venerdì 9 dicembre 2011

Insalata russa, in rosa


Prendete il piatto russo più famoso del mondo, e chiedetene la ricetta ad una russa doc.
L'ho fatto, e mi ha riso in faccia.
Solo dopo avermi guardato con un certo disprezzo mi ha erudito sul fatto che primo, l'insalata in questione in Russia la chiamano Olivier.
Secondo, la ricetta è in realtà molto elaborata e complicata, non quella che fate voi italiani.
E' tentando di nascondere un certo sarcasmo che ho chiesto quale fosse, secondo lei, la versione più simile all'originale.
Non mi ha più riso in faccia: mi ha praticamente squadrato con la stessa simpatica espressione di Ivan Drago a Rocky Balboa, e per un attimo ho avuto davvero paura in due mi ci spiezziasse per davvero.
Perchè l'insalata russa è veramente un piatto nazionale, e famosissimo.
Creato a metà dell'Ottocendo, c'è da dirlo, da un cuoco di origini francesi, Lucien Olivier.
E ci metteva di tutto, altro che due patate e qualche carota buttate dentro ad una ciotola!
Carne affumicata, tartufi, a volte aragosta, sottaceti, capperi, prosciutto...
Un piatto ricco e sontuoso, che pochi palati potevamo permettersi.
Un condimento unico a base di maionese, segreto tanto quanto le proporzioni esatte dell'insalata stessa.
Ma si sa, più si cerca di tener segreta una ricetta, più si viene accerchiati e perseguitati da chi questa ricetta la vuol conoscere a tutti i costi.
E qui devo dire che so bene di cosa si parli, avendo di non proprio edificanti mie gesta riempito questo blog :-)
Ebbene si, quindi: un aiuto cuoco riuscì a rubarla.
A sua discolpa, se mai sia possibile discolparlo, c'è da dire che era stato appena licenziato, e non contento, pensò bene di vendicarsi vendendo la ricetta ad un ristorante concorrente, dal quale fu poi assunto.
Non solo, la vendette anche a svariate case editrici,  e questo mi fa pensare che se avesse avuto un blog non avrebbe avuto molti timori a pubblicarla :-)
Solo un appunto: ricetta rubata, ma a metà.
Quella del condimento rimase ad Olivier.
E dato che l'aiutocuoco non la ricordava bene, si limitò ad annegare tutta la sua frustrazione nella maionese.
A lui dobbiamo però la semplificazione del piatto da intricato nugolo di ingredienti raffinati e ricercati ad una più semplice insalata fredda, personalizzata nel corso degli anni da chiunque l'abbia provata.
E quindi un grazie glielo dobbiamo.
Anche perchè mi sentirò meno sola, la prossima volta che vorrò nuovamente sbirciare nei ricettari altrui :-)


Questa è l'unica insalata russa che mio marito mangi: quella preparata con la ricetta di sua madre, e del quale è unico e temuto assaggiatore ufficiale per vedere se ogni volta gli ricordi l'originale.
La barbabietola non si sente, ma addolcisce leggermente il tutto donando una sfumatura di rosa. Il tonno nemmeno, ma regala sapidità senza invadere.
Insomma, delicata e saporita allo stesso tempo.
Un must sulla mia tavola di Natale :-)




INSALATA RUSSA, IN ROSA

300g di patate 
300g di carote
300g di piselli
200g di giardiniera
200 g di tonno sott'olio
3 cucchiai di cetriolini sott'aceto
200 g di barbabietola rossa già cotta
un paio di cucchiai di capperi
sale
succo di limone
maionese ( anche quella senza uova)

Lessare le verdure separatamente in acqua bollente salata finchè saranno tenere ma ancora leggermente al dente oppure, ancora meglio, cuocerle a vapore.
Scolarle, farle raffreddare e tagliarle a cubetti.
Tritare nel mixer la giardiniera, oppure usare la mezzaluna: l'importante è che sia finissima.
Scolare il tonno e frullarlo con un paio di cucchiai di maionese ed i capperi, ed a parte tritare con la mezzaluna la barbabietola e i cetriolini.
Unire tutto in una ciotola, mescolando delicatamente ed unendo il succo di un limone e del sale, se necessario.
Amalgamare con ulteriore maionese, se necessario, ma senza esagerare, e mettere in frigo almeno un paio d'ore ( meglio una notte )
L'insalata prenderà un colorito rosato dovuto alla presenza della barbabietola.
Prima di servirla velarla con maionese e decorare come si preferisce.

