mercoledì 16 gennaio 2013

Starbooks di Gennaio 2013: Zuppa di porri e patate, non la solita

L'ho già detto, e lo ripeto.
Nella vita o mi piaci subito, o difficile tu possa riuscire nel futuro.
Sia tu un essere umano, un piatto, una serie tv, un maglione o una casa.
O un libro, appunto.
E libro che abbia a che fare con serie tv già parte svantaggiato.
Si perchè sotto le grinfie della banda dello Starbooks questo mese l'inaspettato: The Unofficial Downton Abbey Cookbook di Emily Ansara Baines.
Avete guardato l'omonima serie in televisione?
Ora non so a voi, ma le atmosfere dei castelli nella brughiera hanno sulla sottoscritta una capacità di coinvolgimento come poche altre.
Saranno gli abiti.
I tempi.
La storia.
Le buone maniere.
L'etichetta.
Non lo so, ma tant'è.
Ecco, la cucina forse no.
Ma sbagliavo.
In effetti sfogliando il libro noto che mangiavano molto meglio di quel che pensassi...e la deliziosa divisione tra i cibi dei padroni e quelli della servitù mi fa ritenere entrambe le parti degne di più di un'incursione.
L'autrice non è inglese, ma americana: glielo perdoniamo, visto che ha saputo mettere insieme un libro vero e non un pretesto per tenere due pagine insieme.
Con ricette autentiche e tanto di note storiche e di galateo che rendono la lettura piacevolissima al di là delle mere istruzioni di cucina.
E tanto di cappello, alla signora, che è riuscita laddove avevano già fallito in tanti: farmi acquistare un libro di cucina senza foto.
Di solito ne diffido.
Qui, invece, quasi a sottolineare con un paradosso la veridicità del tutto,  altezzosamente.
Della serie "le ricette sono vere, e vengono."
Se hai il coraggio di provare.
Senza naso all'insù ;-)


Prima ricetta testata, una zuppa di porri e patate: che non suoni banale perchè non lo è, oltre ad essere assolutamente british!
Innanzitutto una precisione delle dosi che fa riuscire il piatto senza cambiare una virgola, ma soprattutto l'uso di profumi e aromi che da piatto stravisto tira ne fuori una versione piena di carattere.
Che sotto sotto i nobili inglesi sono, oggi come allora,  pizzicosi come il Tabasco che c'è qui ;-)


Ecco le altre ricette testate oggi dalla banda Starbooks :

Menuturistico con  Edwardian Tikka Masala Chicken
La Apple Pie di Mary Pie con  Crispy Roast Duck with Blackberry Sauce 
Vissi di Cucina con  Classic Vanilla Rice Pudding
Ale only Kitchen con  Soup à l'Oignon
Andante con Gusto con The Grief Apple Tart





CREAMY RUSSET LEEK SOUP
per 4-6 porzioni

40 g di burro (vegan per i vegani)
4 grossi porri tagliati per lungo, e poi a pezzi
250 ml di acqua
750 ml di brodo vegetale
1 kg circa di patate, pelate e tagliate a cubetti da circa un cm
un cucchiaino di maggiorana
abbondante prezzemolo tritato
2 cucchiaini di timo fresco
un cucchiaino di Tabasco
sale e pepe
 

Fondere il burro in una larga casseruola, aggiungere i porri il sale ed il pepe, girare bene e mettere il coperchio.
Cuocere quindi su fuoco basso per circa 15 minuti, controllando spesso. Non lasciare che i porri scuriscano!
Aggiungere quindi il brodo, l'acqua e le patate.
Potare a bollore, abbassare il fuoco e lasciar cuocere scoperto per circa 25 minuti.
Unire maggiorana, prezzemolo e timo e cuocere per 10 minuti ancora.
Aggiungere il Tabasco solo alla fine e regolare di sale e pepe.


NOTE:

- L'autrice definisce la zuppa "sorprendentemente leggera". Lo è, ma riempio parecchio per via delle patate...

