giovedì 21 novembre 2013

Cannolo di castagne con crema di ricotta al rosmarino e miele di castagno


Sarà che era destino.
Quel destino che mi ha illuso per un attimo.
Dev'essere che a casa mia "destino" sia sinonimo di "ripiano".
Del frigo, per l'esattezza.
Non è un ripiano, bugia.
E' un buco nero.
Polveri bianche, e di molti altri colori.
Dal giallo chiaro al marrone scuro, passando per tutte le gradazioni.
Farina di mais bianco e giallo.
Semola di grano duro, farina di riso, segale, mandorle, orzo, ceci.
Bulghur e quinoa.
Scorte preziose dei miei viaggi italiani
Lo so che c'è anche lei da qualche parte.
Che l'augusto consorte invocava un toscanissimo castagnaccio.
Mai realizzato, si intende, per cui la farina di castagne deve essere tutta lì.
File triple, e tocca smontare tutto.
Primo sguardo smarrito.
Come è possibile.
Che la memoria di cui tanto mi vanto cominci a vacillare?
Ah no, eccola la bustina ermetica in cui ho rinchiuso il contenitore.
Finita all'angolo.
Voglio piangere.
L'avevo scordato, quella specie di dolce che la prevedeva e manco era granchè.
Sessanta grammi rimasti, li ho pesati.
Che cavolo ci faccio.
Non credo che per l'MTChallenge del mese con la castagna come tema si apprezzerebbe l'ironia di una ricetta "senza" le suddette.
Vivo dove non si trovano per nulla.
Che mi invento.
Non c'è per un dolce, non c'è per un ripieno.
Non ci sarà ricetta, deciso.
Sarà una non ricetta.
Sarà ciò che voleva essere nella mia testa.
E lì rimarrà.
Ne è venuto uno.
E mezzo.
L'augusto ha detto che sa di castagnaccio e di cassata insieme.
Lo so che andrà fuori concorso, è ovvio.
Ricetta senza quasi l'ingrediente.
E vedendo la moda di quel che pubblico, direi che un po' me la sono cercata ;)

Non posso che invocare la pietà misericordiosa della giudice Pici&Castagne: avevo 60g di farina di castagne e basta. Quasi una reliquia, che sono stata attenta a maneggiare per paura di sprecarne un micron!
E se non fosse venuta, amen, non ci sarebbe stata possibilità di recupero.
L'idea è stata di unire i dolci preferiti dall'augusto consorte, castagnaccio e cassata: beh, sono contenta dell'esiguità delle porzioni perchè il risultato ce lo siamo litigato.
La castagna è per forza di cose solo accennata, quindi so bene che probabilmente la ricetta andrà fuori concorso.
Tanto lo sapete, ormai, che se è semplice non mi diverto :)


CANNOLO DI FARINA DI CASTAGNE CON RICOTTA AL ROSMARINO E MIELE DI CASTAGNO

per uno e mezzo :)

60g di farina di castagne
un uovo
circa 100ml di acqua, più o meno
un pizzico di sale

per il ripieno

rosmarino
miele di castagno
zucchero semolato

Per preparare questo dolce ho voluto che la ricotta fosse aromatizzata con il rosmarino, per cui ho messo dei rami di rosmarino fresco in infusione con il latte e panna che poi ho usato per realizzare lo pseudo-formaggio.
Questa operazione va fatta il giorno prima altrimenti la ricotta non ha il tempo di prendere la giusta consistenza.
Mescolare quindi con una frusta a mano la farina di castagne setacciata, l'uovo, l'acqua ed il sale. Ottenere una pastella per intenderci leggermente più liquida di quella dei pancakes e cuocere una crepe tonda in un padellino unto d'olio.
Lavorare circa 100g della ricotta ottenuta con qualche cucchiaio di zucchero a piacere, finchè non si sentiranno più i granuli e sarà cremosa. Farcire la crepe con la crema ed arrotolarla a cannolo, accompagnando con del miele di castagno al momento di servire.
Decorare con del rosmarino.


125 commenti:

  1. Un cannolo di castagne?
    E chi ci poteva pensare se non tu cara Stefania??
    Hai egregiamente accostato ricotta e castagne. Anche se poche il dolce è riuscito, quindi a me va bene così.
    Ma diciamocela tutta, chi non ha nell'angolo nascosto del proprio frigo/dispensa un contenitore con dentro qualche ingrediente che non ricordavamo di aver messo lì per ricordarcelo???
    A me capita più spesso di quanto pensi ;-)))

    Alla prossima non-ricetta che mi piacerà sicuramente!!!

