lunedì 10 gennaio 2011

Treccine di ricotta


Che bello, che bello, che bello.
Saltello dalla gioia: un giorno tutto per me. Martedi' 4 gennaio, niente scuola oggi.
Niente caterva di ospiti da sfamare, nulla di troppo urgente da finire in casa. Il marito nemmeno viene a pranzo, impegnato com'e'.
Il mio piano criminale prevede accurata scelta del costume piu' adatto a prendere il sole in giardino per minimo le prossime due ore. Scelta ovvia, quello senza spalline, che non mi rimangano i segni.
Prendo l'asciugamano, e lo stendo.
Aspetta, bisogna che prenda il cappello: gia' i neuroni rimasti sono quello che sono, se mi gioco pure questi ultimi sono finita. Ecco, mi sdraio.
Ah no, che idiota: ho lasciato dentro casa il telefono, e me ne accorgo perche' squilla. Scatto olimpionico, e manco ci arrivo in tempo, sara' bene portarselo dietro.
Uffa, ed il libro? Corro ad acchiappare la biografia di Leopardi, ed uno sui biscotti, per evitare di finire il primo troppo in fretta...Mi sistemo, occhiali da sole e finalmente la mia mattinata puo' avere inizio.
Aspetta, il gatto e' rimasto dentro e miagola disperato che vuole abbronzarsi pure lui, potrei lasciarlo inascoltato? Si accomoda tutto contento sotto la sdraio ed io mi metto a combattere contro alcuni insetti che mi ronzano intorno con aria piuttosto minacciosa. Ma non dovrebbe essere il contrario?
Passo oltre, nemmeno i gatti sono piu' quelli di una volta.
La crema solare! Ma come ho fatto a dimenticarmene! Torno dentro, e divento in tre minuti piu' scivolosa di un capitone, ma la confezione dice che avro' una pelle meravigliosa.
Forse dopo, ma sicuramente per ora ho solo attirato tutti gli ultimi insetti volanti che ancora non si erano accorti della mia presenza.
Ed anche se siamo in inverno ci sono sempre 30 gradi: ho caldo.
Ecco, un salto un cucina a prendere un te freddo ed una cannuccia, che fa tanto vacanza.
Forse ce l'ho fatta.
Non dirmelo, il campanello. Accidenti a me e quando ho chiamato l'elettricista.
In realta' avevamo concordato per il pomeriggio, ma qui in Arabia il concetto di tempo e' molto, molto particolare...mi infilo al volo il copricostume piu' casto che ho, e gli apro. Chissa' cosa riferira'delle donne occidentali, che portano uno strato bianchiccio in faccia ed uno strano cappello colorato...
Aspetta, ce l'abbiamo fatta. Il problema che deve risolvere si rivela una sciocchezza, e' fuori in un quarto d'ora.
Mi guardo intorno: che altro diamine potrebbe remare contro la mia mattinata? Telefoni e libri, presi. Elettricista liquidato. Mi porto il laptop? Ma no. Ecco, prendo solo il giornale di oggi, vediamo che dicono dell'avvoltoio arrestato perche' ritenuto una spia di Israele ( la notizia e' vera, ndr).
Mi accomodo, ed assaporo i raggi sulla pelle. Caldi, luminosi.
Beh, mica tanto.
Apro gli occhi: c'e' qualcosa che non va, dev'essere arrivata una nuvola. Un nuvola??? Non e' possibile, ed infatti il cielo e' terso.Mi tolgo gli occhiali da sole, fossero loro a falsarmi la vista. Oddio, perche' tutto ha una luce diversa?
Sara' una mia impressione, ed ostinatamente prendo in mano il giornale. Per poco non mi prende un colpo: eclissi parziale di sole, visibilissima dall'Arabia Saudita dove la copertura del disco sara' del 44 %.
Basterebbe dirlo subito, quando non e' destino.

Le treccine nascono quindi durante il picco dell'eclissi, come avrete immaginato. Sono buonissime per la colazione o per accompagnare un te pomeridiano, se vogliamo leggere, senza uova ne' grassi, e mi fanno tener fede almeno per oggi alla promessa di postare qualcosa di non troppo calorico :-)
Sono morbidissime e hanno il pregio di farsi in un attimo!


TRECCINE DI RICOTTA ( da "Croissant e Biscotti" di Luca Montersino)

250 g di farina
175 g di zucchero (250 nella ricetta originale)
375 g di ricotta di pecora
8 g di lievito per dolci
5 g di sale
1 g di olio essenziale di limone, oppure buccia grattugiata

per la copertura
uovo battuto (oppure latte), e zucchero semolato

A mano o nell'impastatrice con il gancio a K amalgamate la farina, la ricotta, lo zucchero, il sale, il lievito e la buccia grattugiata (oppure l'olio essenziale, che io non ho). L'impasto dovra' essere liscio ma non eccessivamente lavorato.
Subito formare delle palline da circa 60 g ciascuna, che andranno lavorate in piccoli filoni e poi in trecce.





Adagiare le treccine su una teglia coperta con carta forno, e spennellarle con l'uovo oppure con il latte.
Spolverizzarle di zucchero semolato e cuocerle a 170 gradi  per circa una ventina di minuti, regolatevi dal vostro forno.
Luca Montersino dice di cuocerle a 150 gradi, ma nel mio forno e' stato necessario qualche grado in piu'.
Servire tiepide o fredde.

NOTE:
-le treccine cotte possono essere surgelate. Bastera' poi lasciarle a temperatura ambiente qualche minuto, e magari scaldare un attimo in forno bassissimo, per non farle seccare.

