lunedì 16 dicembre 2013

Tacchino al forno morbidissimo (e furbissimo!) alle spezie


Mi blocco.
Il corridoio del supermercato è strapieno, ed intaso il passaggio.
Non mi importa degli spintoni.
Lo guardo.
Non ci credo.
Sarà mio.
No, non è Clive Owen sul mio cammino
Un tacchino.
Di dimensione umana, che non so voi ma il pensiero di un corpo a corpo con bestie di oltre dieci chili non mi esalta granchè.
Tanto che lo cerco, e tutte le volte qualche collega americano a fregarmi sul tempo.
Lo porto alla cassa abbracciandolo, e non mi sento minimamente un'idiota.
Ora veniamo a noi.
Che di tacchini ne ho mangiati tanti in vita mia.
Con un paio ho rischiato di strozzarmici da quanto erano secchi.
Qualcuno durissimo.
Molti senza infamia e senza lode.
Uno eccezionale, fritto tutto intero in credo trenta litri d'olio ma non ho il coraggio di ripetere l'esperimento mettendo una tinozza in giardino e accendendoci il fuoco sotto.
Anche la gatta mi sconsiglia, e lei si è saggia.
Studio tutti i sacri testi delle mensole della cucina.
Analizzo, soppeso, valuto, assaggio con la mente.
Proviamoci, e sarà il primo della vita.
Sprezzo del pericolo, e invito anche gente a cena.
Mal che vada tiro fuori un paio di bistecche.
Seguo le indicazioni alla lettera, e la bestia che galleggia ha pure una sua intrinseca bellezza.
Che profumo tra le arance, lo zenzero e la cannella.
Ops, augusto consorte che leggi, salta la riga precedente ;)
In forno lo guardo a vista.
Lo spennello ogni quindici minuti.
Gli chiedo, gentilmente, di venire bene.
Che la crosta venga croccante e saporita.
Che la carne sia morbida e tenera.
Che la salsa sappia di buono nonostante ci sia un collo bollito dentro.
So persuadere, si vede.
O parlo benissimo la lingua dei tacchini :)

Insomma, qui viene fuori una roba a dir poco fenomenale.
La ricetta assicura che sia pressocchè impossibile seccare un tacchino che abbia marinato in un liquido tanto a lungo, ed è vero...un'altra furbata! Carne tenera, crosticina deliziosa, un aroma indescrivibile.
Salsina perfetta.
La ricetta è facilissima, solo lunga nelle attese, ma niente di complicato. 
Farà una figura splendida sulla tavola delle feste.
E mi raccomando: non cuocetelo più del tempo indicato. Nigella Lawson assicura che gli americani stracuociano i loro tacchini seccandoli senza pietà.
E da oggi so che è vero ;)




TACCHINO MORBIDISSIMO ALLE SPEZIE
da Feast di Nigella Lawson
per dieci persone, porzioni generose

un tacchino di circa 4 kg
circa 6 litri d'acqua
125 g di sale fino
3 cucchiai di pepe nero in grani
un mazzetto di timo, alloro e prezzomolo, legate insieme con spago da cucina
2 cucchiai di semi di senape
150 g di zucchero semolato
2 cipolle
un pezzetto di zenzero fresco da circa 6cm
una stecca di cannella
un cucchiaio di semi di cumino
4 spicchi di aglio
un cucchiaio di pepe di Giamaica (all spice)
4 anici stellati
un'arancia
4 cucchiai di sciroppo d'acero
4 cucchiai di miele
gambi di prezzemolo

  per spennellare il tacchino in cottura

75 g di burro
3 cucchiai di sciroppo d'acero o miele


per la salsa di accompagnamento

le interiora del tacchino ed il collo
una cipolla
un gambo di sedano
una carota
una foglia di alloro
un mazzetto di prezzemolo
un litro d'acqua
un cucchiaino di sale
un cucchiaio e mezzo di farina
15 g di burro
un cucchiaio di Marsala

Versare l'acqua in un recipiente molto capiente e versarvi tutti gli ingredienti elencati (tranne quelli per spennellare) avendo cura di tagliare in quattro parti l'arancia, senza sbucciarla, e di spremerne il succo nell'acqua. Lo zenzero va affettato e le cipolle tagliate in due.
Mescolare bene in modo che sale e zucchero si sciolgano.
Separare il tacchino dalle interiora che in genere si trovano in un sacchetto all'interno ed immergerlo nell'acqua della marinatura.
Deve essere totalmente coperto, quindi valutare se serva aggiungere liquido.
Mettere il recipiente in frigo, o in ambiente molto freddo, e lasciarlo da un minimo di una notte a due giorni.



