giovedì 9 maggio 2013

Pollo marinato al limone, il più facile del mondo!


Di nuovo la stessa storia.
Corsi e ricorsi.
Inevitabilmente, credo.
A discutere delle stesse questioni.
L'augusto consorte parla, e se ne esce fuori con un termine sconosciuto.
Almeno ai più, includendo me.
Ribatto di trovare l'equivalente in italiano, visto che il toscano non lo mastico più di tanto.
Non l'avessi mai detto.
Tuoni e fulmini.
Lampi e saette.
Ma come oso.
Dovrei ricordarmi che lui, scusate, non parla toscano.
E' italiano arcaico, please.
E come tale dovrei rassegnarmi.
Forse inchinarmi.
Ascoltare rapita.
Non questa volta.
Sono pressocchè sicura che il termine in questione sia assolutamente astruso, altrochè.
Inevitabile la sfida.
Brandisce l'Ipad come una spada, mentre asserisce che si vedrà presto, chi ha ragione.
Lunghe, estenuanti ricerche.
Guardo di sottecchi fingendo il più totale disinteresse, e scruto il viso per indovinare.
Niente, non trova niente, ed  io vinco la scommessa di sicuro.
Eccolo! Vieni a leggere se non ci credi.
Mannaggia a me ed all'italiano arcaico.
La parola in questione esiste eccome, secondo l'Accademia della Crusca, in disuso ma esiste.
L'augusto consorte si sente ancora più augusto, mentre sospira che non ci posso fare nulla se non rassegnarmi: hai sposato uno che parla la lingua di Dante.
Sarà, ma ti capisci solo con i tuoi simili!
Che sfrontatezza da parte mia.
Sono io ad essere limitata, non lui a parlare in modo incomprensibile.
Ormai l'accento toscano ha preso piede, ben più dell'abusato romanaccio...
Tra i due litiganti il terzo gode.
E' la tv a parlare, ora.
Toh, guarda il tuo Dante.
Scrive sulla carta igienica.
E noi in silenzio.
Non c'è più religione, eh? ;-)


Il pollo che vedete qui è uno dei piatti fatti almeno una volta a settimana in casa arabafelice.
Preparo il sacchetto la sera prima ed il giorno dopo basta mettere tutto in teglia e si cuoce senza bisogno di intervento alcuno.
Non è il solito pollo: morbido, succulento come non immaginate.
E' uno di quei piatti che superano, e di molto, le aspettative: provate e mi saprete dire ;-)




MAGIC MARINATED CHICKEN
da Everyday Food di Martha Stewart

un pollo a pezzi, con la pelle
sale
due limoni
un paio di spicchi d'aglio
125 ml di olio extravergine
abbondante prezzemolo tritato


In un sacchetto di plastica per surgelati mettere i pezzi di pollo dopo averli salati.
Versare quindi l'olio, unire gli spicchi d'aglio interi, i due limoni a fettine sottili (ma non troppo o le troverete carbonizzate!) e abbondante prezzemolo tritato finemente.
Far riposare il sacchetto ben chiuso per 30 minuti, se lo tenete a temperatura ambiente e avete fretta, altrimenti mettere in frigo per un paio d'ore o anche una notte.



Con una pinza o una forchetta togliere i pezzi di pollo dal sacchetto scolandoli dall'olio ed adagiarli su una teglia coperta con carta forno.
Unire anche le fette di limone e la maggior parte del prezzemolo, insieme all'aglio.
Scartare invece l'olio rimasto.
Cuocere in forno preriscaldato a 220 gradi per circa 35 minuti, finchè il pollo risulterà ben dorato.

NOTE:

- in questa ricetta il pollo NON si cuoce nel sacchetto!!! Quello serve solo a marinarlo, poi i pezzi vanno tirati fuori e adagiati in teglia come da istruzioni.

- il pollo è buonissimo appena fatto ma anche il giorno dopo, ed anche a temperatura ambiente.

- l'aglio nella ricetta può essere diminuito o aumentato a piacere.

