lunedì 18 marzo 2013

Crostatona di mirtilli



























Un colpo secco.
E la porta della mia aula si spalanca.
Ma non è ancora orario di lezione.
Non faccio in tempo a fare le rimostranze per chiunque abbia avuto l'ardire di entrare senza nemmeno bussare come medito nel nanosecondo che ci metto ad alzare gli occhi dal foglio che sto leggendo.
Sono due.
Arabi.
Alti.
Enormi.
Scuri in volto.
Non sorridono, non parlano.
Di certo non mi salutano.
Si fanno avanti con fare minaccioso.
La paura ha tante forme.
Questa non è uguale a quella che fa morire dal ridere chiunque sappia ormai che urlarmi "bu!" da dietro un angolo mi fa trasalire in modo piuttosto colorito.
E' quella che paralizza il respiro.
Che mi fa sentire fisicamente il sangue che se ne va via dalla mia faccia.
Non so chi siano i due energumeni piombatimi in classe di primo mattino.
Nono sono genitori, nè di certo nuovi alunni.
Non pensate che sia idiota se ho pensato subito a due terroristi.
Ma esperienze passate nel settore mi hanno insegnato a stare allerta, sempre ;-)
Mi levo le scarpe piano sotto la cattedra, che per scappare i tacchi non mi serviranno.
Mi alzo al rallentatore, la portafinestra non è lontana.
Mannaggia al ragazzo delle pulizie che la chiude sempre a chiave.
Acchiappo una penna, riuscirò a cacciargliela in un occhio prima di soccombere?
Venderò cara la pelle.
Aspetta però, sono ancora viva.
E i due tizi onestamente mi ignorano.
Stanno studiando la porta e la finestra.
Suona il telefono sulla cattedra.
Signorina, il telefono.
Solerti e attenti, per essere terroristi.
Ed anche un filino troppo ben vestiti.
Sento la cornetta che mi trema sull'orecchio.
Un preside ormai disperato mi avvisa che le guardie del corpo del principino da poco nuovo alunno della nostra scuola oggi faranno un'ispezione di sicurezza nei luoghi deputati ad accoglierlo.
Troppo tardi.
Ho già perso almeno cinque anni di vita dallo spavento.
E mi darò dell'idiota per il resto della vita.
Nonostante lavori circondata dai carri armati della Guardia Nazionale a scoraggiare chiunque voglia farci, diciamo così, visite indesiderate.
Conto i giorni, ora.
Al prossimo colloquio con i genitori :-)


Una classicissima ed americanissima pie, oggi,  o crostatona che dir si voglia :-) E' di un buono esagerato, con la brisèe friabile e burrosa come piace a me e il ripieno di frutta all'ennesima potenza.
Facile facile, vi stupirà il risultato, credetemi.
E se i mirtilli non vi piacciono provate con altri frutti di bosco che vi ispirino di più: mi raccomando però non omettete l'amido dal ripieno, che fa la differenza tra un sughetto delizioso e un gran pasticcio ;-)




BLUEBERRY PIE
per una tortiera da 22-24 cm
da Pies and Tarts di Martha Stewart

300g di farina
un cucchiaino raso di sale
un cucchiaino raso di zucchero
226 g di burro freddo
acqua fredda quanto basta, circa 50 ml o poco più

per il ripieno

900 g circa di mirtilli freschi o surgelati
50g di zucchero semolato
35 g di amido di mais
la punta di un cucchiaino di cannella
un cucchiaio di succo di limone