- gli aromi scelti ne fanno un piatto, davvero, di gran lusso. Non ometteteli.

- la zuppa raggiunge una cremosità perfetta senza bisogno di frullatore, dato che i cubetti di patata tenderanno a sciogliersi leggermente nel resto dei liquidi.

- come tutte le zuppe è più buona dopo un po' di riposo.



86 commenti:

  1. stamattina siamo sulla stessa onda ^__^ si e postato quasi la stessa ricetta con la differenza che la tua e più ricca di sapore mentre la mia un pochino meno...
    un abbraccio da lia

    RispondiElimina
  2. il libro per me inarrivabile, però la zuppa sembra davvero una delizia. Come mi sia sfuggita questa serie??? Bò

    RispondiElimina
  3. sembra fantastica! un giorno provai la zuppa di mele patate e porri di Sabrine. Risultò leggerissima, ma effettivamente riempie quanto un brasato, perché i molti liquidi e le patate esplodono nello stomaco. Quale gioia, quindi, sentirsi sazi con 25 centesimi di spesa!
    la proverò, ma più avanti, quando si ptoranno tenere le finestre aperte senza gelare: qualcosa, nella mia cucina, tende acatturare gli odori acri degli ortaggi per poi rilasciarli graziosamente nei giorni successivi, in presenza di ospiti, di prima mattina... hai voglia a bruciare incensi: sembra sempre di entrare in una casa del bangladesh...

    RispondiElimina
  4. buona! e adoro la serie televisiva ho appena finito di vedere la terza stagione...bellissima! proverò la ricetta ;) con questo freddo è perfetta ;) se vuoi passa da me! A presto!

    RispondiElimina
  5. Questa dev'essere fatta apposta per me, immagino. Vado a cercare la maggiorana :-)
    E tutto il contorno lo condivido parola per parola!

    RispondiElimina
  6. Quanta ragione hai Stefania. Anche io all'inizio ero perplessa. Un libro da una serie tv? E senza foto? Ehhh...roba che se lo racconti a qualcuno, quello pensa subito all'ennesima fregatura per tirare sangue alle rape.
    Ma ci si ricrede immediatamente, al primo tentativo, quando alla mancanza dell'ausilio immagine, subentra una capacità di raccontare la ricetta che non ha eguali. E che piacere è stato leggere i piccoli aneddoti introduttivi e le nozioni di galateo che sempre mi affascinano. Se proprio devo dirlo, avrei voluto vivere in quei tempi, tra fine 800 e primi novecento, dove crinoline ed inchini erano la regola. Magari poi mi romperei dopo mezzo secondo e rimpiangerei i miei amati jeans. Però quanto mi piace crederlo.
    (PS Questa è stata la prima ricetta che avevo scelto per quanto mi piaceva!).
    Un bacione grande, Pat

    RispondiElimina
  7. ottima per questa giornata di neve!delicata e avvolgente,mi piace molto!a presto ed un abbraccio

    RispondiElimina
  8. particolare l'aggiunta del tabasco, qui il tempo piove e una zuppa di vuole proprio

    RispondiElimina
  9. Anche qui la giornata e piovosa ed è freddo preparare la zuppa è un'idea non male ...
    Spero che il mio Tabasco sia ancora buono :(

    RispondiElimina
  10. Da provare assolutamente!!!!!!


    pastaenonsolo.blogspot.it

    RispondiElimina
  11. C'è sempre da imparare. Questo è il lato bello (bellissimo) dei blog. E questo libro, questa serie proprio non la conoscevo. Perciò...grazie! E mi vado a sbirciare le altre ricettine...
    un abbraccio,
    simo

    RispondiElimina
  12. non ho mai visto la serie tv, ma questa zuppa mi ispira un sacco, soprattutto per la presenza del tabasco, che mi intriga parecchio...
    Qui poi fa un freddo!!! Zuppe e vellutate sono più che benvenute!!!

