchiaio di succo di limone


Preparare la torta: mischiare in una ciotola farina, buccia di limone, sale, bicarbonato.
A parte battere con le fruste elettriche il burro a temperatura ambiente e lo zucchero finchè il tutto  risulterà una crema soffice e montata. Unire quindi le uova una alla volta, ed infine la vaniglia.
Unire quindi la farina con delicatezza alternandola alla panna acida.
Versare nello stampo imburrato ed infarinato (per me coperto con carta forno) e cuocere per circa 45-55 minuti facendo comunque la prova stecchino.
Coprire con alluminio se la superficie scurisce troppo in fretta.
Intanto preparare i limoni: in una casseruola mettere zucchero ed acqua e portare a bollore, girando per far sciogliere lo zucchero.
Aggiungere le fette di limone e far cuocere a fuoco molto basso, roteando ogni tanto il pentolino, finchè saranno translucide, circa 35 minuti scarsi.
Trasferirle con un mestolo forato su della carta forno e conservare il liquido di cottura, a cui ora va aggiunto il succo di limone.
Tirare la torta fuori dal forno e mentre è ancora nello stampo praticare diversi forellini sulla superficie usando uno spiedino, quindi versarvi il liquido di cottura delle fette di limone lasciandone da parte qualche cucchiaio.
Lasciar riposare mezz'ora quindi sformare e spennellare anche i lati con lo sciroppo lasciato da parte.
Per la glassa: mescolare zucchero a velo con poco succo di limone finchè raggiunta una consistenza spalmabile.
Versare sul dolce facendola colare anche sui lati.
Far rapprendere mezz'ora quindi decorare con le fette di limone.

NOTE

- il dolce non glassato può essere realizzato con un giorno di anticipo oppue congelato.

- il dolce glassato dura anche quattro/cinque giorni.

-  - se non trovate la panna acida, potete farla da voi unendo un vasetto di yogurt bianco a mezzo litro di panna fresca liquida più il succo di mezzo limone. Lasciare qualche ora a temperatura ambiente e poi una notte in frigo, quindi potrete utilizzarla.



18 commenti:

  1. Hayırlı haftalar, çok güzel ve leziz görünüyor. Ellerinize sağlık.

    Saygılar.

    RispondiElimina
  2. Ohh povera e copertissima ragazza con la voglia di nuotare e NON DI GALLEGGIARE!!
    Anche tu però...che pretese ;-))
    Mi piace un sacco il limone in tutte le preparazione e questa tua torta non è da meno!
    Un curiosità, perchè quattro parti?
    L'ho letta e riletta ma non trovo il nesso....e poi è pure lunedì ed i miei neuroni si stanno svegliando ora....^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quattro quarti è il nome diciamo così antico di questo genere di preparazione, originariamente 4 parti uguali dei 4 ingredienti principali. In inglese sarebbe una pound cake, ovvero un dolce in cui sono presenti one pound di burro, uno di farina, uno di zucchero e così via....ma nel tempo la preparazione è stata fortunatamente alleggerita nelle dosi senza compromettere il gusto ;)

      Elimina
    2. Precisa e puntuale come sempre, grazie della spiegazione :-)
      Per fortuna che il dosaggio è stato modificato e che qualcuno ha raddrizzato il tiro nel tempo!!!

      Elimina
  3. i dolci di quel libro sono straordinari, ma quelli agli agrumi sono spettacolari! questa è buonissima, dolce e limonosa... E tu le presenti sempre così bene!

    RispondiElimina
  4. Io vado letteralmente pazza per i dolci al limone!

    RispondiElimina
  5. Semplicemente stupendo!!!!
    Bravissima!!!!

    RispondiElimina
  6. Buono semplice e vorrei sapere se poi a galleggiato visto che nuotare sa... :) buona serata.

    RispondiElimina
  7. O_O che meraviglia questo dolce :P

    RispondiElimina
  8. Un buon profumino, sofficità e gusto. Molto goloso !

    RispondiElimina
  9. Wow adoro i dolci al limone!! Ho della panna in scadenza, dici che posso usarla al posto della panna acida? Il tuo blog è sempre una meraviglia!! Clelia

    RispondiElimina
  10. La panna normale ha una consistenza più liquida, ti sballerebbe un po' il risultato...

    RispondiElimina
  11. Grazie per la precisazione, la userò per altre ricette allora, o semplicemente mangiata montata con del cacao sopra 😊... Vado alla ricerca della panna acida allora!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi farla da te se non la trovi:otete farla da voi unisci un vasetto di yogurt bianco a mezzo litro di panna fresca liquida più il succo di mezzo limone. Lasciare qualche ora a temperatura ambiente e poi una notte in frigo, quindi potrete utilizzarla :)

      Elimina
  12. Ma poi aveva un cambio?!?? o se ne è andata con i vestiti bagnati? mi sa che ne vedrai delle belle :-)
    questo cake deve essere divino con lo sciroppo di zucchero a rendere il sapore ancora più intenso

    RispondiElimina
  13. Ohmmmammmmmaaaa!!!

    E il commento lo puoi leggere sia per la tua allieva di acquagym sia per la squisitezza che segue, ma, ovviamente, con intonazioni e significato diametralmente opposti.

    RispondiElimina