- visto che lo chiedete tutti, la parola in questione è...strinto...arcaico per stretto come spiegato qui !!!!

112 commenti:

  1. La parola in questione qual'era???
    Comunque adoro il toscano !!!!!
    Ottima questa ricetta easy easy !!!! Grande Stefy!

    RispondiElimina
  2. ciao Stefania
    aluuuura :oggi è giovedì proteico per me e questa ricetta solo a leggerla ha spalancato le porte della mia fame ^_^ quindi ora esco, compro il pollo elimino l'olio e mi faccio questa ricettina ^_*
    baci

    RispondiElimina
  3. Anch'io sono curiosa di conoscere la parola in questione...i tuoi racconti familiari sono sempre piacevoli da leggere....a proposito, mi chiamo Letizia e trovo sempre ottime idee nel tuo blog...ultima la torta alle fragole. Buonissima! Buona giornata. Leti

    RispondiElimina
  4. Carissima Stefania, premetto la mia provenienza da Firenze, per l'appunto la città di Dante! Che posso dire a riguardo delle dispute con "l'augusto"! Meglio passare al pollo!
    Battute a parte, a casa mia succede continuamente nonostante la nostra provenienza accertata da generazioni! Io credo che la tendenza a voler primeggiare sia insita nel nostro dna, non ci si può fare niente! Solo riderci sopra gustando questo tuo pollo che" parmi davvero straordinario "

    un abbraccio


    RispondiElimina
  5. Questo pollo stasera sarà la mia cena...grazie Stefania. Per quanto riguarda il resto, da toscana ti dico che io faccio lo stesso con mio marito, toscano anche lui, perchè da città a città , da paese a paese ci sono differenze sostanziali e termini improbabili. Ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto ora la storia di Macchia, sono senza parole. Un carezza anche da parte mia che amo tutti gli animali tranne uno....

      Elimina
    2. Ahahah! ! Pensa che a Livorno c'è una zona che si chiama Stringi-Stringi x via di un palazzo costruito un po "strinto"/ ovvero stretto. .

      Elimina
    3. Ahahhaahah comunico subito all'augusto consorte nel caso gli fosse sfuggito :D

      Elimina
  6. Ora però la parola misteriosa ce la devi svelare :) Mica vale solo il pollo! Che me gusta pure bello limonoso. Un bacione

    RispondiElimina
  7. aaaaaaah, e come no! il pollo col limone: succulenterrimo! (e adesso mi baccajassero 'sto superlativo...)

    RispondiElimina
  8. Il più semplice, e aggiungere il mio preferito!!! :-)

    RispondiElimina
  9. Che bella idea! Spesso a casa mia il pollo finisce rosolato ancora prima di rendermi conto della sua presenza in casa (ho una mamma velocissima in queste cose), ma appena riesco a impossessarmi del volatile mi cimento a provarlo!

    RispondiElimina
  10. E che t'avrà detto mai?!?
    si tira a indovinare?
    con cosa inizia?

    ps. sei la mia musa del furbissimo!

    RispondiElimina
  11. Ma come e la parola???? Noi siamo super curiose e super toscane!! Codesto pollo ci garba parecchio ;)

    RispondiElimina
  12. ci lasci cosi? con la suspense?
    e la parola misteriosa?
    ahahahah
    Appena ho letto il titolo mi sono fiondata qui, il pollo più facile del mondo non potevo lasciarmelo scappare! :)))

    RispondiElimina
  13. Ehi, ma non ci hai detta qual'era l'astrusa parola!!!

    RispondiElimina
  14. E qui non rimane che da provare!!!
    Ci lasci però con la curiosità sul "famosissimo" termine dell'italiano arcaico :)

    RispondiElimina
  15. Mi sono morta dalle risate a leggere questo post! Facciamo conoscere i nostri mariti così si capiscono fra loro! E noi invece cuciniamo qualcosa insieme ^^

    RispondiElimina
  16. Pollo al limone..uuhmmm gnam gnam wow wow...credo sia sufficiente come commento.
    Ho qualche remora sul sacchetto/saccoccio: l'idea di cuocere dentro un sacchetto mi fa, come dire, rabbrividire...non so, in questo sono molto tradizionalista.