    RispondiElimina
  13. Non conosco questa serie televisiva peccato perchè dalle tue parole sembra davvero fantastica come il libro e la ricetta estrapolata davvero molto gustosa!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  14. Con il freddo di oggi questa zuppa sarebbe l'ideale... quasi, quasi esco a fare la spesa! ;) Buona giornata, Sarah

    RispondiElimina
  15. Questa serie me la sono persa, cosa strana, visto che ultimamente il poco tempo in cui sono a casa è dominato dai 30 minuti di cartoni per il più grande e 15 per il più piccolo!!! Dopo cene, bagno, letto e tv per me che mi addormento!!!:-DDD
    Sono curiosa di vedere questo libro, questa tua ricettina mi sembra davvero profumatissima.
    Ciao
    Alice

    RispondiElimina
  16. Che bello questo post e dopo queste tue descrizioni mi hai fatto venire voglia di: vedermi questa serie che -in quanto serie- avevo scartato a priori ma che in effetti ha ricevuto critiche davvero felici; leggere questo libro che dev'essere molto istruttivo oltre che ricco di buone ricette, mi piacciono i parallelismi storici. sono insegnamenti preziosi; infine mi hai fatto venire voglia di gustare il profumo e la morbidezza di quest piatto ... povero quanto elegante! Bel post Stefania, complimenti sinceri :) Buona giornata, Clara

    RispondiElimina
  17. adoro questa serie e adoro questa zuppa...... giusto giusto ho due porri che aspettano di essere cucinati!!!!! un abbraccio "congelato"Cristina

    RispondiElimina
  18. con il freddo che fa oggi è davvero quel che ci vorrebbe!! :-)
    Stefania, posso chiederti delucidazioni su cos'è questo starbooks??? si può partecipare oppure è un gruppo chiuso?
    approfitto di questo commento per dirti che sul mio blog ho lanciato un contest, se ti da dai una sbirciatina!
    buonagiornata
    Sara

    RispondiElimina
  19. Ecco la mia cenina di stasera! :-D Ti mando un bacione Ste! :-*

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. Bene, bene. Ho appena letto la torta di Patty con le mele (che adoro) ed ora una zuppa (le adoro tutte). Direi che questo libro promette molto bene ^_^ io non lo potrò mai prendere perché non so l'inglese ma in compenso mastico francese, spagnolo e tedesco ;-)

    RispondiElimina
  22. Non vedo l'ora di provare questa versione!! Adoro zuppe e vellutate!!
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  23. Non conosco ne la serie ne il libro pero' conosco te e mi fido:) se dici che e' buona allora si fa!!! poi con questo freddo e' perfetta;)
    buona giornata

    RispondiElimina
  24. Adoro le zuppe e credo di avertelo già detto.
    Mi diletto nelle prove con vari ingredienti.
    Porri e patate si sposano magnificamente e quindi non mi resta che provare questa versione.
    Il libro in questione si trova da noi?
    Grazie mille!!

    RispondiElimina
  25. Questa zuppa è bellissima.... me la devo da fà (oggi qui fa un freddo becco, ci sta proprio)! Grazie anche di aver condiviso il libro... mi sta incuriosendo! un bascio!!

    RispondiElimina
  26. Quanto mi piacciono le zuppe, ma solo da quando sono diventata adulta! Quella che hai scelto tu mi attira, anche per la presenza "pizzicosa" del Tabasco :-)
    Anch'io ero un pò perplessa, ma anche curiosa per la scelta del libro... le mie perplessità sono svanite in brevissimo tempo!