NOTE:

- migliora enormemente con il riposo: quindi se potete prepararla due giorni prima di servirla, meglio.

- le dosi proposte qui bastano per una...tavolata ampia. Dimezzate tranquillamente!

65 commenti:

  1. Giusto un mese fa in casa di amici, feci la stessa domanda ad una ragazza russa e scoprii che la ricetta originale è di molto differente da quella che conosciamo noi ....
    Bè proverò la tua per le feste immninenti :D

    RispondiElimina
  2. Leggevo e sentivo un sottofondo...all'inizio non capivo poi a mano a mano è stato sempre più chiaro..."La Vie En Rose"!
    Si lo so che pensate che possa essere 'mbriaco a prima mattina ma cosa c'è più classico di questa (per me) inedita insalata russa rosa?! :D
    PS
    Ovviamente un buon rosso vicino è d'obbligo no?! :P ehehehehe

    RispondiElimina
  3. Bello questo post. E sapevo la storia dell'insalata russa. La tua è molto ma molto invitante. Sai che mi metto a farla?

    RispondiElimina
  4. A Trieste la barbabietola rossa ed il tonno li mettiamo..forse perchè siamo più "geograficamente vicini"? A volte non capisco queste diatribe sulla maternità/paternità delle ricette. Si vive una volta sola che sarà mai questo livore, questo l'ho inventato io, no io...boh, resta il fatto che a me l'insalata"Russa" piace, anche troppo e, secondo me, la barbabietola oltre al colore regala una nota in più, ciao.

    RispondiElimina
  5. mai fatta in casa l'insalata rusa... mi sa che è ora di provare!!!

    RispondiElimina
  6. Non sarà quella originale ma mi pare ben assortita! curiosa l'aggiunta del tonno, mi sà che mi piacerà!!!! Baci

    RispondiElimina
  7. la mia mamma ha sempre fatto la versione semplificata, verdurine e maionese, recentemente ho scoperto da una badante russa la versione con la barbabietola che tinge tutto di rosa ma non c'era il tonno. sai che non avevo mai approfondito l'origine di questo piatto? grazie per le info molto interessanti
    ciao
    cristina

    RispondiElimina
  8. Pensa che mio nonno siciliano riusciva a metterci anche i capperi! Anche io la preferisco con poca barbabietola, che altrimenti le da un retrogusto leggermente terroso, noi la amiamo, ma non posso farla, mio marito ne mangia talmente tanta che rischia un blocco intestinale ogni volta!!! :)

    RispondiElimina
  9. Interessante la storia dell'insalata Russa Olivier!Adoro conoscere le storie dei cibi! Bella la tua versione, anche una mia vecchia zia ci mette il tonno , poi aggiunge i porcini freschi tagliati sottili! Anche io tempo fa' ho aggiunto la barbabietola hai ragione , è un tocco in più!
    Ti aspettiamo al nostro contest! Nani

    RispondiElimina
  10. Non sapevo che ci mettevano anche aragosta e cose del genere, molto interessante. Con la barbabietola mia mamma la faceva ogni tanto, ma di solito senza perche' la preferiva 'gialla'. Io non la facevo da anni e poi l'ho rifatta (vegetariana pero') la settimana scorsa perche' dovevo fotografare una ricetta con la hollandaise (+ o - come la maionese) per un cliente, e qui non la conosce quasi nessuno. Pero' l'ho tradotta come Russian Salad, e forse meno male, se il vero nome e' Olivier e la mia era cosi' diversa :-).

    Ciao e buon fine settimana
    Alessandra

    RispondiElimina
  11. L'insalata russa è un must degli antipasti delle feste (leggerezza rulez), mia madre la fa molto simile alla tua ma senza barbabietola...è da provare!Bacioni!

    RispondiElimina
  12. Non l'ho mai fatta ma la tua ha un bel aspetto invitante!

