lunedì 1 marzo 2010

Tartellette di philadelphia al salmone



































Come qualcuno di voi gia' sa, vado matta per la pasta che si ottiene semplicemente mischiando il philadelphia a del burro e della farina.
La scoprii qualche anno fa, guardando un improbabile programma di cucina su un canale tv americano, dove in mezzo ad accostamenti improponibili e miscugli degni di pozioni magiche, improvvisamente saltarono fuori dei croissants fatti con questo impasto...provarli ed amarli fu tutt'uno, e sono stati sicuramente il mio cavallo di battaglia quando postavo su un noto forum di cucina.
Ora, con la stessa pasta, vi propongo delle tartellette: non siate scettici, provate questo impasto, somiglia ad una sfoglia senza esserlo, e' rapidissimo e riesce sempre...e poi ha una friabilita' che non posso descrivervi a parole!
Queste tartellette sono state cotte in stampi da mini-muffins, con diametro di 3,5 cm.

TARTELLETTE DI PHILADELPHIA AL SALMONE
(per circa 20 pezzi)

per i gusci

80g di philadelphia
100 g di burro
140 g di farina

per il ripieno

220 g di philadelphia
80 g di salmone affumicato
un cucchiaino di succo di limone
2 o 3 cucchiai di panna acida, sostituibile con yogurt greco
sale solo se necessario
erba cipollina, o aneto per decorare

Preparare la pasta battendo con le fruste il burro freddo con il philadelphia. Battere almeno 3 minuti, in modo da ottenere un composto montato.
Spegnere le fruste ed amalgamare la farina, inizialmente con una spatola, poi a mano. Non lavorare troppo l'impasto, comportatevi come fareste per una frolla.
Farne un panetto, avvolgere nella pellicola e mettere in frigo mezz'ora.

Nel frattempo, preparare il ripieno: amalgamare il philadelphia con il salmone tagliato a pezzettini, la panna acida ed il succo di limone.
Assaggiate ed eventualmente regolate di sale, io non ne ho aggiunto.

Preriscaldare il forno a 190 gradi. Prendere la pasta dal frigo e stenderla con il mattarello, aiutandosi con della farina, piuttosto sottile. Foderare con la pasta gli stampini scelti, e mettere in freezer 5 minuti prima di cuocere.
Quindi infornare per circa 15/20 minuti, dipende sempre dai forni, ma le tartellette dovranno risultare ben dorate.
Farle raffreddare e farcirle, magari usando una tasca da pasticceria, ma va benissimo anche un cucchiaino.
Conservare in frigo fino al momento di servirle.

NOTE:
- le tartellette crude si possono surgelare negli stampini e cuocere cosi' come sono, ovviamente prolungare leggermente il passaggio in forno
- le tartellette cotte si possono farcire tranquillamente fino a 4 ore prima di servirle (tempo massimo da me provato) senza perdere in frabilita'.
- il ripieno si puo conservare in frigo, in un contenitore ermetico, fino a 4 giorni.
- la pasta cruda puo' stare un paio di giorni in frigo, o essere surgelata.




70 commenti:

  1. si si i croissant di cui parli li conosco.... se il risultato è il solito so già che queste tartellette sono fantastiche!

    Ah! dimenticavo ho provato il salmone al sesamo, ci è piaciuto tanto!

    RispondiElimina
  2. che delizia, è da provare assolutamente questa pasta! e poi la foto invoglia non poco...! bravissima!

    RispondiElimina
  3. no no stefania io nn sono per niente scettica ti credo sulla parola e poi queste foto parlano sa sole è davvero un bocconcino delicato e gustoso!!baci imma

    RispondiElimina
  4. Ma che meraviglia! Molto invitante la tua pasta col philadelphia, davvero curiosa, la proverò di sicuro.
    Complimenti anche per le foto, bravissima!

    RispondiElimina
  5. Non solo saranno buonissime ma sono anche meravigliose. Sembrano ciuffi di panna montata! Davvero golose, un bacio

    RispondiElimina
  6. sono bellissime... un vero piccolo capolavoro... e quest’idea del guscio geniale... capisco perchè ti piace tanto!!!!

