lunedì 20 agosto 2012

Trio di mousse con frutti di bosco





E' finita.
Un'altra volta.
Un mese esatto, come sempre
Lunare, sia chiaro, che qui tra le dune anche il calendario è speciale.
Mese di Ramadan, intendo.
Che non è una festa, come molti credono.
Ma proprio il nome del nono mese dell'anno, prima di entrare in quello di Shawwàl.
Mese in cui i musulmani osservano il digiuno dall'alba al tramonto.
Si astengono dal bere, dal fumare, dalle attività sessuali.
Come si faccia a non bere quando, come ora, fuori ci sono cinquanti gradi è mistero che non sono in grado di capire, nè come abbiano fatto gli atleti dei Paesi islamici alle, da poco, passate Olimpiadi.
Ma se chiedete ad una donna araba cosa faccia tutto il giorno durante il Ramadan la risposta sarà sempre la stessa.
Cucinare.
Dalla mattina alla sera, appunto.
Perchè appena il tramonto arriva immaginatevi una cena di Natale.
Ma tutte le sere per un mese!
Piatti vari, tanti, tantissimi.
Colorati, speziati, profumi da indovinare.
Datteri a profusione.
Dolci da spiluccare fino al mattino, che quando il sole sorge è quasi una maledizione, e non si può toccare più nulla.
Se non si vuole, certo.
Ma mi domanderò sempre perchè in Arabia i ristoranti ed i bar durante Ramadan siano obbligatoriamente chiusi, come la maggior parte dei negozi.
Si fa shopping di notte, ed il supermarket apre dalle nove di sera all'una del mattino...
Ora, so che rispettare questa usanza è questione di fede.
Ma chiudere tutto perchè, per evitare tentazioni?
Succede solo qui, che i musulmani altrove evidentemente sono più forti e in grado di passare davanti a, che so, Cinnabon senza assaltare il bancone.
Ed anche a noi occidentali viene gentilmente ricordato ogni anno di non mangiare in pubblico, pena il carcere e se va male l'espulsione dal Paese...
Ci sono eccezioni, è ovvio.
Malati, bambini, donne incinte possono mangiare come sempre e recuperare il digiuno in un altro periodo dell'anno.
Giusto.
Meno giusto il giorno che a scuola ho osato bere un sorso d'acqua per prendere un medicinale (cosa assolutamente lecita anche durante Ramadan) ed un alunno premuroso mi ha ricordato che lo stavo offendendo.
Gli ho sorriso, sottolineando che forse sarebbe rimasto più offeso dal vedermi vomitare sul suo banco se la pillola miracolosa non avesse invece prontamente fatto effetto.
Lo so, non avrei dovuto.
Ma silenzio, subito.
Lo dico sempre io, che ci vuol poco ad andare d'accordo :-)


Festeggiamo anche noi, allora, con un dolce al cucchiaio di una semplicità disarmante ma di un buono che non avete idea.
Provatelo, anche le cuoche alle prime armi: a prova di...tutto :-) riesce sempre e non richiede nè abilità nè ingredienti particolari.
C'è solo da cuocere le pesche sul fornello, ma si tratta di cinque minuti: credetemi, sarete ricompensati.





TRIO DI MOUSSE CON FRUTTI DI BOSCO
(per 4 bicchierini)
dal numero di Luglio de La Cucina Italiana

300g di pesche ( sono circa 2)
250g di panna fresca da montare
100g di frutti di bosco a piacere
un amaretto morbido
12g di cacao amaro
30g di zucchero
una noce di burro
Grand Marnier oppure succo di limone
frutta per decorare
vino bianco, un paio di cucchiai


Sbucciare le pesche, tagliarle a pezzi e metterle in un pentolino con i 30g di zucchero, poco burro ed uno spruzzo di vino bianco. Portare a bollore e far cuocere circa 5-7 minuti finchè la frutta sarà quasi totalmente disfatta.
Spegnere e far raffreddare, quindi frullare se si vuole una mousse liscia o lasciare con qualche pezzo qua e là, come ho fatto io.
Mescolare i frutti di bosco con il Grand Marnier oppure il succo di limone e un cucchiaio di zucchero, quindi lasciarli marinare una mezz'ora.
Montare la panna finchè sarà cremosa ( quindi non del tutto!) e dividerla in tre ciotole: due ciotole da 70g ciascuna ed una da 110 g.
Aggiungere ad una ciotola da 70g la mousse di pesche, all'altra da 70g con l'amaretto sbriciolato ed a quella da 110 unire il cacao.