130 commenti:

  1. MMM davvro golose ...
    Buona setimana dai viaggiatori golosi ;)))

    RispondiElimina
  2. beh, in certe culture dicono infatti che le eclissi portano sfortuna...come volevasi dimostrare. quella dell'avvoltoio non l'avevo letta, ma lessi pochi giorni fa che l'Iran accusa di aver trovato conigli spia mandati da Israele... :))
    Ma hai ragione...fra tutto ciò, consoliamoci con le tue treccine...hanno un aspetto invitantissimo, e che bello il tuo cestino!
    bacioni

    RispondiElimina
  3. L'avranno passato per le armi?... l'avvoltoi intendo! 0.0
    Sfiziose le treccine, mi piace anche l'idea di congelarle!
    Un abbraccio.
    Elena.

    RispondiElimina
  4. quest'anno mi sa che inizia in salita!meno male che le tue ricette sono sempre strepitose!bacioni!

    RispondiElimina
  5. E mi pareva strano che potesse filare tutto liscio!!! Ma almeno le treccine sono venute da Dio! Il debole per Montersino si fa sentire...metto in lista ^__^ Bacioni, buona settimana

    RispondiElimina
  6. Direi che ti sei consolata alla grande con queste treccine, del sole perso. Assolutamente da fare. Baci

    RispondiElimina
  7. Che bello sentirti parlare di sole, sdraio e abbronzatura, qui piove e fa freddo!!! Pero' queste treccine sono davvero favolose e scaldano anche il cuoire solo a vederle, mi segno la ricetta ottime anche per la colazione!!! Un bacione!!!

    RispondiElimina
  8. treccine favolose Stefania !Buona settimana, un bacione...

    RispondiElimina
  9. toccherà che mi compri anche questo libro di Montersino...che adoro...come queste treccine favolose e veloci, mi sa che rallegrerò la colazione del mio compagno il prossimo weekend..buona settimana araba...non abbronzarti troppo!!!ahaha

    RispondiElimina
  10. Almeno hai visto l'eclisse :-)!

    Le treccine sono bellissime. Ho comprato l'impastatrice da pochissimo, fino ad ora ho usato solo la frusta veramente, per meringhe e affini. (La mia ha due ganci/ fruste). Ho provato i ganci solo una volta, ma non sono sicura... bisogna mettere prima la farina e gli ingredienti secchi, o prima quelli liquidi/soffici?

    RispondiElimina
  11. Treccine deliziose, e il risultato è strepitoso! Qui l'eclisse non si è vista per nulla...Genova era coperta da una coltre di nuvole..l'unica città nel Nord Italia, credo...non vediamo un bel sole da Novembre! Ti invidio un tantino elettricisti ed avvoltoi...vorrei dieci minuti a 30°, il té freddo al posto della zuppa di legumi, la sdraio al sole invece dell'ombrello! Buona giornata, Stefania!

    RispondiElimina
  12. meravigliose...complimentiiiiiiiii!!!

    RispondiElimina
  13. Una bellissima ricetta assolutamente da rifare!
    Peccato per l'abbronzatura, ma per lo meno hai vito l'eclissi e goduto dei tuoi biscottini.
    Buona settimana
    Raffa

    RispondiElimina
  14. che delizia queste treccine!!!

    RispondiElimina
  15. Bellissime treccine da fare assolutamente troppo belle e buone!! bravissima!!
    Un bacione forte Anna

    RispondiElimina
  16. Sei uno spasso, leggerti è sempre un piacerone. Ma a farlo di lavoro ci hai mai pensato?? ^_-
    Le treccine devono essere sfiziosissime!!!
    Franci

    RispondiElimina
  17. tu devi fare la scrittrice!
    i tuoi racconti sono sempre irresistibili!
    come queste treccine d'altronde!

    RispondiElimina
  18. Ma alla fine riesci a rilassarti mai? Anche io apro sempre la porta col vestito piu' casto che ho sempre pronto per l'occasione ah ah ah e prendo il sole tutte le mattine . . . ma dove la trovi la ricotta in Arabia? Ho visto che al super vendono due tipi di ricotta italiana, ma non mi ispira per niente pensando ai km che ha fatto e al tempo che e' stata in giro, la ricotta se non e' fresca che ricotta e'? Chissa' come verrebbero queste treccine con il labneh. Ciao, buon lunedì.

    RispondiElimina
  19. Sembrano deliziosissime!
    Mi piace moltissimo l'aggiunto della ricotta nell'impasto... Una sorta di prezioso ingrediente segreto! ;)
    Ti auguro una buona settimana!

    RispondiElimina
  20. Le treccine devono essere davvero ottime!!! Ma sentir parlare di prendere il sole mentre qui fa un freddo cane, fa un certo effetto ;)))

    RispondiElimina
  21. Che belle!!!
    Io avrei pagato per vedere l'eclissi, mi sono alzata relativamente presto, ho visto schiarirsi il cielo, il sole stava sorgendo da dietro la collina, eccolo li, lo vedevo, faceva capolino, e poi...
    Si è annuvolato tutto, ed ovviamente il giorno dopo non c'era una nuvola a pagarla oro...
    Quindi, mi sono persa tutto, uffa...
    Beate te e Chamky che prendete il sole anche con questa stagione, io inizierò tra un bel pò, poi vabbè, mi devo impegnare perchè gia di mio sono stile svedese, quindi diventerò modello gambero alle prime esposizioni...
    Ma ho un tetto favoloso!!!
    Tutto per me perchè non ci va mai nessuno e appena arriverà il caldo, mi metterò li distesa, sperando che il telefono non squilli, sperando di non avere ospiti inattesi, o di dover cucinare per un reggimento in previsione della pro zia dimenticata che arriva dall'Australia, o delle nuvole che si assiepano sul sole sempre quando mi sto rilassando..
    Bacioni!!!

