lunedì 25 marzo 2013

Fideuà con maionese alla tahine


Mi sembra di averlo accennato su queste pagine, un paio di volte.
Ebbene si, vivo sul mare.
Il Mar Rosso per essere precisi.
Dovrei essere inondata da pesci, crostacei e molluschi a non finire.
Specie per merito, o colpa, dell'augusto consorte che spesso ama trascorrere i fine settimana immerso, è il caso di dirlo, nella sua amata pesca in apnea.
Bene.
Senonchè qui arriva la filosofia.
La filosofia della pesca secondo l'augusto.
Dunque, non si prendono pesci troppo piccoli, che devono avere il tempo di crescere.
Non si prendono bestie troppo grandi, che si faranno una bella figura come trofeo per le foto ma spesso non hanno carni tenere come altre di taglie più umane.
Non si pesca più di quello che si può mangiare nello stesso giorno della pescata.
Beh, unica eccezione ma la capirete, la volta che ha preso un tonno.
Da solo.
Con il fucile.
Ed un amico che provvidenzialmente si trovata nelle vicinanze e l'ha aiutato prima che l'animale avesse la meglio.
Tonno sott'olio fatto in casa per diverso tempo, ma vuoi mettere la soddisfazione?
Non si spara a nulla che non sia ampiamente commestibile.
Chiamiamola pesca sostenibile.
Sostenibilissima anche dalla sottoscritta, visto che il pescatore si tramuta in pescivendolo in men che non si dica e qualunque cosa abbia portato a casa l'ha sempre anche accuratamente pulita, squamata e sfilettata.
Meno sostenibile dalle piastrelle della cucina, da cui poi tocca staccare squame per mezza giornata ma consideriamolo un dettaglio trascurabile.
Come vada a finire la maggior parte delle volte mi sa che già lo immaginate.
Un bel niente.
A parte l'evidente divertimento.
Meno male che c'è la filosofia, però.
Ed a dispetto di quel che si pensi aiuta anche in questi casi.
Con una frase ormai nell'archivio storico di casa arabafelice.
L'augusto consorte la pronuncia sempre con la stessa espressione.
Di accettazione dell'ineluttabile.
Il mare prende, il mare dà. 
Oggi ha preso.
Nulla da obiettare.
Solo che a me per cucinare questo piatto è toccata una visita al locale mercato del pesce.
E lì nemmeno la filosofia ha potuto aiutarmi.
Ma il perchè ve lo racconto un'altra volta ;-)


Mi sembra più che chiaro che la ricetta di oggi partecipi all'MT Challenge di questo mese, in cui Mai ci ha sfidato a ricreare un piatto della tradizione catalana: la fideuà.
Talmente bello e appetibile per i nostri gusti che non ho osato cambiare una virgola, tranne ovviamente i pesci usati per il brodo e la salsa di accompagnamento.
Ma d'altronde un tocco arabo non si poteva non darlo...;-)





FIDEUA' CON MAIONESE ALLA TAHINE
dalla ricetta di  Il colore della curcuma
 per due persone

150 g di spaghetti spezzettati (circa 3cm)
4 grossi pomodori ben maturi
uno spicchio d'aglio
150 g di gamberoni
150 g di calamari
poca paprika
poco zafferano di pistilli
sale, olio extravergine

per il brodo

acqua
sale
una grossa cipolla
pesce vario ( per me Najil e Hamour, varietà del Mar Rosso)

per la maionese alla tahine

un uovo intero
olio di semi
sale
tahine (pasta di sesamo)

