lunedì 11 maggio 2015

Crostatina di mais con more e panna acida



E quando pensi di aver visto, per carità, non proprio tutto.
Ma buona parte.
Quando pensi che per stupirti oltre dovresti vedere gli alieni atterrare in giardino.
Dato che con la saponetta per preservare l'innocenza delle parti intime hai già dato.
O gli alunni portare i compiti fatti tutti insieme, in una sola volta, e non a rate come sempre.
E' allora che succede.
Ora, il Paese che mi ospita ha indubbiamente ispirato tanti post su questo blog.
Qualcuno divertito, altri molto meno.
Qualcuno amaro, qualcuno opportunamente mai apparso.
Uno dei Paesi al mondo ad applicare con più rigore la Sharia, la legge islamica, e tutto ciò che ne deriva.
Unico Paese al mondo in cui le donne non possono guidare l'automobile.
In cui nelle scuole pubbliche è vietata l'ora di educazione fisica alle bambine perchè sconveniente.
In cui se incontri un amico di sesso opposto per la strada lo saluti a mezza bocca da lontano, non sia mai qualcuno ti vedesse troppo espansiva dato che puoi parlare liberamente solo a uomini che siano tuoi parenti prossimi.
In cui sventolare ciocche con colpi di sole troppo biondi può risultare un tantino doloroso.
In cui non c'è il problema di cosa indossare la mattina, dato che tanto sopra ci andrà l'abaya d'ordinanza.
Ebbene, sta per aprire un sexy-shop alla Mecca.
Non in una città qualunque, eh.
Ma nel luogo simbolo per ogni credente di fede islamica.
Quello in cui i non-musulmani nemmeno possono recarsi in gita turistica, perchè lo profanerebbero.
Ma l'amore coniugale è esaltato e celebrato, ed il piacere sessuale entro le sue mura assolutamente lecito.
Pare che i prodotti saranno halal, che vuol dire consentito, permesso.
Un giro sul sito non me lo leva nessuno.
Mi colpisce in homepage Sensual Silicone, nome inquietante, che se lo regalassi a mio marito lo userebbe sicuro per lucidare l'auto, certo non far brillare i muscoli.
Già meglio con Sensual Glamour Cream, e il riquadro recita un "caresse, kiss and soft words" sul quale non mi faccio domande.
Il tempo di abituarmi all'idea, ed ecco: troppe polemiche e forse non lo aprono più.
Ma come, ora che speravo di vedere minimo Rocco Siffredi all'inaugurazione.
Pazienza, mi rimane il sito.
 Virginity Soap e Sensual Silicone.
Taccio, appena in tempo :)

Allora, una merenda veloce, golosissima, nemmeno tanto pesante perchè essendo di dimensioni davvero minime le fette che se ne tirano fuori sono piccine: ma di un buono che non avete idea.
La pasta croccantina per la farina di mais, la dolcezza delle more e la panna acida.
Nigella dice che si può usare qualunque frutta, sbizzarritevi e fatemi sapere ;)




BLACKBERRY GALETTE
da How to be a Domestic Goddess di Nigella Lawson


60g di farina
30 g di farina di mais fine tipo fioretto
un cucchiaio raso di zucchero semolato fine tipo Zefiro
un pizzico di sale
65 g di burro
2 cucchiai circa di acqua ghiacciata (poco più, poco meno)

per il ripieno

150 g di more
circa 3 cucchiai rasi di zucchero
3 cucchiai colmi di panna acida (vedere la nota)


Mettere nel robot con le lame le due farine, lo zucchero ed il sale. Unire il burro a pezzetti e lavorare velocemente a scatti in modo da ottenere un composto di briciole. Unire quindi pochissima acqua alla volta, sempre dando qualche giro di lama, finchè il composto sta insieme.
Toglierlo dalla ciotola senza impastarlo ma compattandolo e basta. Avvolgere nella pellicola e far riposare 30 minuti in frigo.
Stendere quindi la pasta su carta forno appoggiata sulla teglia di cottura senza farla troppo sottile: la tortina è piccola, ricordate ;)
Spargere le more, spolverizzare con 2 cucchiai di zucchero e versare la panna acida sopra, ricordando di lasciare un piccolo bordo che andrà ripiegato su se stesso a formare un bordo.
Spolverizzare con l'ultimo cucchiaio di zucchero e cuocere in forno preriscaldato a 190 gradi per circa 20 minuti, o comunque finchè la pasta risulterà cotta.
Servire tiepida o fredda.


NOTE

- la tortina è proprio piccola, Nigella dice che ne vengono 6 porzioni ma è proprio un assaggio ;)

- al posto delle more può essere usata qualsiasi frutta.

- se non trovate la panna acida, potete farla da voi unendo un vasetto di yogurt bianco a mezzo litro di panna fresca liquida più il succo di mezzo limone. Lasciare qualche ora a temperatura ambiente e poi una notte in frigo, quindi potrete utilizzarla.

- ah, nota personale: oltre alla pagina facebook trovate qualche anticipazione e curiosità extra anche sul neonato account Instagram di questo blog.

13 commenti:

  1. Meno male che ci sei tu Stefi, ad allietarci il lunedì mattina....
    E' sempre un piacere leggerti!
    Marina

    RispondiElimina
  2. Ahahah...questa poi chi l'avrebbe mai detta?!?!?!
    Un sexyshop in un luogo dove tra un pò sarà vietato anche respirare...
    Sensual silicone, mahhh...
    Non ci resta che piangere diceva qualcuno...Giuro che da oggi non mi stupirò mai più di niente!!!!
    Presumo che solo gli uomini possano entrare...

    Vabbè!
    Le minicrostatine more e panna sono proprio da fare, visto che anche qui comincia a vedersi qualche frutto di sottobosco del posto, e poi con una merenda così nessuno bambino/ragazzo rifiuterebbe, ma neppure gli adulti ;-D

    RispondiElimina
  3. Ricette spettacolari (e furbe!), scrittura alla Baricco, grasse risate e aneddoti agrodolci... Sei il mio nuovo idolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che Baricco non passi mai di qua :D benvenuta e grazie!

      Elimina
  4. Stefania :DDDDDD questa volta sono io che non le avevo notate nel libro !!!! Fatte da te mi hanno invece ipnotizzata O____O

    RispondiElimina
  5. questa la provo al 100%
    tanto eri già sulla buona strada del gluten free, con quei 30 g di farina di mais :-)
    comprensiva della panna acida home made!

    RispondiElimina
  6. Mi piace questa merenda, e meno male che sono piccole che sto a dieta ;-)...E poi è sempre così gradevole leggerti! Bacio grande...

    RispondiElimina
  7. O_O no va beh queste crostatine sono spettacolari!!

    RispondiElimina
  8. Golosissima la tua crostatina e poi i dolci di Nigella non si discutono, si amano a prescindere! :)

    RispondiElimina
  9. Ma che fantastiche!! E buonee!!!
    Un abbraccio
    Vera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto, cosa pensare della sessualità coniugale a queste condizioni:
      http://www.arabafeliceincucina.com/search?q=+otto+anni
      La galette ha l'aria di essere buona.

      Elimina
  10. Il mondo è fatto di contraddizioni!!!!
    Anch'io faccio una crostata con la farina di mais, è proprio buonissima.
    Interessante la panna acida e la frutta fresca.
    Un bacio!

    RispondiElimina