    RispondiElimina
  13. Ah questa poi!! Barbabietola e tonno mai avrei pensato di accostarli nello stesso piatto...da provare assolutamente. Naturalmente ti rubo anche le ricetta del Napoleone. Cosa sarebbe questo Mondo senza facce di bronzo come la tua?

    RispondiElimina
  14. Questa è l'insalata russo che mangio anch'io nei giorni di festa e penso che quella originale sia una bomba pesantissima quindi rimaniamo nel classico e chissà che quest'anno nn mi decida a farala anch'io in casa:-)!!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  15. Sapevo che non era l'originale, le nostra, ma non sapevo come fosse, né la storia del cameriere. Immagino che fossero segretissime le ricette....in fondo al tempo dei fiamminghi, i pittori erano capaci di uccidersi per conoscere la ricetta di un colore!! Devo provarla questa versione con barbabietola!! Ciao

    RispondiElimina
  16. Mi piace molto questa nuance di rosa nella mia insalata russa.

    RispondiElimina
  17. io vado controcorrente. non riesco a farmi piacere nessuna versione dell'insalata russa, nepure quella capricciosa che ci siam inventati seduta stante in italia. ma credo che il mio problema sia la maionese, le salse con la maionese mi danno molto fastidio. ergo, chez moi non si trovano. con giusto disappunto del resto della famiglia che invece, ovviamente, la amano molto. ma il cuoco di casa sono io!!!!!! yeah :)))) ciao stefania, bacio!

    RispondiElimina
  18. Vedi un po' che storia dietro all'insalata russa! Bella vestita di rosa!

    RispondiElimina
  19. Mia madre era russa e preparava spesso questa insalata. Buonissima la tua ricetta, complimenti! Buon weekend dalla tua amica siciliana a Roma!

    RispondiElimina
  20. Ciao, "ladruncola" più bella del web!
    Sono sempre divertentissime le storie che ci racconti, guarda che solo tu non hai fatto un libro, ma il tuo sarebbe molto diverso e molto ricercato!
    Bellissima la tua versione, è ora che ci provi, in fondo, dei piatti russi doc ne ho già fatto il pieno!
    Un bacione!!!

    RispondiElimina
  21. stefania, stavolta non ti seguiro' in questa avventura, ho una sorta di blocco con l' insalata russa! sara' colpa di noi italiani pasticcioni che l' abbiamo rovinata?? :DD
    ciao e buon we!
    Valeria

    RispondiElimina
  22. Devo ammettere di aver già provato con le barbabietole e, oltre ad essere bella a vedersi è più delicata. Però era senza tonno.
    L'idea mi piace. Brava Stefania, come sempre!!!!

    RispondiElimina
  23. E' una cosa di cui mi privo spesso per "eccesso di calorie", ma non è giusto perchè è troppo buona!
    La tua versione in rosa è davvero bella, oltre che molto gustosa!
    Grazie...farò tesoro di questa bellissima idea nelle prossime festività!

    RispondiElimina
  24. Bellissima adoro l'insalata russa brava!!
    un bacione buon fine settimana Anna

    RispondiElimina
  25. Per me l'insalata russa è uno di quei piatti che proprio non riesco ad assaggiare, sarà perché non si capisce mai bene cosa ci sia dentro... ma è invece molto gradita da tutti in famiglia. Sono la pecora nera, che vuoi farci!!
    Buon weekend.

    RispondiElimina
  26. Io l'ho scoperta tardi e...mi iace moltissimo!
    Bella ed originale questa pink version :)
    Bacione

    RispondiElimina
  27. Sai che l'ho fatta proprio adesso, ho le verdure in raffreddamento. La versione rosa mi pice,da provare. Non ho mai aggiunto la giardiniera, però metto le uova sode ed i fagiolini (stanno benissimo anche i cavolfiori ma non ne avevo). Un bacione!!!

    RispondiElimina
  28. Fantastica...avevo in mente di proporla per la Vigilia .... una mia amica la fa uguale, con l'unica differenza che non usa la BArbabietola.... ma davvero non si sente??? io la temo :D , bacioni e buon weekend, Flavia

    RispondiElimina
  29. Non è Natale senza insalata russa, sarà che la mia nonna la fa così buona che non ho mai provato a farla ... ma come al solito, mi tenti, davanti al rosa, non so resistere !!!

