lunedì 4 giugno 2012

Serve una mano. O anche solo un dito.


Il terremoto in Emilia ce l'abbiamo sotto gli occhi, non importa quanto lontani si sia dalle zone colpite o dall'Italia stessa.
E dovrebbe servire a farci sentire tutti un po' più uniti, senza riservare questi sentimenti solo ad eventi tipo le vittorie di una Nazionale di calcio....
Aiutare?  Uno slancio spontaneo, e se non lo fosse dovrebbe essere considerato un dovere.
Qui di seguito un paio delle tante iniziative nate per provare a far qualcosa, attuabili con una certa facilità anche da chi vive all'estero.
Il primo, un sms solidale del valore di due euro al numero 45500.



Si può utilizzare qualunque cellulare con sim italiana, mentre per la chiamata da rete fissa serve un numero nazionale.
Il secondo, l'acquisto di Parmigiano e Grana Padano provenienti dalle forme danneggiate dal terremoto.
A questo proposito la Coldiretti ha attivato un indirizzo email:
terremoto@coldiretti.it
 Si può scrivere qui per inviare richieste, specificando nome, indirizzo, numero di telefono, prodotto e quantitativo al quale si è interessati.

Nessuno può far miracoli, poco ma sicuro.
Ma aiutare chi è rimasto vivo mi sembra il modo migliore per onorare chi la vita l'ha persa.



38 commenti:

  1. Brava Stefania, bellissime parole :-)
    Qui dove lavoro io ci si è attivati con una raccolta fondi ed anche con l'acquisto del Parmigiano Reggiano.
    Noi Italiani siamo un popolo straordinario, specialmente di fronte alle emergenze.
    Di sacrifici ne facciamo già tanti, ma uno in più per i nostri emiliani lo facciamo più che volentieri.
    Li facessero anche i nostri politici ...

    RispondiElimina
  2. Un buon modo per sensibilizzare. Con la speranza che non si dimentichi tutto tra 20 giorni, grazie per essere attenta a ciò che ti circonda senza procedere con i paraocchi come tanti :)

    RispondiElimina
  3. brava stefy...anche solo un dito per aiutare,baci,Imma

    RispondiElimina
  4. Ho preso nota di tutto. Grazie!!!

    RispondiElimina
  5. dobbiamo aiutarci, fai bene a ricordarlo!
    dimenticare qua è impossibile, una scossa bene avvertita anche ieri sera...
    un bacio

    RispondiElimina
  6. grazie mille Stefania, ti ringrazio come Emiliana e come purtroppo una delle centinaia di persone colpite da un'evento + grande di noi, incrontrollabile e che irrompe nelle vita all'improvviso cambiandola per sempre...immaggini che credevi di vedere solo per tv ora riprendono il paese in cui cresciuta...grazie mille a tutti...

    RispondiElimina
  7. Ciao Stefania,
    tutto bene?
    Riesci sempre e scrivere dei post che invogliano a fare anziché a passare oltre dopo aver letto, senza farlo sembrare un obbligo :-)
    Il tuo è un talento naturale! Oltre quello della cucina, ovvio :-p
    Speriamo terminino alla svelta tutte queste scosse, soprattutto per le persone colpite...
    Buona settimana,
    Sara

    RispondiElimina
  8. Ah, dimenticavo!
    Il link che hai messo della Coldiretti non funziona... :-(

    RispondiElimina
  9. Un dito, una mano, un pensiero, una preghiera...tutto è indispensabile...

    RispondiElimina
  10. E' vero, aiutare a parole è facile ma passare ai fatti qualche volta lo è meno...ma basta la buona volontà.

    Sara, grazie: ho corretto il link :-)

    RispondiElimina
  11. niente male come iniziativa faccio passare la parola

    RispondiElimina
  12. Brava Stefania, sono d'accordo Gambetto.. spero che tutto questo non venga dimenticato presto. Ci sono tanti modi per dare una mano e questi ne sono alcuni :)
    Buon lunedì e grazie :)

    RispondiElimina
  13. Già fatto due volte (e finito il credito sul cellulare!)
    Io ho messo la scritta fissa sotto l'header del mio blog, così se magari uno passasse anche per sbaglio potrebbe ricordarsi che rinunciare ad un gelato non uccide nessuno ma anzi, potrebbe aiutare!

    Sono certa che servirà!

    Alice
    http://operazionefrittomisto.blogspot.it/

    RispondiElimina
  14. giustissimo... è buona causa! stefy passa a trovarmi e sostienimi se ti va...adoro il tuo blog!!!!

    RispondiElimina
  15. Vivo a Rimini. Tra emiliani e romagnoli c'è stata rivalità in passato, che si è trasformato nel tempo in bonaria "antipatia".
    Ma ora l'Emilia Romagna non è più separata dal trattino.
    Uniti come non mai perchè i nostri vicini si riprendano da questo evento.
    Grazie per la tua vicinanza, Stefania.