Preparare il brodo il giorno prima, mettendo il pesce in acqua fredda insieme alla cipolla a pezzi.
Far bollire per mezz'ora abbondante, schiumando di tanto in tanto.
Filtrare.
Il giorno dopo scaldare una larga padella con poco olio extravergine e tostare gli spaghetti spezzettati, facendo attenzione a non bruciarli. Metterli da parte.
Nella stessa padella cuocere velocemente i gamberi ed i calamari puliti, salandoli alla fine.
Mettere da parte anche questi.
Ora aggiungere un po' d'olio sempre nella stessa padella e versarci altro olio insieme a l'aglio tritato molto fine.
Unire ora i pomodori spellati e tagliati molto finemente, facendo restringere il soffritto.
Unire ora lo zafferano sciolto in poco brodo e la paprika.
Girare bene e unire il brodo preparato il giorno prima, e quando questo raggiunge il bollore aggiungere la pasta tostata.
Cuocere secondo i tempi di cottura della pasta, unendo calamari e gamberi verso la fine.
Agggiustare di sale e servire con la salsa preparata in questo modo: mettere nel robot con le lame un uovo intero e poco sale. Con le lame in funzione versare a filo dell'olio di semi ( quello d'oliva lo trovo troppo forte per questa preparazione) finchè il tutto addensa, questione di un minuto.
L'olio che serve è parecchio, circa 250 ml o poco più.
Togliere la maionese dal robot, aggiungere due cucchiai colmi di salsa tahine e aggiustare di sale.

NOTE:

- la preparazione sembra laboriosa ma basta organizzare il lavoro. Brodo il giorno prima, ed anche la salsa dura benissimo una giornata in frigo.

- usate una padella bassa e larga ma comunque ben capiente, dalla mia ha rischiato di debordare tutto diverse volte per averne mal calcolato la capienza.


60 commenti:

  1. Stefania,questa e' una super fideua'!Interessanti I "pesciolini" arabi..
    Un trucco per le squame ce l'ho: squamo il pesce
    dentro un bustone per la rumenta (Louis Vuitton,s'intende..)
    Baci!

    RispondiElimina
  2. Aspettavo la tua Fideuà e non avevo idea che tu abitassi vicino al mare. Anzi, mi ero fatta un'idea completamente diversa e adesso la collocazione geografica di casa Araba è ancora più confusa nella mia testa. Bando alle ciance, questa Fideuà è magnifica ed il tocco magico è dato da quella tahine....e siccome ne ho ancora un barattolo in frigo (tracce di Ottolenghi), ripeterò la tua maionese subitissimo. Grande come sempre. Un forte abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  3. Ma quanto mi piace la maionese alla Tahine!!!!
    Una cosa non l'ho capita: l'Augusto il pesce lo mangia oppure no?
    Bravissima come sempre.
    Nora

    RispondiElimina
  4. Secondo me in casa arabafelice si fanno moltissime risate :)
    E la filosofia dell'augusto consorte mi piace moltissimo! Quasi quanto la tua fideuà, con quella salsa che deve starci a meraviglia :)

    RispondiElimina
  5. Quanto meno il divertimento dell'augusto consorte, a volte, vista la sua filosofia, un pesciolino o due te lo porta... Il divertimento del mio, invece, porta solo biancheria sudatissima e sporca di terra da lavare... e per inciso, abito anche io sul mare... Ho detto tutto! ;)

    RispondiElimina
  6. Anch'io vivo sul mare!!...quello del Nord, pero'...Certo che con voi due e' impossibile annoiarsi. E adesso vado a fare conoscenza con il Najil e l'Hamour, un abbraccio e buona settimana.

    RispondiElimina
  7. ahaha.. non vi annoiate voi vero?!!
    ottimo l'abbinamento con quella maionese.. la preferisco mille volte a quella classica.
    baci

    RispondiElimina
  8. I tuoi piatti hanno sempre qualcosa in più, grazie!!!!

    RispondiElimina
  9. Guarda, se io avessi un marito che va a pesca, pur con la filosofia della sostenibilità e con il rischio che ogni tanto torni a casa a mani vuote, pulirei molto volentieri le squame dalle piastrelle della cucina :P
    Ottima la tua versione di fideuà, ma posso dire che non avevo dubbi? :)

    RispondiElimina
  10. Un tonno! Ma che sogno di sashimi. Il mare sa essere generoso. Ma quando prende, cosa avrà preso?
    La filosofia dell'AC mi pare da manuale, compresa l'osservazione sulle bestie da foto. E mi sa che è la prima volta che cucini degli spaghetti!