    RispondiElimina
  22. belle, belle, belle queste treccine!
    il sole - anche con l'eclisse - te lo invidio! buona settimana

    RispondiElimina
  23. certo stefy è strano sentire te che parli di prendere il sole e di costumi mentre qui fa freddo:D cmq cme si dice a napoli" che ciorta" ovvero che sfortuna:D...e si quando nn è giornata nn c'è ne per nessuno pero vedo che hai rimediato alla grande il tempo perduto sono favolose queste treccine!!!!!!!!!!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  24. ahahah....ragazzi che giornata....non so perchè,ma anche a me capita di dovermi rialzare 8000 volte quando prendo il sole....forse è vero che da alla testa!!^^Ottimi i croissant....la cucina poco calorica dopo queste feste impegnative ci vuole proprio....e come al solito....bravissima!!!
    Flavia

    RispondiElimina
  25. belleeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee
    buoneeeeeeeeeeeeeeeeeee
    me ne passi un paio?
    grazie :)
    gnam!
    b

    RispondiElimina
  26. Invidia, invidia, invidia, INVIDIAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!tu sai per cosa. Mi consolerà con le treccine. Posso venire a trovarti l'inverno prossimo?

    RispondiElimina
  27. ahahahaha!!! mitica!! però almeno hai visto l'eclisse e hai potuto pensare di organizzare la tintarella. Qui, cause di forza maggiore a parte dovute alla stagione, da mesi non si vede il sole, e piove piove piove...non chiedo la tintarella, ma una giornata colorata ogni tanto farebbe piacere! Meno male che novembre l'ho passato in india e il sole li c'era!!!!
    Luca Montersino....che uomo!! :) :) :)

    RispondiElimina
  28. La scena è la stessa che ogni giorno (due anni fa, quando avevo affittato una villa al mare) si ripeteva con me... mi è mancata solo l'eclissi, ma poi sono stata al completo! Comunque visto che ti ha fatto fare queste meraviglie, possiamo solo dire: evviva l'eclissi! ;)
    P.s. Trattandosi di Montersino, secondo te posso sostituire con farina di riso?

    RispondiElimina
  29. Ma mi vuoi far morire dall'invidia??? Il sole??? cos'è questo sconosciuto??? Un bacione e mi prendo una treccina

    RispondiElimina
  30. ...e tu ti sei fidata a fare le treccine durante il picco dell'eclisse?!?!?
    TEMERARIA!!!!

    :D :D :D

    RispondiElimina
  31. favolose queste treccine, come tutto quello che proponi!!!un abbraccio e buona settimana!ciao!

    RispondiElimina
  32. Innamorata come sono di tutto ciò che accade nell'universo sarei rimasta fuori a vederlo (nel 99 sono partita apposta per Londra per vederla) e le treccine le avrei fatte dopo per coccolarmi dato che ormai era tutto finito, complimenti come al solito ti sono venute perfette.
    Luca Montersino è una garanzia!
    Baci!

    RispondiElimina
  33. leggere i tuoi post è sempre molto spassoso. Anche io vorrei stare sdraiata al sole che invidia!!!!Le treccine sono bellissime e anche il tuo cestino blu mi piace da morire. Baci

    RispondiElimina
  34. Piacevolissimo il tuo racconto Stefania!!
    Le treccine sono da provare e tu fai venir voglia di farle!! Baci

    RispondiElimina
  35. che bontà Stefy :)
    un bacione

    RispondiElimina
  36. i tuoi racconti sono meravigliosi e le tue ricette.. golossissime ! bacione

    RispondiElimina
  37. sembrano deliziose... quando inizierò a respirare nuovamente le voglio provare. un bacione.

    RispondiElimina
  38. Fantastiche queste treccine, una vera meraviglia ^-^
    Sempre bravissima!!!!

    RispondiElimina
  39. Ahahahahahahahaah!!! Della serie: la nuvoletta di Fantozzi ti fa un baffo!!

    RispondiElimina
  40. questo racconto è un vero spasso, ti ho immaginata in ogni sequenza ;-) Mi sa che poi queste treccine mi hanno colpito al cuore, domani viene a trovarmi un'amica di blog e da ieri cerci ricette di biscotti alle mandorle, provata una ricetta e non son soddisfatta, mi lancio con la tua, poi son così veloci a prepararsi. Ti farò sapere!

    RispondiElimina
  41. Mi spiace per la tintarella, ma in fondo sono nate queste treccine che più buone non si può...

    Baci a te e un abbraccione alla tua eccezzionale simpatia. Buona giornata ^_^

    RispondiElimina
  42. Legegre i tuoi post mi tira su anche per via del caldo che fai arrivare, grazie!
    Che bel cestino, pieno di morbide treccine!

    RispondiElimina
  43. Ma che treccine deliziose.......viene proprio voglia di provarle.......
    Dobbiamo ringraziare l'eclissi allora......certo che li in Arabia succede di tutto, pure l'esclusiva dell'eclissi ben visibile.......
    aspetto il prossimo post con ansia, ormai è come una telenovela la tua vita tra le dune. E chi si perderebbe una puntata!
    Mi fai troppo ridere. Un bacione e buona settimana

    RispondiElimina
  44. Beh che dire, la stessa sorte: io a milano che non esco perchè piove e fa troppo freddo quindi cucino, e tu stesa in costume da bagno, che rientri a causa dell'esclissi...
    baci baci e buon anno!!

    RispondiElimina
  45. ahahahahah mi son messa a ridere! queste treccine devon essre buonissime!

    RispondiElimina
  46. ma perchè non fai un libro sulle tue avventure?
    Mi hai fatto venir voglia di venire lì e sdraiarmi vicino a te per il sole!! (e pensa che non lo amo molto :D)

    le treccine sono fantastiche le voglio fare anch'io!! :D

    RispondiElimina
  47. Nooo io avrei rosicato da morire! :)
    Accidenti! Però fa ridere... Un vero segno del destino!
    Stupende le treccine di ricotta e che soddisfazione deve essere farle!