    RispondiElimina
  30. Ma non sapevo questa cosa dell'insalata russa! Sapevo solo che non è proprio una ricetta originale russa, grazie della info!
    A me la barbabietola piace un sacco, la proverò di sicuro..e poi è una vita che non la mangio (me ne sono ingozzata troppo in passato!;-)
    Grazie dello spunto, ciao!
    a presto

    RispondiElimina
  31. A casa quando ero piccola non mancava mai a Natale...perchè non è tanto che non la faccio più? Devo rimediare e ci metto anche la barbabietola che prima non usavo :)
    Ciao
    Ale

    RispondiElimina
  32. Fantastica l'aggiunta della barbabietola nell'insalata russa *O*! Quest'anno la farò così ;)!
    E perchè non la proponi per il contest "(St)rès chic gluten free" ideato da Cardamomo&co?

    RispondiElimina
  33. a me l'"insalata russa da supermercato"non piace molto, ma questa sembra essere tutta un'altra cosa!!! e visto che le tue ricette sono una garanzia, scirvo gli ingredienti nella lista della spesa e la farò prestissimo! ;)

    RispondiElimina
  34. Spassosissima la faccia ..delle tua amica l'insalata russa mi fà inpazzire..buona anche la olivier..mia mamma sposata a un russo la prepara molto simile alla nostra ma con tanta cipolla cruda!!il giorno dopo potresti stendere un cammello!!hi hi ma ne vale la pena un abbraccio

    RispondiElimina
  35. non è natale se non c'è l'insalata russa in tavola. che sia un retaggio degli anni '70 o no, a me piace un sacco. la mia è ancora più semplice e "povera": per me solo patate, carote tagliate a cubotti piccolissimi e piselli. una maionese come si deve e ...fine! la tua è più ricca e più " scenica" senza dubbio più "da festa"! credo ti ruberò l'idea della barbabietola, che non amo particolarmente , ma che nell'isalata russa ci sta! un grande abbraccio

    RispondiElimina
  36. Appurato che si può fare in anticipo.... considerato che la majonnaise mi riesce una volta su tre... superata la diffidenza in famiglia nei confronti della barbabietola... deciso (non di mia iniziativa) che come tutti gli anni anche questo mi tocca fare cena e pranzo di natale per tutti... quasi quasi la faccio... :)

    RispondiElimina
  37. Ciao, per noi l'insalata russa è solo quella della mamma: semplice con carote, patate e pisellini, giusto un cucchiaio di maionese (ma solo uno eh!) e sale...così senza altri intigoli! Nel mondo blog invece di versioni ce ne sono una marea, più o meno vegetariane, più o meno ricche e più o meno light...
    Per noi...ognuno ha la sua dopotutto, e ne abbiamo scoperte di davvero originali! La tua riestra tra queste!
    Un bacione
    manuela e silvia
    Spizzichi & Bocconi

    RispondiElimina
  38. La mia nonna me la preparava sempre e questo è il primo Natale che facciamo senza di lei, quindi volevo preparare una bella insalata russa nuova versione per continuare la tradizione. La tua insalata russa rosa mi piace un sacco, quindi la sperimenterò sicuramente nei prossimi giorni. Grazie per l'idea, Babi

    RispondiElimina
  39. Tutto questo mi ricorda quando ho chiesto ad una Macedone se la macedonia avesse a che fare con il suo paese e fosse una sorta di ricetta internazionale. Gelo.
    Maaaaaa comunque, la mia insalata rusa mixa metà maionese e metà pure. Però questa rosa mi ispira moltissimo. E mi fa venire un'idea per i finger food che ho in mente per natale ;) grazie cara!

    RispondiElimina
  40. Un color muy bonito,tiene que estar deliciosa.