    RispondiElimina
  2. Della serie o la va o la spacca...
    :-) però dai secondo me il risultato c'è tutto!!!
    Ciao

    RispondiElimina
  3. Fuori concorso o no...beh a me piace e molto. Grande idea! La rifaccio sicuro...magari un po' più abbondante che io la farina di castagne nella patria del castagnaccio la trovo senza problemi :)

    RispondiElimina
  4. Oddio, che meraviglia! Bravissima!!
    Anche io ho preparato una crostata con la farina di castagne, farcendola di una crema alla ricotta... mi piace un sacco l'abbinamento!

    RispondiElimina
  5. questa ricetta è ancora più preziosa perché hai dovuto far fronte alla ristrettezza dei mezzi, mi piace moltissimo il profumo del rosmarino e la morbidezza della crema, bellissima idea :-)
    un bacione

    RispondiElimina
  6. Oh.. questa sì che è soave, bella, invitante. Coem i dolci da cui proviene, ma più delicata di entrambi. Rosmarino, miele di castagno... piena di aromi... e poi, questa è o non è la terra delle crêpes? Averla sul tavolo per colazione!
    Anche se qui come ricotta siamo messi male. Confesso che quel formaggio all'anglosassone, intendendo con anglosassone l'approccio culinario USA/GB che risolve ogni scoglio tecnico/temporale delle ricette con dosi da cavallo di grassi, lievito o zucchero a seconda dei casi, mi convince fino a un certo punto. E non perché sia eretico (gli eretici li studio), ma per il tipo di eresia... Però l'idea è favolosa!!! Cremosa... Mi sa che andrò di ricotta "blu", ahimé, l'unica che qui si trovi, e pure quando ti dice bene.
    Altro che fuori concorso, per me, è una delizia semplicemente elegante e curata, come sempre le tue invenzioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se per ogni ricetta che mi spremo dal cervello ti esce una poesia del genere potrei assumerti come adulatore personale .)

      Elimina
  7. Eccoti con due cose italianissime!!! Castagne...che delizia! E ricotta nel cannolo...mi ricorda i miei parenti a Siracusa...e chissenefrega (!!!) se ti mettono fuori concorso! Tu dall'altra parte del mondo ce l'hai messa tutta e ancora una volta hai dimostrato che con poco si può creare un grande piatto,basta la volontà e la fantasia!

    RispondiElimina
  8. Stefy è un idea strepitosa e poi tutto realizzato cosi con 60 g di farina, sei un genio!!Un bacione,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che era una ricetta che non ammetteva fallimenti :D

      Elimina
  9. da Lucchese, estimatrice della Garfagnana e le sue leccornie, ti dico brava, un classico rivisitato in modo raffinato :-)
    magari non ci pensavi nemmeno a quel pezzetto di mondo quando lo hai fatto, ma questa ricettina ha una storia infinita ...brava! Taty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hanno spiegato che ricorda una ricetta toscana che però non conoscevo. Beh, ho fatto involontario omaggio alla terra dell'augusto consorte :D

      Elimina
  10. Non amo particolarmente la farina di castagna mentre mio marito si...così ogni tanto devo cedere al castagnaccio...magari sotto questa forma la apprezzerei meglio...proverò :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me il castagnaccio non piace tanto...ma una crepe intera l'avrei mangiata!!!

      Elimina
  11. Non esser così severa dai!
    Io la trovo goduriosa!!!

    RispondiElimina
  12. Tutto questo realizzato con soli 60 g di farina? Beh ma doppi complimenti, Stefy!!! Bravissima! :D Il cannolo mi piace un sacco, goloso e invitante... poi c'è la ricotta che io adoro, lo mangerei adesso :P Un abbraccio e buona giornata :**

    RispondiElimina
  13. Castagne? Io appena leggo castagne sbavo (scusate il termine poco elegante..) e appena vedo delle preparazioni così raffinate mi esalto!
    Un abbraccio carissima
    simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raffinata magari no, diciamo...tirata per le orecchie :D

      Elimina
  14. solo perchè eri quasi senza castagne io ti farei vincere!! Poi voglio vedere la faccia delle partecipanti all'MTC quando proporrai il filetto di cammello!!! :-)
    Bravissima Stefy, di necessità virtu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahhahahahahah appunto per questo non vincerò mai più :D

      Elimina
  15. Non ho capito perché dovresti essere fuori concorso. Solo perché non avevi sufficiente farina? Mah....io sono qui che lumo lo schermo come una drogata e mi dico che certe idee vengono davvero quando non te lo aspetti. Mi sembra davvero un meraviglioso risultato.
    Un bacione grande.