    RispondiElimina
  48. Non le conoscevo, ma presto le proverò! Bravissima, ciao Gianni

    RispondiElimina
  49. se non fosse che oggi c'è un bel sole tiepido qui a roma sarei molto invidiosa dei tuoi 30 gradi ma sopratutto della mattinata di pseudo-relax...
    Belline queste treccine sopratutto perchè facili e veloci. ciao abbronzatissima!

    RispondiElimina
  50. Cara stefania ci sono giorni in cui penso che è meglio non abbandonare il letto per evitare qualsiasi sventura!!! Ma purtroppo me ne accorgo quando ormai sono in piedi. Si sa quando è destino è destino!!

    RispondiElimina
  51. Complimenti per il blog, mi sono iscritta! Se ti va passa dal mio, l'ho creato da pochi giorni, ma spero piacerà a tutti voi!!!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  52. ecco..e te pareva che alla fine arrivava il cielo terso...mamma mia leggendoti a volte mi immedesimo...poi il tentativo vano di mettersi a prendere il sole e' un argomento che conosco molto bene..invece non conoscevo questa delizia che mi copio e irfaro' proprio questo we...sempre che non imballi prim ail tutto!!
    un abbraccio,de

    RispondiElimina
  53. Ecco....alla fine pure l'eclissi.....non ti sei fatta mancare niente!!!!
    Grazie della visita.....veramente mi ha fatto piacere, io ti leggo sempre.
    Magari fossi di passaggio a Roma....l'invito, se non lo hai già visto, è nel mio ultimo post.

    RispondiElimina
  54. Soffici e dolci queste treccine! bellissimi e delicate! bravissima!
    baci baci

    RispondiElimina
  55. Delicatissime, complimenti!

    RispondiElimina
  56. Che ridere!!!!...pensa che non ricordavo dell'eclissi (qui era nuvolosissimo!!!) e immaginavo ti fossi addormentata ed erano passate 6 ore!!!ahahahahah...le treccine mi sembrano una delizia..buona giornata, bacioni, Flavia

    RispondiElimina
  57. L'abbronzatura può aspettare!!!!
    Ti sei goduta lo spettacolo?
    Stupende treccine!!!!!!! goduriose!!!!!!!!
    Un bacione freddo, brrrrr, come ti invidio!!!!!

    RispondiElimina
  58. @ I VIAGGI DEL GOLOSO: altrettanto a voi, e grazie :-)

    @ Eleonora: ed io che mi ero persa i conigli, invece. Poveri animali...:-)

    @ cippamunka: spero che almeno sia riuscito a beccarli per bene, prima ;-)

    @ lucy: ma figurati...se fosse stato in discesa mi sarei preoccupata ;-)

    @ Federica: eh si, Montersino e' sempre Montersino ;-)

    @ Natalia: assolutamente si ;-)

    @ rossella: beh, abbiamo in inverno assolato e caldo, per fortuna. Un bacione!

    @ Chiara: altrettanto, mia cara :-)

    @ giady: ahahaha non c'e' pericolo :-)))

    @ Alessandra: la regola in teoria dice di mettere prima gli ingredienti morbidi/liquidi. IN questo caso ho buttato tutto insieme :-)
    Ma hai il gancio a K? perche' se hai solo la frusta per montare i bianchi ed il gancio per impastare allora e' meglio fare a mano, credimi :-)

    @ Patrizia: beh, io ti invito volentieri a farmi compagnia, se ti va! Un bacione!

    @ raffy: :-)

    @ Raffaella: infatti, sono stata ben ricompensata :-)

    @ Giovanna: mille grazie!

    @ ranapazza65: ricambio l'abbraccio, e grazie!

    @ Francesca: grazie, ma dubito che mi darebbe da mangiare...:-) Un bacione!

    @ Enza: ehm... come sopra :-) Grazie, pero'!

    RispondiElimina
  59. Davvero la tintarella non era destino, ma queste treccine sono un'ottima ricompensa! Splendide, gia la fotografia parla da sola. Una meraviglia!!

    RispondiElimina
  60. Troppo forte,mi hai fatto morire dal ridere!
    Queste treccine sono uno spettacolo,stampo la ricetta e le proverò!

    RispondiElimina
  61. Cavolo!! Stefania, mi hai battuto alla grande!! Di solito godo quando ricevo tanti commenti inneggianti il clima palermitano, fuori stagione e slegato da tutto il resto d'Italia. In questi giorni per esempio ci sono state bellissime giornate di sole e 20 gradi.. ma accidenti, leggere di sole, crema, copricostume, NO!! Per me è troppo!! Beata te, cara mia!
    Buone le treccine, molto pratiche in versione congelamento-microonde, per colazioni rapide.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  62. Mi piacciono un sacco queste treccine, me lo consigli l'acquisto di questo libro? Mi incuriosisce molto...Mi sono regalata già un sacco di libri, ma uno in più non guasta mai!!!
    Certo che anche l'eclissi...
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  63. davvero rapide e leggere, le tue ricette sono sempre da segnare! Grazie!
    Francesca

    RispondiElimina
  64. che buone, sono anche svelte da fare e molto invitanti!
    Ma in Arabia, si trova la ricotta????? :D

    RispondiElimina
  65. e se non è destino... meglio buttarsi sul dolce :D :D
    le segno, proverò ;-)
    buona settimana.