un tuorlo e poca panna (o latte) per spennellare

Per la pasta: mettere farina, sale, zucchero e burro freddissimo a pezzetti nel robot o nell'impastatrice.
Lavorare il tutto azionando la macchina solo ad intermittenza, finchè il tutto apparirà come grosse briciole e qualche pezzo di burro sarà ancora visibile.
Unire quindi un paio di cucchiai di acqua ghiacciata e riazionare la macchina sempre ad intermittenza, unendo il resto dell'acqua a poco a poco ma valutando sempre la consistenza: appena il tutto comincia a stare insieme è pronto.
Versare l'impasto su pellicola trasparente e mettere in frigo per almeno un'ora.
Se non si possiedono nè robot nè impastatrice mischiare farina, zucchero e sale. Unire quindi il burro ben freddo tagliato a pezzi piccoli e intriderlo con pazienza di farina usando le punte delle dita.
Quando la farina è tutta intrisa unire l'acqua ed aiutandosi con una forchetta e il meno possibile con le mani lavorare in modo che il tutto stia insieme. Far quindi riposare in frigo.
Stendere parte della pasta con un mattarello infarinato a circa mezzo centimetro abbondante di spessore e foderare una teglia da crostata con i bordi alti.
Mescolare i mirtilli con lo zucchero, l'amido, la cannella e il succo di limone. Versare subito nella teglia ed usare il resto della pasta per realizzare delle strisce.
Battere il tuorlo con la panna o il latte e spennellare i bordi e le strisce di pasta, spolverizzandole con zucchero semolato.
Mettere la torta in frigo per almeno 30 minuti (o in freezer).
Cuocere a 200 gradi per circa 20 mimuti, quindi abbassare il forno a 180 e continuare la cottura finchè la pasta sarà ben colorita.
La ricetta dice di proseguire la cottura per 55 minuti, ma nel mio forno è servito meno tempo!
Non toccare la torta da calda!
Farla riposare a temperatura ambiente almeno 3 ore prima di servirla.

NOTE:

- la pasta cruda può essere conservata in frigo una settimana, oppure congelata.

- il ripieno va realizzato e usato subito, non lasciatelo riposare.

- far attenzione ad usare una teglia con i bordi abbastanza alti, il ripieno è parecchio.

- volendo, la fetta di dolce può essere servita con poca panna semi-montata o una pallina di gelato alla vaniglia.

- la pasta è una brisèe, quindi abbastanza neutra. Non aumentate nè zucchero nè sale ;-)


83 commenti:

  1. oh mamma!!ti giuro che anche io sarei andata anel panico!davvero ti ammiro sempre di più sono convitna che nons ia semplice lavorare li!penso che la crostata ci voglia tutta!!!

    RispondiElimina
  2. :D e io he pensavo ad una punizione per averlo sgridato la volta scorsa...mi piacciono da matti le crostatone

    RispondiElimina
  3. Lì per lì mi sono spaventata anch'io leggendo il tuo racconto...non dev'essere affatto una situazione semplice quella...poi quando ho letto del principino..haha, mi sono fatta due risate... ;-)
    E lui come si comporta adesso? Potresti provare a farlo entrare nelle tue grazie facendo gli assaggiare uno dei tuoi dolci..stupendi come questa crostata! Un bacio

    RispondiElimina
  4. Mi sono lasciata rapire dalle tue parole e mi sono immersa nel racconto; sentivo di esserci anche io in quell'aula.
    Noooo, me ne esco, anzi entro in cucina e provo questa delizia!

    RispondiElimina
  5. Ho letto con il fiato sospeso...è andata bene dai!!!! Bellissima questa crostatona, una vera delizia!!!!

    RispondiElimina
  6. Mammamia!
    Come si dice dalle nostre parti... : "Che smaltita"

    :))

    RispondiElimina
  7. Allora li vedrai tutti i giorni? Che disagio! La crostata è bellissima però!

    RispondiElimina
  8. mamma mi che ansia!!!e che delizia la crostata

    RispondiElimina
  9. PS
    sai che mi sono dovuta ri-unire a questo blog? Il google connect non mi funzionava più... accidenti mi sa che mi toccherà farlo manualmente per un tot di blogs adesso...