    RispondiElimina
  16. Ma bene! mi piacciono sia il castagnaccio che la cassata. E ho pure la farina di castagne che sta in scadenza (comprata, mai usata) pensanpò!
    baciotti cara!

    RispondiElimina
  17. Con solo 60g hai creato una meraviglia altro che no-ricetta, sei brava Stefy e che idea!
    Baciiii

    RispondiElimina
  18. Il senso della precarietà dato dalla scarsezza di un ingrediente e poi la la preparazione che nasce per esigenza mettono in risalto la vitalità neuronale di questo blog, che confesso, io invidio.
    Certo se per un verso non si può che plaudire alla soluzione trovata d'altra parte non posso però non constatare anche una sorta di sadismo nel pubblicare\condividere un dessert che la mente ha bisogno di immaginare riprodotto per interi vassoi e non in 1,5 esemplari che nel mio caso non riuscirebbero nemmeno a compensare il foro di una otturazione ;) ehehehehehehehe
    Detto ciò, mi sono scorso un pò di ricette "furbe" vecchie e tra l'altro ti ho segnalato anche ad un amico di web che mi chiedeva ricette sicure con la farina di cocco...e mi chiedevo, meno male che il tuo blog c'è, senpre con il medesimo stile e approccio anche se confesso che con il tempo stai affinando scrittura ed ironia ancor più, ritagliandoti uno stile sincopato che pian piano stai personalizzando sulla tua figura e su quello che il blog è.
    Brava sotto tutti i punti di vista...ma povero Augusto consorte a dover vedere solo un cannolino e mezzo nel piatto...:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte che l'attività neuronale che vedi vorrei vederla pure io (a me sembra che il neurone non goda di buona salute ahahahha) direi che l'augusto non se l'è passata tanto male dato che questa è stata un'energetica merendina :D

      Elimina
    2. Se gli fai fare tutte quelle torture...pardon esercizi fisici che condividi su Fb...altro che energica merendina...quello è il minimo di calorie per non svenire!! :D ahahahhahaah

      Elimina
  19. mamma che delizia..fa un gran gola questa tua creazione particolarissima!
    ti abbraccio

    RispondiElimina
  20. Scommetto che al prossimo giro in terra natia farai una gran scorta di farina di castagne perchè sapendo quanto ami l'augusto consorte glielo rifarai sicuramente. Il castagnaccio no, ma questi si ;-)
    Cannolo di castagna che sa di cassata...solo tu potevi dare vita a una cosa del genere ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già segnata nella lista dei beni preziosi da importare!!!

      Elimina
  21. Anche se avevi pochissima farina di castagne sei riuscita abilmente nell'impresa. Questi cannoli sono deliziosiiiiiiiiiiii. Un saluto affettuoso
    M.G.

    RispondiElimina
  22. In realtà io questa cosa l'ho mangiata in vacanza tanti anni fa a una sagra. Non mi ricordo il nome del posto, ma so che sta tra la Lunigiana e la Garfagnana...c'erano frittelle di castagna (che loro chiamano "neccio") e crepes, entrambe ricoperte di crema di ricotta. Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi, la riprova che non ci si inventa niente!! Mai visti, ma confermo che sono buoni :D

      Elimina
  23. nooooo!!!!!! non ci posso credere!!!!! sei riuscita a fare un capolavoro con tutti questi "impedimenti"......e te lo dice una siciliana....
    bravissima!!!!!

    RispondiElimina
  24. wow sei stata troppo brava a risolverla cosi!!!

    RispondiElimina
  25. Bellissima idea!! Da provare sicuramente!

    RispondiElimina
  26. io penso invece che l'arte di arrangiarsi sia molto in tema col tema del mese ( e scusa il gioco di parole) :)

    RispondiElimina
  27. In genere, per principio, non commento i post relativi a questo challenge, ma sei stata troppo brava e volevo dirtelo :-) Della serie "volli, sempre volli,.." etc etc..
    Buona giornata, ciao!.-)
    Cinzia

    RispondiElimina
  28. Ma sono i NECCI!!!!
    io non vado particolarmente matta per le castagne ma la famiglia si..... i necci van per la maggiore da ste parti.
    Possibile che siano sconosciuti in quel di livorno??

    Alice Star

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A domanda l'augusto consorte risponde che non li ha mai sentiti O_O

      Elimina
  29. No no, non può finire fuori concorso.....la castagna c'è! per uno, ma c'é!!
    Buonissima l'idea, io l'adoro!
    Mi piace un sacco l'immagine del tuo ripiano del frigo...chissà perchè...
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehhehehe è il frigo a non esserne contento :D

      Elimina
  30. Non andrà sicuramente fuori tema/concorso perchè è semplicemente fantastica questa ricetta!!
    Complimenti davvero, mi sembra di sentire il profumo da qui!