 

Subito mescolare la panna e le  pesche e mettere la mousse in frigo.
Invece montare i due composti, quello al cacao e quello con l'amaretto, in modo da montare la panna completamente.
Ora montare i bicchierini mettendo sul fondo la frutta con il loro sughetto, poi la mousse con l'amaretto, quella al cacao e infine quella con le pesche.
Prima di servire decorare con un frutto a piacere e con una salsina fatta frullando dei lamponi ( o altri frutti di bosco a piacere, anche misti) con zucchero a velo e succo di limone.


NOTE:

- il dolce si mantiene perfettamente in frigo anche per due giorni prima di essere servito, ma coprite i biccherini con la pellicola trasparente e non mettete nè la salsina nè la decorazione che verranno aggiunti solo all'ultimo.

- le dosi bastano per quattro bicchierini piuttosto piccoli, quindi se volete porzioni più abbondanti raddoppiate.

85 commenti:

  1. Frutti di bosco e pesche,gnam gnam!!
    Anch'io leggo (quando riesco a metterci le grinfie) la Cucina Italiana,c'e' sempre robina interessante!
    Un bacione.

    RispondiElimina
  2. Avrei voluto vedere la faccia del tuo studente :)
    Bicchierini golosissimi e veloci: la tua -ennesima- ricette da tenere a mente! :)

    RispondiElimina
  3. iniziamo la settimana in dolcezza, che prontamente segno visto le tante pesche che mi ritrovo in giardino!!buona settimana!!

    RispondiElimina
  4. Ti sei scelta proprio un posto complicato dove vivere Stefy, ma non preoccuparti con i tuoi bicchierini si tira un sospiro di sollievo e ci si gode questo inizio settimana!

    RispondiElimina
  5. certo che tu rischi è....
    ma ocn la tua splendida leggerezza racconti episodi, usi, costumi e soprattutto leggi che fanno accapponare la pelle, e che dovrebbero davvero farci pensare quanto siamo fortunate.....
    grazie.

    i bicchierini sono favolosi, ho anche facilmente pronte le sostituzioni :)

    RispondiElimina
  6. sono sempre alla ricerca di idee per dolci al cucchiaio da servire alle cene con amici e questo è davvero fantastico. grazie! e grazie anche per tutte le cose che ci racconti sul mondo islamico. non avevo idea che il mese di Ramadan fosse così rigido. però bella risposta al tuo alunno, ammazza però quanto sono petulanti...

    RispondiElimina
  7. in negozio abbiamo una guardia del corpo. un omone alto alto senegalese ed anche lui fa il ramadam ! pensa che io tutti i giorni gli offro cioccolata, caramelle etc, e accetta sempre tutto ! è piu goloso Di me ! ma durante il ramadam ha sempre detto no grazie. alchè il giorno prima di andare in ferie ho voluto testare la sua forza di volontà e gli ho offerto una brioche del panificio in centro, il migliore. la sua risposta ? si grazie la conservo per stanotte però! Ahaha mi ha fregato !:-(

    queste coppe sono irresistibili !!!

    RispondiElimina
  8. Ogni paese ha la usanza certo loro hanno una fede che rispettano al massimo. Ci vuole una forza ma per loro è naturale farlo ci sono nati facendolo.
    Ottimi i bicchieri.