    RispondiElimina
  27. Ciao Stefania,
    questa la devo provare, anche perché assenza di riso a parte, mi sembra proprio la minestra di riso e prezzemolo con patate!
    Buona giornata,
    Sara

    RispondiElimina
  28. Libri di ricette senza foto? Ne esistono ancora?? Ma sai che alla fine, senza .."l'inganno" visivo, forse sono i migliori? Provo la tua zuppa e poi ti dico ma...CHE GUSTO HA IL TABASCOO? Non schrzo, io detesto le spezie, tutte, a inziare dalla cannella, e se nel tabasco ci sono "cose strane" non lo metterò...in compenso adoro le erbe e le metto dappertutto!
    Beh, buona giornata!
    Cinzia

    RispondiElimina
  29. Perchè mi hai fatto conoscere questo libro? Io adoro Downton Abbey e ora dovrò comprarlo!

    Intanto comprerò gli ingredienti per la zuppa, anche perchè i porri son la mia passione

    Laura Pennydue

    RispondiElimina
  30. Io adoro Downton Abbey! E son sicura che adorerò anche questo libro <3

    RispondiElimina
  31. Ciao Stefania!!! zuppe,cavolo non sono ancora riuscita a provarne,ma guarda caso ho proprio dei porri in frigo che aspettano solo me :-) un bacio e a presto !

    RispondiElimina
  32. Mi piace il tono robusto con il quale sostieni questo libro di ricette dal quale fai trasparire tutta la sua concretezza.
    Ora dovrei farti la solita sfilza di complimenti vero...ma l'ho appena fatta rispondendoti al commento sul tuo blog e visto che ci tengo a non farti venire carie evito, ok?! :P eehehehehe
    Ho copiato anche questo...adesso il tuo faldone "eretico" diventa preoccupante...tocca mettermi al lavoro...vero? :)

    RispondiElimina
  33. Ecco, l'ho detto anche alle altre: non seguo la serie, ma mi avete già convinta a leggere questo libro :)
    Segnato stamattina! ;)

    RispondiElimina
  34. IO SAI CHE LE VELLUTATE E LE ZUPPE MI TROVI SEMPRE PRONTA!OTTIMA!

    RispondiElimina
  35. Adoro il tuo "introdurre" che rende sempre tutto interssante, zuppetta compresa ;-)

    Buona giornata

    RispondiElimina
  36. Stefy sono sincera, i libri senza immagini nn mi ispirano tantissimo... ma tu sei una garanzia quindi nn posso che prendere nota :) ottima la vellutata, il comfort per eccellenza che fa sempre piacere poi mi piace tutta questa serie di spezie.. il tabasco devo provarlo:)bacione:*

    RispondiElimina
  37. La serie tv io non l'ho vista, ma c'è mia sorella che mi fa una testa così!!!!Perciò un libro adattissimo per una cena-sorpresa a tema....se poi le ricette sono così buone!!
    ciao

    RispondiElimina
  38. Sì tutte queste erbette aromatiche la rendono allettante...non che in casa non ci diamo già abbastanza di zuppe e simili...ma una in più non può guastare!!!
    a presto

    RispondiElimina
  39. Ottima zuppa,mi piacciono molto i porri, e qui stasera comincia a far freddino...ci starebbe propeio bene!

    RispondiElimina
  40. care passare da te è sempre fonte d'ispirazione, ci porti tante novità ed idee da tutto il mondo un abbraccio simmy

    RispondiElimina
  41. In effetti se non fosse stato per Alessandra mai avrei acquistato il libro... e che cosa mi sarei persa!!!!
    La zuppa di patate e porri è una costante delle mie cene invernali e sicuramente da ora in poi preparerò questa versione, decisamente più saporita!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  42. sul "sorprendentemente leggera" si è alzato il sopracciglio anche qui. Anche perchè siamo ben lontani dall'esprit de finesse di una vichyssoise, che dietro l'aspetto levigato nasconde una botta di calorie che neanche un pasto completo in baita.
    Però, tutto è relativo. E a quei tempi, senza riscaldamento e senza sindacati :-) lo era ancora di più.
    Prometto che finchè esisterà lo Starbooks non proporrò mai più un libro senza foto. Giurin giuretto :-)