    RispondiElimina
  10. Questa ricetta mi piace tantissimo!!!!!! Grazie!!! Volendone accompagnare una fettina (o fettona ;) cosa suggeriresti? Gelato? Quanto alla tua esperienza.. Ingannerei l'attesa del colloqui con un chiarimento con il preside: la telefonata deve arrivare PRIMA, ne' dopo ne' durante........ Mi sembra troppo zerbinante il fanciullo.. E disattento verso voi, alunni e docenti, che dei 5 anni di vita in più sapete sicuramente che fare .... Bacione a te @ Nikita

    RispondiElimina
  11. Potrebbe sembrare esagerato se si dimentica che si tratta di uno stato come l'arabia saudita. Chiunque, con un pò di senno, sarebbe morto di paura! Mi rendo però conto che ovunque l insegnante è sempre l'ultima a sapere cosa succede .. Da provare il tuo crostatone! :) Buona giornata, serena

    RispondiElimina
  12. "Non toccare la torta da calda!"
    e tu lo sai che qui, 'qualcuna', capitombolerà disobbediente... :P
    crostata fantastica: I'll do!

    RispondiElimina
  13. ORCA MISERIA!!!!
    Pure questo??? I bodyguards che fanno un controllo sicurezza, ommamma!!!
    Anche se hai già avuti epserienze "allarmanti" i tuoi -5 anni di vita non te li ridà nessuno.
    C'è da porre a tuo favore che, nonostante tu abbia rimesso "al suo posto" il piccolo principino nel suo primo giorno di scuola americana, le guardie del corpo non ti hanno controllata ed avvisata su come devi porti nei confronti del loro protetto...soprattutto la tua linea di condotta non ha fatto "scomondare" il papino ;D, allora continua così "massiccia ed inca...ta".
    Ma al ricevimento genitori vengono direttamente i reali o mandano qualcuno al loro posto?? Curiosità...

    La crostatona sembra decisamente delicious e l'acquolina in bocca nasce spontanea..uhmmm che bontà!!! Gli uomini della famiglia potrebbero gradire ^_^

    RispondiElimina
  14. Tesoro immagino lo spavento:D e penso proprio che grazie a questo principino ne vedremo delle belle alameno quanto questa crostatona da urlo!!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  15. Comprensibile il terrore. Meno male che tutto si è risolto per il meglio!

    Comunque questa pie è deliziosa, già lo so!!

    RispondiElimina
  16. Ahahah :D i tuoi racconti sono unici, ma io penso che ci sarei rimasta secca!
    Questa crostata sembra buonissima (e nemmeno tanto burrosa ;) ), ma qui i frutti di bosco si trovano solo congelati!

    RispondiElimina
  17. Mamma mia che paura!!!!!! Sto principino rompe proprio di continuo... :-) Va beh consoliamoci con la tua meravigliosa crostata!!!
    Un bacione e buona settimana!
    PS: oggi faccio i tuoi panini al burro ripiegati...

    RispondiElimina
  18. Non toccare la torta da calda... ma come si fa a resistere?
    Te lo dico prima: io non ce la posso fare.

    RispondiElimina
  19. ahahahah ma quante te ne capitano!!! Questa crostata mi fa pensare a nonna papera! Mettine una sulla finestra la prossima volta che i due tipi passano a fare un controllo!

    RispondiElimina
  20. Davvero ti sei tolta le scarpe per partire a razzo? Tutto sommato l'analogia con i terroristi non è campata in aria. Son sempre persone che vivono pronte a usare le armi con cognizione di causa... ho coabitato per un po' con un ex-marine e una volta che aspettavo fuori dalla porta del bagno lui è uscito con uno scatto puntando verso il mio angolo come per sorprendermi... ora fa il boxeur ed è un armadio ambulante, ti lascio immaginare!
    Comunque per i rari casi in cui ho avuto occasione di vedere degli Arabi penso che siano stati due gran bei giganti, alti, aitanti e quant'altro.
    Mirtilli in questa stagione non se ne vedono, ma ho un'infinità di marmellate da smaltire, potrei cannellarne una e prendere ispirazione da questa pasta burrosa - non sarebbe più la stessa torta, lo so, addio sughetto, temo! :-/ a meno che tu non abbia un consiglio da darmi per la pasta (o anche tutto un dolce) ideale da marmellate.

    RispondiElimina
  21. P.S.: ringrazio commossa dell'attenzione per chi non ha impastatrici o robot. Chissà perché il discorso mi coinvolge alquanto :-)...

    RispondiElimina
  22. Devo dire che la situazione che ti è capitata è abbastanza roccambolesca...