    RispondiElimina
  9. Meraviglose le mousse tesoro sono una vera delizia come ogni tua creazione e sarebbero perfette per il mio contest!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  10. Buoni questi bicchieri, verrei lì da te per farmene fuori uno ;-P
    Poi, hai fatto il liquore alla menta? Non mi hai più detto niente...
    Un abbraccio. Stefania, l'omonima.

    RispondiElimina
  11. Belle e immagino buonissime!
    Come al solito ammiro il tuo modo di vivere (o sopravvivere) in questo angolo di mondo così lontano geograficamente e culturalmente dal nostro. E ora vado a bermi un bicchierone d'acqua che al sol pensiero di non poterlo fare fino al tramonto, svengo!

    RispondiElimina
  12. Ha una cosi soave grazia nello scrivere che finiro' per stamparmi i tuoi post e leggermeli come un libro....Ogni commento sulla bellezza dei tuoi piatti è superfluo, vero?

    RispondiElimina
  13. Faccio sempre un po' di fatica a capire questo mondo e credo che tu sia davvero brava a farti spazio in quel paese:-)
    come sempre ci vizi con i tuoi dolcetti semplici ma di gran gusto!!!
    baci cara

    RispondiElimina
  14. Durante le Olimpiadi gli atleti hanno avuto un permesso speciale da parte delle autoritá religiose, per cui hanno potuto mangiare e bere in tutta tranquillitá. :)
    Comunque, le tue ricette sono sempre bellissime e sono sicura buonissime! Non vedo l'ora di provarne qualcuna!

    RispondiElimina
  15. Alcuni dei nostri amici più stretti sono musulmani e quindi anche per noi vivere questo periodo non è sempre facile. Ma essere invitati a cena è veramente una festa!

    Provo un certo senso di rispetto verso le donne che trascorrono tutta la giornata in cucina senza neanche assaggiare ;-)

    Questi bicchierini sono veramente simpatici, golosi e assolutamente adatti a queste temperature. Me la segno subito!

    RispondiElimina
  16. Queste contraddizioni continuano a farmi sorridere e a sorprendermi.
    Non mi sorprende, invece, trovare dolci ottimi qui da te!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  17. anche per me è tutto molto incomprensibile, soprattutto l'abbuffata notturna... ma del resto anche noi magari sembriamo strani agli occhi di altre popolazioni.

    RispondiElimina
  18. Ho avuto esperienze di Ramadan in Tunisia due anni fa, e devo dire che, conoscendo un po' la cultura locale, rimanevo abbastanza perplessa dal fatto che tutti questi fedeli riuscissero a non bere e mangiare per tutto il giorno...un incubo, viste le temperature asfissianti di agosto...
    Questa mousse è a dir poco sublime, devo dire che mi fa una gola...segno la ricetta!
    Un bacione, GG

    RispondiElimina
  19. Perché poi si chiami mese del digiuno visto tutto quello che son capaci di mangiarsi nella notte non è dato sapere... ma vuoi dirmi che mentre cucinano durante il giorno non danno neppure un'assaggiatina per capire se la quantità di spezie è quella giusta?! ;-)
    Un dolcetto fresco e veloce da preparare è proprio quello che ci vuole... visto che anche qui sembra di essere nel deserto (solo per le temperature... per fortuna).
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  20. Viva le abbuffate, sempre !!!! heheheeh Scherzi a parte non deve essere per niente facile non bere con quella calura.. Buonissimo il tuo trio di mousse! Buona settimana!!!

    RispondiElimina
  21. Proprio qualche giorno fa parlavo del ramadan con una donna che ha vissuto x 25 anni in Siria ed il mio ragazzo siriano ed è venuto fuori che gli arabi trascorrono il ramadan dormendo di giorno e banchettando la notte per questo i negozi sono chiusi. Come vanno le cose li? So che ci sono molti scontri, ma nulla trapela da queste parti....
    Cmq questa mousse è sicuramente un ottimo ristoro in questi periodi di calura

    RispondiElimina
  22. favolosa! anche il post precedente è ottimo! ti seguo e se ti va ti aspetto a casa mia, per convidere con allergici e non, ricette uguali variate negli ingredienti per unire ilmondo degli allergici e quello dei "sani". mondi creduti diversi ma poi in realtà molto simili.ciao ciao

    RispondiElimina
  23. Sembrano buonissime!!Complimenti!!