    RispondiElimina
  11. Anche mio cognato si dedica alla pesca in apnea "sostenibile", a differenza dall'augusto consorte, di cui apprezzo i commenti, lui riempi il freezer ed a me tocca soltanto la fatica di chiedere a mia sorella un pescetto "et voilà le poisson" ^_^
    La fideuà non l'avevo mai sentita..quante cose imparo con te!!!!!

    RispondiElimina
  12. classica con un tocco mediorientale speciale!!
    impeccabile come sempre
    besos
    Cris

    RispondiElimina
  13. Che bel tocco di luce ha quel piatto!
    Anche a me la ricetta è piaciuta tanto e la salsetta abbinata alla pasta mi ha sorpreso non poco! Non vedo l'ora di rifarlo anche se non per la gara!

    RispondiElimina
  14. Bella la filosofia di tuo marito...diciamo che per lui la pesca è più un modo per svagarsi che per prendere pesci:D!!Ottima questa tua propsota davvero saporita e ricca di gusto e quella maionese alla tahini mi intriga moltissimo!!Baci,Imma

    RispondiElimina
  15. Ciao, ho scoperto il tuo per caso e mi sono unita ai tuoi lettori...tanto per non perderti di vista!!!! Pesca sostenibile...ce ne fossero più come tuo marito!!!! Se ti va, vieni a fare un giro nel mio nuovo blog...Il Pappamondo!!!! Ti aspetto ;-)

    RispondiElimina
  16. Domani dritta al mercato del pesce: questo piatto si deve "clonare" (sono stata contaggiata dallo zio Piero ;)).
    Che grand uomo l'augusto consorte! se solo tutti pescassero con la stessa filosofia...
    e in attesa della ricetta di mercoledì, un saluto, Sabrina.

    RispondiElimina
  17. è sempre uno spasso leggere i tuoi racconti, soprattutto in giornate grigie. perchè non scrivi un libro?
    ciao
    eliana

    RispondiElimina
  18. Apperò, bisogna dire che è una filosofia complessa, che a quanto ho capito non frutta molto (almeno sulla tavola, eh!).
    Sarà merito del mercato del pesce (della cui filosofia ancora non sappiamo), ma la tua fideuà mi piace assai. Io ho puntato su una versione mutata, ma la prossima volta voglio fare la versione originale. E pure la paella :)

    RispondiElimina
  19. Mi piace questa filosofia del consorte...è come il suocero di mia sorella che va a caccia ma il più delle volte è per fare un giro nei boschi e torna sempre a mani vuote! Non oso immaginare le varietà di pesce al mercato...che spettacolo devono essere. Fideuà in perfetto stile italo-arabo-spagnolo...un bel mix. Un bacio

    RispondiElimina
  20. Che bontà... per decenni ho detestato il pesce, ma alla fine l'esser nata in riva al mare ha avuto la meglio, quindi prendo nota per i prossimi piatti estivi (premetto che in questo momento siamo sotto lo zero, grandina e la bora ha ampiamente superato i 100 km/h, quindi l'idea dell'estate mi alletta parecchio...).
    Un bacio, Tatiana

    RispondiElimina
  21. Bella come filosofia marittima!!
    Al mio di consorte però il mare prende e basta perché è allergicissimo ai crostacei...
    e dire che sono così buoni!!!!
    La maionese alla tahine però mi ispira non poco..
    un abbraccio
    sara

    RispondiElimina
  22. Che bello Stefania!! mi hai fatti venire una voglia di mare.....!!!!! certo non posso "ambire" al mar Rosso , ma potrei accontentarmi di un mare più vicino!! ....però già che ci sono una vacanzina in mar Rosso si potrebbe anche pianificare.....vabbè non divaghiamo, concentriamoci sul piatto: mi sembra di sentirne il profumo! bello bellissimo!...e mi piace anche la filosofia di tuo marito :-)
    ciao, un bacione

    RispondiElimina
  23. Non conoscevo questa ricetta... ma grazie a mtc ne sto facendo una scorpacciata! Un bascio grande!!