    Saludos

    RispondiElimina
  41. Bell'aspetto bella anche per decorare i prossimi piatti natalizi!!! Bè non conoscevo la storia grazie bel post come sempre ;D

    RispondiElimina
  42. oddio! un incontro con un cuoco così è da temere eh eh
    mi piace l'insalata russa anche con la variante del rosa :)
    buon we

    RispondiElimina
  43. Ciao Stefania ora scopro pure che l'insalata russa e' diversa:-) ma che roba! solo un appunto non e' Ivan Rrago contro Rambo ma contro Rocky Balboa, me lo ha fatto notare mio marito che e' un grande appassionato del genere:-) lui non gurda le ricette... ma Rocky e' sacro! baci

    RispondiElimina
  44. in casa mia l'insalata russa è una questione natalizia seria. è l'unica cosa che prepara mio padre, lo fa da 30 anni ormai e per prepararla imbratta una cucina intera e mille utensili e pentolini. Inoltre, da vero chef, pretende l'aiuto dei "garzoni" -che saremmo noi figlie e mia madre- addette al taglio della verdura e al lessaggio di ciascuna A PARTE -che se no si mischia tutto e non viene buono.
    Devo dire, però, che fa una maionese -e quindi un'insalata- davvero buona :-)
    senza tonno e barbabietole (per carità, mi spiace ma le odio) però l'idea del tonno è da copiare, in pratica un pasto completo in un cucchiaio!!

    RispondiElimina
  45. è anche molto bella sembra che dentro ci sia il salmone!!!!forse è un'idea!!!
    cia cara
    baci

    RispondiElimina
  46. tolgo il tonno [chettelodicoaffà] e uso la mayo di riso [embè..] ma per il resto mi piace moltissimo questa versione per cui credo che campeggerà sulla tavola di natale, con buona pace della tradizionalissima carote/patate/piselli di mia madre.

    la faccia della Russa di Russia l'avrei voluta vedere.....o forse a pensarci bene no, passo ^^

    RispondiElimina
  47. grazie mi hai fatto scoprire una cosa che non sapevo e sopratttutto ci fa capire come noi italiani ci fissiamo di sapere sempre tutto in fatto di cucina

    RispondiElimina
  48. Anch'io la faccio con la barbabietola rossa la adoro e mi piace un sacco il colore che prende.
    Mia cognata è moscovita ed anch'io l'ho chiesta e anche lei mi ha detto che è differente e complicata ma poi non la chiesi più, forse per paura.
    Bella la tua!!
    Ps. fantastici i dolcetti qui sotto!
    Brava!

    RispondiElimina
  49. favourite colour quindi mi piace! hihihihihihih buonissssssissssima!

    RispondiElimina
  50. Mio marito ne mangerebbe a quintali. La devo fare con il contagocce ogni volta.
    Mi piace la tua versione rosa! Hai capito che ti fa un pezzetto di barbaietola! La prossima volta provo. Grazie della dritta

    RispondiElimina
  51. Non mi piace proprio l'insalata russa, perchè non mangio la maionese.. :-/ Ma questa è proprio fashion, tutto ciò che è pink per me è fashion!!! :-)))

    RispondiElimina
  52. l'insalata russa fatta bene è davvero buona!! e questa è super! Ma ne vogliamo parlare dei cetrioloni russi??? quelli sì che fanno paura! :))

    RispondiElimina
  53. complimenti, sembra buonissima! anch'io l'ho preparata settimana scorsa, ma senza barbabietola rossa! Però in effetti la utilizzo molto con l'insalata di pomodori quindi sicuramente ci starà benissimo! ci aggiungerei qualche fogliolina di menta, che ci sta da dio! Baci :)))

    RispondiElimina
  54. Questa si che un'altra ricetta da copiare al volo, lo so che ne ho già copiate abbastanza ma che ci posso fare se mi piace tutto quello che vedo da te??
    Per le feste con quel bel colore è l'ideale!
    Buona domenica Stefania :-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  55. La faccio uguale a te, tranne che nell'uso della barbabietola, mi sa che la debbo unire anche io ;) Grazie per la dritta.

    RispondiElimina
  56. interessante questa versione e anche la sua storia! segno la ricetta!

    RispondiElimina
  57. non conoscevo questa storia,davvero interessante:)
    da noi per le feste si prepara l'insalata russa ma non ho mai provato questa versione,la devo sicuramente provare...buon fine settimana:)

    RispondiElimina
  58. @ Milen@: grazie, mia cara.