Quando è ora di cuocerlo, tirare il tacchino fuori dalla marinata ed asciugarlo con della carta cucina, quindi lasciarlo a temperatura ambiente per un'oretta.
Sciogliere il burro con lo sciroppo d'acero o il miele e spennellare tutto il tacchino usando un pennello da cucina.
Metterlo in forno preriscaldato a 220 gradi per mezz'ora, quindi abbassare la temperatura a 180 gradi e continuare per un'ulteriore ora e mezzo, spennellando il tacchino con il burro ogni venti minuti.
Dopo le due ore complessive tirare fuori il tacchino dal forno e lasciarlo riposare minimo mezz'ora a temperatura ambiente.

Per la salsa di accompagnamento mettere nella pentola a pressione Acticook della Lagostina l'acqua, tutte le interiora (tranne il fegato), il collo, il sedano, la carota, le erbe aromatiche ed il sale.
Chiudere il coperchio e cuocere per 20 minuti dal fischio, spegnere quindi il fuoco.
A parte, nella casseruola Lagostina Tempra, rosolare il fegato lasciato da parte nel burro.
Prelevare tre o quattro cucchiai del fondo di cottura del tacchino e metterli nella casseruola Tempra dopo aver rimosso il fegato, ma senza lavarla.
Unire la farina e mettere su fuoco basso girando sempre, quindi unire mezzo litro del brodo appena preparato, dopo averlo filtrato.
Far cuocere mescolando per qualche minuto finchè addensa, quindi unire il fegato lasciato da parte e frullare tutto con un frullino ad immersione.
Aggiungere il Marsala, cuocere per un ulteriore minuto e servire calda con il tacchino a fette.




Affettare quindi il tacchino e servirlo con la salsa preparata.






NOTE

- se non si possiede una pentola a pressione la salsa di accompagnamento può essere preparata in una normale, versando l'acqua, tutti gli ingredienti e portando a bollore. A questo punto si abbassa il fuoco al minimo, si mette il coperchio e si lascia cuocere piano per due ore.

- la salsa va scaldata prima di essere servita con il tacchino, nel caso la si preparasse mentre questo riposa.

61 commenti:

  1. Wow tesoro un super mega arci tacchino e poi con te e Nigella non si sbaglia mai un colpo....devo provarlo mi hai messo voglia e curiosità deve essere saporitissimo!!Bacioni,imma

    RispondiElimina
  2. Bellissima ricetta! Il problema in casa mia è che un tacchino di 4 chili mi andrebbe avanti sino a Pasqua.
    Credi si possa fare allo stesso modo il cappone? Da Polentona quale sono credo incontri il favore di tutti forse più del tacchino.
    Brava Stefania, come sempre del resto!
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso di si, Nora, si potrà provare!

      Elimina
    2. Anche per me Nora, il Natale è più cappone che tacchino.
      E visto che secondo me il cappone rischia ancor di più di essere secchino, questo metodo che ci ha insegnato Stefania è assolutamente da riutilizzare con il nostro castrato preferito :)
      Ciao LEo

      Elimina
  3. Questo tacchino è veramente invitante!
    E pensare che io non lo mangerei neanche sotto tortura....ma queste belle fette con questa salsa mettono l'acquolina! :)
    Feast è uno dei libri più vari e completi che io abbia sullo scaffale, quando sono in crisi da "cene importanti" lo leggo a versetti, tipo Bibbia! :D

    Ciao Stefania!!! :*

    RispondiElimina
  4. Questo tacchino è semplicemente fantastico!

    RispondiElimina
  5. Mentre leggevo ti immaginavo alla cassa del supermarket abbracciata al tuo tacchino...rido ancora adesso :-)))
    Mi ha sempre affascinata l'immagine del classico tacchino della festa del ringraziamento in stile USA, motivo per cui ho una voglia matta di provare magari come TataNora con un cappone, tanto per cominciare.
    Ci stiamo avvicinando ed inserire sul menù questo tacchino a Natale può essere valutabile.

