lunedì 29 dicembre 2014

Anatra al forno con glassa al balsamico


Siamo onesti e parliamo chiaro.
Ma la categoria esiste.
Foto che mai e poi mai si pensa di pubblicare.
Fatte di nascosto, con il cellulare, per propria memoria.
Al massimo quella di mia sorella.
Una cena un po' più seria delle altre.
E come sempre la dimostrazione che sono una scriteriata.
Non si provano ricette nuove quando si hanno ospiti, diceva mia mamma.
Ed aveva ragione da vendere.
Poi non so cosa mi prenda.
Sarà stata la gioia di avere tra le mani un'anatra arrivata congelata tra le dune.
Tutte le parole sopra stridono tra loro.
Anatra.
Deserto.
Ghiaccio.
Vabbè, proviamo.
Fosse solo per liberare il freezer.
Ed il menù deciso da tempo prende un'altra via.
Chi l'ha mai cucinata un'anatra.
Studio matto e disperatissimo, e ricordo una ricetta suggerita ad un'amica poco tempo fa.
Nella mia stessa situazione di volatile per le mani nel mezzo del deserto avevo alzato bandiera bianca, davanti alla sua richiesta di una dritta.
Ma le avevo detto che Martha Stewart di solito ha la risposta.
E non sbagliavo.
La ricetta, provata da lei per prima, un successo (grazie, Caterina ;)
Gli ospiti seduti e l'anatra riposa.
Avrei dovuto legare le zampe?
Troppo tardi per pensarci.
La foto malamente mentre sono schiacciata contro il muro, sperando che dalla sala da pranzo non mi veda nessuno.
Beh, sorpresa.
Non è buona.
E' buonissima.
Troppo per non essere condivisa qui.
Scopro che amo l'anatra.
La ama l'augusto consorte, e come potrebbe essere altrimenti vista la regione italiana da cui proviene.
La adorano gli ospiti.
Ve la beccate così, con la teglia sporca.
Il vassoio con la carne disossata è stato solo per i nostri occhi.
A voi, l'immaginazione.
E la consapevolezza che a volte viene bene anche una cosa al volo.
O dovrei dire al...volatile? :)


Non so se sia stata la fortuna del principiante ma la ricetta è venuta al primo colpo e già stata rifatta. La foto no, mi è simpatico l'originale ;)
Nessun particolare talento, solo un po' di tempo per la cottura e si fa da sola.
Buttatevi, che qui si atterra sul morbido.
State solo attenti alla cottura, di non prolungarla oltre il dovuto.
Ed il figurone è assicurato!





ANATRA AL FORNO CON GLASSA AL BALSAMICO
per circa 6-8 persone
da The Martha Stewart Show

un'anatra di circa 2,2 kg
collo ed ali dell'anatra
spicchi d'aglio
2 finocchi, solo le parti esterne
750 ml di brodo di pollo
mezzo limone
timo
sale, pepe
3 cucchiai di olio extravergine 

per la glassa
100 ml di aceto balsamico
succo di mezzo limone

Bucherellare delicatamente la pelle dell'anatra con una forchetta senza incidere la carne troppo in profondità e  massaggiare uniformemente con abbondante sale. Lasciar riposare 30 minuti.
Intanto scaldare l'olio in un pentolino e rosolarvi le ali ed il collo tagliati a pezzi finchè ben scurite.
Unire quindi due spicchi di aglio interi e il finocchio a pezzi, abbassare il fuoco ed aggiungere il brodo.
Far ridurre per circa 40 minuti su fuoco basso, passare da un colino e lasciare da parte.
Inserire nella cavità dell'anatra mezzo limone intero, qualche spicchio d'aglio, del timo ed un altro po' di sale.
Infornare a 175 gradi possibilmente su una griglia con sotto una teglia (così che il grasso della carne coli senza che l'anatra vi rimanga immersa) ed intanto preparare la glassa mischiando aceto balsamico e succo di limone.
Dopo 25 minuti di cottura spennellare l'anatra e rimettere in forno, continuando a cuocere a seconda della grandezza per un tempo variabile tra un'ora e mezzo e due e mezzo.
Girarla e spennellarla nuovamente ogni 25 minuti.
Togliere dal forno e lasciar riposare 15/20 minuti, quindi servire irrorando con moderazione con la salsa lasciata da parte e scaldata leggermente.


NOTE

- il piatto è semplicissimo. Calcolate i tempi in modo che sia pronta mentre state per servire il primo, in modo che possa riposare.

- spennellare con la glassa, che è assolutamente divina, durante la cottura è essenziale per una crosticina dorata e saporita.

- la salsa di accompagnamento è piuttosto liquida, se preferite addensatela con poca maizena (non l'ho fatto)

- accompagnatela con verdure arrostite ed un'insalata.

27 commenti:

  1. ottima ricetta! Da segnarsi al volo! Specialmente quando il tempo stringe!.... :-D

    RispondiElimina
  2. Molto interessante. Temperatura forno? Io penso al max sui 170, tu che ci dici? :-) :-) :-)

    RispondiElimina
  3. E' perfetta!!!
    Sembra buonissima :)
    E' da un po' che seguo il tuo blog e sono tua follower....ti andrebbe di ricambiare nel mio blog?
    http://golosedelizie.blogspot.it
    Mi farebbe molto piacere ^_^

    RispondiElimina
  4. Che spettacolo quest'anatra, complimenti!