    RispondiElimina
  31. Posso dirti la verità?
    Secondo me la non ricetta ci sta. E chi dice che noi food blogger dobbiamo per forza cucinare per un reggimento,
    A volte va bene così: si cucina solo per noi, solo per uno stuzzichino. Giusto giusto lo spazio nello stomaco per un cannolo e mezzo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E diciamo che volevo fare uno stuzzichino...una monoporzione tirata tirata :D

      Elimina
  32. Se sa di castagnaccio e cassata potrebbe creare dipendenza ^^

    RispondiElimina
  33. Bella come idea! E, soprattutto, una ricetta TUA! :))))

    BaScioni

    RispondiElimina
  34. A parte il fatto cha da Toscana doc a me la tua ricetta piace tantissimo, soprattutto se penso che è stata realizzata tra le dune e non davanti al monte Amiata, però Araba, non dirmi che non ti piace il castagnaccio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm...lo mangio, si, ma non ci vado matta :/

      Elimina
  35. sei un genio con solo pochi grammi sei riuscita a realizzare un dolce goloso e strepitoso, se non ti accettano nel concorso non ti dispiacee vuol dire che non capiscono niente, baci

    RispondiElimina
  36. Direi che il tuo cervello geniale e furbissimo ha tirato fuori da un avanzo di farina di castagne un dessert originale e delizioso! Spero proprio non vada fuori concorso!
    buona serata
    Alice

    RispondiElimina
  37. ehehe capita anche a me di ritrovarmi con pochissima farina quando proprio mi serve! ottima ripiegata direi :) come sempre alla grande riesci a trovare la soluzione ad oc :)

    RispondiElimina
  38. E io che per una volta pensavo di trovarmi di fronte a una ricetta elaborata :)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahhahahah da queste parti è difficile :D

      Elimina
  39. Ci vuole bravura a creare un bellissimo cannolo con soli 60 g di farina.meriti di vincere.

    RispondiElimina
  40. genialeeee,mi piace tantissimo ,brava all'ennesima potenza

    RispondiElimina
  41. l'avevo già addocchiato ieri ma non ero riuscita a passare.ma che spettacolo è? perfetto per una cena importante, sfizioso e invitante e di stagione!mi piace!

    RispondiElimina
  42. ooooooh! ricotta, castagne, miele e rosmarino, buonissimo! solo 60 gr di farina di castagne e guarda cosa hai tirato fuori dal cilindro... strepitoso!
    a presto
    Chiara

    RispondiElimina
  43. Buonissimo! croccantino e con un ripieno semplice e profumato!
    un bacione

    RispondiElimina
  44. La fine del mondo..... Tu sei un'artista. Chapeau!!

    RispondiElimina
  45. Pazienza se sarà fuori concorso ma questo cannolo per me lo vince. Una super ricetta golosa che utilizza finalmente la farina di castagne in modo inusuale.

    Bravissima!

    RispondiElimina
  46. Che sia fuori concorso, ho i miei dubbi, perché la castagna c'è ed è quello che conta. E poi voglio vedere chi oserebbe tanto, di fronte a tanta golosità e al recupero del prezioso reperto dalla dispensa.

    Fabio

    RispondiElimina
  47. e tu con 60 gr di farina ci hai fatto il miracolo!!!!
    il cannolo tosco-siciliano mi fa sbellicare dalle risate, ma solo perchè tu hai avuto un' idea alla MacGyver.
    tu saresti in grado di tirare fuori il castagnaccio dal sacchetto vuoto della farina.
    in punta dei piedi mi avvicino per darti un bacio con lo schiocco, e ringraziarti.
    senza di te non sarebbe stato lo stesso, ed io non so come farti percepire tutto il mio orgoglio, se solo sapessi quanto sono onorata di averti "qui"....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono io che ringrazio te: merito tuo il divertimento di questo giro :)

      Elimina
  48. che delizia deve essere, tu hai preso l'uno o il mezzo??? Secondo me dovresti stare dentro, che i miracoli in quest'epoca di disillusione van premiati.