    RispondiElimina
  7. li conosco bene i tuoi croissant fatti con questo impasto e quindi non ho dubbi su queste tartelette. lo so che hai un debole per le cose piccine, tu per queste miniprelibatezze sfiziose sei fatta apposta! un finger food di grande effetto, bravissima!
    p.s. noto che le foto sono sempre più belle, prendi lezioni dallo zio piero? :D

    RispondiElimina
  8. Wou straordinarie non solo a guardarsi ma anche per il gusto. Buona giornata.

    RispondiElimina
  9. ...semplici e deliziose...ottime per un antipasto o aperitivo! BRAVA BRAVA! Idea da copiare!

    RispondiElimina
  10. Wow! mignon e sfiziose, la frolla con il formaggio cremoso è proprio da provare, bravissima!
    Francesca

    RispondiElimina
  11. Stefy sei una maga belli e buoni.I tuoi croissant (furbi) sono stati un successone :)

    RispondiElimina
  12. Che bello stuzzichino gustoso e facile da fare
    complimenti
    ciao e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  13. Philadelphia, burro e farina per fare delle tartellette...questa non la sapevo!!!! voglio provare assolutamente. Ma si può usare anche per cose più grandi delle tartellette, tipo torta salata?

    RispondiElimina
  14. @ furfecchia: mi fa piacere per il salmone, grazie!

    @ Gio: anche queste piaceranno a chi sai tu, prova!

    @ dolci a...gogo: grazie come sempre, Imma!

    @ Zia Elle: vedrai che buona...sembra sfoglia, giuro!

    @ Federica: eh, le cose piccole sono sempre carine...grazie!

    @ Fabiana: vedrai se le provi, ne avevo fatte tante ma sono sparite tutte...

    @ Cristina: ehehehe...ti ho adocchiato anche io dallo zio Piero, speriamo di migliorare...peccato che la reflex sia a Roma e per ora debba arrangiarmi con la digitale :-(

    @ Alessandra: ma grazie!!!

    @ Ramona: tra l'altro sono velocissime da farsi, anche all'ultimo minuto...grazie!

    @ Acquolina: prova...e' una finta pasta sfoglia, ma credimi, e' buonissima!!!

    @ Francesco: bene, mi fa piacere per te!!! ;-)

    @ steval: buona settimana a te, e grazie!

    RispondiElimina
  15. @ elenuccia: certo che puoi fare anche una torta salata!!! prova e vedrai, e' deliziosa.
    Sfoglia come la pasta sfoglia!

    RispondiElimina
  16. mi fido ciecamente delle tue ricette!!! so già che saranno strepitose queste tartellette!Complimenti sei davvero brava! buonissima settimana!! baci!

    RispondiElimina
  17. questo impasto sembra fantastico e soprattutto semplicissimo... proverò di sicuro!

    RispondiElimina
  18. Ciao! sai che non abbiamo mai fatto una base così? davevro curiosa e friabile..dalle immagini!
    ottima la scelta del ripieno!! cremosissimo e gustoso!
    baci baci

    RispondiElimina
  19. Ma quindi regge bene il peso. Bellissima alternativa alla pasta sfoglia :)

    RispondiElimina
  20. Carissima la tua predilezione per il philadelphia è nota, ne fai sempre delle meraviglie, i croissant poi sono fantastici quindi facendo due+due queste saranno sicuramente deliziose ........... da provare quanto prima!!!

    Buona settimana
    Manu

    RispondiElimina
  21. De magnifiques tartelettes.
    je n'ai jamais essayé de pâte à tartes à base de fromage.
    Le résultat semble délicieux.
    Bonne semaine.

    RispondiElimina
  22. Eh, me la ricordo bene questa pasta, è geniale: sfoglia ma non devi fare i giri. Per me che seguivo anonimamente quel forum fu un'autentica rivelazione! Ottime queste tartellette. Brava!

    RispondiElimina
  23. Stefy, sono dei piccoli capolavori di perfezione e di bontà!
    Mi ricordo dei tuoi croissant al philadelphia che però non ho mai fatto...."là" spopolavano mi pare...che ne dici, è giunta l'ora di provare?
    Un abbraccio e buon lunedì

    RispondiElimina
  24. Però... una bella scoperta questa pasta! Io non sono un'amante della sfoglia, preferisco sempre la brisée, ma questa tua versione mi attira molto... me la segno. Grazie! E complimenti per la foto.
    A presto!