    RispondiElimina
  24. Rinfrescanti e deliziose.
    :-*

    RispondiElimina
  25. Ecco, io pur non comprendendo la ragione del non bere(mangiare ok ma, bere..acqua!), sono rispettosa ma, non tollero la mancanza di rispetto vs chi non è della stessa confessione e deve sottostare alle stesse regole.Come se ogno venerdì di quaresima in Italia si vietasse di vendere la carne..Bah, avrei voluo assistere alla scena a scuola però!
    Beh, fortunatamente è finita e godiamoci quello che ci pare!

    RispondiElimina
  26. Sei proprio brava: a raccontare e a cucinare con quello che ti offre il paese dove vivi. Francamente rispetto le tradizioni religiose ma sono contraria a tutto ciò che è imposto da qualcuno e che in un certo qual modo danneggia la salute del nostro corpo (sia in difetto che in eccesso). Grazie per quello che ci fai conoscere.

    RispondiElimina
  27. questo dolcetto sembra una goduria, brava brava e ancora brava!
    lo proveró sicuramente!

    RispondiElimina
  28. Ciao Stefania, questo trio di mousse è fantastico, lo farò di sicuro e deve avere un gusto delizioso, bravissima :) Sai che non sapevo non si potesse nemmeno bere in Ramadan?! Ad ogni modo, è stato molto interessante saperne di più, grazie :) Un bacione e buona settimana!

    RispondiElimina
  29. Si, é finito: me ne sono accorta guardano il volto del mio collega tunisino, dai tratti decisamente più rilassati rispetto ai giorni precedenti.
    Sulla tua mousse io ci metto il mio sciroppo all'acqua di fiori d'arancio, che a lui piace così tanto!!!!

    RispondiElimina
  30. Che voglia che mette questa mousse, mi piacciono le cose semplici, se poi è anche golosa... Mmmmmh! ;-)

    RispondiElimina
  31. Come sempre proposta adattissima per la stagione, bella da vdere e così golosa da "assaporare" lo schermo :)

    Buon pomeriggio

    RispondiElimina
  32. mo mamma che goduria di bicchierino (tra l'altro la foto è deliziosa!) tu mi vuoi male, io non lo posso mangiare, ma è come se ne sentissi profumi e sapori. lo farò ai miei ospiti, però, perchè è davvero spettacolare. lo so, lo sognerò anche di notte!!!

    RispondiElimina
  33. da bambina ho vissuto ad Istanbul per due anni, nella parte occidentale quindi della Turchia, dove c'era molta più larghezza di vedute e stili di vita più accettabili. Il primo anno eravamo a parecchi chilometri dalla città, in periferia e una notte, alle due, siamo stati svegliati dio botto da un suono di tamburi che annunciava l'inizio del ramadan. Lì la mangiata inizia alle due di notte e durante il giorno non si può mangiare ma non ricordo che non si potesse bere acqua, almeno credo....c'era parechia tolleranza per chi non era musulmano e i modi occidentali convivevano molto bene con la tradizione musulmana. Meno male che non ho vissuto la cosa in maniera pesante come la vivi da te...una vera tragedia! lo sai cosa mi manda in bestia ( e parlo con cognizione di causa, avendo frequentato musulmani anche in età adulta)? è che loro non mangiano maiale, seguono il ramadan , sembrano così ligi al Corano e poi, sotto sotto, vengono fuori certi altarini......non si capisce come le cose si coniughino tra loro..o sei credente praticante o non lo sei ;-) dammi una coppetta dai...che mi rilasso un poco!

    RispondiElimina
  34. Idea fresca ma comunque golosa! Ciao!

    RispondiElimina
  35. Chissà se invece non era invidia! Un po' come la nostra che siamo a km e km di distanza da questa mousse!