    RispondiElimina
  66. ti leggo spessissimo ma non ti ho mai scritto....
    complimenti per le tue ricette ed anche per il tuo modo di scrivere......e'sempre molto bello leggerti. un abbraccio da novara , avvolta (come sempre!!) dalla nebbia.....che invidia il tuo bikini!!!! latitti

    RispondiElimina
  67. Non era proprio destino, decisamente!
    :)
    Meno male che invece di disperarti hai messo le mani in pasta, ottime queste treccine!
    Bacioni

    RispondiElimina
  68. ahahahah l'elettricista! io guarda..non gli avrei aperto!:D

    RispondiElimina
  69. Bellissime queste treccine e la ricotta è molto più leggera del burro... 10 e lode, bravissima!!! bacio8 ;)

    RispondiElimina
  70. "prendere il sole" e "30 gradi": queste parole da sole bastavano a concludere la lettura del post:)
    Belle queste treccine, mi ispirano:) Complimenti!

    RispondiElimina
  71. Realmente fantasticas, que delicia.

    Saludos

    RispondiElimina
  72. Mi sembrano davvero semplici e sicuramente squisite....che ne dici di quel libro? E' un pò che gli faccio il filo, ma ho paura chele ricette siano troppo complicate...tu me lo consiglieresti?
    Fammi sapere....
    Un bacione e grazie

    RispondiElimina
  73. Treccine carinissime ciao e buona settimana :)

    RispondiElimina
  74. Ci ho provato anche io Martedi' a sdraiarmi fuori a prendere il sole.... :-)
    Come ti invidio!!!!

    /Alessandro da Stoccolma

    RispondiElimina
  75. Fatte! Sono morbidissime e soffici, molto facili da realizzare. Ho dimezzato le dosi della farina e messa come altra metà farina di mandorle, speriamo piacciano anche alla mia ospite foodblog :-) Grazie Arabafelice!

    RispondiElimina
  76. sapessi come ti ho invidiato! per il sole, il libro ed il relax in giardino... :)
    ottime anche queste belle trecce alla ricotta!

    RispondiElimina
  77. Deliziosa ricetta, da rifare subito!!! Un bacio dal freddo di Trieste!

    RispondiElimina
  78. Hahahahaha tu non sei normale !!!
    Dovresti fare come me: l'unica azione che compio è aprire la sdraio, a volte senza neanche libri, walkman o sudoku. Dopo di che ...NON VEDO E NON SENTO PIU' NESSUNO !!! hahahahaha
    Da noi a Roma era nuvolo e l'eclissi non si è vista: aspetterò la prossima ! :-D
    Le treccine? E ti pare che non le rifaccio ?! Una delizia :-D

    RispondiElimina
  79. che effetto sentirti dire che prendi il sole quando qui non mi basta:
    - superpione effetto mantellina della nonna
    - stufa
    -termosifoni
    -piccolo escamotage: stufetta elettrica per scaldare il bagno prima della doccia accesa sotto la scrivania in modo da tenere i piedi al calduccio
    -borsa dell'acqua calda
    - altro piccolo escamotage: bottiglie di plastica vuote riempite di acqua calda

    e dire che abito in toscana mica in groenlandia :) son freddolosa io si nota? :)

    dai diciamo che non ti sarai abbronzata ma almeno hai delle treccine tutte per te.. e noi una ricetta in più e un pò di sorrisi :)

    RispondiElimina
  80. Devo essere completamente sincero, di tutto il racconto la cosa che mi è piaciuto di più è la lettura della biografia di Leopardi ultimamente riscoperto alla grande anche all'estero (in America per la precisione).
    Attenzione però...non mi sorprende che potessi leggerlo tu quanto del fatto che mi hai dato lo spunto per ricordare e ricordarmi di uno dei miei autori preferiti adesso apprezzato anche altrove.
    Io la chiamo scoperta dell'acqua calda...ma secondo me siamo in tema...sapevi infatti che questa ricetta di Montersino è solo la versione dolce di una vecchissima ricetta della Paneangeli?! :P
    eheheheheheheeh
    Non mi sgridare troppo per il commento scugnizzo...mi faccio perdonare facendo anche io qualche treccina di ricotta che sono davvero consolatorie lo so di certo! :P
    PS
    Mi dileguo prima che mi ci mandi!! ahahahahahaaha :DDD

    RispondiElimina
  81. @ chamki: la ricotta arriva ogni tanto al super, giusto quella della Galbani ma meglio di niente...e se non la trovo faccio io una simil ricotta facendo cagliare i latte. Di necessita'...:-)

    @ Carolina: se pensi poi che sostituisce il burro...;-)

    @ giulia pignatelli: eheheheeh cerco di mandartene un po' :-)

    @ Shamira Gatta: ma e' un classico, dicesi legge di Murphy...:-)

    @ cristina b.: mille grazie!

    @ dolci a gogo: eh si, diciamo che in questo periodo sono ben contenta di stare al calduccio ;-) Un bacione!

    @ cucino IO: si, sembra che serva sempre qualcosa...

    @ Babs: se viene a sederti in giardino con me te ne offro anche due :-)

    @@@ Aria in Cucina @@@: ma pure questo, puoi venire!!! :-)

    @ Silvia: eh si, come ho scritto sono ben contenta di vivere in questo clima :-) Un bacione!

    @ fantasie: ehehehehe vedo che non sono sola...secondo me puoi fare una prova con la farina di riso, non dovrebbero venire male. Francesca V ha sostituito con successo meta' della farina con farina di mandorle, se puo' darti un ulteriore spunto...

    @ Nepitella: e quando arrivera', ve ne lamenterete!!! Un bacione!

    @ zio Piero: si, ho sfidato la (mala) sorte :-) che poteva succedere, al massimo, l'esplosione del forno? :-)

    RispondiElimina
  82. ricotta? HAI DETTO RICOTTA? devo farle subito!!

    RispondiElimina
  83. Insomma, persino gli astri congiurano contro la tua conquista di un goloso color caramello... per non parlare del gatto, anche i miei sono così: quando vedono un insetto cominciano a miagolare per richiamare la mia attenzione, affinché mi precipiti a scacciarlo e loro possano continuare indisturbati il loro pisolino di 20 ore giornaliere.
    Ma di fronte alla bellezza della prima foto non posso che dirmi che dal tuo cambio di programma forzato ci hai guadagnato in buonumore!!!