    Sabrine

    RispondiElimina
  25. Stupende! ..con il philly anche nell'impasto della base! voglio provarle, che antipastino stuzzicoso!
    bravissima!

    RispondiElimina
  26. L'impasto delle tartellette deve essere meraviglioso ed immagino i croissant con qualcosa di salato nel mezzo...stupendi..ed anche questa cremina al salmone deve essere una goduria...segnato il tutto li provero' al piu' presto!!!
    ciaooooo

    RispondiElimina
  27. dirti che adoro lil philadelphia al salmone?che ci posso fare?cerco di fare la brava, ma poi su certe cose cado:D non ho gli stamperelli delle tartelette cosìmignon..aggiungo alla lista:D

    RispondiElimina
  28. ma sai che non conoscevo questo impasto con il pèhiladelphia!!! devo provarlo, mi ispira molto! buonissime queste tartellette!

    RispondiElimina
  29. Adoro questi stuzzichini e poi al salmone sono i miei preferiti!!! C'è solo un problema non mi fermerei mai....

    RispondiElimina
  30. Ottimo lavoro, di te poi mi fido!! Phil io lo strapazzo sempre, frullato, mischiato, spadellato, ma usato per delle tartellette mai (solo un biscottino salato che però non mi ha fatto impazzire..) quindi prendo l'idea e te la rubo! Buona settimana un bacio!

    RispondiElimina
  31. Semplice e gustosa come ricetta.. la devo provare alla prossima occasione di pranzi con antipasti! :-)

    RispondiElimina
  32. de merveilleuses tarte au fromage, un plaisir pour nos papilles
    bonne journée

    RispondiElimina
  33. Sono carinissime, grazie per l'idea, domenica prossima viene mio suocero, le preparo come antipasto..Bacini Elisa

    RispondiElimina
  34. e infatti io pensavo che fosse sfoglia :O!!!
    mi incuriosisce mooolto queata pasta... segno!
    complimentissimi, molto invitanti questi stuzzichini!
    baci e buona settimana.

    RispondiElimina
  35. Buonissime...complimenti, mi sa che ci faccio un'unica torta...grazie dell'idea cara...un bacione Luciana

    RispondiElimina
  36. @ Federica: speriamo che la fiducia sia ben riposta allora...grazie!

    @ iana: si, ci vuole un attimo e pochi ingredienti...vedrai!

    @ manuela e silvia: provatelo, e' cosi' friabile e gustoso...e' uno dei miei impasti preferiti!

    @ elenuccia: si presta benissimo!!!

    @ Manu: grazie...e ovviamente non prendo percentuali dalla ditta produttrice, purtroppo :-)))

    @ Saveurs et Gourmandises: try it, it's surprising, tastes and looks like puff pastry! Thanks a lot!

    @ Nanninanni: per me oserei la parola "illuminazione"...mai piu' lasciato, questo impasto!

    @ Simo: i piccoli croissants al Philadelphia vanno provati, non ti pentirai...tra un po' li posto anche qui, con la ricetta riveduta e corretta a forza di farli ;-)

    @ sabrine d'aubergine: incredibile, altro punto in comune: il poco amore per la sfoglia, mentre la tollero bene nelle preparazioni dolci.
    Eppure questa e' una sfoglia tutta a se', va provata...se ti va ;-)
    Un abbraccio

    @ terry: vedrai, non avanzano...

    @ Lady Cocca: grazie, e fammi sapere se sono stati graditi!

    @ Genny: philadelphia e salmone sono un abbinamento perfetto, a chi lo dici...irresistibile!
    per lo stampo, ovviamente usa quello che piu' ti aggrada, e' che trovo che i peccati, fatti piu' piccoli possibili, non siano tanto gravi...;-)

    @ Micaela: sarei curiosa di un tuo giudizio, fammi sapere in caso...e grazie!

    @ il cucchiaiodoro: vero...quindi farne pochi, e piccini, e' l'unica soluzione ;-)

    @ Vicky: che gentile sei! vedrai, questa pasta e' una sorpresa...

    @ Simona la golosa: semplicissima....poco sforzo, risultato ottimo!

    @ Fimere: thanks!!!

    @ Elisa: allora voglio sapere i commenti!!!

    @ Betty:..si, la sfoglia...furba!!! baci e buona settimana anche a te!