    RispondiElimina
  36. sempre democratici nel paese dei soldi ... io non mangio e te pure se no carcere ... alla faccia della tolleranza e noi in Italia dovremo esserlo se no passiamo da razzisti ... stiamo zitti va e meglio commentare il tuo bellissimo dessert che mi pace davvero tanto complimenti

    RispondiElimina
  37. purtroppo mi fanno ridere certe usanze, anche se le rispetto, mi godo la tua delizia va...bacio.

    RispondiElimina
  38. Okay, okay. Mi sono ripromessa di cominciare seriamente una dieta. Però magari ancora questa la faccio, va':P

    RispondiElimina
  39. Non so come fai a convivere in un luogo così lontano dalle nostre idee e usanze!!!I bicchierini sono fantastici e semplici da fare. Complimenti.

    RispondiElimina
  40. adoooooooro le tue storie! non ho mai tempo di rilassarmi un po' a godermi con calma i miei blog preferiti ma questa e' la serata giusta: adesso lo percorro tutto a ritroso fino a riprendere il filo interrotto! ah che relax....!!

    RispondiElimina
  41. spettacolare queste mousse!e pure io mi chiedo come facciano a non bere!!!

    RispondiElimina
  42. Mah, credo che ogni religione, se seguita in modo integralista, abbia le sue stravaganze!
    Certo che bisogna far attenzione, durante l'abbuffata notturna, a non mangiare pietanze che mettono sete! Altrimenti la tortura diventa doppia! :DDDDDDD

    Buonissime le tue mousse, un superdessert!

    RispondiElimina
  43. Per le faccende domestiche abbiamo, ormai da più di 15 anni, una donna che ci aiuta... anche lei musulmana, anche lei attentissima al Ramadan... e povera... io incurante e rimbambita le facevo trovare le torte sfornate di primo mattino. Quanto mi sono sentita in colpa!!! Ma adesso mi farò perdonare! Intanto, mi tuffo nelle tue mousse ;p
    Baciotti
    Gialla

    RispondiElimina
  44. mi piacciono le tue risposte pronte. sembrano piccoli ponti fra due culture... ;)

    RispondiElimina
  45. Sembrano dei bicchierini semplicissimi, ma devono avere un gusto davvero composito e particolare!
    Hai citato i datteri. Che gioia! Avevo vergogna di chiederti come mai non ce li hai ancora proposti in una delle tue ricette... forse per il gusto di contrastare un po'le convenzioni arabe?!
    Cara Stefania, se ti va quando hai un po' di tempo dà un'occhiata al contest che ho appena indetto, "L'Oroscopo nel... piatto"! Mi farebbe davvero moltissimo piacere se volessi partecipare anche tu con una delle tue idee! *-*
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  46. reduce dalla tua crostata di frutta senza cotture che ieri ha allietato la nostra serata a tre (non pensare male, io, mr.k e l'adolescente, hehe...) se ancora la trovo nel frigo stasera ti mando la prova e poi passo direttamente a questa mousse! quanto ci piacciono le tue ricettine massima resa/minimo sbattimento!!

    RispondiElimina
  47. mmmmmmmmmmmmmmmmmmmm-mousse!!!
    :D

    Grazie anche per le precisazioni su come si svolge il ramadam.
    :)

    RispondiElimina
  48. Come unire cucina, cultura e informazioni utili!
    Grazie cara, è sempre un piacere leggerti!!

    RispondiElimina
  49. Delizioso!
    Il ''capo'' della moschea in questi giorni di afa ha esentato dal Ramadan,tutti quelli che svolgevano lavori pesanti, perchè poi recuperassero il digiuno più in là... l'interpretazione della legge,qualunque essa sia, va utilizzata spesso credo.
    Ciao!