    RispondiElimina
  24. La filosofia del consorte non ha una piega:)
    Buonissima la tua fideua':)

    RispondiElimina
  25. che spettacolo questa ricetta
    baci

    RispondiElimina
  26. Carissima devo confessarti che prima della ricetta mi appasionano i tuoi racconti e cerco di immaginare anche il Mar Rosso.... poi arrivo alla ricetta.
    Favolose, tutte veramente io adoro gli accostamenti con diciamo aromi orientali, un pò meno abbinati con la pasta perchènon sono intollerante ma lo stesso non la digerisco e mi confesso...non mi piace granchè non sono la classica italiana pastaiola (marito vivrebbe solo di quella ma lui ha origina famigliari napoletani) io invece sono acquisita e parto da altre latidudini.
    Detto questo, la ricetta me la sono segnata come l'altra Paratha e non solo quella quando le faccio te lo dico.
    Buona settimana qui oggi ghiaccio neve boraaaaa insomma freddo cane e per la stra si scivola, bloccato l'altopiano per ghiaccio e sembra alcuni pezzi di treni rotaie ghiacciate.
    Passami un po di caldo... caiooo

    RispondiElimina
  27. interessante la filosofia del consorte, però sotto certi punti di vista la condivido!!
    splendida ricetta e interessante la maionese alla tajine :-)

    RispondiElimina
  28. i tuoi racconti sono sempre simpaticissimi, mi è venuto in mente un post in cui raccontavi dell'occhio del pesce e ho letto questo con un po' di timore :P

    non ho mai assaggiato al fideuà, ma questo mese tu e le altre mtchallengers mi avete fatto venire una voglia!!!

    RispondiElimina
  29. Bravissima splendida e splendida ricetta, l'ho fatta anch'io ieri e ne sono rimasta entusiasta e la tua con il pesce freschissimo deve essere ancor più buona
    per la padella hai ragione si rischia di strabordare
    un abbraccio
    Manu

    RispondiElimina
  30. un piatto davvero gustoso...grande Stefy come sempre!

    RispondiElimina
  31. Bella la frase ad effetto per motivare la mancata pesca..."il mare prende, il mare dà!". FA anche..."saggio"!
    Cinzia
    ps..sai che non commento il pesciume..,-)

    RispondiElimina
  32. Il tocco arabo non deve assolutamente mancare...
    Certo che la filosofia della pesca non è niente male. La condivido a pieno. Anche se in questo modo andare a pescare diventa una faticaccia... :-)
    E ovviamente c'è di mezzo anche la tua fatica di andare ad acquistare il pesce al mercato. Ma se uno vuol mangiare... :-)
    Complimenti per il piatto che hai preparato. Deve essere buonissimo.

    RispondiElimina
  33. La tua salsa deve essere perfetta con la fideuà di pesce, io invece ho avuto qualche difficoltà a reperire il pesce e infatti la mia fideuà sarà veg ;)
    Un abbraccio e buona settimana

    RispondiElimina
  34. Mi rendo conto che è un dettaglio, ma la cosa che più mi ha deliziato (da usare anche in altri piatti) sono gli spaghetti spezzati!

    RispondiElimina
  35. La filosofia Arabafelice non fa una piega. Un applauso al maritino perche': a) la prende con filosofia: b) pulisce il pesce!!! (impensabile a casa mia)
    E un applauso alla mogliettina che si prende la briga di andare dal pescivendolo e preparare cotanta delizia
    :D

    RispondiElimina
  36. Giusta la filosofia del consorte, non fa una piega. ;)
    Una scoperta questa Fideuà e anche la versione con salsa arabastyle sono sicura che è incredibile.