    RispondiElimina
  43. anch'io adoro le atmosfere da brugiera!!! e mi piacciono ancor di più se mi vedo riscaldata da questa zuppa very comfort!!! libro in inglese senza foto : una sfida con me stessa! :-) baciiiii

    RispondiElimina
  44. Non ho avuto occasione di vedere la serie, ma ho leggiucchiato qualcosa a proposito, in giro per la rete o in libreria. Comunque, sono anch'io come te, difficilmente cambio la prima impressione!
    Che dire di questa zuppa... porri&patate sono fra gli ingredienti immancabili di molte mie cene "comfort food", non posso che apprezzare (;

    Buona serata, Stefania! (:

    RispondiElimina
  45. adoro le zuppe e questa mi stuzzica tanto si si

    RispondiElimina
  46. questa zuppa non mi suona nuova...ma qui non mettiamo nè maggiorana nè timo fresco, semplicemente perchè non si trovano. Mi sa che mi toccherà sostituirli con l'onnipresente coriandolo... Elena

    RispondiElimina
  47. come giustamente ha detto una mia commentatrice, la tua fantastica zuppa e il mio budino di riso farebbero davvero una bella accoppiata! lì da te non credo, ma qui fa un freddo polare che richiede assolutamente comfort food di questo tipo qui... splendido post, come sempre :)

    RispondiElimina
  48. Porri e patate, che è anche un classicone della cucina francese, a me piace moltissimo, mia mamma la faceva spesso e ne faceva anche una versione "contorno" Porri e patate cotti in latte e burro e serviti tali e quali.
    Mi hai fatto venire nostalgia della cucina dell'infanzia. Questi piatti non li posso più fare perché il consorte odia tutto ciò che ha anche una lontana familiarità con le cipolle e non vuole neanche sentirne l'odore! :(

    RispondiElimina
  49. ....è la seconda volta che incontro questo libro oggi:sarà il caso di comprarlo! baci cri

    RispondiElimina
  50. ......l'ho fatta questa sera, è davvero buonissima, grazie!!!
    Ciao Franci. :-)

    RispondiElimina
  51. Oh darling this soup is absolutely superb!!!we adore Downtown Abbey,its so quintessential british!!!:))))))Un abbraccio Stefania,u little petal, Dani,Dubai xx

    RispondiElimina
  52. Ho visto poche volte la serie, perché qui in Italia non si capisce mai in quale canale sia e per quanto tempo :)
    Mi hai incuriosito: e anche la tua zuppa!!! ;)

    RispondiElimina
  53. brrrr con questo freddo questa zuppa ci sta a meraviglia e gli aromi danno un tocco veramente speciale

    RispondiElimina
  54. E meno male che le dosi son giuste!!! Evviva :-) Che è buona si vede proprio :-) Bacio!

    RispondiElimina
  55. ma questo è un piatto upstairs o downstairs?

    è un piatto del pianerottolo, secondo me, perché credo che piacerebbe a chiunque. a me di sicuro, che di porri e patate vado matta.

    sto solo cercando di capire che sapore gli conferisce il tabasco. non resta che provarlo, che dici?

    RispondiElimina
  56. Questa tua bellissima zuppa mi ha davvero stuzzicato( sono una amante felelissima delle zuppe vellutate creme e minestroni) così come questo libro, quando hai parlato di castelli sperduti nella brughiera ho avuto subito in mente l'immagine di Cime Tempestose e devo dire che mi hai messo addosso tanta curiosità. Grazie Araba...

    RispondiElimina
  57. Io sono una fan delle zuppe e vellutate quindi la proverò moooolto presto! :-)

    RispondiElimina
  58. @ PROVARE PER GUSTARE: vengo a vedere, ma tanto lo so che sarà buonissima ;-)

    @ Lara Bianchini: cercala perchè merita!

    @ Pillow: ti capisco...

    @ Julia: si, se piace non si riesce a staccarsene!

    @ Pellegrina: ;-)

    @ Patty: infatti, è stata una sfida nella sfida. E l'abbiamo vinta tutti ;-)

    @ Antonella Vera 55: anche nel deserto sta bene ;-)

    @ Gunther: la zuppa è tutta lì!