    RispondiElimina
  50. Come sempre mi hai proprio conquistata con questa deliziosa mousse!
    Devo proprio prendere il tuo buon esempio nel gestire le richieste infinite collegate con Ramadan. Mi capita spesso per lavoro di trovare soluzioni e mi piace la tua filosofia che basta poco per andare d'accordo;-) A presto, Dessi

    RispondiElimina
  51. @ Edith Pilaff: purtroppo ci riesco al massimo un paio di volte l'anno, ma quei due numeri li tengo gelosamente...

    @ Valentina: indescrivibile :-)

    @ Federica Simoni: beata, a me tocca comprarle :(

    @ Roberta: variopinto, diciamo :-)

    @ Barbara C.: riuscirò mai a cucinare qualcosa che vada bene anche a te? :-(

    @ MarinaM: moooolto petulanti...

    @ Memole: :-)

    @ Sara: hai visto, incorruttibile!

    @ Mary: non per tutti è naturale, ma è ammirevole.

    @ dolci a gogo: grazie!

    @ Stefania: è in produzione ora :-)

    @ ELel: ma sopravvivo piuttosto bene, credimi...

    @ Pinella: ma grazie, mia cara...

    @ Dolcemeringa Ombretta: diciamo che ci provo :-)

    @ Noemi: solo alcuni atleti, non tutti ;-)

    @ Gina: ma ti immagini la tortura, in cucina con tutti quei profumi!

    @ Loredana: ;-)

    @ Serena Verdepomodoro: verissimo, ognuno ha le sue...stranezze.

    @ GG: un incubo, hai detto bene.

    @ Ilaria: beh, non tutti saranno completamente osservanti ma conosco persone molto ligie. Quanto al digiuno, appunto, è solo durante il giorno, la sera è un altro discorso...

    @ Zonzo Lando: specie per chi è costretto a lavorare all'aperto con 50 gradi all'ombra...

    @ Monica: beh, è così, diciamo che giorno e notte sono invertiti :-) Scontri dalle nostre parti no, ma in Siria la situazione è drammatica...

    @ brownasi: benvenuta :-)

    @ Dory_Mary: grazie

    @ Gaia: :-)

    @ Saretta: sono d'accordo, l'imposizione a noi mi sembra eccessiva...

    @ Roberta Il senso gusto: ;-)

    @ Sale in zucca: mille grazie

    @ Valentina: nemmeno una goccia!

    @ Antonietta: bella idea!

    @ Sar@: si fa proprio in un attimo.

    @ petite-valeu: :-)

    @ Letiziando: grazie!

    RispondiElimina
  52. Ho un blog di dolci e tu di certo rientri tra la schiera delle food blogger più interessantiche esistano. Non soltanto per le tue eccellenti qualità in cucina, ma perchè sai scrivere, sai catapultarci in un mondo nuovo facendoci sentire sempre a casa. Quindi con tanta umiltà, ti invito a passare da me, per conoscermi meglio se ti va.
    Ti ho aggiunta agli amici su google, spero non ti dispiaccia.
    Grazie per le tu interessantissime avventure di vita.
    A presto,
    Paola

    RispondiElimina
  53. Stefania tu cucini sempre qualcosa che va bene anche per me....considerando che io sono vegan è quasi un record trovare in ricette "normali" ispirazione, e tu me la dai sempre...se fin troppo gentile, veramente.
    Grazie mille :)

    RispondiElimina
  54. non so se ce la farei a vivere in un paese così... hai tutta la mia ammirazione!!!
    ma sicuramente ce la faccio a spazzolarmi uno o due di questi meravigliosi bicchierini :)))

    RispondiElimina
  55. golosissimi bicchierini! ciao! :-D
    Francesca

    RispondiElimina
  56. Quindi queste donne cucinano tutto il santo giorno senza assaggiare quello che cucinano, vanno a memoria dunque! Che dire, la cultura musulmana così integralista è lontana anni luce dalla nostra, è questa sorta di chiusura che hanno che ci spaventa e quindi non riusciamo a vedere il lato folcloristico, tipico delle tradizioni e con un fascino tutto loro. Possiamo solo dirti che nei loro Paesi siamo noi che ci dobbiamo adeguare e nel nostro Paese siamo sempre noi che ci dobbiamo adeguare, equazione piuttosto impari.
    Le coppe sono semplicemente superbe!!!
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  57. ma sai che non sapevo che la sera si potesse mangiare tanto??non so perchè mi immaginavo qualcosa tipo pane e acqua! Però lìacqua no..col caldo sono dei fenomeni se riescono a trattenersi!
    Ah ovviamente la tua risposta allo studente è da manuale!!! Troppo bella!!!:)