    RispondiElimina
  6. mi sono imbattuta anche io nel super con un tacchino gigante ^__^ che però non l ho preso ... ma vedendo il tuo tacchino pronto mi sa che ci faccio un salto e me lo abbraccio anche io per portarlo alla cassa e portarlo a casa .....
    lia

    RispondiElimina
  7. Leggo Furbissimo+ Nigella= ArabaFelice ricetta da salvare per le occasioni in cui si vuole portare in tavola lo stile made in USA ❤

    RispondiElimina
  8. Ma dai.. voglio imparare anch'io il tacchinese!! ;-)
    Comunque dall'ultima foto hai reso proprio idea del risultato! SPETTACOLARE!

    RispondiElimina
  9. Ricetta interessantissima, ho solo il problema del peso vs tempi di cottura. Non credo di poter usare una bestia oltre i due chili, ma a quel punto i tempi si dimezzano semplicemente?
    P.S.: lo zucchero sinceramente mi pare di troppo, mentre miele e sciroppo d'acero aromatizzano e ci stanno benone. E' vero che ci sono i semi di senape che mozzano il respiro, forse lo zucchero serve per quello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S.: se guidato dal tacchino poi ti arriva a casa anche quel bipede spiumato che al super non hai visto, è davvero Natale!

      Elimina
    2. Nella tabella data da Nigella nel libro sulla cottura del tacchino per una bestia di circa 2kg suggerisce un'ora e 20 minuti, potremmo starci...

      Ah, ho già un bipede piumato che va benissimo. L'altro, ehm, sarebbe di troppo...:D

      Elimina
    3. Ah, non era dolce alla fine!!!

      Elimina
    4. Grazie, per i tempi. Che dici, allora quello senza piume lo dirotti verso casa mia? peccato farlo sentire di troppo. E' un po' lontanuccio rispetto al deserto, ma se chiede alle renne mi sa che ce la fanno per la notte di Natale... nel frattempo metto su la marinata al completo!

      Elimina
  10. Ieri, finalmente ho comprato un tacchino. Mi sono alzata prestissimo per andare al supermercato a comprarlo. Non vedevo l'ora....
    Mi frullava di comprare un tacchino e di provare una ricetta. Ma ancora non sapevo quale.
    Questa mattina, passo qui... e cosa trovo????
    La ricetta perfetta.
    Sarà sicuramente provata..
    Smack

    RispondiElimina
  11. Mitica! 4 kg è già una bella bestia! Per Thanksgiving la mia tacchinella ne pesava "solo" 6 kg (e meno male, altrimenti non entra nel forno!!). La ricetta di Nigella è da provare, soprattutto per la concia (brine) che usa per ammorbidire il tacchino
    Sarà stato buonissimo
    Ciao
    Isabel
    PS grazie!

    RispondiElimina
  12. Araba, praticamente è una marinata della lepre al civet ma fatta...con l'acqua anzichè col vino, ma con tutti i gusti...-) Ci credo che è venuto bene! E poi, due ore di cottura non mi sembran così poco ma cmq io non me ne intendo molto, di tacchini. A Gabriele invece piace molto, quindi terrò presente di sicuro ma....senza salsa ..(;-.)..
    IL post, poi, col tacchino di dimensioni umane, mi ha fatto venire in mente un episodio di dMr.Bean e mi ha fatto scompisciare, vedevo te al posto di Mr Bean con la bestia e ridevo!.-)
    Ciao

    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbi pazienza, sono alle lacrime. Perchè quell'episodio di Mr Bean lo so a memoria :D

      Elimina
  13. Mi hai convinto, foto e dettagli descrittivi sono assolutamente persuasivi!!! Grazie!!

    RispondiElimina
  14. mio marito sono anni che me lo chiede e quest'anno lo accontento lo abbiamo ordinato e mi ha salvato una ricetta sul gamebro di Jamie olivier, adoro anche nigella quindi sarà una lotta oppure una joint venture ti farò sapere! grazie per la ricetta, mony***

    RispondiElimina
  15. Ammappa che belva di tacchino.... ma dove la trovo una pentola del genere? Ci vorrebbe una tinozza... però che figata di ricetta... e dopo il tuo pollo che sembra lesso ma non lo è ed è pure favoloso sei una garanzia!
    Ciao, Tatiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per marinarlo puoi usare qualunque contenitore...un secchio pulito :D invece per la cottura una normale pirofila.