    @ Silvia: :-)

    @ Giovanna Bianco: grazie

    @ l'albero della carambola: spero ti piaceranno entrambi come piacciono a noi!

    @ Sara R: sono gradite anche al caldo, credimi.

    @ Dolci a gogo: da qualche parte la rifanno, mi sa...

    @ Angela di Finalmente in Cucina: :-)

    @ Sarah: ;-)

    @ paneamoreceliachia: e poi è pure naturalmente gluten free!

    @ Clara pasticcia: ma grazie, sono contenta!

    @ Cristina: spero ti sia scongelata nel frattempo!

    @ Sara: lo Starbooks è un'iniziativa di un gruppo di amiche, capitanate da Ale di Menuturistico, che ogni mese analizzano un libro di cucina a scelta. Si, il gruppo per ora è chiuso :-)

    @ Ago: ottima scelta ;-)

    @ EManuela: è un inglese molto comprensibile, alla fine sono ingredienti...;-)

    @ Lory B: grazie!

    @ stef: non credo nelle librerie, l'ho preso su Amazon.

    @ PAtty Patty: merita proprio!

    @ Ale only Kitchen: anche le mie, come hai visto!

    @ Sara: :-)

    @ Cinzia: il tabasco è una salsa piccante fatta con peperoncini, zucchero e aceto...la trovi in tutti i super in Italia! Secondo me ti piace :-)

    @ Laura Pennydue: bene bene :-)

    @ Monica Un biscotto al giorno: allora adorerai lil libro!

    @ Monica Chiocca: darei loro una chance ;)

    @ Gambetto: è un libro "serio", non la classica pagliacciata per andare dietro alla moda del momento...e si, mettiti al lavoro ;-)

    @ Elisa: ;-)

    RispondiElimina
  59. adoro quella serie!i costumi, ma soprattutto il modo di trattare la servitù, con la stessa attenzione dei membri della famiglia
    ricordo la cuoca, in un episodio che aveva fatto la torta salata perchè aveva problemi di vista e aveva sbagliato barattolo, si vergognava di questo problema, ma è poi stata curata con amore, come anche il maggiordomo che zoppicava
    con un libro in inglese non ce la posso fare, ma grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  60. Umh.. Tabasco e porri... Originale accostamento :))) grazie per lo spunto , mai nulla e' banale in questa pagina a partire dai post introduttivi , intessuti con ironia :) a presto! Nikita

    RispondiElimina
  61. cara Stefania questa zuppa mi piace moltissimo (esiste il burro vegan sai? e non avendo tu specificato di quale burro si debba tener conto, per me questa ricetta è decisamente veganissima buonissima assolutamente da fare sai che adoro le zuppe almeno quanto la ragazza con la L).

    e il libro, è da avere, epr leggerlo almeno una volta.
    un abbraccio, lavoro molto passo poco ma ti leggo semprissimo ^_^

    RispondiElimina
  62. Ciao Stefania!!! E' un piacere conoscerti! :) Questa zuppa è ottima...come tutte le altre ricette presenti sul tuo bellissimo blog!

    PS: Mi aggiungo ai tuoi lettori, così resto aggiornato! :D

    RispondiElimina
  63. Già mi ispiarava perchè mi piacciono tutti gli ingredienti, ma poi con sto freddo mi lusinga ancora di più....

    RispondiElimina
  64. lo so che probabilmente (essendo in dieta post natalizie) farebbe al mio caso questa zuppa...ma io conto i giorni che mancano a carnevale per rifare le tue chiacchiere al philadelphia....sono quasi al limite con un carcerato.

    RispondiElimina
  65. @ lucy: :-)

    @ Letiziando: ti ringrazio!

    @ simona: ti capisco perchè sono come te, ma per questo vale la pena l'eccezione.