    ...e la domanda nasce spontanea: quale parola era????
    Non puoi lanciare il sassolino e tirare indietro la mano... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, Stef, non si cuoce nel sacchetto! I pezzi vanno scolati e messi in teglia in modo tradizionale ;-)

      La parola era...strinto!!!!

      Elimina
    2. STRINTO!!
      Ovviamente è italiano, no?
      Non mi dire che non avevi strinto bene i lacci delle scarpe e sei inciampata nei millemila km a corsa!?!?
      :-)

      Elimina
  17. Ahah, che belle le disquisizioni di coppia in merito all'italiano antico :D
    E comunque nella pubblicità Dante scrive sulla carta igienica, e che ci si fa con la carta igienica? Ecco, amarezza a palate!

    Io adoro il pollo agrumato, e questo pollo facile facile facile e da preparare la sera prima.
    Salvata subito tra quelle papabilissime per la mia nuova cucina :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  18. Se io fossi Dante mi rivolterei nella tomba, vuol dire che la mia tanto sudata opera è considerata talmente orribile da farne un uso ben specifico...
    Invece io, con il marito, ho sempre la battuta pronta per coglierlo in castagna, sono buona e talvolta timida, ma mi "istiga" sempre, mi fa diventare diabolica....... e mi sa che ce l'ho nel sangue, visto che ogni tanto viene fuori!!!
    Buono questo pollo marinato, ma si può togliere l'aglio che non sopporto proprio? non riesco neanche a vederlo da lontano...
    Un bacio. Stefy

    RispondiElimina
  19. guarda alle volte le cose più semplici sono le cose più buone e gustose e poi ditelo che a vedere coscette così invoglia veramente!

    RispondiElimina
  20. E' anche light :) araba.... Sei super!!!!! Bacissimi Nikita

    RispondiElimina
  21. A volte vedo le mie amiche che si sono fidanzate o sposate con stranieri, e mi chiedo "Ma come fanno a mandarlo a stendere come si deve?". Vuoi mettere la soddisfazione di dirgli "Sta citu!" (=sta zitto) in piemontese e sapere che capisce? Elena

    RispondiElimina
  22. buonissimo il pollo marinato così, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  23. Guarda che non è l'unico. Avendo zia e cugini toscani, mi sono trovata spesso davanti alla scusa "ma noi parliamo l'italiano corretto". Il problema è che loro si giustificano anche se cambiano congiuntivi e condizionali.
    Almeno concordano con me sul fatto che l'Italia piace anche per le influenze (straniere) che l'hanno arricchita e ne hanno modificato anche la lingua; quindi voler allargare il proprio modo di parlare al di fuori della Toscana non è il caso. Dante o non Dante.
    A volte sono estremista, ma in questo caso trovo che la via di mezzo sia la migliore: conoscere il proprio dialetto ed avere i propri termini in base alla regione è normalissimo (e bello), ma saper parlare un italiano corretto e corrente, anche.
    Qui in Piemonte difficilmente sentirai dire "gomma da masticare", perchè la chiamiamo "cicles". Certo che se parlo con un non piemontese non pretenderò che lui lo sappia.
    Perdona la lunghezza del commento, ma è un argomento che mi fa infervorare, essendomici trovata (in maniera totalmente non divertente come la tua) varie volte con i parenti! :D

    Marinare la carne così mi piace moltissimo, ma lo faccio raramente. Devo ricordarmelo più spesso!

    Alice

    RispondiElimina
  24. Ma povero Dante, che glie fanno fà??
    Ma il più forte di tutti è l'augusto consorte (o il "Gustavo consorte", come mio marito l'ha inspiegabilmente ribattezzato perché "Augusto" proprio non gli sta in mente..)!
    Questo pollo mi stra-ispira, anche perché è la carne che cucino in assoluto più di frequente, quindi qualche variante è sempre più che ben accetta!!!
    un abbraccio
    sara

    p.s. ho provato la tua torta "paneburroemarmellata"...buonissima!!! Ho usato le fette di pane di riso per sglutinarlo, e ne è venuta fuori una colazione da sballo!! Grazie per le tue idee sempre furbissime!!