    RispondiElimina
  23. Accidenti che paura mi immagino, e poi insomma che tipi arroganti!

    Riguardo alla "pie" inutile dire che è meravigliosa vero!? Secondo me è irresistibile. A me una fetta!

    RispondiElimina
  24. fiuuuuu!! stavolta mi son preoccupata anche io! la tua freddezza nel pensare di toglierti le scarpe mi ha stupito, io sarei rimasta paralizzata come mi capita di solito nelle situazioni che richiederebbero invece mente fredda e prontezza di riflessi! :-D
    Consoliamoci con una fetta di crostatona!!

    RispondiElimina
  25. Omamma! Il fatto di leggere il post mi ha fatto pensare che fosse andata bene alla fine, la foto della crostatona mi ha convinta definitivamente! Ammiro la tua freddezza in un momento del genere :)

    RispondiElimina
  26. Ho perso 6 mesi di vita semplicemente leggendo il tuo post... Sei sorprendente!
    La torta è rassicurante e ringraziano tutte coloro che non sono munite di planetaria :-)
    Buon lunedì

    RispondiElimina
  27. Caspita, che cosa assurda avere un alunno principe... di sicuro ogni giorno sarà una sorpresa, ma quando i genitori verranno a udienza? O ti preleveranno e ti porteranno nella loro reggia? Ussignur... La crostata è meravigliosa, con quel tripudio di mirtilli, uno dei miei frutti preferiti.

    RispondiElimina
  28. Quando si dice "essere pronti a tutto"... Certo che lavorare circondati carri armati dev'essere un tantino inquietante.

    Bellissima la pie, ma tu e Martha siete due garanzie! :)

    RispondiElimina
  29. mamma mia, ho sudato freddo (immagino tu!) certo che sto principino è proprio molesto! ; ) proverò la crostata senz'altro. un abbraccio!

    RispondiElimina
  30. Pie da sogno! Quanti giorni mancano al colloquio con i genitori? :P

    RispondiElimina
  31. Io penso che sarei svenuta!

    Buonissima la tua pie!

    RispondiElimina
  32. Tralascio i commenti su questa goduria che voglio rifare al più presto, soprattutto per le indicazioni sul ripieno, per dirti che anche io ho perso un paio d'anni insieme a te! Seppur sapevo che se leggevo, tutto era ok, mi sono immedesimata...e poi sono anche andata ad approfondire le news sul principino... sta migliorando? Certo che se passa il suo tempo a contatto con adulti incapaci di bussare, salutare e presentarsi, la colpa non è tutta sua!!! Un abbraccio.
    Alice

    RispondiElimina
  33. Stefania hai un gran coraggio!!! io sarei svenuta all'istante!!!
    altro poi che crostata per riprendermi!
    :D

    un abbraccio

    RispondiElimina
  34. ciao coraggiosissima "arabaintrasferta", ma così poco zucchero nella pasta?
    ciao
    Giuliana

    RispondiElimina
  35. Graziella Carnevali18 marzo 2013 14:08

    O caspita Stefania, che sangue freddo! Togliersi le scarpe per scappare più veloci e controllare la porta finestra! Io avrei inziato ad urlare "Aiuto, signor preside, aiuto" scatenando l'inferno. Ti ho già detto che invidio moltissimo il tuo self control? Qualche lezioncina me la daresti? Intanto proverò a fare la tua torta, che mi sembra fantastica (e anche alla mia portata, spero).Certo che il principino ti movimenta la vita.

    RispondiElimina
  36. Posso solo immaginare il tuo stato d'animo. Fantastica la tua crostata. Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  37. Ciao Stefania!che buona!!! da fare...poi adoro la marmellata di mirtilli quindi me la segno ;)) baciii

    RispondiElimina
  38. che modo originale per perdere anni di vita!! pie o crostatona eccezionale!