    RispondiElimina
  37. Il consorte ha sempre ragione no.....
    e intanto te vai a comprarti il pesce ;-)
    bellissima e immagino buonissima la tua fideua' dal sapore orientale!
    A presto

    RispondiElimina
  38. complimenti per il blog e per le tue ricette gustosissime:) ti seguo con piacere, fallo anche tu se ti va;)

    http://dolci5stelle.blogspot.it/

    RispondiElimina
  39. Mi piace la filosofia dell'augusto consorte!

    Secondo me, comunque, la migliore pescata l'ha fatta fuori dall'acqua! Capissshhhammme ;)

    Bacioni :)))

    RispondiElimina
  40. ha ha ha mi hai fatto ridere!! i paradossi della vita ;-) bella anche la tua versione, specie la salsa che non conoscevo :-)

    RispondiElimina
  41. buonissimi questi pesci :) e poi amo le spezie

    RispondiElimina
  42. ho giusto mezzo barattolo di tahine la devo provare questa maionese!

    RispondiElimina
  43. beh...lafilosofiadel consorte non fa una piega!! :)
    mi mancano un po' di ingredienti, ma questa ricetta è molto accattivante e mi intriga non poco.
    ti auguro una magnifica settimana!

    RispondiElimina
  44. ....ho ricordi di pesca con papà e fratelli con molta meno filosofia: partivano tutti abbarcati, con fucile-arpione-rete...stavano ore in acqua per poi rientrare con pescetti lunghi un mignolo frantumati dal fucile....meno male che son passati tanti anni e che ora noi figli siamo tutti più che ecosostenibili!...aspetto il racconto del mercato del pesce...è ho già una vaga idea di quello a cui ti riferisci...buona giornata cri

    RispondiElimina
  45. e a me mi sembra di averti già detto:.......sono invidiosa ahahhaahah
    mamma che bello ,colpa peraver vissuto sulle coste della sardegna S.teresa di gallura e sulle coste dell'adriatico ...peccato non aver potuto dare questo ai miei figli ,
    vivere al 5 piano di una città non è il massimo per i polmoni...
    la fiduà con pesce del mar rosso sarà una delizia

    RispondiElimina
  46. e lo sapevo che mi mancava qualcosa... non parlo del pesce del Mar Rosso...ma della Thaine, mannaggia a me .... me la sono persa questa!! dovrò assolutamente rimediare :D... baci Flavia

    RispondiElimina
  47. La fideua non la conoscevo fino a 20 minuti fa ed è anche per questo che adoro tutte voi dell'MT challenge <3
    La tua è uno spettacolo!
    Sappi che ora che ho problemi di internet a casa, spesso, tipo ora, leggo il tuo blog dalla biblioteca dell'università durante le pausette, e mi sono appena beccata un'occhiata truce per aver sghignazzato un po' troppo rumorosamente! :D
    "il mare prende, il mare dà.
    Questa volta ha preso"
    mi ha steso! :D
    un abbraccio! :)

    RispondiElimina
  48. Io adoro quell'uomo: ha punti di contatto con il mio amato bene non da poco.... Filosofo, amante del pesce, che però non pesca quasi mai, perchè non ha cuore di ucciderlo e comunque non avrebbe in quasi nessun caso, neppure per lui, la dimensione corretta.... Ma, in compenso, quando, una volta comprato, lo pulisce, tutte le piastrelle ringraziano per l'assaggio...
    Non dico altro se non un BRAVA a te grandissimo!
    Baci
    Dani