    RispondiElimina
  25. la parola, la parola!!!!!!Non puoi non dircela...!!!!! bello bellissimo "codesto" pollo, mi sa che lo faccio stasera!
    ....ah ecco , ho riletto sopra...."strinto"....non l'ho davvero mai sentita....e significa cosa?

    RispondiElimina
  26. Ciao Stefania!!!!
    Come stai????
    Eh, ma adesso pure io sono super curiosa di sapere la parola protagonista della disputa familiare...:-D
    Ottimo il pollo fatto così, adoro le marinature e non posso che segnarmi questa ricettina da preparare alle mie bimbe golosone!!!
    Ti abbraccio forte!!! Roby <3

    RispondiElimina
  27. Cara, tu almeno NON vivi nella patria della lingua italiana! Vivo a Firenze da 22 anni, ho sposato 2 toscani (si lo so, son recidiva) anzi 1 toscano ed 1 FIORENTINO. La scena della "cannella" l'ho vissuta con il "Coltrone" il "riscontro" la "sistola" - strinto l'avrei capito perchè si dice anche in bolognese.
    Mi hai risolto il pranzo.

    RispondiElimina
  28. un'altra delle tue ricette furbe e veloci che adoro, ma il forno è preferibile in modalità statica o areata?
    baci
    Alice

    PS anche io sono tra le curiose che vogliono conoscere la parola in questione:)

    RispondiElimina
  29. Pure il mio ogni tanto parla arcaico ... Ma che parola e'?!
    Credo che proverò prestissimo questo pollo;)
    Baciotti

    RispondiElimina
  30. Una volta ho letto che la marinatura in qualcosa di acido (succo di limone, yogurt, aceto) serve ad ammorbidire le fibre della carne. Da allora non mi sottraggo MAI alla marinatura, ché è un passaggio tanto semplice quanto efficace!

    RispondiElimina
  31. mi accodo alle altre, la parola qual'è??? curiosa io :-D
    questo pollo l'ho già sperimentato e mi è piaciuto tantissimo e poi come dice tu si fa in un niente, dobbiamo ottimizzare i tempi :-) a presto, Ros

    RispondiElimina
  32. Che te possino Stefà!!!!:)))))))))))))))

    RispondiElimina
  33. Ero rimasta un pò appesa con la parola... mi hai sollevata! Avrei pensato che strinto non era italiano.... Bello il pollo! un bascio!

    RispondiElimina
  34. Strinto?? E cosa significherebbe???
    Ottimo il tuo pollo, mi sa che copio anche questo !! :-). Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho aggiunto il link della spiegazione, sta per "stretto".

      Elimina
  35. Strinto!!! mai mai mai sentito, ma d'altronde, io vengo solo dalla regione che ha dato la prima Capitale all'Italia nonchè una genìa di re e sovrani secolare, non posso competere con Sua Maestà il toscano ;-) hihihi
    Lo cercherò subito in rete, il significato..
    e grazie per la ricetta del pollo, anche a nome di Gabriele, patito di polli, pollastri e polletti (sigh)
    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, ma figurati, loro hanno dato i natali a Dante e questo basta :-D
      Strinto è arcaico per "stretto" (almeno pare...)