    RispondiElimina
  84. Stefania ti adoro quando racconti stralci della tua vita in un posto così lontano, che tu riesci a far sembrare dietro l'angolo di casa! sull'avvoltoio preferisco non avere notizie, poveretto, ma le treccine on la ricotta sono state prontamente segnate .. io adoro la ricotta.. anzi ora farò un salto anche da gambetto che ha prposto un'altra bontà ricottosa! Grazie per il buonumore che mi hai comunicato di prima mattina e dell'ottimo spunto che mi hai dato!
    Bacioni
    Dani

    RispondiElimina
  85. Que delicia de trenza, te ha quedado fantástica, me encanta la presentación en esa cestita.
    Bacione....Marimi

    RispondiElimina
  86. beata eclisse che ci ha dato modo di goderci queste belle treccine di ricotta,ma quando le giornate sono no è meglio arrendersi che perseverare :-))

    RispondiElimina
  87. @ Federica: grazie mille :-)

    @ gloria cuce': sai cosa, non avevo l'attrezzatura adatta ed i soli occhiali da sole non erano sufficienti...altrimenti avrei fatto come te ;-)

    @ Claudia: si, anche io sono innamorata del cestino :-)

    @ pasqualina: vedrai, si fanno in un attimo!

    @ Mirtilla : :-)

    @ Milena: ma grazie!

    @ colores: bonta' tua :-) un bacione!

    @ Micaela: vedrai, buone, facili e sane!

    @ Mary: ma figurati, brava a ..copiare da Montersino ;-)

    @ ELel: roba da dilettanti!!!

    @ Francesca V: sono proprio curiosa di sapere se ti sono piaciute, leggendo anche dell'aggiunta della farina di mandorle...che mi dici ? :-)

    @ letiziando: beh, dato il clima per la tintarella posso recuperare ;-)

    @ Tania: e speriamo di non farvene arrivare troppo...

    @ viola: oddio, addirittura una telenovela? sei tu che hai fatto ridere me, grazie :-)

    @ Vero: come si dice, uguali e contrari? :-)

    @ Cleare: e facilissime, che non guasta :-)

    @ Roberta: allora ti aspetto ?;-)

    RispondiElimina
  88. @ Kitty's Kitchen: fa ridere si :-) e grazie.

    @ Gianni: grazie a te!

    @ Cristina: relax un baffo alla fine, non si capisce perche' nei giorni in cui non lavoro alla fine faccio si piu' che negli altri!

    @ valerioscialla: idem :-)))

    @ Dada: benvenuta, allora !

    @ Daisy: queste treccine sono a prova di trasloco, poco impegno, massimo risultato ;-)

    @ Pamirilla: ho visto ma purtroppo non saro' a Roma...grazie!

    @ Manuela e Silvia: grazie mille :-)

    @ Lisa: :-)

    @ ELiFla: no figurati, proprio il contrario :-)))

    @ Lory B: ricambio con un bacio...desertico :-)

    @ lerocherhotel: diciamo che mi hanno dato soddisfazione :-)

    @ elisa69: vedrai, ne sarai soddisfatta :-)

    @ Vanessa : grazie!

    @ Elena: beh, diciamo che ci facciamo buona concorrenza ;-)

    @ Cinzia: guarda, e' un libro che adoro, sul blog ho gia' postato un altro paio di ricette, mi pare, tutte riuscitissime!

    @ Acquolina: mille grazie!

    @ Federica De Prezzo: si, arriva quella della Galbani :-) Qui, a parte la carne di maiale, c'e' quasi tutto...;-)

    @ betty: grazie :-)

    @ latitti: la nebbia??? mamma mia! cerco di mandarti un po' di sole :-) grazie!

    @ meggY: diciamo piuttosto che ogni scusa e' buona per mettere le mani in pasta...

    @ Genny: sai cosa? che se non gli aprivo chissa' quando si ripresentava!!!

    @ Sar@: infatti, sono leggerissime!

    @ veru : eheheheh mille grazie!

    @ jose manuel : :-)

    @ Simo: te lo consiglio assolutamente, a parte un paio di ricette in cui sono richiesti ingredienti molto particolari le altre sono tutte fattibilissime, e di grande soddisfazione :-)

    @ Stefania: altrettanto a te :-)

    RispondiElimina
  89. uaahhhahahuaahhahahhuahahahh....eeehhmm, scusa la risata sguaiata ma non ce la faccio a trattenermi, l'avvoltoio spia poi mi ha dato il colpo di grazia!! aauhahahauaahha...scusa, ma tu che avrai informazioni più fresche sai se lo hanno fucilato o messo solo in galera?? aaauhaahahah!! siamo serie dai, il mio pelosone quando sente volare una mosca in casa viene a chiamarmi e scodinzola quando mi vede con l'insetticida in mano...e dovrebbe essere da difesa personale, fai tu!! aauahahahahhhaha...o', stefy, oggi mi gira così, ho la risata inarrestabile, ma mi sa che farò mooolto seriamente queste treccine, mi piacciono un sacco!!
    ciao fortunella....aahahauahahhahuahahh

    RispondiElimina
  90. @ /Alessandro: me lo immagino...:-)

    @ Gio: grazie!

    @ Bucaneve: ricambio con piacere :-)

    @ JAJO: lo so, pure mio marito me lo dice :-)))

    @ Erica: santo cielo, ho creduto davvero che fossi minimo in Alaska!

    @ Gambetto: e perche' dovrei mandartici? piuttosto mandiamoci Montersino che spaccia per sue creazioni cio' che a quanto pare non lo e'...

    @ Bread&Breakfast: si si, solo ricotta ;-)

    @ Onde99: assolutamente hai ragione!