    @ franci e vale: vero, una cena a tema! E grazie per averla provata subito.

    @ marika: sembra la solita ma non lo è ;-)

    @ cadè: grazie!

    @ Simona Mastrantuono: grazie a te!

    @ mapi: si, tutta colpa di Ale...per fortuna ;-)

    @ Alessandra Gennaro: eh no, da oggi invece puoi!!!

    @ laroby: una sfida per tutte noi ;-)

    @ Agnese: che dici, è un difetto o un pregio? :-)

    @ ELENA: :-)

    @ Elena: peccato, certo...

    @ cristina b: come ho accennato il confort food sta bene pure nel deserto, budino di riso incluso ;-)

    @ eli: anche il mio purtroppo. Ma questo non so perchè l'ha mangiato!!!

    @ Cristiana Valeria: :-)

    @ Dani: benissimo!!! Allora potrai fare la cena a tema...;-)

    @ Roberta Pasticci e Cucina:ora credo sia finita in Italia ma arriva la nuova serie...

    @ Le Pellegrine Artusi: verissimo!

    @ ZOnzo Lando: beh, purtroppo altri libri ci hanno fatto capire che le dosi spesso sono tirate ad indovinare...

    @ La Gaia Celiaca: upstairs, absolutely! :-) Un pizzicorino delicato, ma che ci sta proprio bene.

    @ EManuela RIcami di pastafrolla: la brughiera fa venire in mente Cime Tempestose anche a me :-)

    @ Ilaria: :-)

    @ Lia Faraone: aspetterai allora le ricette che proviamo noi :-)

    @ Nikita: grazie come sempre.

    @ Barbara C. : come adoro imparare qualche cosa ogni volta. QUi sarà impossibile ma in Italia lo cerco sicuro.

    @ Ennio: grazie e benvenuto.

    @ Mila: ;-)

    @ Lorena: mi hai fatto morire :-D

    RispondiElimina
  66. mi piace troppo leggere i tuoi post! sei troppo brava a scrivere e a introdurre la ricetta...sei una delle poche che mi tiene incollata al post, invece di saltare direttamente agli ingredienti!
    complimenti per il blog!
    x questo c'è un premio per te sul mio blog!
    a presto! un abbraccio Fabiola
    http://senonpioveesceilsole.blogspot.it/2013/01/premio-dardos.html

    RispondiElimina
  67. diffiderei anche io da un libro senza foto :) mi fido della zuppa allora, sembra buona!
    p.s. che non suoni banale percè non lo è... sn attenta vedi ? :D errore di battitura ..ciao cara!

    RispondiElimina
  68. Non ho un buon fiuto nel riconoscere quando una persona merita o meno, a differenza delle altre cose dove sono decisa, mi piace oppure no tendo ad essere in principio sempre super positiva e a vedere il lato positivo...devo dire però che a volta persone reputate no, nel tempo si sono rivelate delle bellissime sorprese e viceversa persone che mi erano piaciute al volo poi sono state delusioni, quindi mai dire mai...
    Porri e patate è un classico, ma come dici tu non bisogna omettere le erbe ed il tabasco sono sicura che la rendano un altro piatto da quelli che normalmente il nostro palato è abituato...buon w-e :-)

    RispondiElimina
  69. Anhc'io sono come te!A pelle su qualsiasi cosa...se non ho un impressione positiva fin dall'inizio dopo non cambio più idea!
    Interessante il libro e anche la zuppa...
    Con questo freddo è ciò che ci vuole per riscaldarsi!

    RispondiElimina
  70. che c'è di male a essere americani?!? ;))))

    RispondiElimina
  71. Adoro quella serie televisiva e mi sono comperata i due libri usciti in italiano, non ho ancora visto se però ci sono delle ricette! Nel frattempo mi segno le vostre!!!! Zuppa di porri e patate, mi attira molto sai? Un bacione!