    RispondiElimina
  49. cioè ha pescato un tonno in apnea quasi da solo??
    cioè col fucile in apnea e lo ha preso con l'aiuto di un amico? MA DEVE ESSERE TOSTO L'AUGUSTO!
    perchè ho amici impazziti per la pesca e vedo sempre immagini di loro che si fanno vedere il mega tonno pescato da barca con tanto di amo ancora alla bocca, mentre entrambi (pescatore e pesce) sorridono all'obiettivo. caspita, complimenti all'Augusto allora!
    quindi, non ho capito, almeno il tonno fresco sott'olio è rimasto? perchè io lo trovo una vera prelibatezza.. potrei sopravvivere di tonno!
    veniamo alla ricetta: allora io la pasta di sesamo ce l'ho presente ma sai che non riesco a ricordarmi se l'ho mai provata questa maionese cosi? e niente, mi tocca rifarla, cosi da darmi una risposta ^_^
    ciao stefi! mi piace la tua versione, molto local e con quel tocco di oriente!

    RispondiElimina
  50. Da me oggi ci sono -5 gradi e nevica, il 26 marzo. Arrivo qua e ti leggo che parli di Mar Rosso, pesci e immersione... c'e' qualcosa che non torna, troviamo l'errore su :)

    [adoro la fideua!!]

    RispondiElimina
  51. Io invece dico.. il piatto prende e il piatto dà! E io prendo tutto!!! eheheh bacioni

    RispondiElimina
  52. per me che adoro il pesce la tua fideuà è eccezionale, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  53. TI INVITIAMO AD ISCRIVERTI AI NOSTRI CONTEST!
    speriamo tu faccia parte della nostra grande famiglia, partecipando con una ricetta adatta ai nostri prodotti!
    La famiglia di Cà Versa

    RispondiElimina
  54. Piatto da leccarsi i baffi e plauso al pescatore sostenibile!
    alice

    RispondiElimina
  55. Carissima Arabetta, spero che mi lasci chiamarti così, hai l'età di mia figlia. Mi pare di capire che vivi a Jeddah. Al di là delle ricette mi piace molto quando ci racconti del mondo di laggiù, é un mondo che conosco attraverso i racconti di mio marito che ci andava spesso in tempi eroici, negli anni 70, quando Jeddah non era certo quella che é ora. A me, nonostante avessimo buoni rapporti con tanti suditi, non mi ci hanno mai lasciato andare. Esiste ancora il hotel Kaki? Io vivo in Kenya e mi capita spesso di aiutare mia figlia che vive in Francia ad eseguire (via Skype) le tue ricette che vivi in Arabia. Le vie della cucina sono davvero infinite. Un abbraccio

    RispondiElimina
  56. Ciao Araba, i tuoi racconti sono sempre bellissimi e le tue ricette parlano da sole!!! Questa è veramente squisita! Un caro saluto Emanuela.

    RispondiElimina
  57. anche il mio babbo pescava in apnea e aveva la stessa filosofia =)
    però il pesce lo puliva in mare prima di portarlo a casa, il che salvava la cucina dall'imperizia certa mia e della mamma =) il tonno sott'olio lo hai postato all'epoca? come si fa!?

    Chiara @cavoliamerenda

    RispondiElimina
  58. Io con la filosofia non voglio niente a che vedere!!!!
    Mio marito voleva fare il filosofo... ha cominciato filosofia e poi lasciata a metà per andare a lavorare (come dice lui)... peccato che a volte pensa di essere filosofo a tutti gli effetti!
    Ti capisco, ma non ti dirò mai prenditi le cose con filosofia!

    il tuo consorte va a pesca e non ti posta pesci? pazienza....
    il mio lavora in posta e le volete le vado a pagare io? pazienza...
    Ma poi voglio vedere che faccia fanno davanti una fideuà del genere.

    Hai voluta farla in versione originale e mi piace tantissimo, perché ti sei adattata ai pesci, e ai adattato la salsa al luogo dove sarà mangiata questa fideuà, tutto torna alla perfezione!

    besitos!


    RispondiElimina
  59. Bella l'idea della maionese alla tahine!

    RispondiElimina