      Elimina
  36. Finalmente la Buitoni ammetterà di averti scopiazzato col suo saccoccio? :-p
    Scherzo, ovvio!
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahhahahah, ma non c'è possibilità: il mio pollo si cuoce fuori dal sacchetto, non dentro :-D

      Elimina
  37. ok adesso però ci devi dire la parola tesoro non puoi lasciarci cosi:D!!
    Questo pollo promette alla grande quindi con te vado sul sicuro cosi come con Lorraine quindi non mi resta che provarlo!!!!Bacioniiiiii,Imma

    RispondiElimina
  38. ok, ottimo fresco il limone dà quel senso di fresco, brava a sceglierlo visto che il caldo arriva, un bacione da te è già tanto caldo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intorno ai 40 gradi, e per gli standard locali non è granchè ;-)

      Elimina
  39. allora augusto di nome e di fatto, povera te! Pollo succulento e con tutti i sapori che preferisco

    RispondiElimina
  40. ah, se solo potessi ancora mangiar eil limone! cosa mi perdo! ancora penso alle crepes dolci al limone caramellato...e mi sento male

    RispondiElimina
  41. Che bellissima ricetta! Da provare subito ;)
    Ciao
    Leo
    monsieurtatin.blogspot.it

    RispondiElimina
  42. Stefania grazie di cuore per questa ricetta, mia figlia vivrebbe di pollo e così è un ottima alternativa alla solita ricetta!!!! :))

    RispondiElimina
  43. ahahh!!!
    mitico l'augusto!!
    e se ti diceva: attacca la sistola alla cannella, bella strinta, eh?!
    del coltrone con le temperature delle vostre parti non ce n'è bisogno, non c'è problema di riscontri!;-)
    stasera mi sa che sperimento questo pollo..
    Giuliana

    RispondiElimina
  44. questo lo provo xke' ho sempre il terrore di fare il pollo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo non può venire male, credimi!

      Elimina
  45. Meravigliosa marinata... se hai voglia di passare da me, per il mese di maggio il mio contest CRE-AZIONI in cucina ha proprio il tema/azione di MARINARE! Ti aspetto?

    RispondiElimina
  46. Ciao Stefania, sono Antonella da Ischia.
    Non ti ho mai scritto, però seguo le tue ricette da tanto tempo....Sei bravissima e simpaticissima.
    Adoro i tuoi racconti.
    Ho già messo il pollo nella busta per stasera.... (ho un albero pieno di limoni in giardino ^__^)

    Sai che in napoletano antico c'è la parola 'astrinto' che significa stretto?Mia nonna la usava spesso....
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dico io, che tutto il mondo è paese...riferisco all'augusto consorte ;-)

      Elimina
    2. Confermo.
      Esempio,per dire:'Stringi questo coso',si dice 'astrign stu cos'.

      Elimina
  47. Nooo, che scoperta!! Io non faccio che prendere in giro il mio ragazzo perchè dice strinto, mi fa tanto sorridere..e invece esiste?! Comunque la stessa scenetta la vivo un giorno sì e uno no. E dovevi vedere la mia faccia quando se ne è uscito con la parola "smanimettere"!!
    E comunque, il pollo al limone è uno dei miei preferiti :-P

    RispondiElimina
  48. I tuoi post sono sempre una preziosa fonte di ispirazione...un pollo delizioso!!!!

    RispondiElimina
  49. ciao stefania deve essere buono!!!!!!
    ma si può cuocerlo con il saccoccio!!!!!

    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preferisco senza perchè viene rosolato meglio :-)

      Elimina
  50. Noooo, non ci posso credere. Io mio marito l'ho corretto qualche volta sentendolo usare questo termine e siccome sono io quella che ha fatto il classico non ha osato contraddirmi. E chi glielo dice che è corretto?
    Pollo e limone, uno dei miei abbinamenti preferiti. Ma con questa marinatura nel sacchetto non l'ho mai provato. Altra cosa da fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 2-0 per me e palla al centro ^_^

      Grazie Araba e per favore ringrazia da parte mia tuo marito.

      Elimina
  51. Non ci crederai ma anche dai noi (sardegna)si dice è ha lo stesso significato... Che Dante sia venuto a farsi le vacanze qui da noi qualche estate?????