    RispondiElimina
  16. Da modenese ti ringrazio per il tuo gesto,che come una goccia ,dopo goccia riempirà il bicchiere!!!Ieri è stata una giornata strana,pare che appena riusciamo a tirare il fiato e riprendiamo una parvenza di normalità,TRAC tutto ricomincia,come un nuovo giro in giostra...ma giorno dopo giorno trovare il sostegno di tante persone generose è un balsamo per le giornate!!!
    Vorremmo pensarla così:the show must go on;
    Un abbraccio,Marika

    RispondiElimina
  17. Hai ragione Stefi, sembra poco ma, se ognuno di noi mandasse un SMS in più al giorno, potrebbe aiutare concretamente una regione così colpita a risollevarsi.
    Per i centri di acquisto, ho provato anch'io a ordinare del parmigiano tramite un'amica e... sto aspettando conferma! Ho sempre acquistato il Reggiano e ora ho un motivo di più per farlo!
    Nora

    RispondiElimina
  18. Brava Stefania! Non sapevo dell'iniziativa della Coldiretti...grazie!

    RispondiElimina
  19. speriamo che non venga tutto dimenticato in poco tempo.. ciao cara!

    RispondiElimina
  20. Qui si continua a tremare, per fortuna Bologna è stata toccata solo marginalmente, ma quanta paura!! e noi venerdì andremo a prendere il parmigiano terremotato perchè non può mancare nelle nostre case...è un bellissimo gesto di solidarietà!
    Camy

    RispondiElimina
  21. Ogni goccia è indispensabile per formare il mare!
    loredana

    RispondiElimina
  22. Se tutti facessimo qualcosa di piccolo verrebbe fuori un
    grande aiuto !!!!!

    RispondiElimina
  23. Qui a Bologna fortunatamente non e' successo niente di irreparabile ma certo la paura e' tanta. E' veramente subdolo perche' appena ti tranquillizzi un po' ti arriva un'altra scossa e riparte la paura. E si finisce per andare nel panico ad ogni minima vibrazione, che magari invece e' stata provocata da un camion o roba simile...

    RispondiElimina
  24. Stefania alcune foodblogger hanno fondato un gruppo su facebook, stanno organizzando un Menu For Hope, [una sorta di lotteria, ognuna mette in palio dei premi, roba fatta in casa piuttosto che roba che ci hanno inviato gli sponsor (questo è da stabilire) i nostri lettori acquisterebbero un o più biglietti della lotteria (es 10 euro a biglietto) poi si va ad estrazione... il ricavato lo destiniamo ad una scuola, parrocchia, casa famiglia, comune... quello che le blogger del luogo colpito di più ci segnaleranno] ti ho incollato direttamente le parole di una foodblogger che spiegava il progetto...non so se andrà in porto intanto stanno raccogliendo i dati di chi è a disposizione.. Mi permetto di lasciarti il link per i dati baci https://docs.google.com/spreadsheet/ccc?key=0Ap37sV9hIxY-dHJfejU4Q19PNFdiNDBOaFpyNWc0UXc#gid=0

    RispondiElimina
  25. Brava, belle parole e incisivo messaggio....non si può rimanere indifferenti e poi basta poco da ognuno di noi per ottenere un grande risultato!!!
    Baci

    RispondiElimina
  26. non è la prima volta che noto questa cosa, è capitato in molti blog....ricette meravigliose, commenti a profuzione.
    argomento serio, utile, che richiederebbe presenza o un cenno per dire "hei, ci sono", meno della metà dei commenti che arrivano di solito.
    mi spiace sempre quando vedo queste cose......e spero sempre che dato l'argomento, chi non scrive passi direttamente ai fatti.
    grazie Stefania, per il tuo interessamento.

    RispondiElimina
  27. Grazie di cuore per il pensiero perchè non è+ da tutti!! Qui a pochi km c'è uno sfacelo, abbiamo parenti rimasti senza casa e senza lavoro...adesso proviamo a riprendere la normalità, ci si aiuta come si può e si cerca di guardare avanti.
    Si ritorna nelle nostre case perchè la vita continua e si va avanti...anche riaprire il computer e tornare a leggere i blog di cucina preferiti aiuta a ritornare alla normalità!

    RispondiElimina
  28. Ho mandato una mail alla coldiretti, e mi hanno risposto che al momento non possono spedire all'estero. E' un vero peccato perchè qui in UK tra amici, colleghi e vicini di casa saremmo quasi arrivati a comprare una forma intera. Qualcun'altro ha provato a farsi spedire il formaggio all'estero e ci è riuscito? Elena

    RispondiElimina
  29. Anche io ho provato, ma ho dovuto ripiegare sulla spedizione a casa di mia sorella in Italia...
    Ciao e grazie :-)

    RispondiElimina