    RispondiElimina
  58. A volte mi domando proprio come fai.. Poi ricordo che le tue disavventure diventano i miei momenti di relax e quindi ti sono grata per pazienza e dedizione :)

    RispondiElimina
  59. il dolce è stupendo, adoro la mousse in tutti i modi.....sul resto non mi pronuncio, sono atea, accetto tutto e non condivido nulla...ma meno religione, meno guerre, purtroppo la religione ne scatena molte...un abbraccio

    RispondiElimina
  60. grazie per il tuo approfondimento sul ramadan, interessante!

    e che dire del dolce? fantastico!

    RispondiElimina
  61. @ Aria: mannaggia, mi spiace come sempre :-(

    @ Sonia: dell'acqua sono sicurissima, vale per tutti, ma è vero che altrove c'è più tolleranza per chi professa altre fedi.

    @ MAggiorDomus: grazie

    @ DanyMelly: mmmhhh...credimi, era solo ottusa pedanteria!!!

    @ ELENA: fa riflettere, eh?

    @ Fabiola: :-)

    @ SaraG83: in un bicchierino piccolo come i miei non può far danni :-)

    @ giovanna: non è così complicato...

    @ Viaggiando Mangiando: piacere di rileggerti!

    @ Valentina: grazie!

    @ eli: sta tutto lì, nell'essere estremi...

    @ Gialla: doppia tortura, sei tremenda!

    @ rossella: beh, forse più che un ponte sono una coltellata ma va bene lo stesso...

    @ Raffaella: è che i datteri li mangio spesso ma al naturale, raramente li uso per cucinare qualcosa. Darò un'occhiata al contest, grazie!

    @ Cristina: ricette per me pigrissima...:-)

    @ Cle: mi fa piacere che l'abbia trovato interessante :-)

    @ bruna: :-)

    @ Laura: strano, qui ci sono cinquanta gradi all'ombra e non è esentato nessuno...mah!

    @ (m)E-Food: o una rispostaccia...

    @ Francesca :-)

    @ Paola: grazie a te, sei tanto gentile!

    @ Barbara C.: e tu sempre gentile "nonostante" :-)

    @ cristina b: quello pure io, anzi ti sfido a gara di velocità :-)

    @ Acquolina: :-)

    @ Luca e Sabrina: equazione impari, parole sante...

    @ caris: pane e acqua in teoria...la pratica è mooolto diversa ;-)

    @ Elvira Coot: beh, ma io posso mangiare...basta non farlo in pubblico ;-)

    @ Tamtam: grazie

    @ Michela: mi fa piacere, grazie a te.

    RispondiElimina
  62. Ottimo il dessert morbido e cremoso... con questo caldo è invitantissimo. e grazie dei bei racconti che condividi con noi!
    Lidia - The Spicy Note

    RispondiElimina
  63. Mi chiedo anch'io come facciano a rispettare delle regole così rigide!!!
    Copio la ricetta di questa delizia!!!
    Un abbraccio!!!!!

    RispondiElimina
  64. Beh il Ramadam non è gentile con le donne arabe... tuttavia mi sembra l'usanza più bella tra tutte quelle che ci racconti, una festa lunga un mese. Ma qualcuno di quei piatti deliziosi ce lo mostrerai? Devono essere buonissimi!

    RispondiElimina
  65. Ho sentito storie simili e anche più assurde da un'amica che ha vissuto in Marocco...mammamia Stefania!