    RispondiElimina
  52. ahahah, NB "i polli non si cuociono nel sacchetto"!!
    mamma mia Araba, ma tu sei troppo forte, ancora rido!
    invece, non ho capito bene la parola oggetto di disputa. ancora cannella?
    Bhè, il fiorentino ha il suo fascino (no, no, non parlo del tuo Augusto..;), però forse faccio prima a tradurre il latino che il fiorentino in italiano.
    ciao Stefi, un abbraccio! però aspetto la risposta: qual'era la parola? sono andata sul link vecchio, sull'accadamia e mi sono persino adagiata sulla carta igienica..!! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho messa nell'ultima nota, Vaty, è...strinto :-) ho aggiunto pure la spiegazione lì ;-)

      Elimina
  53. Stefania, ci regali sempre un sorriso e quel quadretto che hai descritto me ne fa venire in mente altri che mi sono familiari e che vedono me e Luca come protagonisti!
    Stupenda l'idea del sacchetto per la marinatura, non ci avevo mai pensato, ma la sperimenterò a brevissimo.
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  54. E' possibile riutilizzare l'olio nel sacchetto? Per condire un'insalata o per condire magari qualcosa da cuocere in forno contemporaneamente al pollo (magari delle patate o dei broccoli)? 125ml di olio extravergine non sono pochi e buttarli così è proprio un peccato... per me :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'insalata non so, c'è stato comunque a marinare il pollo...ma per le patate da mettere al forno direi di si!

      Elimina
  55. Non ti stupire...sai quante volte l'ho sentita la parola in questione? E qualche volta mi diverto persino ad usarla, come molte altre nostre toscane che sono così belle perché sanno di antico, di un passato che non è poi così lontano: uscio, stamane, a desina, stare a veglia...e perché no, strint'all'uscio!
    Il pollo è bono in tutte le maniere!
    Bacioni, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono bellissime queste parole!
      Ma strint'all'uscio non sono sicura di capirla: è una frase idiomatica? o vuol dire semplicemente sulla porta di casa? Grazie!

      Elimina
  56. Per un attimo, quando ho visto il pollo nel sacchetto, ho pensato che l'avresti cotto dentro la lavastoviglie....
    :D :D :D

    p.s. secondo me l'augusto prima se li va a cerca' e poi li esterna con nonchalance... :))))

    RispondiElimina
  57. Ne ho fatto uno simile sempre di Martha, però è la versione grigliata, presto lo posterò anch'io... ma voglio provare anche questa versione!

    RispondiElimina
  58. Strinto sembra dialetto marchigiano! Il pollo deve essere eccellentissimo...Ops, non é italiano...Forse arcaico?

    RispondiElimina
  59. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  60. Tanti tanti anni fa inconsapevolmente avevo usato "strinto" per "stretto" e la maestra lo aveva segnato come errore...adesso potrei contestare quella correzione.
    Sempre inconsapevolmente della sua provenienza, anch'io preparo il pollo così (senza sacchetto, ma in una terrina ben coperta e con gli stessi ingredienti di marinatura)... buono, anche se la prima volta avevo esagerato con l'aglio!
    Claudette

    RispondiElimina
  61. Ahahahah anche i miei amici toscani la dicono sempre ... e io puntualmente gli chiedo cosa vuol dire... tutte le estati dispute su come si pronunciano le parole,addirittura su come si legge l'ora -.-... Questo pollo me gusta!!

    RispondiElimina
  62. Pollo forever, Linda lo adora e pure io!!! altra ricetta perfetta e gustosa da provare!!Grande Stefania!

    RispondiElimina
  63. Sti toscani!!!! Io ho un amico con cui ogni volta che parlo rido ascoltandolo, anche se si parla di cose serie!
    Ottima ricettina, adoro il pollo in tutte le sue salse, ma così non l'avevo mai provato.

    RispondiElimina
  64. Ciao Stefania, ti scrivo per la prima volta, ma ti seguo da parecchio. Questi toscani, fiorentini in particolare,, vivono troppo del passato che hanno ereditato, ma fanno veramente poco nel presente...Insegno da 5 anni a Firenze e tutti i giorni i miei alunni non dimenticano di ricordarmi che "loro" sono concittadini di Dante. Ma io, insegnante di italiano alle superiori e siciliana, non mi risparmio nel sottolineare che Dante sicuramente non avrebbe potuto scrivere neanche l'ombra di un sonetto per la sua Beatrice senza aver conosciuto i componimenti della Scuola poetica siciliana. Vanno smontati, Maremma!
    Pollo marinato al limone? Da provare subito, per i miei bimbi e per noi grandi. Grazie per le tue ricette furbissime!