    RispondiElimina
  39. Stefania certo che la tua non dev'essere una situazione facilissima ...ma tua hai sempre lo sprint per gestirla e raccontarcela e mi apice (così come mi piace il principino...)
    Anche questa crostata mi piace, anzi crostatona....e in effetti rende di più l'idea e ti dirò che mi piace ancora di più!!
    buonissimo lunedì

    RispondiElimina
  40. eh questi principini, un avviso prima di iniziare l'ispezione no? Ti sei ripresa con il dolce, brava

    RispondiElimina
  41. Crostata senza uova ? La proverò sicuramente !!!
    Se ti va passa a guardare cosa combiniamo noi in cucina http://chefandwife.wordpress.com/

    RispondiElimina
  42. che ansia...vabbè mi rilasso immaginando quanto sia buona questa crostata!

    RispondiElimina
  43. Oh beh...le tue pie sono sempre perfette.
    La metto tra i piatti "da provare assolutamente".
    (pensa che adesso ogni voltache faccio una torta mio marito mi chiede "Ma...è dell'arabafelice?!", perché a questo punto sei una garanzia!!!)
    Ti ho lasciato un piccolo premio ribelle nel mio blog.
    http://celiakeira.blogspot.it/2013/03/pochi-ma-inspiring-e-le-lasagne.html

    RispondiElimina
  44. Stefy cara quasi mi spaventavo anch'io... mamma mia che personaggi:) mi gusto la crostata! purtroppo causa allergia non posso mangiare frutti di bosco in questo periodo ma non mancherò appena tutto passa di prepararla.. guscio e ripieno come sempre perfetti e super calibrati per una delizia tutta in stile Arabafelice:) ti abbraccio tanto buon lunedì:*

    RispondiElimina
  45. Che esperienza!! I ragazzi che cosa hanno pensato, vedendoti sbiancare? Domani l'altro compio 50 anni, potrei realizzare tante piccole crostatine, ma piccole piccole, ai mirtilli guarnite con un ciuffo di crema chantilly, che ne dici? Alternative, altrimenti? Un abbraccio ce'

    RispondiElimina
  46. cara Stefania, il tuo sangue freddo è stato messo a dura prova! meglio pensare alla torta, adoro i frutti di bosco, che buona!!!

    RispondiElimina
  47. Povera che paura!!!! Ti ammiro molto per la tua serenità non ostante vivi in tensione costante! Un bascio e complimenti per la crostata!

    RispondiElimina
  48. Che buonissima!!!!!!!!!!!
    Mi dispiace per la paura, da come scrivi stavolta è stata tanta.
    Baci.

    RispondiElimina
  49. Santo cielo, avrei pensato pure io a dei terroristi!!! Certo che a te non mancano le emozioni forti eh???
    Io mi accontento dell'emozione che mi suscita questa torta Stefania, è spettacolare, adoro i mirtilli e dev'essere buonissima, segno..cavolo ma devo pur trovarlo il tempo di fare tutte le ricette della mia cartella 'to do'...
    Questa la metto davanti alle altre però ;-)
    Baci, Roby

    RispondiElimina
  50. i mirtilli non mi piacciono? stefi, erano i miei frutti di bsoco preferiti! segno la torta nel caso un giorno l'allergia mi dà tregua e questa brisèè la sento già in bocca...come la paura per te. capisco benissimo, è bene stare sempre all'erta! bella quei dei tacchi, forse non mi sarebbe venuto in mente!

    RispondiElimina
  51. Ciao Stefania sono anni che ti seguo in questo bellissimo blog e provo le tue ricette,una garanzia!
    Oggi mi sono decisa ed ecco che è nato il mio blog:
    criminiincucina.blogspot.it
    tanti saluti da Milano
    Chiara

    RispondiElimina
  52. Grande l'Araba........sempre qualcosa di spettacolare seppur semplice.....brise' e mirtilli......uno spettacolo nello spettacolo.....Un saluto da chi ti segue sempre anche se commenta poco......