      Elimina
  16. Araba.... Questo mi sembra difficile :( prima volta che non provo una tua ricetta. Ma resto affascinata... Come sempre :) bacio Nikita

    RispondiElimina
  17. ti vedo abbracciata al tacchino :-D
    la carne secca cotta troppo non mi piace, tanto che per evitare il coniglio della suocera mi sono proposta di fare qualcosa io, questo è un po' troppo grande ma mi tenta...
    bacione

    RispondiElimina
  18. Ecco, precisa precisa, una ricetta per poter finalmente usare la pentola a pressione che mi ha "rivogato" mia mamma (lasciami scrivere così, visto che mia mamma non la usa mai, se ne è praticamente disfatta). Io invece sono molto incuriosita da questo oggetto per me ancora misterioso.
    Certo che pensare a un tacchino di 10 kg fa un po' impressione... in pratica è il tacchino che potrebbe mangiare me!! :-)

    RispondiElimina
  19. Ciao Araba, un'altra info.. Io ho la lagostina Acticook. Su che posizione la metti 1 o 2?
    E poi imposti direttamente 20 minuti?
    Ma il pepe di Giamaica, con cosa lo posso sostituire?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il brodo posizione 1, e poi imposto 20 minuti.

      Elimina
    2. Il pepe di Giamaica ha un aroma che ricorda un mix di cannella, pepe nero, noce moscata e zenzero quindi volendo puoi mettere un mix di queste spezie e pestarle insieme in un mortaio .)

      Elimina
    3. Grazie mille... ti farò sapere come viene...
      Smack

      Elimina
  20. caspita, che signor tacchino! se c'è la tua parole e quella di Nigella come si fa a afrelo scappare? tacchino vieni a me!!!!

    RispondiElimina
  21. Mi hai convinta, per lo più che qui il tacchino si trova pure facilmente!
    P.s. Fra i suggerimenti, mi dici se si può preparare qualche giorno prima?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio di no. La carne avanzata il giorno dopo ( anche due dopo ;) è ancora buona, ma ovviamente succulento e morbido come appena fatto no.
      Comunque l'ho fatto riposare un'ora invece che mezz'ora prima di servirlo e questo mi ha avvantaggiato molto avendo ospiti...;)

      Elimina
  22. Racconto esilarante, come sempre!
    Il tacchino così preparato, al forno, intero, in stile americano.. mai mangiato!
    Eh già... e tantomeno mai fatto, ma questa ricetta sembra eccellente, ora salvo tutto e presto sperimenterò.
    A presto

    Laura

    RispondiElimina
  23. Mia suocera il 24 ci farà il tacchino .... le rigiro la tua ricetta e se riesco mi ci metto con lei a farla!CHe meraviglia!!!
    ps ...adoro clive owen ... mi fa impazzireeeeeeeeeeeee
    pps senti maaaaaaaa curiosità: hai cambiato macchinetta fotografica?!?

    RispondiElimina
  24. Carissima..devo essermi persa un passaggio :-(...a solo titolo di curiosità, nessuno mangia tacchino...per la salsa :, l'acqua, i sapori, le spezie..sono tutte ex novo..non sono quelle della marinatura..o si ??? Gabriella Bartolini

    RispondiElimina
  25. Tutto ex novo, cioè non li prendi dalla marinatura :)

    RispondiElimina
  26. AH niente, questo è da provare assolutamente!! Ps. ti avevo lasciato un commento al giveaway con relativo post ma ho visto che non sono nell'elenco dei partecipanti... Sappi che cmq da me c'è un post sui ceci speziati dedicato a te! ;-) un bacione

    RispondiElimina
  27. Ok, mi riprendo dopo le risate leggendo il tuo racconto sul tacchino (sai che ti ho immaginata abbracciata la tacchino in fila alla cassa???), ho già fatto copia e incolla della ricetta che devo assolutamente provare....detto questo...sono una deficiente!!! mi ero pure segnata la data per partecipare al tuo giveaway...ma queste settimane sono state frenetiche...mi perdoni???
    Ti abbraccio forte, Roby

    RispondiElimina
  28. ehm...sai che non ho mai cotto un tacchino intero? Mi salvo la tua ricetta, si sa mai.........
    L'aspetto è divino!