    RispondiElimina
  65. Si può mai replicare all'Accademia della Crusca?

    RispondiElimina
  66. This recipe looks delicious and very simple to make, sometimes a simple marinated roasted chicken is just what I need :)

    RispondiElimina
  67. Stefi...come ti capisco!! Sono sposata con un senese doc e guai a correggerlo. Peccato che metà delle parole che vuole far passare come italiano siano state inventate da sua nonna. Hai voglia a dirgli che lo zenzero non è il peperoncino..... Ma lo amo anche per questo.
    Comunque il tuo pollo sarà il piatto forte di domani sera con il mio nipotino. Andrà a ruba!
    Un abbraccio toscoitaliano.
    Sara

    RispondiElimina
  68. Strinto? ma allora l'Augusto aveva proprio ragione....

    E' troppo strinto, mi fa male al braccio......tipo


    RispondiElimina
  69. questa ricetta l'ho subito classificata da tenere sempre a portata di mano!
    baci baci

    RispondiElimina
  70. Graziella Carnevali10 maggio 2013 13:25

    Che simpatico tuo marito, Stefania, e colto! Vorrei fargli i complimenti, se tutti in Italia si ricordassero della lingua di Dante saremmo una nazione vivaddio più colta! Anche Oriana Fallaci, una delle più grandi scrittrici italiane , amava il toscano e credo di aver letto il termine in questione in uno dei suoi libri.
    E grazie per la ricetta, che mi sembra ottima e alla mia portata (quindi geniale).

    Macchia sta bene?

    RispondiElimina
  71. Ecco, mi stavo per aggiungere ai tutti che chiedono la parola. L'ho cercata ansiosamente per tutto il post! Se la capisce una lombardo-romana, che dirà l'Augusto (e pure l'Augusta), vale lo stesso ;-)?
    Il pollo al limone è una ricetta storica della mia ascetica madre (non oso immaginare la sua reazione davanti a MS), proverò a suggerire la variante :-). Ma molto molto volgarmente: se i pezzi di pollo si tolgono dal sacchetto con le mani, cambia qualcosa per il pennuto? Grazie! e grazie dei sorrisi che sempre ci regali. Son qui da una settimana e già sono oltre la fase della nausea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah bisogna che glielo chieda :-D
      Al pennuto importerà poco come lo tiri fuori dal sacchetto...ecco, si, io uso sempre le mani ma mi sembrava poco simpatico suggerirlo...

      Elimina
  72. Favoloso questo pollo penso che mi piacerà anche se non amo questo volatile...per il resto il massimo della comprensione da parte mia sono anch'io in un vicolo di questo genere.
    Buona serata cara.

    RispondiElimina
  73. giusto per precisione...fiorentini e livornesi non hanno molto in comune, parlano in modo diverso e ...i livornesi sono più simpatici! (si vede che sono di parte?!)
    Giuliana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, non apriamo questo discorso...a casa mia non se ne esce!!! :-D

      Elimina
  74. Araba....ricetta fantastica! Preparata ieri...tutti felici e contenti (e soprattutto io che non ho praticamente faticato!!!). Grazie!
    p.s. i tuo racconti son sempre fantastici!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti fatica solo il sacchetto ;-) grazie a te.

      Elimina
  75. mi piace questa, so già che verrà buona! :-)

    RispondiElimina
  76. L'ho provato ieri sera, con un polletto intero di un paio di kg: ho ficcato le fette di limone anche dentro e poi l'ho messo al forno anche con le patate. Sono rimasta colpita da quando sughetto è venuto fuori, nonostante le patate giustamente se lo siano assorbito in parte! E le patate sapevano stupendamente di limone. In realtà al mio Mago Pancione non sono piaciute le patate limonate e Minimangionissima diceva che erano frizzanti... Però io credo che tutto insieme era buonissimo e succoso!