    RispondiElimina
  72. Eccomi Ste! Arrivo anche io finalmente!!!
    Anche io ho provato una soup e capisco perfettamente quello che hai scritto tu per la tua: una ricetta, sulla carta "banale", ma che ha un sapore che non c'entra nulla con quelle assaggiate prima: saranno le spezie, sarà il burro, sarà non lo so, ma sono uniche e divine! Proverò anche questa! Assolutamente :)!
    Ti abbraccio forte dolce Ste!

    RispondiElimina
  73. Che cosa meravigliosa!
    Posso chiederti una cosa Stefania?
    Posso citarti nel blog del web magazine per cui scrivo?
    Non tratta di cucina, vorrei semplicemente ricordare come la vita ti possa far arrivare in posti inimmaginabili...
    Là, dove ti porta il cuore!
    il sito è questo http://www.discorsivo.it/
    spero tanto che mi dirai di sì!
    E...complimenti per questo blog, lo adoro!!

    RispondiElimina
  74. @ CUcina con BiBBi: ti ringrazio molto.

    @ vickyart: attentissima!!! e grazie.

    @ Il mondo di Milla: per ora le mie prime impressioni sono state confermate, ma aspetto l'eccezione.

    @ Angelica p: siamo in due!

    @ Elisabetta Pendola: nulla, solo che mi aspettavo che un libro così lo scrivesse una autrice inglese ;-)

    @ Ely Valsecchi: allora adorerai questo!

    @ ema. arricciaspiccia: infatti, a tutto bisogna dare una chance ;-)

    @ Hime Temshi: beh, che dirti, certo che puoi. Mandami il link, così vengo a leggerti :-)

    RispondiElimina
  75. Non vedo Downton Abbey, ma solo perché non è capitato.
    Per il resto adoro le storie british e i racconti ambientati nella brughiera.
    La zuppa è molto british, nonché golosa.
    Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  76. http://www.discorsivo.it/blog/2013/01/20/viaggiare-come-laraba-felice/
    Ecco qua il link: non è niente di che come articolo... Più che altro il mio blog è una valvola di sfogo.
    Buona lettura!

    RispondiElimina
  77. Profumo di porri e patate per casa.... :) sono un po' in ritardo per il pranzo ma avantissimo per la cena!!! ;)

    RispondiElimina
  78. Che zuppa meravigliosa. Svelta, elegante, leggera. L'equilibrio tra le erbe è superbo. Anche se viene da un libro, è proprio tua. Proverò a farla pure con meno patate per alleggerirla ulteriormente, date le temperature attuali.
    Chissà se la rarità di ricette del genere sul blog ultimamente prelude all'uscita di un libro tutto ©Arababafelice? Che eviti i furti spiacevoli di cui sei oggetto, tra l'altro. Ci piacerebbe molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e il giorno dopo, ovviamente è ancora meglio :-). con una rinforzatina di erbe, per me.

      Elimina
    2. Si, è ottima ed anche nella mia cucina torna spesso. Niente libro made in arabafelice, per ora ;) ci manca solo quello :D
      Un abbraccio, Pellegrina!

      Elimina
    3. Ehm, forse non si dovrebbe parlar di corda in casa dell'impiccato, ma in questo momento sto friggendo la zuppa! Preso patate cotte in pentola a pressione, porri stufati, uovo, farina e soprattutto le erbette raccomandate e fatto frittelle messe in padella. Vedremo che ne esce, ma per ora non esplodono...

      Elimina
    4. Ossignore. Il pensiero di friggere la zuppa non mi viene, per ora, ma aspetto di sentire cosa ne hai tirato fuori tu.
      E spero sia andato tutto bene!!!!

      Elimina
    5. Niente esplosioni. Ma non ho fritto la zuppa già fatta. Ho semplicemente usato gli stessi ingredienti solidi, in proporzioni un po' diverse (meno patate e più porri) con un legante, per ricavarne delle frittelle. Profumatissime. La maggiorana fresca che qui si trova è poetica! Mangiate anche stamattina a colazione :-) .

      Elimina