    RispondiElimina
  29. Stefy, direi che come prima volta hai ottenuto un grande risultato!! Complimenti.
    Domanda ormai di rito: il forno è ventilato o statico? Grazie mille e un abbraccio

    RispondiElimina
  30. Ste', hai la capacità di farmi vedere tutte le scene dei tuoi racconti! Ti vedo con la faccia furbetta mentre a grandi falcate batti allo sprint il tuo collega americano nel nuovo sport "l'arraffo del tacchino"; per non parlare poi della faccia soddisfatta mentre te lo porti abbracciato stretto alla cassa!

    Ho dato anche una "sniffatina" alla ricetta.... :D :D :D

    Il prossimo tacchino lo farai "laccato"? :))))

    BaScioni!!! :)))))))

    RispondiElimina
  31. Fantastico, fantastico, fantasticooooooo!!!!! Se il tacchino è ben cucinato è buonissimo. Sei troppo forte Stè, anche il tacchino furbo....anzi furbissimo!!!!!! Grazie cara, buona serata.

    RispondiElimina
  32. ha proprio un bell'aspetto succulento e un colore dorato accattivante!
    Non so se oserò cimentarmi con un tacchino intero, ma di sicuro ho osato provare i tuoi cubetti furbissimi al pistacchio di parecchio tempo fa! Ho ripubblicato la ricetta citando il tuo blog dalle mille risorse e trucchetti salvacuoca!!!! Grazie!!!

    RispondiElimina
  33. mai mangiato un tacchino intero...figurati cosi... zucchero e zenzero! da provare!

    RispondiElimina
  34. Un incontro idilliaco tra i corridoi del supermercato che fu amore a vista...Stefy, sei stata coraggiosa il successo e' arrivato inaspettato ma meritato! Ho visto tardissimo il tuo giveaway e mi dispiace un sacco non va partecipato, ti faccio comunque tanti auguri per questi quattro anni di blog! Un abbraccio!
    Maddy

    RispondiElimina
  35. Ok ci sono mille ingredienti che mi mancano e non saprei neanche dove trovare ma il tuo giudizio non dà spazio a indugi: s'ha da fare!! me lo segno per il prossimo thanksgiving!!!!! mi spaventa un polla storia delle interiora... credevo il tacchino lo dessero pulito già! almeno, credo qui facciano così.... mi dovrò attivare! già mi vien da ridere al pensiero di discutere pretendendo di avere un tacchino non pulito!

    RispondiElimina
  36. che soddisfazione preparare un piatto cosiì , pieno di sapori e poi il bello è servirlo con questa salsina delicata e buonissima!

    RispondiElimina
  37. Sai che non ho mai mangiato tacchino per le feste di Natale? Sarei curiosa di assaggiarne uno di quelli tipici americani, ripieni, enormi...chissà se mai mi capiterà!
    Nel frattempo assaporo con gli occhi questa tua ricetta.

    RispondiElimina
  38. Io la voglio provare questa ricetta, ma adesso ho deciso che provo con una grossa fettona di coscia di maiale: ti faccio sapere!!

    RispondiElimina
  39. Che meraviglia questo tacchino, lo voglio provare.... mitica!

    RispondiElimina
  40. Mi era sfuggita...ma bella l'idea appare il pepe di Giamaica che non trovo...non di li ma qui al supermercato il tacchino me lo danno Gia pulito.per avere le interiora devo corre dietro a un tacchino con l'ascia in mano!!!! Domanda 2 viste le dimensioni....in generale.come pulisci il forno dopo queste cotture un po invadenti???

    Alice(star)

    RispondiElimina
  41. Mi ispira tantissimo questo tacchino... sa proprio di gran festa :)

    RispondiElimina
  42. E' già la seconda volta che lo faccio secondo questa ricetta... sublime! ;)

    RispondiElimina
  43. Wow questa primavera proverò ad usare questa ricetta ma cuocendolo nello smoker :P grazie!

    RispondiElimina