    @ daniela: vero, oggi foodtelepatia di ingredienti ;-)

    @ garlutti: vero che e' carino? :-) grazie!

    @ Gunther: hai ragione, non bisognerebbe a volte mettere i piedi giu' dal letto :-)

    RispondiElimina
  91. Come al solito fantastico post!
    Molto belle anche le treccine..ho fame!
    A presto

    RispondiElimina
  92. che buonee!!!!
    tutti i dolci che contengono ricotta sono benvenuti!!!!!
    onde per cui mi segno la ricetta (e...slurp!!! mi segno anche quella qui sotto...e.... anche quella ancora più sotto!!)
    ciaooo Stefy!!!!!

    RispondiElimina
  93. sei unica davvero, ma devi prendere il sole nel giorno d'eclissi? fantastica, come sono fantastiche queste treccine!!!! chissà che morbidezza con la ricotta! baci Ely

    RispondiElimina
  94. Quando leggo i tuoi racconti,riesco ad immaginare la scena,come un film.bravissima Stefania,non mi stancherò mai di ripetertelo!
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  95. solitamente non lascio commenti se non ho un "minimo" di contatto, soprattutto se ne trovo decine, figurarsi quando il mio è 96esimo!!! penso "stà porella sarà già sfinita!" ma questa volta faccio un'eccezione solo per farti i miei sinceri complimenti passerò di qui mooolto spesso e ruberò diverse ricette ma, soprattutto, sorriderò leggendo i tuoi post! un saluto con simpatia..ciao!

    RispondiElimina
  96. ......la tua pelle ringrazia e anche noi per la buona ricettiva.....x 3 Civette!

    RispondiElimina
  97. Avec la ricotta, ces petites tresses doivent être parfaites.
    Je note.
    A très bientôt.

    RispondiElimina
  98. Ciao Stefania carissima,
    finalmente trovo un po' di tempo per leggere te, le tue avventure arabe, le tue ricette. Secondo me sei una scrittrice sotto copertura.. Ma va beh: continua pure a mantenere la coperura ;)
    Queste trecce però le voglio fare!!! Davvero: sembrano veloci, semplici, buone!
    Un abbraccio
    ps e un giorno riuscirò a fare i biscotti con la maionese!

    RispondiElimina
  99. Ciao Carissima, beata te che ti sei vista l'eclissi al 44%! Qui manco un ospiraglio...er atutto nuvolo! Però questa eclissi, anche se non è stato proficuo per la tua abbronzatura, l oè stato per questa ricettuzza...chissà che buone queste trccine di ricotta...e non sono nemmeno troppo caloriche? Beh ma allora le provo subito! Un bacione

    RispondiElimina
  100. quasi quasi .....mi metto a farle....non è esattamente l'ora più adatta....ma dopotutto l'ora più adatta può essere qualsiasi ora se, se ne ha voglia ;-))
    se vuoi un dolce più calorico, passa da me te ne offro volentieri, ciao!

    RispondiElimina
  101. Ben vengano le eclissi se ti fanno produrre deliziosi dolci come queste treccine!

    RispondiElimina
  102. Ciao Araba, sono Victor dell'ormai abbandonato forum di C***ND. Che piacere leggere il tuo blog ricco della tua arcinota bravura e simpatia. Per un pò di tempo ho lasciato le ricette prese dal WEB (troppe delle quali erano apporssimative) e mi sono buttato sui "libri", molti dei quali sono approssimativi ma ogni tanto ne trovo uno veramente grande (tipo quello di M. Roux). Sto imparando il francese per capire bene P. Hermè ... Vabbè queste treccine le ho fatte lunedì ... eppoi anche martedì con la dose da 250 gr di ricotta (avevo le vaschette preconfezionate) e sono veramente deliziose. La seconda volota ho aggiunto pepe della Giamaica e zenzero candito. Fastastiche. Complimenti per la spiegazione e le foto su come fare le treccine (venute al primo colpo. apresto. V.

    RispondiElimina
  103. Fantozzi ti fa un baffo! ahahahaha! io feci le foto che ho anche postato, rischiando di perdere la vista come un idiota!:-D va beh! mi piace quest'impasto, da testare!le treccine sn carine anke per i buffet! salvo la ricetta..

    RispondiElimina
  104. Che bello questo post! Nonostante la "disavventura" è bello pensare che qualcuno possa godere dei raggi del sole mentre qui è inverno! E poi se alla fine si realizzano queste ottime treccine significa che non tutto il male viene per nuocere! :)

    RispondiElimina
  105. La foto della formatura potrebbe essere preso come una scritta contenente un misterioso messaggio in un altro alfabeto... Occhio! I volatili li arrestano per molto meno!

    Devono essere sofficissime le treccine...
    Ciao!

    RispondiElimina
  106. Sono nate in un momento unico e speciale come la tua penna :-) Non so' mai se preferisco i tuoi racconti o le tue ricette? tanto non devo scegliere :-)
    Grazie per questo momento dove mi hai fatto quasi sognare al costume ;-)

    RispondiElimina
  107. come al solito i tuoi racconti ci incantano...e ... mille complimenti per queste treccine, davvero molto buone.
    baci
    terry

    RispondiElimina
  108. @ caris; mille grazie :-)

    @ dario : ;-)

    @ Ely: eh lo so, solo io potevo far una cosa del genere :-)

    @ maria61m: tu sei bravissima, piuttosto. Io copio ;-)

    @ millefoglie: credimi, i commenti mi fanno tutti molto piacere, anche il 96esimo :-) benvenuta e mille grazie!

    @ civette: vero...;-)

    @ Nadji: merci :-)

    @ Robjana; ancora non li hai fatti, ma sei tremenda :-))) Un bacione!