    @ Gambetto: Ma La Vie en Rose la senti nel momento in cui Ivan Drago dice "io ti spiezzo in due?" :-)

    @ Pinella: un onore, che tu la provi.

    @ accantoalcamino: perfettamente d'accordo, anche nel piacermi da matti.

    @ Enza Carpentieri: non sarà un piatto nuovo ma piace sempre.

    @ ELy: che poi non si vede, ma regala molto al gusto.

    @ poverimabelliebuoni/insalatamista: ecco, mi conforta sapere che la barbabietola la metti pure tu...

    @ Greta: qualcuno c'è anche qui. E siamo sicure di non essere sposate allo stesso uomo?

    @ Nany e Lolly: i porcini? mai messi, ma perchè no.

    @ Alessandra: anche i miei amici stranieri non la conoscono, curioso.

    @ Ka': detto bene, un must.

    @ Mary: grazie!

    @ Roberta: evviva le facce di bronzo :-)))

    @ dolci a gogo: l'originale leggera non era, sicuro!

    @ franci e vale: penso proprio di si, uccidevano per molto meno...

    @ Lilly: very girlish :-)

    @ Babs: lo sai che la maionese la mangio pure a cucchiaiate? e con questo non mi rivolgerai più la parola :-)

    @ lerocherhotel: chi se l'immaginava, eh.

    @ Francesca: allora tu si che potrai darcene una versione più ortodossa!

    @ Giulia: sarebbe bello sapere il tuo giudizio all'assaggio ;-)

    @ Lui e Lei in Cucina: secondo me si!

    @ ste.lele: credimi, non si sente e dà molto sapore.

    @ Emanuela, Pane, burro e alici: infatti la faccio solo per le feste comandate.

    @ Anna: grazie, ed altrettanto.

    @ Ilaria: che la soluzione sia farla da te?

    @ Saretta: carina, eh?

    @ colombina: i cavolfiori mi piacciono meno, ma non è detto che nell'insalata russa non li apprezzi...

    @ EliFla: garantisco. IL segreto è tritarla talmente fine da non vedersi più, quindi regala solo il colore e un tocco leggero al condimento senza risultare invadente.

    @ Mascia: e com'è la ricetta della nonna?

    @ Cinzia: sono belle le ricette con una storia, no?

    RispondiElimina
  59. Sospettavo che la nostra versione di insalata russa fosse lontana dall'originale che bella storia però sembra la sceeggiatura di un film ;) La tua versione con barbabietola e tonno mi piace ;)

    RispondiElimina
  60. grazie Araba! ho finalmente trovato un modo per mangiare la barbabietola, l'unica verdura che non mi piace!

    RispondiElimina
  61. Conosco benissimo le tue ricette e mi piacciono tutte e oggi mi sono accorta che non ero tra i sostenitori del tuo blog O-o Che stordita che sono!!!!!Ho subito rimediato perchè sei davvero fenomenale!

    RispondiElimina
  62. I furti di ricette danno troppa soddisfazione, e poi dicono che il crimine non paga! TSK!
    Io la barbabietola la uso per colorare un tot di cose ma all'insalata russa rosa non avevo mai pensato... mi toccherà rubartela!

    Aspetta un attimo... guarda là, c'è un elefante rosa che vola!

    Swishhhhhhhhhhhhhhhhhh: ricetta asportata.

    RispondiElimina
  63. E io che pensavo che in Russia nemmeno conoscessero quest'insalata per le feste la preparo anch'io, sai tradizione vuole e io arrivo dalla Argentina, altro che globalizzazione ;D
    Ti auguro di trascorrere delle liete feste e un splendido anno nuovo, un abbraccio Alejandra

    RispondiElimina
  64. mi son fatta anche due risate leggendo questo post!!! ahaha sei di una simpatia unica....il problema e' proprio questo, il nn sapere bene quei dosaggi basilari!!! ma infondo va bene cosi' rende ancora piu' intrigante la cucina no??? buona giornata cara!!! ^_^

    RispondiElimina
  65. @ Alex: ti ringrazio, questo commento mi era sfuggito!

    @ MONIA: ma certo, lì sta tutto il divertimento...

    RispondiElimina