    RispondiElimina
  66. ahahh, sì, può essere. ma sarà che anche io a volte non riesco a trattenermi dal dire, mi piace pensare che questo dire sia utile a capire, anche a distanza di culture diverse... ;)

    RispondiElimina
  67. mousse semplice vero ma decisamente buonissima!
    mah io dico sempre che chi pone questi divieti lo fa perchè sa di poter cadere nella tentazione.. che senso ha chiudere la bocca di giorno per poi strafogarsi tutta la notte?!boo io non li caspisco proprio.

    RispondiElimina
  68. Sono tornata e vedo che e' finito il Ramadan, che come perioduccio di rientro dopo le tue ferie non e' malaccio. Ma tu hai l'abilità di recuperare le cose fastidiose con la trovata ideale a rincuorare dopo lo stress. Avevo visto questi bicchierini sulla rivista ma mi sono passati senza troppo peso...invece tu li hai resi visibilissimi e irresistibili . Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  69. Una fantastica idea, e una splendida presentazione. Buon pomeriggio Daniela.

    RispondiElimina
  70. Favoloso questo tris di mousse!!! Come al solito sei bravissima!! Buona serata!

    RispondiElimina
  71. Mamma che buoni questi bicchierini!!!! Guarniti con una tripla mousse!!! Golosità allo stato puro ^_^

    RispondiElimina
  72. Ciao Stefania! in effetti, trasferita in un paese mediorientale, devi sottostare anche alle loro tradizioni! forse per un occidentale, che non comprende le ragioni che stanno alla base, ma solo per una religione diversa, è più difficile da sostenere!
    Questi bicchierini ci sembrano il perfetto modo per festeggiare la fine!
    baci baci

    RispondiElimina
  73. Mousse S Q U I S I T A!!!! Ottima ricetta!

    Ciao, Ennio.

    RispondiElimina
  74. Grande Stefania!!!!!! Ci chiedevamo proprio in questi giorni come funzionasse il Ramadam per chi si trova in paesi islamici ma non è mussulmano, ci hai dato una chiara visione. Molto meglio questo trio di mousse, deliziose, fresce e senza proibizioni :-) Baci

    RispondiElimina
  75. Proprio in questi giorni mio cugino mi raccontava del Ramadam.
    Ottima la mousse!

    RispondiElimina
  76. sono sempre interessanti e divertenti i tuoi racconti. Ma del tuo breve ritorno in Italia non ci dici nulla? :)

    RispondiElimina
  77. Che bella ricetta...
    ..e che bella presentazione!!
    Buona serata!
    Elisa

    RispondiElimina
  78. @ lidia The Spicy Note: ti ringrazio!

    @ Lory B: grazie a te :-)

    @ Pellegrina: è che per molti di loro ci vuole un giorno a prepararli!!! :)

    @ chiarina-ina: sai com'è, se c'è la convizione non sono più tanto assurde...

    @ rossella: ;-)

    @ vickyart: e già...

    @ Patty: a me invece avevano colpito dalla copertina!

    @ Daniela: grazie

    @ Simona: :-)

    @ Kiara: golosità tripla!

    @ Manuela e Silvia: un pochino di adattamento ci vuole, come no.

    @ Ennio: mille grazie!

    @ Ely: spero di averti chiarito qualche dubbio :-)

    @ nightfairy. :-)

    @ Paola Bacci: grazie!

    @ Giovanna: Giooooooooo che bello!!!

    @ Andrea: delle mie immani magnate italiche, vorrai dire :-)

    @ coccoecannella: ti ringrazio :-)

    RispondiElimina
  79. e meno male che con quel ragazzino la faccenda si è chiusa lì... non si sa mai dove portino certe piccolezze...
    Ottimo questo trio, comme d'habitude! Commento poco, ma passo spesso...qui il tempo vola!!!
    a presto, Vale

    RispondiElimina
  80. Veramente buono e visto che è arrivato un pò di fresco, 10 gradii in meso siamo a 24 posso anche accendere il fornello :-)) Grazie e buona giornata.

    RispondiElimina