    @ Claudia: eh no, non mi sono abbronzata, ma almeno non rovino la linea con un dolce troppo calorico, visto che il sole qui e' tornato in fretta :-)

    @ astrofiammante: passo, passo che io predico bene ma razzolo male :-)

    @ Lauradv: :-)

    @ Victor: ciao, e bentrovato!!! mi fa piacere che le treccine ti siano piaciute. Sui libri, ti do ragione, ma questo di Montersino mi sento di definirlo un'eccezione, come quello di M.Roux che ho anche io. Provero' le tue variante...;-)

    @ vickyart: si, mi ricordo il tuo post in merito :-)

    @ Chiara: vero!

    @ Nanninanni: oddio non ci avevo pensato!! vado ad interpretare il messaggio :-)

    @ Edda: mille grazie, sei tanto cara :-)

    @ terry982: grazie a te!

    RispondiElimina
  109. Così raffreddata e malaticcia come sono... la visione di che scegli il costume con cui prendere il sole, mi appare un miraggio!!! Treccine perfette, sei molto brava.

    RispondiElimina
  110. Buonissime queste treccine e poi amo anzi stra amo i dolci con la ricotta.Ti rubo la ricettina visto ke mi serviva qualcosa di buono per il weekend!giusto in tempo :D complimentissimiiii!!

    RispondiElimina
  111. les tresses sont jolies avec l'ajout de ricotta c'est délicieux
    à bientôt

    RispondiElimina
  112. @ L'acqua 'dorosa: spero stia meglio, ora!

    @ Meg: allora fammi sapere come ti vengono!

    @ Fimère: merci!

    RispondiElimina
  113. ...ringraziamo l'eclissi!
    ciao cara,nonostante l'assenza di commenti ho cercato di buttare un'occhiata nei blog delle amiche e...in attesa di ritrovarmi ti mando un saluto!
    baci

    RispondiElimina
  114. hanno un aspetto sofficissimo dalla foto, le proverò! ciao! ;-)

    RispondiElimina
  115. Stefania sono buonissime,sofficissime.... hanno sprigionato un profumo incredibile in casa....io al posto del limone ho messo l'estratto di vaniglia....ma la prossima volta proverò con il limone....
    Grazie mille Maddy

    RispondiElimina
  116. @ kucciola: un saluto anche a te, e grazie per essere passata.

    @ FairySkull: grazie :-)

    @ Maddy: che bello, le hai provate allora! Sono certa che anche con la vaniglia siano meravigliose :-)

    RispondiElimina
  117. Ciao cara...finalmente riesco a passare avedere le cosette belle e buone che hai fatto! ste treccine le ruberei subito! :)

    RispondiElimina
  118. Carissima araba felice queste treccine sono buonissime e di una facilità/velocità incredibile.
    Anche la mia piccola quasi 2enne si è divertita molto a giocherellare con un pezzetto di pasta (e a spiaccicarsela un pò ovunque of course :)

    ....il racconto della cena libica mi ha quasi fatto cadere dalla sedia dal ridere.....per fortuna in ufficio ero da sola :>

    RispondiElimina
  119. Ciao margie-o, grazie! E mi fa doppiamente piacere sapere che si sia potuta divertire anche la tua bimba.
    Ti abbraccio :-)

    RispondiElimina
  120. anche se da me l'eclissi non c'era...il mio impasto è venuto troppo molle e appiccicatissimo :( ....ma perchè? io stimo troppo montersino...è un mito...ma dove ho sbagliato?!
    ps: ma cosa ci fai in arabia?

    RispondiElimina
  121. Puo' essere che tu abbia usato una ricotta piuttosto "umida"? Usane un tipo piu' sodo ( o lasciala scolare un po') e vedrai che non avrai problemi.
    In Arabia? E' una lunga storia :-)

    RispondiElimina
  122. stefi!!! mi hanno segnalato per caso questo post che mi è sembrato di aver perso dopo che ho fatto queste treccine e mi son venute na schifezza (come sempre ahaha). il fatto è che le avevo viste sia da mamma papera che da polvere di peperoncino, tutte belle lisce come le tue. poi stasera parlando con mamma papera mi dice che anche patrizia de i dolci nella mente ha avuto lo stesso mio problema: le treccine sono crepate sopra, e dentro collose, quasi crude, per niente morbide, sanno solo di farina...e troppo dolci! vedo che tu hai calato sensibilmente lo zucchero ma...cosa può essere a rendere le tue treccine così lisce in superficie e le mie e quelle di patrizia ruvide e crepate? boh, misteri dell'araba felice...ma come ben sai, non mi darò per vinta!!!!baci!

    RispondiElimina
  123. ps: ho usato zucchero di canna però...

    RispondiElimina
  124. Ciao Aria, non so dirti...le ho fatte diverse volte e mi sono venute sempre lisce.
    Che sia una problema di forno? Prova ad abbassare la temperatura leggermente, magari è quello che le fa crepare rendendole poi poco cotte all'interno.
    Sul troppo dolci sono d'accordo infatti anche io ho diminuito parecchio lo zucchero, mentre non credo che usare quello di canna possa aver influito.
    Un bacione e...all'ospedale ci sono stata sul serio, non era una battuta ;-)

    RispondiElimina
  125. grazie Stefi, oggi riprovo! sono felice di sentirti di nuovo in forma, e psero anche tuo marito, buona domenica!

    RispondiElimina
  126. finalmete le ho fatte! buone e fcili solo che i tempi di cottura sono moolto diversi da quelli di montersino...almeno per il forno di mia mamma....
    mi ci sono voluti 170° per più di 30 minuti!!!
    pero' bbbbuone
    ciao Bianca

    RispondiElimina
  127. Ogni forno è diverso, è il brutto di queste cotture...vanno sempre aggiustate al proprio!
    Ma mi fa piacere che siano venute bene, grazie :-)

    RispondiElimina