    RispondiElimina
  53. Hai descritto la scena così bene che mi hai trasmesso la paura hihihihiihih povera Stefy...altra ricetta semplice e buona...sei unica smakkk

    RispondiElimina
  54. Occavoli deve essere stato davvero una brutta esperienza. Certo che il tuo preside è un po scarso come tempismo...poteva anche informarti con un po' più di anticipo.
    Dopo uno spavento del genere io mi sarei concessa due belle fettone di questa crostata, tanto per tranquillizzarsi :)

    RispondiElimina
  55. ormai mi sto appassionando a cotal principino (e ti assicuro che da me in aula all'università ne ho di altrettanto spocchiosi, e non hanno neppure la 'scusante' di essere di famiglia reale). Ma è bravo o no? intendo intelligente, dotato? me lo puoi rivelare oppure dopo divresti uccidermi?? ; )

    RispondiElimina
  56. mi sa che ne sentiremo ancora delle belle da questo principino! chissà se si ammorbidirebbe un po' davanti a questa fantastica crostata? un bacio grande

    RispondiElimina
  57. Ah ah...mi fai morire dalle risate. Ieri mentre sfogliavo un libro di ricette in Rinascente a Milano, ho visto le pagine dedicate al tuo blog ;-)

    RispondiElimina
  58. che tipo sto principino... la crostata è il top come sempre!!!

    RispondiElimina
  59. Stefy...io te lo dico, non so sinceramente quanti anni avrei potuto perdere io ad una cosa del genere *.* Ho come l'impressione che sto ragazzo ti darà un pò di fastidi...
    Questa crostata potrebbe divenire una delle mie torte prefertie...appena trovo dei buoni mirtilli la provo, mmi piace infinitamente! :-***

    RispondiElimina
  60. Parto dalla crostatona di mirtilli...spettacolare! E'una crostata che da soddisfazione, che colma il piatto ed il gusto con quel corretto equilibrio dato dalla contrapposizzione brisèe (abbastanza neutra), ripieno.
    Mi piace tanto davvero.
    Passiamo quindi al racconto. Qui la mia ernia-razionale potrebbe scrivere interi capitoli in merito al rapporto che ognuno di noi ha con le proprie paure, per poi calare l'argomento nel contesto di quelli le cui paure derivano da ambientie situazioni meno psicologiche e piè drasticamente concreti.
    La prima volta che ci siamo conosciuti ho notato da subito quanto il vivere certe esperienze vi avesse dato una maturità ulteriore rispetto ai vostri coetanei (i laureandi in corso di studio...mica i matusalemme come me!) ed anche una apertura mentale derivata dalla giusta assimilazione di certe esperienze, le stesse che di contro portano fisiologicamente a vivere con paure tutt'altro che astruse.
    Non c'è una morale, ovviamente, da trarre i questa mia piccola considerazione, quanto la conferma di una sempre più radicata forma di stima in chi per amore vive una vita...come dire...leggermente più "movimentata" o quantomeno più "insolita" rispetto a quello che avrebbe potuto avere nel proprio paese. Il resto lo fa la tua\vostra sensibilità, in cucina come nella vita. Sembra una sciocchezza ma trovo naturale essere orgoglioso di conoscervi, davvero :)

    RispondiElimina
  61. Ovviamente se avessi riletto avrei evitato ripetizioni ed errori...ma sono giustificato...questa mattina non ho fatto colazione con questo crostatone e quindi vado perdonato a prescindere! :P eheheheh

    RispondiElimina
  62. Mi hai fatto andare in iperventilazione! :O
    TERRORE! e poi, come se non bastasse, mi hai anche fatto venire l'acquolina! :P
    mmmhhhhh...crostatona!!! Da provare assolutamente! Io ADORO i frutti di bosco! <3

    RispondiElimina
  63. Ciao Araba, mi noisa la tua vita è? Comunque io sono una super fifona perciò non oso pensare quello che ti è passato per la testa in cinque (forse meno) minuti di orologio....effettivamente la cordialità non è l'arma vincente dei bodyguard!! La tua crostata è una bomba!!! a presto Manu

    RispondiElimina
  64. io penso che sarei morta sul colpo!!!! tu invece hai pure pensato a toglierti le scarpe per scappare, un mito :-D
    passiamo a questa bella e buonissima crostatona che riempie gli occhi e il palato!divina!
    un abbraccio, Ros

    RispondiElimina
  65. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  66. crostatona perchè proprio bona, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  67. Anche io lavoro con gli arabi spesso. Probabilmente per influenza culturale, alle volte mi mettono soggezione e al contempo li trovo così affascinanti... quella carnagione scura e quei vestiti color sabbia!