    @ Luciana: grazie a te, un bacione!

    RispondiElimina
  37. E' stupenda! Non conosco questa pasta ma la voglio provare subito perchè sembra eccezionale e dal momento che la pasta sfoglia richiede tanto lavoro e che io non utilizzo mai quella preconfezionata, mi risolverà molti problemi di tempo! Grazie, sei sempre preziosissima e naturalmente molto molto brava! deborah

    p.s. soltanto se ne hai voglia e tempo, ti andrebbe di leggere il primo articolo della rubrica che da ora curerò per "blog di cucina"? Si intitola "oggi il pranzo è servito" ed il tuo parere autorevole mi interesserebbe davvero. Se dovesse andarti, troveresti il link direttamente sul mio blog. Grazie infinite.

    RispondiElimina
  38. wow che belli! davvero golosissimi :)

    RispondiElimina
  39. Belli, complimenti
    Il Philadephia lo posso sostituire con ricotta?

    P.s: Se posso permettermi di correggerti un errore ortografico: Anno senza h.

    Buona serata

    Sonia

    RispondiElimina
  40. Complimentissimi... devono essere super.. mi segno subito la ricetta...
    bravissimaaaaaaa :-)

    RispondiElimina
  41. Furrrrrrrrbeeeeeeeeeeeee ste tartellette ;))
    Le proverò anche in questa versione ;)
    Bacioni

    RispondiElimina
  42. Di te mi fido, quante ricette tue ho copiato e pappato !!
    Le porverò di sicuro, se dici che posso congelare !!
    Bacio cara, buon proseguimento :-)

    RispondiElimina
  43. Anch'io ti credo!! Sulle foto si vede benissimo che la sfoglia è diversa e molto bella!
    Complimentissimi, Stefy!!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  44. @ BearS: grazie!

    @ il sapore del verde: grazie, spero allora la proverai. Poi vengo a leggere l'articolo, grazie della segnalazione!

    @ Snooky doodle: ti ringrazio!!

    @ Sonia: ho corretto, d'altronde "un hanno fa" era un po' ridicolo!!!
    Per la sostituzione, la ricotta ha un sapore ed una consistenza diversi dal Philadelphia, quindi ti verrebbe una pasta differente.
    Se provi comunque, fai sapere cosa vien fuori ;-)

    @ Cuocopersonale: grazie, fai sapere se li provi!

    @ Antonella" eh si...ti ricordi il nome, eh???

    @ emilia: si, sono molto comode...ti ringrazio e baci!!!

    @ Oxana: grazie cara, ed un bacione!

    RispondiElimina
  45. che buone!!!
    ottimo anche l'abbinamento con il salmone!!!!
    eeeh...quell'impasto mi sembra di conoscerlo!!!! eheh!!!(e mi ha fatto fare delle ottime figure)

    bravissima!!!

    mannaggia..ti avevo lasciato un commento anche al dolce qui sotto.... ma come al solito avrò fatto qualche casotto con il pc.... e non me l'ha preso!!!!

    ciaooooo

    RispondiElimina
  46. ultima? che figura!
    deliziose!
    ma sai che il mio grande cruccio è proprio il fallimento coi tuoi famosissimi cornetti ( che sul noto forum sono un ever-green).
    le tartellette però mi sembrano più abbordabili, a parte il fatto che sono carinissime ( e che ho gli stampi per i minimuffins ;).
    e poi vanno bene sia con questa farcia che con una dolce!

    RispondiElimina
  47. Ottima base!
    Sei sempe precisa e dettagliata nelle tue ricette,grazie!

    RispondiElimina
  48. fatteeeeeeeeeeee, che bontà!!!!!!!!!! bè, avendo poi mangiato tonnellate dei famosi cornetti andavo sul sicuro con la pasta....!ottimo il ripieno e anche io non ho aggiunto sale, grazie!

    RispondiElimina
  49. @ dario: sai che fa le bizze anche a me? la precedente risposta che ho scritto non e' stata presa...comunque grazie!

    @ luxus: davvero??? Intanto prova queste, se ti piace il tipo di impasto ne riparliamo...grazie ;-)

    @ Nanny: grazie cara!!!

    @ Gio: che velocita'! sono certa che stasera piaceranno...