    RispondiElimina
  49. Che bellissima ricetta, peccato non avere avuto più ingredienti base per fare più cannoli :)

    RispondiElimina
  50. Google non voleva che esprimessi la mia adorazione per questa delizia, ma ho avuto la meglio, ora ti spammo anche, per rappresaglia :D

    RispondiElimina
  51. e vabbè dai, che importa il concorso... l'importante è che sia buono :-P
    mi incuriosisce il ripieno di ricotta e rosmarino...
    brava!

    RispondiElimina
  52. E invece secondo me sei in pieno concorso: ho visto ricette di paste e gnocchi, perfettamente in concorso, che prevedevano più o meno la stessa quantità di farina di castagne che hai usato tu.
    Solo che tu hai avuto un'idea di una genialità mai vista, e che stuzzica i miei sensi: il mio amato cannolo proposto in uno scrigno di farina di castagne??? Ma questo lo devo fare assolutamente!!! E quella crema di ricotta al rosmarino, che strizza un po' l'occhio al castagnaccio toscano? E il miele di castagno, che è in assoluto il mio preferito tra i mieli?
    E la tua bravura, visto che ogni volta fai un triplo salto carpiato all'indietro per trovare ciò di cui hai bisogno in pieno deserto? Altro che ars arrangiandi, questa è ars e basta!!!
    Un bacione.

    RispondiElimina
  53. se vai fuori concorso vado a genova e le picchio.
    è un'idea fighissima, anche perché castagne e ricotta è un'accostamento perfetto!

    RispondiElimina
  54. castagne...per me un peccato di gola senza pari!
    così come questo cannolo....lo ruberei dal monitor, ci credi?!
    Bacio!!!!

    RispondiElimina
  55. É un piccolo capolavoro di ingegno altro che!!! Magica come sempre :-)

    RispondiElimina
  56. Invitante, goloso, magnifico, perfetto per un pranzo elegante.

    RispondiElimina
  57. Tra un pò riuscirai a creare ricette anche senza nulla e qui si vede la capacità e la genialità!
    Che poi senza castagne questa non mi sembra proprio, 60 gr per una crepe e anche il miele di castagno...dì la verità, speravi di essere fuori concorso, invece mi sa di no!!

    Il tuo ripiano del frigo somigli tanto al mio sotto il forno!!
    ;)

    RispondiElimina
  58. secondo me sei in gara eccome!!! mica hai distribuito i 60 gr in 200 cannoli?? il sapore della castagna secondo me c'è tutto!! qui un premio non te lo leva nessuno :D

    RispondiElimina
  59. Ecco, a me quei 60g di farina sarebbero caduti per terra :P
    Bellissimo cannolo, in sfida o no!
    E mi piace l'idea di un cannolo a metà fra castagnaccio e cassata!

    RispondiElimina
  60. Come ti capisco! Io poi a furia di risparmiare un prezioso bottino di viaggio dall'Italia alle volte finisco per farlo andare a male.

    RispondiElimina
  61. Guarda, castagne e ricotta stanno benissimo (bravo all'augusto consorte, dai gusti raffinati! ;) ) e comunque 60g fanno parte di una dose (e mezza), se ne avevi 120 ne facevi due (o tre) e via dicendo... però, se proprio ti mettono fuori concorso... io non andrei a protestare... :D

    RispondiElimina
  62. Poche ma buone, dico io! La ricetta è bella e buona... peggio per voi che ne avrete mangiate meno!

    RispondiElimina
  63. Comunque sia è bellissimo e sicuramente buonissimo!!noi tifiamo per teeeee!!

    RispondiElimina
  64. Ho del miele al rosmarino molto buono e voglio provare questa ricetta sostituendo il miele di castagno con questo.Speriamo bene.

    RispondiElimina
  65. Mamma mia che delizia!!! In questo dolce c'è tutto quello che garba a me!!!

    RispondiElimina
  66. io ne farò dose quintupla ;) brava!

    RispondiElimina
  67. Arrivo, eh... con calma e tutta rotta, ma arrivo. E lo faccio solo per ricordarti che uno degli ultimi MTC è stato vinto da una ricetta dove le sarde, nel sugo, erano fuggite. Chissà che non capiti anche ad un cannolo che sa di cassata? ;-)
    Avessi la metà delle risorse che hai tu, non starei a scervellarmi su cosa preparare a pranzo e a cena ogni volta. E se le avessi tutte, sarei l'ospite fisso in qualche talent di magia... o di imitazioni, a scelta! Grandissima!!!

    RispondiElimina
  68. Bellissima questa ricetta! Io non so mai cosa fare con le castagne! Le uso pochissimo. Ma questa idea mi piace un sacco. Complimenti

    Giudy

    RispondiElimina
  69. un mix di sapore unico e buonissimo, realizzato

    RispondiElimina