    RispondiElimina
  5. Che ghiottoneria questa anatra così cucinata, complimenti cara, sempre bravissima!!!!!! Un augurio di cuore di buone feste!

    RispondiElimina
  6. Un'anatra nel deserto è certamente una rarità che và festeggiata in modo sopraffino! perfetto il tuo condimento leggero ed aromatico per assaporarne il gusto fino in fondo!

    RispondiElimina
  7. Non ho mai avuto il coraggio di cucinare un anatra, quindi questa ricetta la memorizzo, non si sa mai.

    RispondiElimina
  8. Mmmm, invidio i tuoi ospiti :D !
    Io sono solita a fare ricette nuove quando ho ospiti. Forse non ci credi ma mi vengono sempre bene la prima volta, la seconda invece...non tanto.

    RispondiElimina
  9. Mi ti immagino sempre nei tuoi racconti in cucina.....questa volta ho riso molto, meno male che la mia cucina non si vede dal salotto...così posso, almeno, evitare che mi prendano per matta....l'anatra non l'ho mai assaporata ne tanto meno cucinata...vedrò che si può fare in futuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah!E tanti auguri di buon anno a voi, dalla mia montagna a voi nel deserto!

      Elimina
  10. I tuoi racconti sono sempre meravigliosi come le tue ricette....Ti faccio mille auguri di un 2015 sereno

    RispondiElimina
  11. Già amo l'anatra e questa ricetta è favolosa.... bravissima come sempre e tantissimi auguri Stefy!

    RispondiElimina
  12. "Inserire nella cavità dell'anatra mezzo limone intero" pensavo a come potevo rendere in italiano io questo passaggio! :D ahahahahahahaha
    Lo sai che forse convinco Mrs D. a farla visto che le è piaciuta....quando l'ha assaggiata di recente :)

    RispondiElimina
  13. Mi piace da matti questo piatto....ottima proposta come sempre Stefy!!!
    Carissima,auguri di un meraviglioso 2015! Che sia costellato di momenti felici e di soddisfazioni, come gli astri di un cielo stellato, e attraversato da qualche stella cadente per esaudire i tuoi desideri!
    Imma

    RispondiElimina
  14. anche io cambio le ricette al volo e uso gli ospiti come cavie, il più delle volte sono fortunata e il cibo risulta buono, ma rischio sempre! ottima la tua anatra e la proverò sicuramente! bella anche la foto dell'ultimo secondo!

    RispondiElimina
  15. Buonooo quasi quasi sembra l'anitra laccata ma penso che questa è più buona. Buon anno a te e famiglia. Ciaoo

    RispondiElimina
  16. Martha è Martha...ma tu le vai molto vicino...illuminata e coraggiosa! ricetta segnata.

    RispondiElimina
  17. W l'anatra (che quest'anno la mamma ha deciso finalmente di riproporre a Natale)
    W la Martha ;-D
    W soprattutto la mia Araba preferita che sfida la sua prima anatra volante congelata di cui sono rimaste le ossa
    ...
    e tanti tantissimi auguri di Buon anno e che il 2015 porti gioia, serenità, allegria e voglia di vivere!!!

    PS: anche capodanno è vietatissssssimo???

    Baciotti

    RispondiElimina
  18. fantastica ricetta! non ho mai preparato un'anatra in vita mia (son mica la Mapi...!!), ma se dovessi decidermi seguirò senz'altro il tuo consiglio :)))
    anch'io ho il vizio di sperimentare ricette nuove quando ho ospiti e di solito mi va bene... a parte qualche clamoroso tonfo!
    buon 2015 cara Stefania e alla prossima <3

    RispondiElimina
  19. Adoro il tuo modo di scrivere ma soprattutto adoro la donna tra le dune che ci regala sempre tante chicche...Stefania per il nuovo anno ti auguro tutto il bello ed il buono di questo mondo, una abbraccio pieno d'affetto per te.

    RispondiElimina
  20. Ma sai che mi ispira tanto la tua anatra? E anche...sbaglio o sulla sinistra vedo una ceramica di Caltagirone? CMq la hai descritta così bene e con entusiasmo che proverò a farla pure io: GAbri adora il..pollame! e già che ci sono...auguri Araba!!!! mi vedi un po' meno perchè èun periodo che..non ho voglia...di cucinare, di scrivere...le feste sono sempre un po' così per me.. Ma ti leggo sempre e ti..tengo d'cchio su FB, così metto un "mi piace" tu sai che ci sono o che...sono viva (cosa non così scontata, ahahaah;-)! Ciao Arabaaa!!!
    CInzia

    RispondiElimina
  21. Uuahuahuaha la foto fa veramente impressione! :D Sicuramente sarà buonissima, ogni tua ricetta è una garanzia. Buon anno Araba :*

    RispondiElimina
  22. confesso che la foto dalla blogroll mi spaventava...non perchè sia brutta, intendiamoci, ma perchè è unanatra intera e io non lìho mai cucinata! non so se lo farò, ma se fosse, seguirò la tua ricetta, promesso.Tanti cari auguri Stefy, da qui dove sta nevicando fino alle dune!

    RispondiElimina
  23. Ciao! Ho trovato il tuo blog da poco, e ho già fatto diverse ricette, tutte riuscite! Domanda. Quando la ricetta dice di cuocere da un'ora alle due ore e mezza intende 1 ora per chilo di anatra?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, benvenuta!
      La cottura qui si intende in totale, non per chilo.
      Ho cotto il volatile circa due ore quindi, non due ore per chilo.
      A presto ed auguri!

      Elimina