    Cmq bando alle ciance... sembra la crostata di Biancaneve!!

    RispondiElimina
  68. Ahahahhahahaha!!! Sei stata già brava, io credo mi sarei spinta a urlargli contro: "chi siete?? cosa volete???? AIUUUUTOOOOOO!!!!!" ;)
    Come va col principino? Non è che conosce qualcuno che possa darmi un lavoro, a Miami? ;)
    Questa pie è favolosa, e richiede tutti ingredienti che qui si trovano con facilita'!! evvai!!! Al mio uomo i mirtilli non piacciono ma a me si, credo che mi coccolerò un poco, stavolta....!

    RispondiElimina
  69. mamma che goduria, la voglio rifare al più presto, magari senza l'emozione del finto attacco terroristico, più alla nonna papera. sempre emozionante la vita dalle dune.

    RispondiElimina
  70. E pure io me li sarei persi 10 anni di vita ma mai e poi mai mi sarebbe venuto da togliermi le scarpe... caspita se sei avanti :-) Come del resto a proporre questa pie, a dir poco fantastica :-)BAci!!

    RispondiElimina
  71. Io arrivo sempre tardi ma la tua crostata è spetacolare.
    Ho fatto anch'io una crostata di frutta ieri sera, per festeggiare il Martirio che compiva gli anni, ma con la frolla (quasi) classica (o aggiunto 50 gr. di farina di mandorle togliendone altrettanti dal totale della farina) e con la marmellata di susine nere fatta da me...e scaglie di mandorle.
    Arrivo Martirio (e torta) in ufficio ore 9.00
    SMS con la foto dei miseri resti (poco meno di un pugno di briciole) ore 9.15: che dici, sarà piaciuta?
    La tua me la segno e mi sa che la preparo domenica per il suocero (che adora la frutta) mentre cerco ancora un'idea per il Martirio....
    Baci
    Nora

    RispondiElimina
  72. ho avuto un calo di zucchero solo per aver letto...passami una fetta di crostata, anzi due !Certo che laggiù non hai tempo per annoiarti, eh?

    RispondiElimina
  73. Consolati...io ogni volta che sento un rumore forte penso a un terremoto e ogni volta che un aereo vola troppo basso penso ad un attacco di Al Qaeda..., da quel cuordileone che sono...
    Facciamoci una fetta di crostata, va, che è meglio..:-)
    Cinzia

    RispondiElimina
  74. dopo il post della mapi sulle arancine di cracco
    vengo qui e riscopro il tuo blog stupendo ( scusa l'assenza ma sai ho avuto troppii problemi in famiglia purtroppo )
    e poi leggo il tuo post e faccio altre risate
    voi dell'mtc siete pura medicina guaribile ed inguaribilmente uniche io vi adoro giuro vi adoro tutte
    peccato che non posso starvi tanto dietro :(

    RispondiElimina
  75. Ciao Araba, oggi ho fatto questa crostata. Pur avendo il libro Pies & tarts spesso ricorro alle tue versioni per evitare problemi con le conversioni in grammi e ho notato che sul libro di Martha la quantità di burro rispetto a 300 g di farina è non 113g bensì il doppio 226g. Hai dimezzato volutamente o è un errore? Io oggi ne ho messi 113 e devo dire che la pasta è un pò secca però con i mirtilli cremosi all'interno ci sta bene. Grazie Manuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops, mea culpa!!!! Ho trascritto sbagliato, ora ho corretto :( mi spiace!

      Elimina
  76. Nessun problema... così almeno posso dirmi che è dietetica e mangiarne qualche fetta in più!!
    Ciao Manuela

    RispondiElimina
  77. Ciao!quando si parla di crostatone alte e alte e belle ripiene e burrose non resisto, non posso fare a meno di mettere le mani in pasta.mi chiedevo però.. Tutti quei mirtilli in cottura non cacciano fuori tanta acqua che rischia di bagnare la pasta?o l'amido è sufficente ad assorbire il tutto?

    RispondiElimina