    RispondiElimina
  50. bellissima foto, bellissima realizzazione e che buono! :) tu sei sempre stata la regina della philadelphia! :P

    RispondiElimina
  51. Fantastici! Caspita mi ero persa questa combinazione philadelphia farina...
    Devo provare assolutamente :)

    RispondiElimina
  52. @ ciciuzza: eheheheh speriamo lo dicano alla casa produttrice...grazie!!!

    @ camalyca-la mucca pazza: grazie e benvenuta!

    RispondiElimina
  53. ciao!!!
    per fare una cosa più grande le proporzioni restano queste no?

    si può sostituire il philadelphia con la ricotta?
    che dici?

    RispondiElimina
  54. Ciao, ti seguo da un po' ma sono una semplice dilettante allo sbaraglio... questo impasto però mi attira tantissimo, devo provarlo! Si può fare anche con la versione light del formaggio cremoso? (già che ne ho abbastanza in frigo... :D ) Grazie per le tante idee :)) Buona giornata!

    RispondiElimina
  55. @ michela: le proporzioni rimangono invariate, certo.
    Come dicevo sopra, la ricotta ed il philadelphia hanno sapori e consistenze diverse.
    Si potra' fare...ma non ho mai provato ;-)

    RispondiElimina
  56. @ Cinnamon: certo, viene benissimo anche con il Philadelphia light.
    A presto e grazie :-)

    RispondiElimina
  57. Non sono scettica ma sono rimasta stupita da questa scoperta(per me lo è!)!mi hai fatto proprio venire voglia di provare!Ale

    RispondiElimina
  58. ecco ecco arrivo anch'io...arranf arranf..ma ci sono ecco
    mi associo anch'io..non conoscevo questo tipo di pasta..la curiosità è tanto
    dalla foto sembrano veramente buone!!!

    RispondiElimina
  59. Ciao stefy :)

    Mi chiamo Elena e sul mio blog di cucina sto raccogliendo delle ricette, insieme agli altri food blogger, per creare una raccolta. :)

    Si tratta di ricette "a colori" che verrebbero poi raccolte (citando ovviamente le fonti) in un ebook scaricabile da tutti gli amanti della buona cucina.

    Se ti può interessare, questo è il link dove ci sono tutti i dettagli. :)

    http://www.gnamgnam.it/index.php/2010/03/02/la-cucina-a-colori-la-prima-raccolta-di-ricette.htm


    Spero di averti incuriosita. :P

    Ti auguro buona giornata,

    elena.

    RispondiElimina
  60. @ alessandra: prova e mi saprai dire ;-)

    @ paolo: vedrai...e' un risultato sorprendente!

    @ banShee: verro' di certo a dare un'occhiata.Ciao!

    RispondiElimina
  61. come mi attirano!!!! devono essere squisiti...e farsi mangiare uno dietro l'altro!
    ciao a presto MARA

    RispondiElimina
  62. che belle e che buone!!!! mi iscrivo tra i tuoi sostenitori... un bacio!

    RispondiElimina
  63. se vi può interessare io ho cotto tutto la mattina alle sette meno un quarto, ho lasciato freddare e prima di uscire ho messo le tartellette in una scatola di latta fino a sera. dopo ben 13 ore era ancora ottime e friabili, provate!!!
    P.S.
    le ho fatte col Philadelphia Light|

    RispondiElimina
  64. Ciao,ti ritrovo,ti seguivo sul forum.Bella questa pasta si può cuocere con la cialdiera delle noci?

    RispondiElimina
  65. Interessantissima questa ricetta. Domani sperimento la pasta. Grazie dell'idea e, se ne hai voglia, segui il mio blog, anche se è moooolto meno professional!
    Ciao

    RispondiElimina
  66. ciao Stefy l'impasto dei gusci l'hai fatto con la planetaria) con che aggeggio? grazie

    RispondiElimina
  67. anzichè congelarli crudi si possono congelare già cotti e farcirli 4 ore prima di servirli? perchè farcit resistono solo 4 ore dopo che succede? grzie daniela

    RispondiElimina
  68. No, congelandoli cotti la pasta da scongelata diventa un po' molliccia.
    Dopo le 4 ore dalla farcitura la pasta comincia ad assorbire l'umidità del ripieno e diventare meno friabile.
    Ciao :-)

    RispondiElimina