    RispondiElimina
  77. MA COSA MI DICI MAI???? leggo solo ora questo post...(come ha fatto a sfuggirmi?? forse causa laurea? )
    1 punto all'augusto!!!!
    Strinto esiste!!!!! eccome se esiste.....(se non sbaglio.....ma sul latino traballo deriva da strinctus)
    esiste anche acnnella rigovernare e soprattutto CODESTO!!! che spagnoli a parte pare non usarlo più nessuno.....
    mi trovo dalla parte dell'augusto con il mio ragazzo non toscano....e come dico a lui... ascoltaci e impara ! :)

    Alice star

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su codesto siamo d'accordo...cannella mi vede già più perplessa...ma so che non vi si sta dietro ;-)

      Elimina
  78. Come, non sapevi cosa volesse dire "strinto"??? :D
    E' battaglia sempre aperta col mio consorte.
    E ora ha attaccato pure la figlia quattrenne. Ogni tanto mi tocca allontanarla dal Granducato per ripristinare le impostazioni linguistiche di default! ;)
    A proposito del pollo.. io così ci faccio anche le ali (no prezzemolo ma rosmarino e paprica), che in forno diventano croccantissime!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahhah sti toscani sono una setta :D

      Il tuo pollo alla paprika deve essere delizioso...:-P

      Elimina
  79. Ciao Stefania,stavo giusto cercando una ricettina sfiziosa con il pollo e con te non si rimane mai delusi!!! Stasera lo porterò in tavola e poi ti farò sapere come è andata. PS:dalle mie parti si usa (veramente lo usano oramai soltanto le persone più anziane)il termine strento per dire stretto(per ex se devi dire ho stretto forte si dice ho strento forte!!).CIAO e a presto!!!! :-)

    RispondiElimina
  80. Come promesso eccomi qua ad aggiornarti sul risultato della ricetta. E' stato un trionfo!! Mio figlio di dieci anni mi ha detto"mamma per la prima volta ho mangiato tre pezzi di pollo,lo devi fare più spesso"; mia figlia che ha tredici anni mi fa "finalmente si mangia un pollo cucinato in modo diverso dal solito". Che dirti Stefy,è piaciuto a tutta la famiglia,mio marito compreso. L'ho fatto marinare per tre ore soltanto perchè non avevo molto tempo a disposizione,ma la prossima volta faccio come te e lo lascerò insaporire per tutta la notte. PS: esperimento riuscitissimo anche con la coca cola cake,semplicemente fantastica,proprio come te!! GRAZIE SEI FORMIDABILE!!! :,)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felicissima e lo dico con cognizione di causa, visto che sono stata una bambina che ha fatto molto penare la sua mamma per mangiare...quindi immagino la tua soddisfazione!
      Quest cosa di strinto/strento quindi ormai è sdoganata e il mio augusto consorte mi prenderà in giro a vita :-)

      Elimina
  81. Ciao Cara Stefania, rieccomi in cerca di ricette da provare, dopo un lungo periodo di pausa forzata per motivi vari... Scusa la domanda forse un po' ingenua, ma se devo preparare il pollo per sei persone, (buone forchette nee) quanto pollo secondo te dovrei comprare? Avrei mezza idea di prepararlo per una cena tra amici per festeggiare il compleanno dell'uomo di casa... :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena, diciamo che se c'è anche il primo piatto calcolerei 3 pezzi di pollo a testa....:)

      Elimina
  82. Solo una parola per questo pollo che e' piaciuto a tutti.... Fa vo lo so!!! Grazie :)

    RispondiElimina
  83. Stefi, l'ho fatto oggi perché mi serviva una cosa pratica e veloce... fantastico! E ho anche girato la ricetta a mio fratello che vive solo e si è leccato pure i baffi :D Grazie, sei sempre preziosa :*

    RispondiElimina